Operazione spaccaossa. Tre i monrealesi coinvolti nell’indagine

Si tratta di Marco Cardella, Concetta Di Carlo e Silvestro Lo Sasso, coinvolti a vario titolo nell’inchiesta sulla frode alle assicurazioni

Monreale, 15 maggio 2019 – Vi sono anche tre cittadini monrealesi tra i 41 soggetti coinvolti nell’operazione denominata OVER, condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri del Gruppo Monreale. I Carabinieri hanno disarticolato un’organizzazione finalizzata alla frode condotta ai danni delle assicurazioni, mediante simulazione di sinistri stradali con lesioni personali, nonché di numerosi altri gravi delitti contro la persona, il patrimonio, la fede pubblica e l’amministrazione della giustizia.

Tre, dicevamo, i cittadini monrealesi finiti nell’inchiesta. Si tratta di Marco Cardella, 32enne, incensurato, indagato a piede libero per avere prestato la propria automobile alla banda per simulare un sinistro. Un reato minore per il quale Cardella non è stato sottoposto ad alcuna misura cautelare.

Più pesante la posizione di due residenti nella frazione di San Martino delle Scale. Si tratta dei coniugi Concetta Di Carlo, 34 anni, e Silvestro Lo Sasso, 40. Alla donna è stato contestato di avere partecipato alla simulazione di un sinistro. È accusata inoltre di falso e di calunnia per avere reso dichiarazioni mendaci ai pubblici ufficiali. Stessi reati contestati al marito perché consapevole della condotta della moglie.

I coniugi sono stati sottoposti all’obbligo di firma presso la stazione dei Carabinieri di San Martino.

L’operazione è stata coordinata dal maggiore Augusto Ruggeri, comandante del nucleo investigativo del gruppo Monreale. Definito nei dettagli il quadro complessivo del sistema di truffe. Delineati con precisione ruoli e compiti di tutti i componenti dell’organizzazione criminale.

TUTTI I NOMI DEI 41 SOGGETTI COINVOLTI

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.