Netturbini a rischio Coronavirus, Capizzi al Mosaico: “Che fanno i paladini della legalità?”

Delusi anche i sindacati: la Uiltrasporti scrive al Prefetto di Palermo

Capizzi: “Così ligi a sollevare presunte irregolarità sulla sicurezza dei lavoratori, ci spieghino in cosa stanno vigilando in questo momento”

“Mi rivolgo personalmente ai rappresentanti del Mosaico, presunti paladini delle regole, così ligi a sollevare presunte irregolarità sulla sicurezza dei lavoratori. Ci spieghino in cosa stanno vigilando in questo momento”. È Piero Capizzi, ex sindaco di Monreale e attuale consigliere comunale di Alternativa Civica a lanciare l’allarme sul rischio contagio da Covid-19 dei lavoratori del settore rifiuti costretti ad operare in precarie condizioni di sicurezza. Capizzi non le manda certo a dire ai rappresentanti de Il Mosaico.

I lavoratori assunti da un’agenzia interinale per conto della ditta News System Service hanno denunciato questa mattina tramite Filodiretto le precarie condizioni che sono costretti a sopportare pur di garantire il servizio di raccolta dei rifiuti. Mascherine non in regola, mancanza di altri dispositivi di protezione individuale e mancato pagamento dello stipendio di febbraio è quanto sta facendo sollevare il malcontento tra gli operai.

Adesso Capizzi chiede formalmente al movimento Il Mosaico, che in consiglio comunale sostiene il sindaco Arcidiacono, quali sono i provvedimenti che sta prendendo l’amministrazione al fine di garantire i giusti livelli di sicurezza ai lavoratori. “Si tratta di lavoratori esposti ogni giorno al pericolo contagio in quanto sono costretti a raccogliere rifiuti che potrebbero essere stati manipolati da persone infette. Lavorano in una situazione di costante e permanente pericolo di contagio”.

Capizzi chiede ancora al movimento politico perché ancora non è stato firmato il contratto tra il Comune di Monreale e la New System, che consentirebbe di formulare un’offerta migliorativa, nonostante i provvedimenti giurisdizionali favorevoli.

Delusi anche i sindacati. La Uiltrasporti ha scritto al Prefetto di Palermo segnalando la carenza dei presidi di protezione individuale forniti agli addetti ai rifiuti per il contenimento del contagio Coronavirus e il mancato pagamento della mensilità di Febbraio.

“Il Rup e il sindaco non saltano dalla sedia per garantire innanzi tutto i propri concittadini e poi lavoratori?”. Pensare che avevo posto molta fiducia in questo sindaco in quanto dipendente di una società di rifiuti e quindi con esperienza nel settore”. È lo sfogo di di Pietro Caleca della Uiltrasporti.

1 Commento
  1. giuseppe scrive

    certo detto da lui che non sapeva che cerano dodici operai che non prendevano lo sipendio ma qualcuno se lo fregava negli anni che lui era sindaco sa di incoereza

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.