Inchino al boss del Corpus Domini a Villafrati, sindaco e maresciallo lasciano il corteo

Il sacerdote avrebbe anche scambiato un saluto con la moglie del boss

A Villafrati, in provincia di Palermo, la processione del Corpus Domini fa l’inchino davanti alla casa del boss e maresciallo e sindaco abbandonano il corteo.

Secondo quanto riporta La Repubblica, l’arciprete avrebbe fermato la processione proprio davanti alla casa di un capomafia in carcere, uno dei fedelissimi di Bernardo Provenzano, Ciro Badami.

Così domenica sera, il maresciallo e il sindaco si sono subito allontanati dalla processione, scrivendo il primo alla Procura e il secondo al prefetto e al vescovo di Palermo.

A seguire la processione dal balcone di casa c’era la moglie che avrebbe scambiato un saluto con il sacerdote.

Badami è stato arrestato nel 2005 per aver fatto parte della rete di comunicazione di Bernardo Provenzano. Dopo 10 anni è stato arrestato perché ritenuto reggente della mafia locale.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.