Oggi è 23/07/2019

Cronaca

Maxi operazione a Palermo, colpita al cuore organizzazione criminale per frodi assicurative (VIDEO)

L’organizzazione aveva un sistema altamente efficace, i numerosi complici organizzavano falsi sinistri

Pubblicato il 15 maggio 2019

Maxi operazione a Palermo, colpita al cuore organizzazione criminale per frodi assicurative (VIDEO)

Palermo, 15 maggio 2019 – È stata eseguita questa notte l’ordinanza di custodia cautelare emessa del GIP di Palermo, richiesta dalla Procura della Repubblica alla fine delle complesse indagini nei confronti di 41 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alle frodi assicurative, lesioni gravissime, falso, calunnia, autocalunnia, rapina e intercettazione abusiva.

A condurre le indagini il nucleo investigativo del gruppo di Monreale, i cui agenti hanno appurato l’esistenza di una vera e propria associazione per delinquere operante a Palermo e dintorni. L’organizzazione sostanzialmente commetteva frodi ai danni delle assicurazione attraverso simulazione di sinistri stradali con lesioni personali nonché gravi delitti contro la persona, il patrimonio, la fede pubblica e l’amministrazione della giustizia.

Attraverso osservazione e intercettazioni è stato possibile documentare, con cadenza praticamente quotidiana, una serie ininterrotta di frodi in assicurazioni e reati per lesioni personali inferte con particolare crudeltà. I reati presupponevano una grande capacità simulatoria e la creazione di complicate messe in scena di falsi sinistri, fino alla creazione di documenti falsi. I compiti erano molto differenziati: andavano dall’individuazione del “candidato” a cui provocare lesioni, all’individuazione di mezzi assicurati da coinvolgere, fino all’individuazione del luogo adatto e alla gestione delle pratiche di risarcimento con le compagnie assicurative.

Il provvedimento cautelare ha colpito anche le vittime compiacenti dei sinistri, i falsi conducenti, i falsi testimoni e i fornitori dei mezzi utilizzati.

Di spicco erano le figure di Luca Reina, titolare di un’agenzia di pratiche assicurative in via Leonardo da Vinci, e Salvatore Andrea Cintura, componente dell’omonima famiglia di pregiudicati del quartiere del “CEP-Borgo Nuovo”. I due sono stati individuati come soggetti al vertice dell’organizzazione, e si sono avvalsi di una ristretta cerchia di collaboratori: Alessio Cappello, Domenico Cintura, Giovanni Napoli, Antonino Buscemi, Sufiane Saghir e Giuseppe Orfeo. Numerosissime anche le vittime consenzienti, i falsi testimoni e autisti di veicoli coinvolti nei falsi incidenti.

Le vittime erano ricercate in contesti caratterizzati da degrado e povertà; colpisce senza dubbio l’estremo cinismo con cui venivano scelte le vittime, in alcuni casi colpite da disabilità intellettive o da tossicodipendenza, al fine di riuscire più facilmente a contenere le loro richieste di denaro.

Le vittime designate acconsentivano a subire lesioni di particolare gravità con la prospettiva di incassare il risarcimento, che sarebbe stato più consistente quanto più gravi fossero state le fratture inflitte.

Nell’ultimo biennio l’organizzazione ha incassato circa due milioni di euro di risarcimento danni per sinistri inesistenti: seguivano il ferito fino alla chiusura della pratica sia perché, oltre all’anticipo, il mantenimento faceva parte dell’accordo, e sia perché dal controllo della vittima dipendeva la buona riuscita della truffa.

Le basi operative dei componenti dell’organizzazione, dove venivano pianificati i sinistri e dove venivano materialmente procurate le lesioni, sono: l’agenzia di scommesse di via Pietro Scaglione 67, gestita dalla famiglia Cintura; l’agenzia di infortunistica stradale “Studio Ellerre S.r.l.” di via Leonardo da Vinci, gestita da Luca Reina; una stalla annessa a una villa seicentesca in via Mango di Palermo, roccaforte della famiglia Cintura di Borgo Nuovo, dove specificamente sono stati registrati tre episodi in cui venivano inferte lesioni; l’abitazione dell’indagato Alessandro Bova in via Pietro Scaglione.

Il sistema ideato dall’organizzazione era altamente efficace, i componenti possono essere definiti “partecipanti seriali in sinistri stradali” considerando il loro intenso coinvolgimento negli ultimi due anni.

Tra questi spiccano Giovanni Napoli, coinvolto in 10 sinistri stradali (in 6 casi come danneggiato e in 4 come responsabile dell’incidente) e già indagato nei procedimenti Tantalo e Contra Fides; Davide Giammona, coinvolto il 11 sinistri (in 4 casi danneggiato, in 6 casi responsabile e in un caso come testimone); Salvatore Chiodo, coinvolto il 15 incidenti (12 dei quali come responsabile e 3 come danneggiato).

Il gruppo non si faceva scrupolo ad arrecare gravissime lesioni alle vittime consenzienti; maggiori erano le lesioni e maggiore era la possibilità di ricevere alte percentuali di invalidità permanente. Le modalità con cui le ferite veniva provocate sono indicative dell’efferatezza dei componenti dell’organizzazione, di cui a questo punto si configura anche la grande pericolosità.

Alle vittime consenzienti  non veniva somministrato alcun tipo di anestetico (a differenza di quanto assicurato loro), veniva usato un pesante mattone di tufo per provocare fratture e carta abrasiva per simulare lo sfregamento sull’asfalto.

Addirittura l’organizzazione, allarmata dal fatto che due soggetti erano stati convocati in caserma per un falso incidente in cui erano coinvolti, aveva installato nel giubbotto di uno dei due un apparato elettronico per eseguire intercettazioni ambientali, riuscendo a intercettare la prima parte dell’esame.

I militari, notando l’atteggiamento sospetto di quest’ultimo, si sono accorti dell’apparecchio che trasmetteva in tempo reale le registrazioni al cellulare di Alessio Cappello. Perciò il Cappello congiuntamente a Letterio Maranzano sono accusati anche di intercettazione abusiva, con l’aggravante di aver commesso il reato ai danni di pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni.

A partire da questo episodio Domenico Tantillo si è convinto a collaborare con l’Autorità Giudiziaria di Palermo, e dal suo racconto emerge chiaramente la tremenda violenza nei confronti delle vittime.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Blitz dei carabinieri, bloccato il fiume di cocaina dei clan mafiosi: 12 arresti (VIDEO)

    Cronaca

    La Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ha delegato il Comando Provinciale dei Carabinieri di Palermo all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del locale Tribunale, nei confronti di 12 indagati (10 in carcere e 2 ai domiciliari), ritenuti a vario titolo responsa..

    Continua a Leggere

  • Il recupero e il moderno nelle scale di casa

    Cronaca

    Se stai arredando casa, se hai appena intrapreso un progetto di ristrutturazione di un bel loft da soppalcare, ti consigliamo di sfruttare la più moderna tecnologia digitale e dare una prima occhiata in rete, per identificare


  • Capizzi: “La vicenda del dissesto ha visto come protagonista l’attuale assessore Sandro Russo, mio ex assessore al bilancio per due anni”

    Cronaca

    MONREALE - “Credo che le alte temperature di questi giorni alimentino la voglia di qualcuno (e nello specifico mi riferisco al sig. Silvio Russo) di presentarsi come protagonista della politica Monrealese, con il consapevole rammarico d..


  • Giuseppe Morello, dolore al funerale del giovane monrealese (FOTO)

    Cronaca

    [gallery ids="111514,111515,111516,111517,111518,111519"] MONREALE - Una chiesa gremita ha accolto questo pomeriggio il feretro di Giuseppe Morello. Il giovane monrealese morto nel corso della notte del 20 luglio a Macari, frazione di San Vito lo Capo dopo essere caduto da un’altezza di 10 metr..


  • Monreale, continuano gli interventi degli operai dell’ESA impegnati nella cura del territorio

    Cronaca

    [gallery ids="111495,111496,111497,111498,111499"] MONREALE - Continuano gli interventi sul territorio monrealese degli operai dell’ESA (Ente Sviluppo Agricolo). Dopo la pulizia dei bordi della circonvallazione invasi dalle canne, così come..


  • I monrealesi possono “fare pace” con il comune, via al ravvedimento delle tasse

    Cronaca

    MONREALE - Il Comune dà il via al Ravvedimento operoso. I cittadini morosi potranno mettersi in regola con le tasse Imu, Tasi, Tari, Cosap e Pubblicità.  Grazie al Regolamento per l’applicazione del ravvedimento operoso approvato dal ..


  • Dichiarazione dei redditi, entro domani possibile inviare il 730 precompilato

    Cronaca

    C'è tempo fino al 24 luglio per presentare la dichiarazione dei redditi 2019. Due giorni di tempo per completare la  precompilata ed inviarla al Fisco. Entro domani, infatti, sarà possibile accettare la dichiarazione dei redditi così come messa a punto dall’Agenzia delle Entrate o int..


  • Riqualificazione del quartiere Carrubella, il comune avvia la gara per la progettazione

    Cronaca

    MONREALE - Il Comune di Monreale avvia la procedura per affidare la fase numero 3 dei lavori di riqualificazione dello storco quartiere Carrubella. Nel 2016 la Regione Siciliana ha ammesso al finanziamento delle spese relative alla progettazione definita dei lavori di riqualificazione urbana dello s..


  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cronaca

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..


  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cronaca

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..


  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..


  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cronaca

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di


  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cronaca

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..


  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cronaca

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..


  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cronaca

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..


  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..


  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cronaca

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..


  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cronaca

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..