Oggi è 23/10/2019

Cronaca

Incendi e disastro ambientale, Carramusa: “Creare un pool giudiziario, prima che sia troppo tardi”

Agricoltori che bruciano sterpaglie, pastori che danno fuoco all’erba, cacciatori, e poi il giro dei mezzi aerei antincendio

Pubblicato il 14 agosto 2019

Incendi e disastro ambientale, Carramusa: “Creare un pool giudiziario, prima che sia troppo tardi”

MONREALE – In questi giorni il territorio di Monreale è stato messo a dura prova, gli incendi hanno devastato diversi ettari di patrimonio tra San Martino delle Scale, Pioppo e Giacalone. Con molta probabilità la Sicilia, anche per quest’anno, sarà ai primi posti nella graduatoria degli incendi territoriali e boschivi. 

Ai danni al patrimonio boschivo si aggiungono quelli ambientali. Per non parlare di quelli economici. Secondo il dossier dell’autorità di bacino il 14% del territorio regionale è desertificato, il 10% classificato come sensibile, il 50% vulnerabile alla desertificazione. Sostanzialmente il 75% del territorio siciliano è a rischio. Una conseguenza dei cambiamenti climatici su scala planetaria, ma anche della distruzione e limitazione del patrimonio forestale e preforestale. Di questo disastro gli incendi sono un fattore primario.

Gli incendi distruggono flora e fauna boschiva, ma i danni si riversano anche negli ambiti produttivi. Contribuendo, ad esempio, a compromettere l’agricoltura in sinergia perversa con il surriscaldamento climatico.

Secondo un dato riportato dalla Coldiretti, nell’ultimo decennio in tutta Italia il danno subito dall’agricoltura è di 14 miliardi di cui 1 miliardo e mezzo riguarda la Sicilia.

Secondo Legambiente nel 2017 un incendio su tre riguardava parchi e riserve. 

“In una situazione così complessa – afferma Salvino Carramusa, sindacalista CGIL del settore forestale – bisogna intervenire dando all’argomento priorità assoluta, molto di più di quello che è stato fatto fino ad oggi. Bisogna distinguere – prosegue – il piano penale da quello amministrativo per poi coniugarli“.

In Sicilia di incendiari ne sono stati intercettati pochi. Negli ultimi 20 anni fermati in 40, la media di 2 l’anno, quindi l’impunità assoluta.

Per Carramusa per risolvere il problema che attanaglia l’Isola “occorrerebbe creare un pool specializzato per perseguire i crimini ambientali in generale ed i reati di incendio boschivo e territoriale in particolare. Il presidente della Regione – afferma – dovrebbe farsi promotore di una Commissione parlamentare d’inchiesta sugli incendi e i disastri ambientali, per contribuire ad accertare le molteplici responsabilità.

Se ci soffermiamo a fare la conta dei danni economici ed ambientali – sempre negli ultimi 20 anni – sono andati in fumo 150 mila ettari di bosco. Alberi danneggiati e tanti in modo irrimediabile. Devastati dal fuoco complessivamente, tra boschi e terreni privati, 409mila ettari di superficie. Un danno complessivo di 4miliardi e mezzo di euro.

Ma chi sono gli artefici dei roghi? “Secondo le statistiche regionali e nazionali non sono solo piromani. Troviamo agricoltori che bruciano sterpaglie, pastori che danno fuoco per l’erba, cacciatori che devono far uscire la selvaggina, cercatori di asparagi, ditte boschive che vogliono rinnovati i contratti e le concessioni dall’ente pubblico. Beccati adolescenti che lo facevano per il piacere di farlo, improvvidi studenti universitari. Ci sono le vendette nei confronti dei pastori, per cui si incendia a luglio o a giugno distruggendo il pascolo. Beccato anche qualche forestale intento ad appiccare l’incendio”.

Spostando l’attenzione sulla normativa, vediamo come l’art.10 della Legge 353 del 2000 vieta il cambio di destinazione nei terreni boscati e pascolivi percorsi da incendi. “Vietate le attività di rimboschimento con risorse finanziarie pubbliche per un periodo di 5 anni (salvo deroghe speciali come in situazioni di dissesto idrogeologico). Infine, “sono vietati per 10 anni, limitatamente ai soprassuoli boscati percorsi dal fuoco, il pascolo e la caccia. Da ciò discende – commenta Carramusa – che nei terreni pascolivi privati percorsi da incendi si può continuare a pascolare”.

“Nonostante questo ed altri limiti della legge 353/2000 (non sono previsti divieti e vincoli per i terreni agricoli), la mancata redazione del catasto degli incendi boschivi, da parte dei comuni, fa diminuire le misure di deterrenza”.

“I forestali – dice Carramusa – vengono pagati per le giornate di lavoro stabilite da contratto. In più possono avere qualche ora di straordinario”.

Ma oltre i forestali – i primi da sempre ad essere additati come i colpevoli – nello scenario degli incendi ci sono diversi attori. “Esistono delle figure pagate ad intervento – spiega – Carramusa -, e la norma è da rivedere perché potrebbe far scattare strani meccanismi”. 

“Poi si presume ci sia l’interesse degli aerei – osserva – 8.000 euro per ora di volo. Dopo un certo numero di ore di volo vengono pagati ad intervento. Ma non è mai stato provato che ci sia una connessione tra incendi e le imprese che li gestiscono. Quindi dei costi altissimi, ma in assenza di una più efficace prevenzione primaria e secondaria gli interventi dal cielo sono divenuti sempre più consistenti”.

Ma c’è anche un altro aspetto sul quale si sofferma Carramusa ed è quello delle concessioni (attività agricole, forestali, pastorali) legate al demanio della regione.

Nel 2016 serviva una certificazione antimafia per importi di concessione superiori ai 150mila euro, oggi invece, la soglia è stata portata a zero. “È plausibile l’ipotesi che questa norma più restrittiva abbia potuto determinare azioni distruttive”. 

La prevenzione contro gli incendi, oltre alle amministrazioni forestali interessa l’Anas, le Ferrovie, l’Enel le istituzioni pubbliche regionali ed i comuni nel duplice compito di gestire correttamente le proprie terre demaniali e regolare la prevenzione nel territorio amministrato.

I comuni hanno una competenza fortissima sul tema, emanano ordinanze sindacali per la pulizia dei fondi ma il problema è l’applicazione. Una buona parte degli incendi parte da luoghi esterni ai territori boscati. È necessario far rispettare le ordinanze per quei terreni privati limitrofi ad aree sensibili:  boschi, beni pubblici, centri industriali e zone antropizzate. “Le aree che rappresentano un rischio maggiore vanno fatte ripulire con priorità assoluta ed è compito del sindaco”, puntualizza Carramusa.

A maggio il Prefetto di Palermo si era interessato a sensibilizzare i sindaci e gli enti per programmare gli interventi di prevenzione. A Sambuca, qualche giorno fa, sono state elevate sanzioni a privati che non avevano ripulito il terreno. Il procuratore di Sciacca Buzzolani ha indagato 21 persone a Menfi che non hanno ripulito i terreni.

“La Regione – propone Carramusa- potrebbe con una norma ad hoc prevedere un controllo sulle amministrazioni che non fanno rispettare le ordinanze o che non applicano il catasto degli incendi”. 

“Le amministrazioni e gli operatori forestali sono tra quelli che più si adoperano per la prevenzione primaria e secondaria. Nonostante il mancato completamento di alcuni parafuochi, mezzi antincendio vetusti, carenza periodica di tute ed altri dispositivi di protezione antincendio e una scarsa propensione al miglioramento organizzativo e tecnologico”.

Sotto l’aspetto organizzativo, la vigilanza dinamica è una soluzione fattibile – secondo Caramusa – praticabile anche con il supporto tecnologico dei droni. “Eseguirla nei giorni più a rischio e nei siti più sensibili. Sorveglianza dei cantieri forestali sia a piedi che con i mezzi è un deterrente per i criminali”.

Ma per Carramusa in capo a tutte le possibili soluzioni vi è la creazione di un pool giudiziario “che si specializzi nei reati contro l’ambiente e negli incendi. E di una contestuale commissione parlamentare regionale d’inchiesta che diventi pure nazionale”.

Ricevi tutte le news

piero

PASTORI .RACCOGLITORI DI ASPARAGI MA QUESTO SIGNORE E MENTALMENTE SANO HO HA DI BISOGNO DELLE CURE MENTALI MA DI QUALI PECORE PARLA IO NON VEDO UNA PECORA NELLE ZONE DOVE E SUCCESSO IL FUOCO DA QUANDO AVEVO 10 ANNI ,MA CHE MINCHIA DICE QUESTO SIGNORE .BOH FORSE VUOLE DEPISTARE PERCHE I VERI INCENDIARI LUI FORSE LO SA CHI POTREBBERO ESSERE

14 agosto 2019 | 11:54 | Rispondi

Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, la Corte d’Appello dà ragione all’ing. Busacca: il comune dovrà pagargli circa 130.000 €

    Cronaca

    MONREALE - La Corte d’Appello di Palermo ha accolto le ragioni dell’ing. Maurizio Busacca, dirigente comunale a capo dell’Ufficio Tecnico, nella vicenda che ormai da anni lo vedeva contrapposto al


  • Monreale, auto in contromano in via Roma di notte. Una nuova tendenza?

    Cronaca

    [gallery ids="121611,121612,121613"] MONREALE - Chi vive Monreale sa bene che spesso auto in doppia fila bloccano il traffico cittadino fino a quando il proprietario del mezzo decide di venire a liberare tutti. Fin qui niente di nuovo, “norm..


  • Il Ficus Magnolie del Belvedere Comunale, colpito da una grave infezione, ma presenta ancora segni vitali

    Cronaca

    MONREALE Uno dei Ficus Magnolie del belvedere comunale è in pericolo. La pianta è stata attaccata all’interno del tronco e nell’apparato radicale da conformazioni fungine che da un paio di mesi stann..


  • Vitalizi, Marano e Foti (M5s): “In Sicilia tagli inferiori alle altre regioni”

    Cronaca

    PALERMO - Non è stata presa ancora alcuna decisione sui provvedimenti in merito ai vitalizi degli ex deputati, con il rischio che lo Stato decida di prendere provvedimenti nei confronti della Sicilia con un mancato trasferimento di fondi. Sul ta..


  • Spaccio di hashish tra i condomìni dello ZEN 2: le foto degli arrestati

    Cronaca

    [gallery ids="121594,121593,121592,121591,121590,121589,121588,121587,121586,121585"] PALERMO - Sono 10 gli uomini arrestati nella notte dalla compagnia dei Carabinieri di Palermo San Lorenzo nell’


  • Dal Pagliarelli a Monreale: detenuti al servizio del comune per il loro reinserimento sociale

    Cronaca

    PALERMO - Detenuti al servizio dei comuni. Questa forma di riscatto sociale potrebbe prendere il via a breve anche a Monreale, dove i detenuti verrebbero impiegati a svolgere attività riparative  a favore della collettività.  L’iniziativa p..


  • La casa distrutta dall’incendio, raccolti 11 mila euro per Pietro e Margherita

    Cronaca

    Ammonta a 11 mila euro la somma raccolta per la famiglia monrealese che ha perso la casa in seguito al grave incendio di m..


  • Operazione “Take and go”, sgominata banda dedita allo spaccio allo Zen 2: 7 gli arrestati (I NOMI)

    Cronaca

    [gallery ids="121571,121572,121573,121574"] PALERMO - Lo spaccio della droga avveniva in presenza di cittadini e anche di bambini. Lo Zen 2 è stato questa notte al centro di un’operazione, denominata “Take and go”, condotta ..


  • Getta i rifiuti davanti un’abitazione e va via: ecco un furbetto del sacchetto (VIDEO)

    Cronaca

    MONREALE – Cammina assieme al cagnolino e con molta disinvoltura abbandona il sacco colmo di rifiuti davanti a un’abitazione. Le immagini parlano chiaro e riprendono un ragazzo intento a passeggiare per una delle vie di Monreale durante la notte del 20 ottobre. VEDI VIDEO IN FONDO ALL'AR..


  • Monreale, 519 utenze idriche morose, interi condomini da anni non pagano l’acqua

    Cronaca

    MONREALE - 89 condomini, 80 attività commerciali e 350 privati. Ammontano a 519 le utenze idriche morose nei confronti del comune di Monreale. Numeri enormi, che corrisponde a diverse centinaia di euro di debiti maturati. Interi condomini non pa..


  • Monreale, cimitero a Piano Renda: “Un appello a Marco Intravaia, si intesti una battaglia in difesa della Memoria”

    Cronaca

    MONREALE - "Le corse contro il tempo nella pubblica amministrazione le ho notate solo quando si sono palesati interessi privati. Mai ho visto corse contro il tempo per riparare una buca, per recuperare u..


  • Degrado e rifiuti ad Aquino, i residenti: “Ora l’amministrazione ci ascolti”

    Cronaca

    MONREALE - "Aquino è abbandonata. Vengono qui solo durante la campagna elettorale, poi spariscono". Protestano a gran voce i residenti della frazione monrealese, che si sentono abbandonati a se stessi. Ad Aquino, infatti, vige ormai il  degrado. La sporcizia è ormai diventata una normalità.&..


  • Finestra rotta e condensa per i piccoli alunni dell’aula dell’ex Casa Santa

    Cronaca

    MONREALE - "I genitori dei bambini che frequentano le aule dell'ex Casa Santa non sono contenti di come si trovano le classi dei propri figli". Più di qualcuno, nei giorni scorsi, ha sollevato delle preoccupazioni al consigliere dei "Popola..


  • Controlli nei locali abusivi della movida palermitana, denunciati due gestori

    Cronaca

    La Polizia di Stato ha eseguito diversi controlli nei locali della movida palermitana che, in assenza di licenza, si trasformano in vere e proprie discoteche, attirando giovani ed andando ben oltre la capienza consentita dalla legge. I poliziotti hanno denunciato i titolari di 2 locali che erano spr..


  • Corleone, 26 mila euro per la campagna informativa sulla raccolta differenziata

    Cronaca

    CORLEONE - Distribuzione di materiale informativo per fare chiarezza sulle modalità e sul calendario della raccolta differenziata. Incontri divulgativi nelle scuole, con i cittadini e gli amministratori locali. Formazione con personale esperto. ..


  • Ritrovati 8 cuccioli in piena campagna. Si cerca uno stallo temporaneo VIDEO

    Cronaca

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2019/10/VID-20191019-WA0017.mp4"][/video] MONREALE - Ritrovati otto cuccioli a Poggio San Francesco. Non è il primo episodio che avviene in settimana.&..


  • Monreale, agente di polizia municipale rinviato a giudizio: avrebbe falsificato autorizzazioni

    Cronaca

    MONREALE - È stata rinviata a giudizio G. P., l’agente di Polizia Municipale in forza presso il Comando di Monreale, imputata per i reati previsti dagli articoli 81 e 477 del codice penale. Secondo l’accusa, l’agente


  • Pool accertamento fiscale, Vittorino (Popolari per Monreale): “Prolungare a 30 le ore dei dipendenti, si rischia di non raggiungere l’obiettivo”

    Cronaca

    MONREALE - "Abbiamo concluso gli accertamenti relativi al 2014 e stiamo lavorando sul 2015”, ha dichiarato a Filodiretto in