Oggi è 21/02/2019

Cultura
Un’area archeologica risalente all’Età del Bronzo. Clamorosa scoperta a Corleone

Corleone, le Due Rocche un luogo incontaminato: canyon, cascata, mulini e il Monastero del SS. Salvatore

Dopo la recente scoperta dell’area risalente all’Età del Bronzo, viene riportato alla luce il terzo acquedotto medievale inquadrabile al secolo XIII

Pubblicato il 11 ottobre 2018

Corleone, le Due Rocche un luogo incontaminato: canyon, cascata, mulini e il Monastero del SS. Salvatore
Due Rocche Corleone
Due Rocche Corleone

Corleone, 11 ottobre 2018 – In località Due Rocche la natura si fonde con l’arte e la storia e gli antichi mestieri emergono lungo i tragitti, in un luogo rimasto incontaminato nei secoli. Canyon, cascata, mulini e Monastero del “Ss. Salvatore” si susseguono nel corleonese. Qualche settimana fa l’archeologo Angelo Vintaloro ha individuato il terzo acquedotto medievale inquadrabile al secolo XIII, la scoperta stava costando la vita a Mario Orlando, esperto di ambiente e territorio, che lo stava affiancando e che si era arrampicato in cima alla montagna. A salvarlo un arbusto di sommacchetto.

Terzo acquedotto medievale inquadrabile al secolo XIII

“Sicuramente – spiega Vintaloro – l’acquedotto si approvvigionava di acqua in un luogo diverso rispetto a quello principale finora conosciuto che poco più sopra della cascata si biforcava per allungarsi nei due ingressi nelle parti alta e bassa di Corleone. Quello scoperto adesso – continua – andava anch’esso in direzione della parte bassa dell’abitato. Lungo il suo corso la tubazione in terracotta è affogata nel muro di contenimento perfettamente verticale che peraltro è collocato in una zona impervia dello strapiombo roccioso”.

Spesso ci ritroviamo ad organizzare viaggi avventura in Paesi lontani, ma in realtà quanto conosciamo del nostro territorio? Il salto del fiume San Leonardo si trova a pochi passi dal centro abitato di Corleone. Inserito tra le 15 cascate imperdibili d’Italia dal motore di ricerca per case vacanza Hundredrooms. Un percorso naturalistico unico quello scavato dal corso d’acqua tra le rocce di calcarenite glauconite tipica del centro del Palermitano. In queste rocce il torrente ha scavato un letto che incontra questo salto in un posto molto suggestivo, una sorta di anfiteatro roccioso che in parte poi abbraccia il paese.

Il terzo acquedotto medievale inquadrabile al secolo XIII si trova nella parta alta dell’abitato subito dopo il quartiere S. Giuliano, dove le pareti a strapiombo della “Rocca dei Maschi” sembrano congiungersi ma non del tutto, generando il canyon su cui scorre il Fiume Corleone che in quel punto opera un salto con la cascata, le cui forza e volume dipendono dall’intensità delle piogge. Tutto ciò permise nei secoli scorsi la nascita di mulini, con la ruota mossa dallo scorrere dell’acqua del fiume, e ve ne erano due in prossimità della cascata, con la saia che convogliava l’acqua per il regolare moto circolatorio della ruota che azionava le macine all’interno del mulino stesso. Uno dei due mulini era di proprietà del Monastero Benedettino del SS. Salvatore, posto in prossimità ma in una posizione più elevata. Lungo le ripide pareti dell’area vi sono stati costruiti gli acquedotti medievali che portavano l’acqua da Contrada Bisagna al centro abitato e che si conservano ancora nella loro interezza.

Il Monastero è molto grande ed in parte è stato eccellentemente restaurato negli ultimi anni. Era un Monastero affidato alle suore benedettine e presenta un grande chiosco colonnato ed un’ampia chiesa con all’interno importanti aggiunte baroccheggianti e affreschi di pregevole fattura. Il complesso fu iniziato nella seconda metà del 1200 e nel corso degli anni fu oggetto di importanti interventi di manutenzione e restauro.

Eccellentemente riportato agli antichi fasti il vecchio mulino contiguo al fiume. Il rapporto con il paesaggio è unico nel suo genere e gli edifici ben si innestano con lo sfondo delle pareti rocciose calcarenitiche la cui componente geologica è unica al mondo.

La zona delle Due Rocche è piuttosto piccola, si riesce tranquillamente a visitare in poco tempo. Il paesaggio è davvero incredibile e si può affermare che si tratta di un’area naturalistica unica al mondo dove il connubio storia, arte e natura ha trovato un eccellente equilibrio completato dalla Chiesa della Madonna delle Due Rocche posta lungo il fiume dall’altra sponda rispetto al mulino.

I turisti arrivano a Corleone e cercano la città della mafia ma rimangono sbalorditi alla scoperta che il territorio ha in serbo delle bellezze oltre storiche anche paesaggistiche e naturalistiche. Un’oasi di tranquillità inaspettata ed unica al mondo con i suoi 800 anni di storia.

Fino a qualche decennio fa dei reperti e della storia su Corleone non si sapeva nulla, negli anni ’90 si sono accesi i riflettori. Angelo Vintaloro, Presidente di Archeoclub, con l’ex Sindaco Cipriani hanno intrapreso un percorso di ricostruzioni storiche e sulle dinamiche del territorio. Oltre la scoperta del sito di Montagna Vecchia (ne avevamo parlato qui), una delle metropoli della Sicilia antica, dove si intersecano diverse popolazioni che convivevano serenamente Sicani, Elimi, Greci e Cartaginesi, c’è anche l’importante zona naturalistica che ancora rimane da valorizzare.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Scelta di un reggiseno per taglie forti con Biba Intimo

    Cultura

    21 febbraio 2019 - In questo articolo vi spiego come scegliere un reggiseno per taglie forti, come quelli di Anita Reggiseni. Un modello simile vi permette di modificare il vostro aspetto, valorizzandolo. Lo ..

    Continua a Leggere

  • Si è spenta Suor Severina Ricca, per 17 anni si è presa cura di diversi monrealesi

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Si è spenta oggi alle ore 18, all'età di 91 anni, Suor Severina Ricca, un tempo superiora del Boccone del Povero di Monreale. Per circa 17 anni è stata un punto di riferimento per molti monrealesi. I funerali si terranno venerdì 22 febbraio alle 10 nella Casa..

    Continua a Leggere

  • Incidente sul lavoro a Camporeale. Ferito un anziano agricoltore

    Cultura

    Camporeale, 20 febbraio 2019 - Nuovo incidente sul lavoro in provincia di Palermo. A Camporeale Michele Vinci, 63 anni, bracciante agricolo, è rimasto impigliato con la sciarpa alla macchina seminatrice. L’uomo soccorso dai sanitari del 118 è stato trasferito all’ospedale Civico. I medic..

    Continua a Leggere

  • Alessandra Zerbo della “Vanity Models Management” di Francesco Pampa, approda al “Volkswagen International Fashion Week” di Milano

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Per la prima volta una delle modelle della Vanity Models Management, presieduta dal monrealese Francesco Pampa, parteciperà a un evento di così grande respiro nazionale come il “Volkswagen International Fashion Week Autocogliati Milano”. Sarà la giovanissima Al..

    Continua a Leggere

  • In Sicilia 5 mln a fondo perduto per ripristinare i teatri. Gambino (Mosaico): “Non sprechiamo questa opportunità”

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Sono arrivo in Sicilia grossi finanziamenti a fondo perduto per la riqualificazione di teatri e sedi per lo spettacolo, e Roberto Gambino non perde tempo a proporre Monreale come potenziale destinataria di una parte di questi fondi. Lo scorso 17 gennaio è stato emess..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato. Incidente stradale. Un uomo perde la vita

    Cultura

    San Giuseppe Jato 20, febbraio 2019 - Si è verificato un gravissimo incidente stradale sulla Strada Provinciale 2, tra San Giuseppe Jato e Camporeale in contrada Cammuca, a pochi chilometri dal Lago Poma. Una Smart è cappottata e un uomo è stato sbalzato fuori dall'abitacolo. L’allarme è st..

    Continua a Leggere

  • Chiro è sparito da circa un mese, 1000 euro a chi lo ritrova

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Era fine gennaio quando Chiro si è allontanato da casa, zona Strazzasiti a Monre..

    Continua a Leggere

  • Apertura serale delle attività commerciali, ancora una proposta da Lo Biondo (#OLTRE): “Ripartiamo dalle potenzialità turistiche”

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Ancora una proposta arriva da Massimiliano Lo Biondo, candidato sindaco di #OLTRE, rivolta in questo caso alle attività commerciali di Monreale. L'idea di #OLTRE è infatti quella di incentivare l'apertura serale delle attività commerciali. "Al calar della sera Monr..

    Continua a Leggere

  • Indennità CDA Biviere. Romanotto: “L’imminente corsa alle urne del 28 Aprile ha posto le condizioni per una risposta mediatica così repentina”

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una nota inviata dai consiglieri comunali Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Corte (Lega), in relazione all'articolo pubblicato ieri sulla questione delle indennità del CDA dell'Acquedotto Consortile del Biviere. Apprezziamo la celerità de..


  • Monreale. Forza Italia verso l’opzione Caputo. “Diventerà Bellissima” spaccata tra Capizzi e Arcidiacono

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Forza Italia guarda ad una coalizione di centro destra, in cerca di un candidato, “Diventerà Bellissima” si spacca tra Capizzi e Arcidiacono con posizioni interne inconciliabili, Arcidiacono rischia di prendere il PD ma di tenere fuori l’area di centro destra. ..


  • Verde pubblico, dopo 60 anni Monreale affida una porzione di terreno a Santa Maria La Reale per la bonifica dello spazio

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Dopo 60 anni di diatribe sembra finalmente essere stata risolta la questione che vedeva coinvolti il Comune di Monreale, il Comune di Palermo e la Parrocchia di Santa Maria La Reale, sita poco sopra la Rocca, all’inizio della salita del c..


  • Moscarelli (Lega): Roccamena si sta spopolando, vanno via i giovani e il paese invecchia. Errori e inerzia dell’attuale amministrazione

    Cultura

    Roccamena, 20 febbraio 2019 - Nello scorso consiglio comunale a Roccamena si è costituito il gruppo consiliare della Lega, capogruppo Angelo Moscarelli. Il consigliere, durante i lavori d’aula, aveva lamentato di essere stato lasciato solo ad un certo punto dell’esperienza svolta dal 2014 nei b..


  • Pioggia di contributi regionali per l’illuminazione pubblica. Monreale è fuori. Caputo: “Interi quartieri al buio, San Martino senza luce, la circonvallazione più pericolosa della Sicilia”

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - Montelepre, Giardinello, Marineo, Bolognetta, Terrasini, San Giuseppe Jato, Piana degli Albanesi, Caccamo, Belmonte Mezzagno, Roccamena, Corleone, Carini, Palermo. Sono questi comuni della provincia di Palermo che potrebbero ricevere un congruo finanziamento dalla Region..


  • Caso Salvini/Diciotti. Costantini (M5S): “Quello di Capizzi un becero tentativo di gettare nell’agone politico l’avversario politico più accreditato”

    Cultura

    Monreale, 20 febbraio 2019 - “Ho espresso la mia opinione come libero cittadino e come iscritto ad un Movimento politico che, attraverso strumenti di democrazia diretta, consente a chiunque di poter esprimere il proprio pensiero, trasferendo ai portavoce eletti il compito di farlo proprio e rappre..


  • Capizzi: “La giustizia non va a peso o a misura. La considerazione di Costantini inaccettabile. Non è nessuno per dire se Salvini ha commesso o meno un reato”

    Cultura

    Monreale, 19 febbraio 2019 - “Mi permetto di dissentire dal punto di vista e dalla considerazione espressa dal consigliere Fabio Costantini. Non lo dico solo da sindaco o da cittadino, ma soprattutto da avvocato penalista. La giustizia non va a peso o a misura”. Il sindaco di Monreale, Piero ..


  • L’assessore regionale Roberto Lagalla incontra gli studenti al Basile-D’Aleo. “Disponibile per progetto pilota di valorizzazione del mosaico”

    Cultura

    Monreale, 19 febbraio 2019 - Si è tenuto questa mattina, presso l’Aula Magna dell’..


  • Giovanni Ferro (Presidente Biviere): “Tutto regolare. Massaro sta restituendo tutte le indennità ricevute, come deliberato nel 2016”

    Cultura

    [caption id="attachment_84475" align="alignleft" width="394"] I consiglieri della Lega, Giuseppe Romanotto e Giuseppe La Co..


  • «Si i Murriali?». «No, sugnu Chiuppitanu». Ecco il comune di Pioppo. Storia e disservizi alla base del progetto

    Cultura

    - «Si i Murriali?» - «No, sugnu Chiuppitanu».  In una semplice domanda e dentro una semplice risposta risiedono le numerose ragioni che stanno spingendo una comunità, ormai da molti anni, a rivendicare la non appartenenza ad un territorio e la propria identifi..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com