Oggi è 23/07/2019

In Evidenza

Aumento gettoni dei consiglieri, è bufera. Lo Verso: «È investimento della politica»

Intanto dopo quelle giunte ieri nel corso della seduta, arrivano le prime rinunce personali

Pubblicato il 12 luglio 2019

Aumento gettoni dei consiglieri, è bufera. Lo Verso: «È investimento della politica»

Le temperature dell’estate monrealese si alzano ancora di più dopo che ieri il Consiglio comunale ha deliberato l’aumento dei gettoni di presenza dei propri consiglieri. Sono tanti i monrealesi rimasti senza parole dopo aver letto la notizia su Filodiretto. Sui social si è scatenata la bolgia del commenti. Il presidente del Consiglio Intravaia, da canto suo ha motivato l’approvazione dell’ordine del giorno sostenendo come il provvedimento fosse un «atto dovuto» e imposto dalla legge, pena danni erariali al Comune e rischi di omissioni di atti dovuti.

In sintesi, i signori consiglieri, ieri hanno approvato un corposo aumento delle proprie indennità per la partecipazione alle sedute di Consiglio e di Commissione. Un ampliamento di oltre il 50% che farà guadagnare al singolo consigliere una cifra che si aggirerebbe sui 400/500 euro al mese. Come già scritto da Filodiretto, Fabio Costantini, Giuseppe La Corte e Silvio Terzo ieri hanno fatto mettere a verbale il proprio secco «No» all’aumento deciso dai colleghi. Lo Coco, Vittorino e Di Verde hanno abbandonato l’aula al momento della votazione, fatto che comunque non precluderà loro l’aumento delle indennità come avverrà anche per gli assenti.

Intanto dopo quelle giunte ieri nel corso della seduta, arrivano le prime rinunce personali che saranno comunicate nei prossimi giorni al segretario comunale Paola Naimi sposa la tesi sostenuta dal presidente del Consiglio Marco Intravaia. La leader de «La Nostra Terra» nei prossimi giorni riunirà il gruppo. «Ognuno – spiega la capogruppo – sarà libero di fare la propria scelta». Possibile, inoltre, che ogni membro del Consiglio comunale possa scegliere la decurtazione di una percentuale di indennità a propria scelta. Anche il consigliere ed ex assessore Gery Valerio ha annunciato la propria rinuncia all’aumento delle indennità di presenza.

«La dichiarazione di Intravaia getta fumo negli occhi dei cittadini – fa sapere Giuseppe La Corte (Lega) -. Si sarebbe potuto votare l’atto per evitare di incorrere nel danno erariale ma sarebbe anche stato giusto, vista la campagna elettorale che si è basata sulla questione dei risparmi, che assessori e consiglieri comunali facessero una dichiarazione con la quale veniva deciso il rifiuto dell’aumento. I soldi risparmiati si sarebbero potuti inserire all’interno di un apposito capitolo di bilancio per il bene della città. Così avremmo dato un segnale forte ai cittadini che non hanno i soldi per andare avanti».  

Il gruppo consiliare del «Il Mosaico» ha votato il provvedimento e spiega tramite il suo capogruppo Fabrizio Lo Verso le motivazioni che hanno portato al voto favorevole, rispondendo anche ad «atteggiamenti populisti che alcuni consiglieri dell’opposizione hanno già manifestato in Consiglio comunale e sui giornali».

«Fino a ieri i consiglieri comunali percepivano un gettone di presenza per ogni seduta di Consiglio comunale o di Commissione pari a circa 21 euro – spiega Lo Verso -. Questa cifra era frutto di una complessiva riduzione del 40% applicata negli anni passati all’indennità di presenza stabilita dalla legge regionale n. 30/2000, che aveva portato il Comune di Monreale ad avere i rappresentanti politici di Monreale tra i meno pagati in tutta Italia».

Il leader del movimento che sostiene il sindaco Alberto Arcidiacono fa notare come la riduzione precedente sia stata ritenuta illegittima da più sentenze che hanno dato ragione agli ex amministratori che hanno avviato delle azioni legali nei confronti del Comune per ottenere il riconoscimento dell’indennità di presenza nell’intera misura prevista dalla legge, generando anche ulteriori costi per le spese legali. «Ieri il Consiglio comunale – continua il capogruppo -, in virtù della legge regionale n. 11/2015 e su indicazione del segretario comunale, si è assunto la responsabilità di rideterminare le indennità e i gettoni di presenza per dare una chiara e legittima regolamentazione alla materia, facendo così uscire il Comune da una condizione di illegittimità che avrebbe ancora permesso a qualunque consigliere comunale di rivalersi ulteriormente sullo stesso e di ottenere, come già successo, il risarcimento della parte di gettone di presenza non percepita a causa della precedente riduzione illegittima».

Fabrizio Lo Verso risponde poi al collega Fabio Costantini che ieri ha sollevato la questione in aula ed era presente anche nella Conferenza dei capigruppo che ha determinato l’ordine del giorno della scorsa seduta. «Non mi risulta – afferma Lo Verso – che, in quella sede e a telecamere spente, abbia chiesto al Presidente del Consiglio e ai colleghi di far passare la delibera in Commissione per una più attenta valutazione, preferendo invece recitare la parte del “grillino” davanti alla sua telecamera e ai giornali. Mi permetto quindi di dire che questo modo di fare, da parte di un consigliere comunale che è stato appena votato presidente della Commissione Bilancio grazie ad un accordo e ai voti della maggioranza, appare poco serio. Invito quindi il collega ad evitare di trasformare le discussioni consiliari in un “reality show”, anche perché ha già dato dimostrazione di saper fare il “vecchio politico” nei fuori onda».

Lo Verso poi fa una seconda considerazione per quanto riguarda «il merito della questione». «L’organo consiliare ha sì rideterminato le indennità di presenza di tutti i consiglieri comunali – dice -, portandole dai precedenti 21 agli attuali 32 euro, lasciando però ad ognuno di questi la possibilità di esercitare il proprio diritto soggettivo e quindi di rinunciare a parte o all”intera indennità, perdendo così anche il diritto di rivalersi in futuro nei confronti del Comune. Mi preme far notare, però, che non si tratta di una scelta “morale” bensì “politica”. Non cadiamo, infatti, nell’errore di ritenere “immorale” la scelta di chi preferisce percepire il gettone di presenza per intero, magari usandolo per ripagarsi della giornata di lavoro persa (nel caso di liberi professionisti), per svolgere l’attività politica o per sostenere attività associative e/o culturali nel paese».

Lo Verso spiega infine perché il Mosaico ha votato sì all’aumento delle indennità: «Il nostro gruppo, coerentemente con la sua impostazione costruttiva e anti-populista che l’ha sempre contraddistinto, ha votato a favore della proposta e si continuerà ad impegnare per dimostrare che il gettone di presenza non è un “costo” ma un “investimento” della politica».

A Monreale consiglieri «obbligati» ad aumentarsi il gettone di presenza

Bando per la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici. Approvato dal consiglio comunale

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Agricoltura 2.0: gli escavatori tra gli strumenti di lavoro preferiti

    In Evidenza

    Il settore agricolo è in continuo sviluppo e nuovi strumenti sono entrati a pieno titolo tra quelli sfruttati quotidianamente per rendere il lavoro più semplice ed anche più efficiente. Tra gli strumenti di lavoro preferiti ci sono gli escavatori, che hanno dimostrato di poter essere dei f..

    Continua a Leggere

  • Blitz dei carabinieri, bloccato il fiume di cocaina dei clan mafiosi: 12 arresti (VIDEO)

    In Evidenza

    La Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ha delegato il Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del locale Tribunale, nei confronti di 12 indagati (10 in carcere e 2 ai domiciliari), ritenuti a vario titolo responsa..

    Continua a Leggere

  • Il recupero e il moderno nelle scale di casa

    In Evidenza

    Se stai arredando casa, se hai appena intrapreso un progetto di ristrutturazione di un bel loft da soppalcare, ti consigliamo di sfruttare la più moderna tecnologia digitale e dare una prima occhiata in rete, per identificare


  • Capizzi: “La vicenda del dissesto ha visto come protagonista l’attuale assessore Sandro Russo, mio ex assessore al bilancio per due anni”

    In Evidenza

    MONREALE - “Credo che le alte temperature di questi giorni alimentino la voglia di qualcuno (e nello specifico mi riferisco al sig. Silvio Russo) di presentarsi come protagonista della politica Monrealese, con il consapevole rammarico d..


  • Giuseppe Morello, dolore al funerale del giovane monrealese (FOTO)

    In Evidenza

    [gallery ids="111514,111515,111516,111517,111518,111519"] MONREALE - Una chiesa gremita ha accolto questo pomeriggio il feretro di Giuseppe Morello. Il giovane monrealese morto nel corso della notte del 20 luglio a Macari, frazione di San Vito lo Capo dopo essere caduto da un’altezza di 10 metr..


  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    In Evidenza

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..


  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    In Evidenza

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..


  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    In Evidenza

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..


  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    In Evidenza

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..


  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    In Evidenza

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..


  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    In Evidenza

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..


  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    In Evidenza

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..


  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    In Evidenza

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di


  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    In Evidenza

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..


  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    In Evidenza

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..


  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    In Evidenza

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..


  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    In Evidenza

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..


  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    In Evidenza

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..