Oggi è 20/10/2018

Cronaca

Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

I membri dei clan di Cosa nostra, decimati dalle operazioni antimafia Quattro.Zero e Montereale, sono stati processati con il rito del giudizio abbreviato

Pubblicato il 24 aprile 2018

Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

Palermo, 24 aprile 2018 – Il giudice Ferdinando Sestito del Tribunale ordinario di Palermo – sezione del Giudice per le indagini preliminari, ha emesso sentenze di condanna per più di due secoli di reclusione per i presunti appartenenti al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia di Monreale. I membri dei clan di Cosa nostra, decimati dalle operazioni antimafia Quattro.Zero e Montereale, sono stati processati con il rito del giudizio abbreviato. I 29 imputati erano accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e intestazione fittizia di beni.

LEGGI ANCHE: «SEQUESTRO DI BENI A VINCENZO MADONIA»

I pubblici ministeri Francesco Del Bene, Siro De Flammineis e Amelia Luise hanno cercato di ricostruire la stagione di violenza e di lotta per il potere dei vertici mafiosi locali di San Giuseppe Jato e Monreale. I mafiosi di Monreale provarono ad alzare la testa. E quelli di San Giuseppe Jato, dove da sempre ha sede il mandamento, reagirono con forza. Dalle minacce accompagnate dalle teste di capretto si arrivò ai pestaggi. Le regole andavano rispettate all’interno del mandamento e chi si ribellava doveva essere punito.

Nell’ambito delle indagini sviluppate sino alla fine del 2014, era emerso che nella zona di San Giuseppe Jato la fazione di Gregorio Agrigento, coadiuvato nella gestione del sodalizio mafioso, tra gli altri, da Ignazio Bruno, Antonino Alamia, si era imposta, anche con la forza, dopo un preoccupante periodo di fibrillazione e contrapposizione, sul gruppo costituito da Giovanni Di Lorenzo, e da altri affiliati arrestati nelle stesse operazioni.

I carabinieri della compagnia di Monreale erano riusciti a documentare la riorganizzazione della famiglia mafiosa di Monreale al cui vertice era designato Giovan Battista Ciulla che si avvaleva della collaborazione di soggetti pericolosi spregiudicati come Onofrio Buzzetta, Nicola Rinicella e Giuseppe Giorlando. Le indagini svolte dagli inquirenti hanno registrato in presa diretta, mediante l’ascolto delle conversazioni telefoniche ed ambientali intercorse tra gli affiliati all’interno delle autovetture o nei luoghi ad essi a disposizione, l’evoluzione delle dinamiche interne all’organizzazione mafiosa di San Giuseppe Jato e della famiglia di Monreale in particolare, con la successione al vertice della reggenza della medesima e l’insediamento in particolare di Francesco Balsano e Salvatore Lupo. È emerso infatti che è in considerazione dell’aggravarsi delle condizioni di salute di Gregorio Agrigento più volte ricoverato nei mesi di ottobre e novembre 2014, anche per l’età avanzata, presso l’ospedale Civico di Palermo, Ignazio Bruno ha ricoperto la reggenza del mandamento di San Giuseppe Jato, assumendo decisioni importanti sia nella ridefinizione dell’organigramma interno delle varie famiglie famose che lo compongono, in particolare, quella di Monreale che continuava a vivere un periodo di fibrillazione interna, sia partecipando ad incontri e riunioni con esponenti di altre articolazioni territoriali di Cosa nostra, segnatamente del mandamento mafioso di Corleone.

Un caso particolare venne fuori dalle indagini dei carabinieri monrealesi. Era emerso come gli affiliati del clan di Monreale avessero iniziato una campagna di riscossione del pizzo nei confronti dei gestori delle bancarelle installate a Monreale durante la festa del SS. Crocifisso. In una conversazione telefonica intercettata all’interno dell’auto di Salvatore Lupo veniva detto che Giovan Battista Ciulla, insieme a Onofrio Buzzetta, chiedavano una “messa a posto” di 100 euro alla bancarelle.

I condannati
Gregorio Agrigento (14 anni), Ignazio Bruno (14 anni), Francesco Balsano (12 anni e 6 mesi), Onofrio Buzzetta (12 anni e 4 mesi), Antonino Alamia (12 anni), Giuseppe D’Anna (12 anni),
Salvatore Lupo (12 anni), Giovan Battista Ciulla (11 anni e 8 mesi), Giovanni Di Lorenzo (11 anni), Giuseppe Giorlando (10 anni e 4 mesi), Giuseppe Tartarone Buscemi (10 anni e 4 mesi), Girolamo Spina (9 anni e 8 mesi), Giuseppe Riolo (9 anni e 4 mesi), Sergio Denaro Di Liberto (9 anni e 4 mesi), Alberto Bruscia (9 anni), Andrea Di Matteo (8 anni e 8 mesi), Giovanni Pupella (8 anni e 8 mesi), Salvatore Billetta (8 anni e 4 mesi), Nicola Rinicella (8 anni e 4 mesi), Giovanni Battista Inchiappa (8 anni), Salvatore Terrasi (8 anni), Giovan Battista Licari (8 anni), Antonino Giorlando (3 anni e 8.200 euro di multa), Domenico Lo Biondo (2 anni e 4 mesi e 4mila euro di multa), Sebastiano Andrea Marchese (2 anni), Pietro Canestro (1 anno e 10 mesi), Umberto La Barbera (1 anno e 10 mesi), Tommaso Licari (1 anno e 8 mesi, 2.200 euro di multa), Ettore Raccuglia (1 anno e 8 mesi, 400 euro di multa). Confiscate anche quattro aziende e i rispettivi capitali.

Gli assolti
Vincenzo Ferrara, Pietro Mulè, Andrea Marfia, Giuseppe Serbino (difeso dagli avvocati Tommaso De Lisi e Teresa Todaro), Domenico Lupo, Antonino Serio (difeso dall’avvocato Antonio Turrisi), Piero Lo Presti (difeso dall’avvocato Giuseppe Pipitone), Carlo Montalbano. In particolare Giuseppe Serbino, difeso dall’avvocato Tommy De Lisi, era accusato di essere il capomafia di Altofonte. Per lui è andato prescritto il reato di intestazione fittizia dei beni ma è stato assolto dai reati. Serbiono è stato scarcerato e è stata dissequestrata la sua azienda edile di Altofonte. Ordinata la scarcerazione – se non detenuti per altra causa – di Tommaso Licari, Domenico Lupo, Antonino Serio e Pietro Lo Presti.

I risarcimenti
Riconosciuto un risarcimento danno di 10mila euro per il comune di Monreale. Stessa cifra per il comune di San Giuseppe Jato e per quello di San Cipirello.

Ricevi tutte le news
Cinquemila euro di danni sono stati decisi dal giudice Sestito per le altre parti civili: “Centro Pio La Torre”, “Associazione nazionale per la lotta contro le illegalità e le mafie Antonino Caponnetto”, “Solidaria”, Sos Impresa”, “Confcommercio Imprese per l’Italia”, “Confesercenti”, “Associazione antiracket e antiusura coordinamento delle vittime dell’estorsione, dell’usura e della mafia”.


Potrebbero interessarti anche:

  • Grisì, a breve lavori sulla SP 30. In arrivo finanziamento per 910 mila euro per gabbioni, cassonetti, terre rinforzate, cunette drenanti e asfalto

    Cronaca

    Grisì (Monreale), 20 ottobre 2018 - Sulla SP 30 - rende noto Massimiliano Lo Biondo - previsto un intervento grazie al finanziamento “Patto per il Sud”, di 910 mila euro totali. “Un obiettivo raggiunto grazie all’impegno della Provincia di Palermo. In particolare grazie al..

    Continua a Leggere

  • Monreale bene comune: “Troppi incidenti, manto stradale in condizioni disastrose, assenza di illuminazione e di segnaletica di pericolo. Non si può tollerare l’assenza di risposte e azioni visibili e concrete”

    Cronaca

    Monreale, 20 ottobre 2018 - "Troppi incidenti, manto stradale in condizioni disastrose, assenza di illuminazione e di segnaletica di pericolo. Non si può tollerare l’assenza di risposte e azioni visibili e concrete". Francesco Macchiarella, portavoce del Movimento "Monreale bene ..

    Continua a Leggere

  • Manifesta12, al teatro Garibaldi verrà presentata X=Danisinni

    Cronaca

    Palermo, 19 ottobre 2018 - Si terrà al Teatro Garibaldi di Palermo, martedì 30 ottobre alle ore 19.00, la presentazione della nuova pubblicazione di XRIVISTA, nell’ambito di Manifesta12 Collateral Events. X=DANISINNI, questo il titolo che il collettivo XRIVISTA ha dato al quarto num..

    Continua a Leggere

  • Monreale, topi nelle abitazioni. L’assessore all’igiene urbana: “Intimato al curatore di bonificare l’area”

    Cronaca

    [gallery ids="79901,79900,79899,79898"] 20 ottobre 2018 - La storia di Cinzia Martelli è rimbalzata su tutti i giornali. È emergenza igienico-sanitaria a Monreale. In via Mulini, a due passi dalla circonvallazione e non molto distante dal centro, centinaia di topi indisturbati vagano nell’are..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato, stabilizzazione per i precari del comune

    Cronaca

    19 ottobre 2018 - Avviato il processo di stabilizzazione del personale precario che svolge servizio presso il comune di San Giuseppe Jato. Sono stati pubblicati i bandi di selezione, riservati al personale con contratto a tempo determinato. Coinvolti i 67 lavoratori che da più di 20 anni lavoran..

    Continua a Leggere

  • Sottraeva le carte di credito e truffava risparmiatori Findomestic

    Cronaca

    Palermo, 19 ottobre 2018 - Nelle prime ore della mattina, a Palermo, i Carabinieri del Comando Provinciale hanno eseguito una misura cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura ..


  • Al via la stabilizzazione dei 98 precari del Comune di Corleone

    Cronaca

    Corleone, 19 ottobre 2018 - Saranno stabilizzati i 98 precari del Comune di Corleone. Lo comunica Margherita Amiri, segretaria provinciale della Cisl Fp Palermo Trapani, al termine del confronto tenutosi oggi con i vertici dell’amministrazione commissariale. “Abbiamo raggiunt..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Abbiamo rimesso in piedi il comune dal punto di vista economico-finanziario”

    Cronaca

    Monreale, 19 ottobre 2018 - “Possiamo dire di avere il polso della situazione economico-finanziaria del Comune di Monreale”. È questo il commento del sindaco Capizzi dopo avere approvato l’atto ricognitivo al piano di riequilibrio finanziario.  “Estinzione dei debiti del Piano nei c..

    Continua a Leggere

  • SRR Palermo Ovest. Il Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti tira le orecchie ai sindaci soci: Partecipate all’assemblea

    Cronaca

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Con una nota firmata il 15 ottobre scorso, il Direttore Generale del Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti, il dott. Salvatore Cocina, ha diffidato il Commissario della SRR Palermo Ovest a convocare i soci della società al fine di ricostituir..

    Continua a Leggere

  • Omosessualità: pregiudizi, scherni, coming-out, scuola, diritti. L’intervista a Marcello Pupella e a Lorenzo Canale

    Cronaca

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Il cammino verso l’affermazione e la tutela dei diritti e quindi della relativa piena inclusione sul piano personale, sociale e anche normativo di chi manifesta un orientamento sessuale che non si conforma a ciò che per molti rappresen..

    Continua a Leggere

  • Circolo Italia, dibattito sulla mafia alla presenza di alcune vittime

    Cronaca

    Monreale, 19 ottobre 2018 - Presso la sede del Circolo di Cultura Italia, diretto egregiamente da Claudio Burgio, non nuovo a questo genere di iniziative che accrescono il patrimonio culturale della nostra cittadina, nel pomeriggio di ieri è stato presentato il libro di Fabio Giallombardo “COSA V..

    Continua a Leggere

  • Incidente in via Olio di Lino. In gravi condizioni il ballerino 29enne. In rianimazione con prognosi riservata

    Cronaca

    Monreale, 19 ottobre 2018 - In fin di vita il 29enne investito mercoledì sera in via Olio di Lino. G. C. era stato investito da un carro attrezzi mentre transitava a piedi lungo la via (

    Continua a Leggere

  • Tra filmati originali il maxi processo diventa serie Tv

    Cronaca

    Tra filmati originali e fiction: in tv esce "Maxi- Il grande processo alla mafia" la serie sul maxi-processo alla mafia. Dal 23 ottobre andrà in onda su Rai Storia, da oggi anche su Ray play. Sul grande schermo vedremo due attori di Palermo Giuseppe Moschella che interpreta il boss Pippo Caló e..

    Continua a Leggere

  • Monreale, Circonvallazione al buio: ennesimo incidente. Coinvolto un consigliere comunale

    Cronaca

    [gallery ids="79746,79745,79744"]   Monreale, 18 ottobre 2018 -Questa sera intorno alle 20,30 sulla Circonvallazione si è verificato l'ennesimo incidente all'altezza dell'ufficio postale. Uno scontro tra uno scooter e una Peugeot 207. Nello scontro è rimasto ferito il consigliere comuna..

    Continua a Leggere

  • Corleone, cascate delle Due Rocche: questo è quello che ci meritiamo

    Cronaca

    Corleone, 18 ottobre 2018 - La piena del fiume ha restituito senza sconto quello che la gente getta periodicamente di qua e di là. Un mucchio di bottiglie di plastica si è concentrato alla foce delle cascate. Uno spettacolo che mortifica la bellezza del posto ma denota come l'indifferenza e l'incu..

    Continua a Leggere

  • Via Olio di Lino. Pedone investito. La causa forse la scarsa illuminazione pubblica

    Cronaca

    Borgo Molara, 18 ottobre 2018 - Ieri sera in Via Olio di Lino un ragazzo di anni 29 è stato investito, riportando grave trauma cranico.  "Paura e rabbia tra i cittadini per l’ennesimo incidente a causa della scarsa illuminazione pubblica, per fortuna non ci è scappato il morto". A den..

    Continua a Leggere

  • Lo Biondo: “Lavoratori in jeans, senza guanti né mascherine. Chi vigila sulla società dei rifiuti?”

    Cronaca

    Monreale, 18 ottobre 2018 - "Bene e bravi quei cittadini che hanno permesso di raggiungere il 31% di raccolta differenziata!  Ora tocca all’amministrazione dichiarare se e quanto si ridurrà, per i cittadini, il costo in bolletta, visto che il 31% dei rifiuti non graverà sui costi della d..

    Continua a Leggere

  • Via Strada Ferrata, residenti e podisti tra fiumiciattoli d’acqua ed eternit

    Cronaca

    [gallery ids="79632,79631,79630,79629,79628"] Monreale, 17 ottobre 2018 - Una perdita d’acqua da mesi trasforma la strada in un piccolo fiumiciattolo. La perdita di un tubo sotto l'asfalto eroga un getto d’acqua in via Strada Ferrata. Praticamente una risorsa che paghiamo viene spre..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com