Oggi è 24/05/2018

Cronaca

Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

I membri dei clan di Cosa nostra, decimati dalle operazioni antimafia Quattro.Zero e Montereale, sono stati processati con il rito del giudizio abbreviato

Pubblicato il 24 aprile 2018

Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

Palermo, 24 aprile 2018 – Il giudice Ferdinando Sestito del Tribunale ordinario di Palermo – sezione del Giudice per le indagini preliminari, ha emesso sentenze di condanna per più di due secoli di reclusione per i presunti appartenenti al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia di Monreale. I membri dei clan di Cosa nostra, decimati dalle operazioni antimafia Quattro.Zero e Montereale, sono stati processati con il rito del giudizio abbreviato. I 29 imputati erano accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e intestazione fittizia di beni.

LEGGI ANCHE: «SEQUESTRO DI BENI A VINCENZO MADONIA»

I pubblici ministeri Francesco Del Bene, Siro De Flammineis e Amelia Luise hanno cercato di ricostruire la stagione di violenza e di lotta per il potere dei vertici mafiosi locali di San Giuseppe Jato e Monreale. I mafiosi di Monreale provarono ad alzare la testa. E quelli di San Giuseppe Jato, dove da sempre ha sede il mandamento, reagirono con forza. Dalle minacce accompagnate dalle teste di capretto si arrivò ai pestaggi. Le regole andavano rispettate all’interno del mandamento e chi si ribellava doveva essere punito.

Nell’ambito delle indagini sviluppate sino alla fine del 2014, era emerso che nella zona di San Giuseppe Jato la fazione di Gregorio Agrigento, coadiuvato nella gestione del sodalizio mafioso, tra gli altri, da Ignazio Bruno, Antonino Alamia, si era imposta, anche con la forza, dopo un preoccupante periodo di fibrillazione e contrapposizione, sul gruppo costituito da Giovanni Di Lorenzo, e da altri affiliati arrestati nelle stesse operazioni.

I carabinieri della compagnia di Monreale erano riusciti a documentare la riorganizzazione della famiglia mafiosa di Monreale al cui vertice era designato Giovan Battista Ciulla che si avvaleva della collaborazione di soggetti pericolosi spregiudicati come Onofrio Buzzetta, Nicola Rinicella e Giuseppe Giorlando. Le indagini svolte dagli inquirenti hanno registrato in presa diretta, mediante l’ascolto delle conversazioni telefoniche ed ambientali intercorse tra gli affiliati all’interno delle autovetture o nei luoghi ad essi a disposizione, l’evoluzione delle dinamiche interne all’organizzazione mafiosa di San Giuseppe Jato e della famiglia di Monreale in particolare, con la successione al vertice della reggenza della medesima e l’insediamento in particolare di Francesco Balsano e Salvatore Lupo. È emerso infatti che è in considerazione dell’aggravarsi delle condizioni di salute di Gregorio Agrigento più volte ricoverato nei mesi di ottobre e novembre 2014, anche per l’età avanzata, presso l’ospedale Civico di Palermo, Ignazio Bruno ha ricoperto la reggenza del mandamento di San Giuseppe Jato, assumendo decisioni importanti sia nella ridefinizione dell’organigramma interno delle varie famiglie famose che lo compongono, in particolare, quella di Monreale che continuava a vivere un periodo di fibrillazione interna, sia partecipando ad incontri e riunioni con esponenti di altre articolazioni territoriali di Cosa nostra, segnatamente del mandamento mafioso di Corleone.

Un caso particolare venne fuori dalle indagini dei carabinieri monrealesi. Era emerso come gli affiliati del clan di Monreale avessero iniziato una campagna di riscossione del pizzo nei confronti dei gestori delle bancarelle installate a Monreale durante la festa del SS. Crocifisso. In una conversazione telefonica intercettata all’interno dell’auto di Salvatore Lupo veniva detto che Giovan Battista Ciulla, insieme a Onofrio Buzzetta, chiedavano una “messa a posto” di 100 euro alla bancarelle.

I condannati
Gregorio Agrigento (14 anni), Ignazio Bruno (14 anni), Francesco Balsano (12 anni e 6 mesi), Onofrio Buzzetta (12 anni e 4 mesi), Antonino Alamia (12 anni), Giuseppe D’Anna (12 anni),
Salvatore Lupo (12 anni), Giovan Battista Ciulla (11 anni e 8 mesi), Giovanni Di Lorenzo (11 anni), Giuseppe Giorlando (10 anni e 4 mesi), Giuseppe Tartarone Buscemi (10 anni e 4 mesi), Girolamo Spina (9 anni e 8 mesi), Giuseppe Riolo (9 anni e 4 mesi), Sergio Denaro Di Liberto (9 anni e 4 mesi), Alberto Bruscia (9 anni), Andrea Di Matteo (8 anni e 8 mesi), Giovanni Pupella (8 anni e 8 mesi), Salvatore Billetta (8 anni e 4 mesi), Nicola Rinicella (8 anni e 4 mesi), Giovanni Battista Inchiappa (8 anni), Salvatore Terrasi (8 anni), Giovan Battista Licari (8 anni), Antonino Giorlando (3 anni e 8.200 euro di multa), Domenico Lo Biondo (2 anni e 4 mesi e 4mila euro di multa), Sebastiano Andrea Marchese (2 anni), Pietro Canestro (1 anno e 10 mesi), Umberto La Barbera (1 anno e 10 mesi), Tommaso Licari (1 anno e 8 mesi, 2.200 euro di multa), Ettore Raccuglia (1 anno e 8 mesi, 400 euro di multa). Confiscate anche quattro aziende e i rispettivi capitali.

Gli assolti
Vincenzo Ferrara, Pietro Mulè, Andrea Marfia, Giuseppe Serbino (difeso dagli avvocati Tommaso De Lisi e Teresa Todaro), Domenico Lupo, Antonino Serio (difeso dall’avvocato Antonio Turrisi), Piero Lo Presti (difeso dall’avvocato Giuseppe Pipitone), Carlo Montalbano. In particolare Giuseppe Serbino, difeso dall’avvocato Tommy De Lisi, era accusato di essere il capomafia di Altofonte. Per lui è andato prescritto il reato di intestazione fittizia dei beni ma è stato assolto dai reati. Serbiono è stato scarcerato e è stata dissequestrata la sua azienda edile di Altofonte. Ordinata la scarcerazione – se non detenuti per altra causa – di Tommaso Licari, Domenico Lupo, Antonino Serio e Pietro Lo Presti.

I risarcimenti
Riconosciuto un risarcimento danno di 10mila euro per il comune di Monreale. Stessa cifra per il comune di San Giuseppe Jato e per quello di San Cipirello.

Ricevi tutte le news
Cinquemila euro di danni sono stati decisi dal giudice Sestito per le altre parti civili: “Centro Pio La Torre”, “Associazione nazionale per la lotta contro le illegalità e le mafie Antonino Caponnetto”, “Solidaria”, Sos Impresa”, “Confcommercio Imprese per l’Italia”, “Confesercenti”, “Associazione antiracket e antiusura coordinamento delle vittime dell’estorsione, dell’usura e della mafia”.


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, sicurezza urbana: il Comune chiede un finanziamento per la videosorveglianza

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 - Firmato il patto di intenti per la sicurezza urbana tra il comune di Monreale, il comune di Palermo e la Prefettura di Palermo. Attraverso il finanziamento, previsto dal Ministero degli Interni che ha stabilito un apposito capitolo per la sicurezza urbana dei comuni, la ci..

    Continua a Leggere

  • Monreale, discarica a cielo aperto in via Pezzingoli

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 - L'ennesima discarica abusiva è stata scoperta nella periferia di Monreale. A segnalare gli abbandoni illeciti sono stati alcuni iscritti al gruppo civico "Occupiamoci di Monreale". La denuncia è stata raccolta da Benedetto Madonia che ha segnalato il caso al Co..

    Continua a Leggere

  • Palermo. A Ballarò smantellato il call center della droga. I nomi e le foto degli arrestati

    Cronaca

    [gallery ids="64508,64509,64510,64511,64512,64513,64514,64515,64516,64517"] Palermo, 24 maggio 2018 - I telefoni erano sempre accesi, non smettevano mai di squillare. Gli ordinativi di droga dovevano essere sempre disponibili per la consegna a domicilio, a tutte le ore del giorno. La polizia di P..

    Continua a Leggere

  • Trapani, sequestro di beni a Pietro Funaro, è ritenuto colluso con la mafia

    Cronaca

    Nella giornata di oggi, Agenti di Polizia della Divisione Anticrimine e Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Trapani, hanno iniziato le operazioni di esecuzione del decreto emesso dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione di Trapani, nell’ambito del ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Le case di Cosa nostra diventeranno uffici comunali. Ecco quali

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 – Il comune di Monreale ha manifestato all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata il proprio interesse all’utilizzo di alcuni immobili, ricadenti nel territorio di Monreale, per utiliz..

    Continua a Leggere

  • Commemorare le stragi di mafia. Operazione lodevole, ma che rischia di non raggiungere i risultati attesi

    Cronaca

    24 maggio 2018 - Commemorare le stragi di mafia, come quella di Capaci o quella dei Georgofili, nell’ambito delle numerose iniziative scolastiche, che hanno luogo in tutto il Paese, è senz’altro lodevole, ma rischia di non raggiungere i risultati attesi, poiché, tali i..


  • «Perchè le mafie hanno vinto». Pif e Nino Di Matteo presentano il libro di Saverio Lodato

    Cronaca

    Palermo, 24 maggio 2018 - Domenica, 27 maggio 2018 ore 18.00, a Palermo, si presenta il libro Avanti mafia! di Saverio ..


  • Convocato il Consiglio Comunale. Tra i punti debiti fuori bilancio e turnazioni dei panifici

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 – Tornerà a riunirsi il prossimo 31 maggio il consiglio comunale del comune di Monreale. L’assemblea è stata convocata dal presidente Di Verde per le 18.30 presso la Sala Consiliare Biagio Giordano. Il consiglio disquisirà su diversi punti. Al primo punto i consigl..


  • Una poltrona per tre. Arcidiacono, Giannetto, Davì. Chi candiderà il PD?

    Cronaca

    Monreale, 24 maggio 2018 - Si terrà questa sera un incontro in casa PD per discutere della prossima campagna elettorale. A circa un anno dalle prossime consultazioni amministrative il segretario della sezione monrealese, Manuela Quadrante, non ha convocato solo il direttivo ma ha voluto allargare l..


  • Monreale, Capizzi visita la palestra monrealese «L’officina del Fitness»

    Cronaca

    Monreale, 23 maggio 2018 – Ieri il sindaco di Monreale Piero Capizzi ha fatto visita alla palestra monrealese Officina del Fitness. L’incontro è un’altra tappa del percorso che ha intrapreso il primo cittadino, volto ad avvicinare le realtà sportive del territorio al fine di inserirle in una..


  • Droga al domicilio di medici e avvocati. A Ballarò, undici arresti

    Cronaca

    Palermo, 24 maggio 2018 - E’ in corso un’operazione della Polizia di Stato, “Drug Away”, con la quale è stata disarticolata un’associazione criminale che spacciava droga anche a domicilio nel mercato storico di Ballarò a Palermo.  L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile, ha p..


  • Sfondano con l’auto la vetrina, colpo da Gucci in via Libertà

    Cronaca

    [gallery ids="64454,64455"] Palermo, 24 maggio 2018 - Sono entrati con l’auto direttamente nel negozio Gucci in via Libertà a due passi da via Libertà a Palermo. E’ accaduto la notte scorsa, intorno all’una, quando la zona è stata svegliata dal rumore dei vetri in frantumi. Irrea..


  • Marcia della Legalità. Anche la scuola Morvillo partecipa alle manifestazioni (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    [gallery ids="64437,64438,64439,64440,64441,64442,64443,64444,64445,64446,64447,64448,64449,64450"] Palermo, 24 maggio – A 26 anni dall’uccisione del giudice Falcone, anche quest’anno si sono svolte a Palermo e in tutta Italia manifestazioni per la legalità a ricordo di tutte le vittime de..


  • Monreale, corso Operatore del benessere: approvata la terza e la quarta annualità all’ente Ted

    Cronaca

    Monreale, 23 maggio 2018 - Approvata la terza e la quarta annualità del corso Operatore del benessere che si svolgerà nella sede di Monreale dell'ente di formazione professionale Ted. Il corso, che partirà tra quindici giorni, rientra nel programma operativo del Fondo sociale Europeo 2014-20..


  • Gli italiani vanno sempre più pazzi per i cellulari

    Cronaca

    Da quando la tecnologia mobile è arrivata nel nostro paese, noi italiani l'abbiamo adottata con grandissimo entusiasmo. Lo dimostrano i dati diffusi a febbraio da Enlabs: su 59 milioni di italiani, 43 milioni utilizzano internet e ben 49 milio..


  • Palermo, aula bunker. La giornata della legalità (LE IMMAGINI)

    Cronaca

    [gallery ids="64374,64375,64376,64377,64378,64379,64380,64381,64382,64383,64384,64385,64386,64387,64388,64389,64390,64391,64392,64393,64394,64395,64396,64397,64398"] Aula bunker dell’Ucciardone (Palermo), 23 maggio 2018 - Il 23 maggio del 1992 alle 17:58  l'auto su cui viaggiava ..


  • Monreale e i disservizi postali. Poste Italiane: “Installeremo cassette modulari sulle strade di ingresso alle unità abitative, per sopperire ad alcune carenze relative alla toponomastica e alle complessità morfologiche del territorio”

    Cronaca

    Monreale, 23 maggio 2018 - Si è tenuto ieri pomeriggio il tavolo tecnico tra comune di Monreale e Poste Italiane, per affrontare il problema dei disservizi riscontrati nel recapito della posta, soprattutto, ma non solo, nelle contrade monrealesi. Una questione sollevata dalla nostra redazione, e po..


  • Monreale. È ancora emergenza al cimitero. Decine di salme al deposito e aria irrespirabile

    Cronaca

    [gallery ids="64348,64349,64350,64351,64352,64353,64354"] Monreale, 23 maggio 2018 - È ancora emergenza all'interno del cimitero di Monreale. Al deposito ci sono tantissime salme alle quali non è stata ancora data una degna sepoltura. Protestano i cittadini, costretti, per portare qualche fiore..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com