Ecco gli autori degli incendi che nel luglio 2017 distruggevano Piano Geli e zone limitrofe. Due anni dopo la giustizia fa il suo corso

Gli incendi che interessarono il territorio di Monreale quell’estate ebbero effetti devastanti: ettari ed ettari di macchia mediterranea furono dati alle fiamme e ridotti in cenere

Monreale, 26 marzo 2019 – Sono stati individuati ed arrestati oggi i responsabili degli incendi appiccati nel luglio 2017 nel territorio di Monreale: si tratta di Pietro e Angelo Cannarozzo, colpevoli anche di aver rubato parti di guard rail, rame e una telecamera installata dalla polizia.

Gli incendi che interessarono il territorio di Monreale quell’estate ebbero effetti devastanti: ettari ed ettari di macchia mediterranea furono dati alle fiamme e ridotti in cenere. Alcune villette furono evacuate, il rischio per i residenti era alto e il fuoco si estendeva velocemente.

Il primo incendio fu appiccato il 18 giugno, nei pressi di via Torrente d’Inverno, e distrusse quasi 5.000 metri quadri di vegetazione, oltre a rappresentare un grave pericolo per l’incolumità dei residenti. Poi nel mese di luglio arrivarono gli altri fuochi, uno di questi interessò l’area di Piano Geli, a Monreale, e furono necessari interventi lunghi e costosi per domare le fiamme.

Fu necessario l’intervento di due squadre, supportate da due moduli boschivi antincendio, e le fiamme lambivano le abitazioni. Quasi due anni dopo la giustizia ha fatto il suo corso e sono stati individuati i responsabili degli eventi catastrofici di quell’estate.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.