Corleone, papà orco abusa della figlia con handicap: il Pm chiede 13 anni di carcere

Durante i momenti di assenza della madre il papà orco avrebbe approfittato delle propria figlia

Quello accaduto a Corleone è un episodio di profondo degrado e di violenza. Un papà avrebbe abusato delle propria figlia affetta da una handicap, costringendola al silenzio con minacce di morte. 

Il pm Daniele Di Maggio ha chiesto una pesante condanna per il padre trentanovenne. Ha chiesto 13 anni e tre mesi di reclusione, a cui si è associata la parte civile rappresentata dall’avvocato Pierfranco Puccio. Una decisione che spetterà al Tribunale di Termini Imerese presieduto dal giudice Sandro Potestio (a latere Claudia Camilleri e Gregorio Balsamo). A riportare la notizia è il Giornale di Sicilia.

Gli abusi sessuali sarebbero avvenuti quando la bambina aveva 12 anni e fino al 2017 la ragazzina sarebbe stata costretta al silenzio.
Durante i momenti di assenza della madre il papà orco avrebbe approfittato delle propria figlia la quale, dopo anni di continui abusi, avrebbe poi raccontato tutto alla mamma. La donna denunciò tutto ai carabinieri di Corleone.

I militari dell’Arma quindi raccolsero la testimonianza della piccola, la quale riferì che il padre si sarebbe abbassato i pantaloni e “dietro minaccia di morte” l’avrebbe costretta a compiere gesti contro la sua volontà. L’uomo, poi, si sarebbe spinto oltre toccandole le parti intime del corpo e mostrando “a sua figlia materiale pornografico al fine di indurla a compiere e subire gli atti sessuali”. Alla fine di ogni incontro, secondo la versione della bambina, l’avrebbe minacciata di ucciderla, “in modo – secondo l’accusa – da costringerla a non raccontare alla madre gli abusi subiti”.

Dopo la denuncia i militari avviarono le indagini e, dopo i primi riscontri, inviarono una prima informativa alla Procura di Termini Imerese, che chiese e ottenne dal gip Stefania Gallì l’arresto dell’uomo per violenza sessuale, corruzione di minorenne e atti persecutori.

LEGGI ANCHE: Abusi sessuali a Montelepre. Le dichiarazioni delle vittime del finto esorcista 

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.