Oggi è 19/01/2019

Editoriali

Il mistero dell’area andata in fiamme. Di chi era la responsabilità della custodia, del controllo di quel terreno?

I documenti provano come il comune di Monreale ne avesse ottenuto la disponibilità e la custodia

Pubblicato il 19 giugno 2016

Il mistero dell’area andata in fiamme. Di chi era la responsabilità della custodia, del controllo di quel terreno?

Monreale, 19 giugno 2016 – La lunga lettera inviata dal primo cittadino di Monreale, l’avv. Piero Capizzi, pubblicata integralmente, in risposta al mio articolo sulla necessità di conoscere i responsabili politici dell’incubo che circa 50 bambini hanno vissuto giovedì scorso, merita un’attenta riflessione, per i contenuti espressi, ma soprattutto per quelli non espressi.

Nella lunga lettera, 967 parole, il sindaco si impegna a screditare una testata giornalistica ed il sottoscritto, suo direttore editoriale, ma non trova o concede pochissimo spazio per entrare nel merito della vera questione, che interessa realmente chi l’incubo l’ha vissuto, cioè chi deve assumersi la responsabilità politica, certamente non quella materiale, di quanto accaduto.

Sulla lectio magistralis sul giornalismo fatta da Capizzi, che probabilmente preferirebbe una stampa di regime ad una stampa libera e critica, lascerò la parola a chi di maggiore competenza, il giornalista Alex Corlazzoli, direttore responsabile di questa testata, oltre ad essere una firma de “Il Fatto Quotidiano”.

Ma da direttore editoriale non posso esimermi dal rispondere alla critica del sindaco relativa alla presunta faziosità del mio giornale. La mia linea editoriale è da sempre volta a dare voce a tutte le aree politiche e movimenti politici monrealesi, piccoli o grandi che siano. La dialettica politica, il confronto, sono alla base della democrazia e della crescita di un paese. Nonostante strenui sforzi, e soprattutto riconoscendole una correttezza intellettuale, non riesco a comprendere la sua accusa di faziosità rivolta a questa testata che ha sempre, sottolineo sempre, pubblicato i comunicati stampa della sua amministrazione, integralmente, salvo poi, in un secondo momento, farne una verifica. Ed avere accolto e dato spazio senza alcuna censura alla sua riflessione di ieri ne è l’ennesima prova.

Se lei invece ritiene che una testata giornalistica debba limitarsi ad edulcorare i meriti dell’amministrazione di turno e a metterne in ombra demeriti ed errori, le confermo che continuerà a rimanere deluso.

Mi preme anche sottolineare, per correggere una sua certamente involontaria interpretazione del mio testo, dovuta forse ad una frettolosa lettura, o forse perché mal consigliato, che io non ho scritto che lei si “possa essere rallegrato davanti a quello che è successo”, ma che lei “si è rallegrato perché si è evitato il peggio”. E lei, caro sindaco, da abile oratore e cultore della lingua italiana, capirà bene come il concetto ed il significato espressi siano diametralmente opposti. Non poteva essere altrimenti.

Ancora lei sottolinea come io avrei sentenziato, condannando l’Amministrazione come responsabile dell’accaduto, “quasi a volermi far passare come il piromane o il mandante” . Anche stavolta la invito ad un’attenta lettura del mio testo e a non stravolgerne il contenuto, soprattutto per non instillare in me il sospetto che lei voglia solamente screditare chi le chiede di scovare le responsabilità politiche, e non certo materiali, del triste evento. Saranno gli investigatori e la magistratura a ricercare gli autori del crimine, a portarli in giudizio e, si spera, dietro le sbarre. Deve essere invece l’Amministrazione a verificare se chi di competenza abbia fatto tutto quanto in suo potere per evitare che il terreno diventasse e rimanesse per tanti anni una bomba ecologica, per la presenza di una discarica abusiva e di rifiuti speciali, e al tempo stesso abbia ottemperato ad una obbligatoria attività di prevenzione per evitare che quest’area, come tante altre sparse nell’ampio territorio comunale, solleticassero le mire dei piromani, come era prevedibile e come è stato segnalato, ripeto, più volte a lei personalmente e agli uffici comunali.

Ma veniamo adesso ai fatti, ai quali lei dedica solo due righe, quasi come, ma non sarà certamente così, a volere sviare l’attenzione dal nocciolo della questione. lei dichiara testualmente: “Gran parte dell’area interessata dall’incendio (altre sarebbero private e sono in corso accertamenti) risulta essere di proprietà del Demanio Regionale e non mi risulta essere mai stata nella disponibilità del Comune di Monreale“. Mai? Caro sindaco, questa sua affermazione sbalordisce chi, come me, la conosce come una persona attenta a tutte le problematiche del territorio.

Lei è amministratore di questo Comune da quasi venti anni. Consigliere Comunale dal 1998, Presidente del Consiglio Comunale dal 2004 al 2009, per i successivi cinque Consigliere Comunale e Sindaco per gli ultimi due. Di questa area, per le criticità e per le pericolosità insite, dovrebbe conoscerne la storia a menadito. Ma mi permetto di metterla a conoscenza.

L’area in questione, acquisita al demanio della Regione Siciliana per la realizzazione del Mercato Ortofrutticolo, risulta, in data 2/12/1998, “consegnata al Comune di Monreale” che ne acquisì “la disponibilità, per la salvaguardia e la custodia del bene“. Il documento di cessione venne firmato per il comune di Monreale dall’ass. Salvatore Porrovecchio ed è stato protocollato al comune di Monreale il 16/12/1998, prot. n. 32531.

In una nota dell’Assessorato Regionale dell’Economia, Servizio Patrimonio, del 18/2/2012, inviata al comune di Monreale e all’ATO “Alto Belice Ambiente” Spa, da questi protocollata il 27/2/2012, prot. n. 748, in risposta ad una richiesta dell’ATO di utilizzare il terreno per la realizzazione di un Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti, si legge che “peraltro il Comune medesimo è già stato interessato e nuovamente richiesto, affinché fornisca una relazione sullo stato di utilizzo dell’area e sul pagamento del canone all’uopo dovuto“. Il Comune deve un canone alla Regione per il terreno ceduto e a lei non ne risulta esservi “mai” stata la disponibilità? Un documento attesta che il comune di Monreale si deve occupare della salvaguardia e della custodia del bene e lei ne disconosce l’esistenza? Caro sindaco, riconoscendo il suo impegno e la sua abnegazione nei confronti del bene, invito lei e tutta la maggioranza che la sostiene, ad una profonda ed attenta riflessione. L’impegno e l’abnegazione a volte non bastano.

Ma andiamo avanti.

Il 26/01/2012, il Vice Comandante della Polizia Municipale di Monreale, Comm. Capo Mario Cusimano, e il responsabile del procedimento, Comm. Alessandro La Mantia, alle ore 13,15, effettuano il sequestro dell’area per la presenza di “una discarica di materiali speciali e non, consistenti in sfabbricidi, gomme auto, pannelli in Eternit, due Container, due autovetture, (…) un motofurgone (…), una carcassa di una autovettura (…), parti di gru per uso edilizio e cumuli di vetro e plastica. Le cose sequestrate vengono assicurate mediante cartello indicante l’avvenuto sequestro, legato con n.1 sigillo, ed affidate in giudiziale custodia al Dirigente dell’APAGAT, ing. Maurizio Busacca (…)“. Il Comando della Polizia Municipale, con nota del 20/06/2013, prot. n. 14883, ne trasmette copia al comune di Monreale, unitamente a copia del verbale della regione Siciliana del 2/12/1998.

Il 18 giugno 2013 il GIP, dott.ssa Maria Pino, dispone l’archiviazione del procedimento contro gli autori del reato e “ordina la restituzione dell’area in sequestro all’avente diritto previa verifica in ordine all’avvenuto completamento della bonifica del sito“.

Caro sindaco Piero Capizzi, alla luce di questi documenti che provano la disponibilità e la custodia del terreno da parte del Comune di Monreale per tantissimi anni, che lei mi conferma ignorare, mi era sembrato legittimo chiederLe di avviare un’indagine per scoprire chi fosse il responsabile della salvaguardia del bene. Adesso Le rinnovo la domanda: Cosa è stato fatto dall’amministrazione visto che il terreno risulta essere in sua custodia? Vi sono atti successivi al 2013 che attestano che quell’area è tornata ad essere sotto la tutela di altre istituzioni?

Sarò lieto di accogliere, come sempre, le sue risposte. Questo è un Suo dovere nei confronti della cittadinanza.

A me spetta l’onere e l’onore di fornire una informazione esaustiva. Questo è il mio ruolo.

Ricevi tutte le news

Gesualdo

Caro direttore le esprimo la mia solidarietà non avevo dubbi conscendola che l’area in questione fisse in custodia del comune di monreale .Il fatto è Ge questa amministrazione vuole essere idolatria in alcuni suoi componenti dimenticando la cosa primaria la sicurezza dei cittadini .Ma oltre a chiederlo al Sindaco ma all’assessore al ramo nemmeno lui ne era a conoscenza invece di fare fare queste brutte figure al primo cittadino

19 giugno 2016 | 12:56 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • “C’è un complotto contro Papa Francesco per chiudere questo pontificato”

    Editoriali

    "Ci sono persone alle quali semplicemente non piace questo pontificato. Vogliono che finisca il prima possibile, per poi avere – per così dire – un nuovo conclave. Vogliono anche questo termini a loro favore, con un risultato in linea con le loro idee". L’accusa è forte: un complotto cont..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Amministrative 2019. Tanti i candidati, pochi i contenuti

    Editoriali

    Monreale, 19 gennaio 2019 - La piena assoluzione incassata dal sindaco Piero Capizzi con la sentenza di mercoledì scorso lascia cadere le sue ultime riserve sulla ricandidatura a sindaco di Monreale. Già preannunciata, adesso diviene una certezza. Non ci sono altri ostacoli alla sua corsa, per la ..

    Continua a Leggere

  • Giacalone, incidente stradale: auto si cappotta

    Editoriali

    [gallery ids="89454,89453,89452"] Monreale, 19 gennaio 2019 - L'incidente stradale è avvenuto nella tarda mattinata di oggi, sulla SP20 in direzione San Giuseppe all'altezza del civico 23 nei pressi di Giacalone, in cui è rimasta coinvolta solo un'automobile. Il conducente non ha riportato feri..

    Continua a Leggere

  • Palermo vs Salernitana  1-2 

    Editoriali

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 19 gennaio 2019 - Il Palermo stecca la prima di ritorno e si ferma la serie positiva che ha permesso di raggiungere quota 37 e titolo di campione d’inverno. Stellone a fine partita ha dichiarato che questa sconfitta ci può stare ma la testa e già a Cremona. Il ..

    Continua a Leggere

  • La primavera tragica di Jan Palach. Cosa ne resta oggi?

    Editoriali

    Monreale, 19 gennaio 2019 - Nel pomeriggio del 16 gennaio 1969 a Praga, in piazza San Venceslao, Jan Palach, studente di filosofia cecoslovacco, si cosparse il corpo di benzina immolandosi col fuoco (come i monaci buddisti in Vietnam, nel ’64, contro un altro impero: quello americ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, il consigliere Moscarelli passa alla Lega

    Editoriali

    Roccamena, 18 gennaio 2019 - La Lega entr..

    Continua a Leggere

  • La Primula dona Kit Volley S3 alla Veneziano

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2019- Lunedì 21 gennaio la Primula donerà alla Scuola “A.Veneziano”  il Kit Volley S3, contenente la rete per tre campi di gioco, palloni di volley e materiale didattico per i docenti. All’incontro saranno presenti i Dirigenti della S..

    Continua a Leggere

  • CPI di Monreale, poche offerte di lavoro e nessun servizio di inserimento per lavoratori disabili e categorie protette

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2019 - È attivo il Centro per l’Impiego di Monreale, ma resta scarsa l'offerta lavorativa proposta, come anche nei centri delle altre città. L'ufficio di Monreale ha sede in via Venero presso l’ex Serit, e i cittadini monre..

    Continua a Leggere

  • Cancro io ti boccio

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Il 25 Gennaio 2019 la scuola Antonio Veneziano aderirà alla manifestazione promossa dell’associazione AIRC “Cancro io ti boccio” che vuole promuovere la prevenzione delle malattie oncologiche. Le classi seconde e terze, nell’arco della mattinata, parteciperanno a..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Tossicodipendente arrestato dai Carabinieri. A denunciarlo i suoi stessi genitori

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2019 - A presentare formale denuncia presso la stazione dei Carabinieri di Monreale sono stati i suoi stessi genitori. E così F. I., un giovane di 25 anni residente a Monreale in via Aquino Molara, è stato tratto in arresto. I genitori erano stanchi, non riuscivano a sost..

    Continua a Leggere

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Editoriali

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti per la soluzione raggiunta. Ma i genitori sono divisi

    Editoriali

    Monreale, 17 gennaio 2019 - Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Editoriali

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Editoriali

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Ecco tutti i vantaggi dei servizi di carrozzeria online

    Editoriali

    17 gennaio 2019 - Avete appena subìto un danno alla carrozzeria della vostra auto e non sapete cosa fare? La vostra officina di fiducia è chiusa, oppure è semplicemente lontana anni luce dal luogo in cui state patendo il problema di cui sopra? Ebbene, questo è l'articolo che fa al ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, emergenza loculi. Il sindaco procede alle estumulazioni anche di loculi con concessioni a 99 anni. Le opposizioni “Mancanza di progettualità e lungimiranza”

    Editoriali

    Roccamena, 17 gennaio 2019 - “Ampliamento del cimitero comunale e sistemazione dell’esistente”. È uno dei punti programmatici con il quale il sindaco Ciaccio nel 2014 aveva vinto le amministrative del comune di Roccamena, alla guida della lista "Noi per Roccamena”. In paese quello della ..

    Continua a Leggere

  • Assolto perché il fatto non sussiste. Il sindaco Capizzi scagionato dall’accusa di omissione di atti d’ufficio (I DETTAGLI)

    Editoriali

    Palermo, 17 gennaio 2019 – Si è conclusa positivamente per il primo cittadino di Monreale, Piero Capizzi, una vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto assieme al suo predecessore, Filippo Di Matteo. Per Capizzi, difeso dall’avvocato Giuseppe Botta che aveva scelto il ..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com