Oggi è 09/12/2018

Cronaca

Tommaso Gullo (ARCI): “Non è bloccando i flussi migratori che si acquisiranno diritti”

“Italia sicura come non mai. Sui diritti si deve svolgere la battaglia più importante. In questa perenne ricerca del nemico, a pagarne le spese sono sempre e comunque i più deboli”

Pubblicato il 30 agosto 2018

Tommaso Gullo (ARCI): “Non è bloccando i flussi migratori che si acquisiranno diritti”

Monreale, 30 agosto 2018 – Fa specie, nel 2018, sentire riaffiorare parole come razza, muri, confini, identità, sovranità, parole lanciate come brandelli di carne in mezzo a branchi di cani rabbiosi. 

Ma, in fondo, il detto homo homini lupus (l’uomo è lupo per l’altro uomo) è sempre attuale, e gli antichi sapevano bene come scatenare i peggiori istinti umani e non hanno mai perso l’occasione di farlo.

Ad amplificare la cosa, i social network, mezzi nati per svago oggi sono veri organi di stampa, e non a caso i partiti al governo sono anche i più abili nel diffondere i propri contenuti attraverso questi. 

Orde di utenti pronti a sbranarsi con chi non condivide la propria idea, una vera e propria macchina da guerra per radicalizzare le proprie opinioni senza un briciolo di analisi critica. Ogni argomento, dalla politica alla chimica nucleare, diventa quindi, campo di battaglia per acuire dicotomie e odio sociale. Una lenta opera di auto-convincimento dalla quale non tutti però hanno i mezzi per uscirne.

Prendiamo ad esempio il tema dell’immigrazione. 

A nulla servono i numeri ufficiali che rappresentano un’Italia sicura come non mai e smentiscono ogni teoria sull’invasione, gran parte degli italiani è fermamente convinta che questo stia accadendo. Lo dimostra uno studio dell’Istituto Cattaneo, secondo il quale il 70% degli italiani è convinto che ci siano il 25% di cittadini stranieri, in realtà sono il 9% – compresi quelli comunitari.

Malgrado ciò, su di questi si è aperto un dibattito talmente aspro da sfociare in molti casi in razzismo e xenofobia. 

Ma le ragioni di questo rancore sono tutt’altro che virtuali e hanno delle ragioni ben precise. 

Abbiamo vissuto una crisi economica importante, che ha aperto una competizione al ribasso a danno dei diritti dei lavoratori appannaggio delle aziende e se a questa aggiungiamo esternalizzazioni e blocco del turn over (ricambio aziendale privato e pubblico), per i lavoratori il destino è segnato. 

Tutti i pilastri del mercato globale sono stati messi in discussione e aperto una vera e propria guerra commerciale che vede coinvolti gran parte dei continenti. Una frattura che ha fatto riemergere concetti che avevamo in qualche modo archiviato, come l’autarchia e il sovranismo. 

C’è anche un lato culturale del nostro paese che forse non andrebbe sottovalutato. Al contrario dei più noti paesi colonizzatori (Francia, Inghilterra, Portogallo e Spagna), che hanno avuto dei precisi obblighi con i paesi colonizzati, l’Italia non ha mai avuto flussi importanti di migranti, per noi è un fenomeno relativamente recente e si scontra con una società probabilmente poco pronta, e in questo ci verranno in soccorso le seconde generazioni. 

In questa perenne ricerca del nemico, a pagarne le spese sono sempre e comunque i più deboli. I nostri giovani (specie laureati) riescono raramente a trovare uno sbocco lavorativo e sono costretti ad andare all’estero, quelli che rimangono vedono ogni giorno ridursi diritti e dignità ponendosi in netta contrapposizione con quelli ancora più deboli, come per l’appunto i migranti. 

In questa lotta impari assistiamo impassibili ad aziende italiane che esternalizzano verso l’Est Europa (vedi FIAT); agli enti pubblici come ospedali e scuole che non assumono da decenni, anzi, perennemente tagliati se non chiusi; ad un tessuto produttivo nella stragrande maggioranza dei casi ottocentesco; allo sfruttamento (fino alla schiavitù) dei lavoratori e alla corruzione. 

Io faccio parte dell’arci, un’associazione che ha come missione l’affermazione dei diritti, perché è sui diritti che si deve svolgere la battaglia più importante e che dovrebbe vederci tutti protagonisti. Una nazione dove esiste una parte di popolo senza cittadinanza è una nazione senza giustizia. E per cittadinanza non intendo certo lo status giuridico, per cittadinanza intendo il riconoscimento della dignità delle persone. Oggi sono senza cittadinanza i disoccupati, le coppie di fatto, i senza casa, alcune donne, le vittime di discriminazioni, chi non può curarsi nella propria città; tutti quelli a cui lo Stato non ha ancora dato delle risposte. 

Perché non è certo bloccando i flussi migratori che si acquisiranno diritti, gli esseri umani migrano da millenni e noi che viviamo in una terra circondata dal mare sappiamo bene quanto ci abbia donato la contaminazione dei popoli e delle culture. Noi che siamo stati un popolo di migranti, e lo siamo tutt’ora, sappiamo le ragioni che spingono una persona a lasciare la propria terra. 

Lasciamo parlare la nostra storia, non la paura, quella è inconfutabile. Il futuro dobbiamo costruirlo noi, su quello abbiamo le responsabilità più grandi e ricadere negli stessi errori del passato non è mai stata una buona ricetta. 

(Tommaso Gullo, presidente ARCI Palermo)

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, fiocco azzurro per il consigliere comunale Antonella Giuliano

    Cronaca

    Monreale, 9 dicembre 2018 - Arriva un fiocco azzurro all'intero del consiglio comunale di Monreale. A dare la bella notizia è su Facebook la stessa mamma Antonella Giuliano, consigliere comunale del gruppo Forza Italia che nel giorno dell'Immacolata ha dato alla luce il suo secondo genito. Al con..

    Continua a Leggere

  • Albergheria, un quartiere abbandonato tra rifiuti e mercato dell’usato

    Cronaca

    [gallery ids="85594,85592,85591,85590,85589,85587,85586,85584,85585,85583,85582,85581,85580,85579,85578,85576,85577,85575,85574,85573,85572,85571,85570,85569,85568"] Palermo, 9 dicembre 2018 - Qualche bancarella resta anche durante il giorno, ma solitamente il mercato dell'usato all'Albergheria h..

    Continua a Leggere

  • 9 dicembre, nasceva Bruno Trentin, Segretario Generale della CGIL

    Cronaca

    Monreale, 9 dicembre 2018 - il 9 dicembre 1926 nasce Bruno Trentin in Francia, a Cedon de Pavie. Il padre Silvio e la sua famiglia vi trovarono esilio dopo che il regime fascista aveva soppresso tutte le libertà. Partecipa come partigiano alla lotta di liberazione, è dirigente del Partito d'..

    Continua a Leggere

  • Palermo batte Padova 3-1 e resta in testa alla classifica

    Cronaca

    Palermo, 8 dicembre 2018 - Si è tenuta oggi la partita Padova - Palermo, conclusasi 1-3, presso lo Stadio Euganeo. La gara è iniziata in salita per il Palermo, che schiera Brignoli in porta e Szyminski centrale insieme a Rajkovic, Aleesami e Salvi; Chochev ha sostituito lo squalificato Jajalo, com..

    Continua a Leggere

  • Associazione Nati Due Volte, anche quest’anno arriva il mercatino di Natale

    Cronaca

    Monreale, 8 dicembre 2018 - Come gli scorsi anni anche questo Natale l'associazione Nati ..

    Continua a Leggere

  • Il presepe di Nicolò Giuliano esposto all’aeroporto “Falcone – Borsellino”

    Cronaca

    [gallery ids="85537,85536,85535,85534"] Palermo, 8 dicembre 2018 - Esposto all’Aeroporto di Palermo “Falcone - Borsellino” il presepe realizzato dall’artista monrealese Nicolò Giuliano. Il presepe è stato collocato ieri pomeriggio. Oggi, alla presentazione, presenti numerose person..

    Continua a Leggere

  • “Mio padre con i Badalamenti non c’entra nulla, e il disprezzo era reciproco”

    Cronaca

    [gallery ids="85521,85520,85519,85518"] Monreale, 8 dicembre 2018 - Si è svolta ieri, presso la Casa Cultura Santa Caterina, la presentazione del libro “Sono nata Badalamenti” di Maria Badalamenti che lotta quotidianamente affinché il suo nome e soprattutto quello di suo padre non sia assoc..

    Continua a Leggere

  • Biagio, Giorgia e Martina tornano in acqua. Liberate nella Baia del Corallo le tre tartarughe VIDEO

    Cronaca

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2018/12/VID-20181207-WA0028.mp4"][/video] Le hanno chiamate Biagio, Giorgia e Martina. Sono le tre tartarughe che questa mattina hanno potuto riabbracciare il mare, dopo esse..

    Continua a Leggere

  • Centro per l’impiego, prossima settimana previsto il trasloco. Prima di Natale l’apertura

    Cronaca

    Monreale, 7 dicembre 2018 - Sembra che l'apertura della nuova sede che ospiterà gli uffici del Centro per l'impiego sia vicina, anche a maggio scorso sembrava esserlo ma una serie di rinvii hanno allungato i tempi. Oggi si parla di una riapertura prima di Natale, intanto tra giorno 11 e 12 dicembre..

    Continua a Leggere

  • Meteo, un forte vento di maestrale farà volare le carte per l’Immacolata

    Cronaca

    Monreale, 7 dicembre 2018 -Oggi è iniziato con il sole poi giungeranno nuove nubi. Un weekend variabile, con venti in rinforzo. La giornata di domani si presenta nuvolosa e ventosa con temperature da 13°C a 18°C sul territorio monrealese. Gli ultimi aggiornamenti dicono che la bordata gelida p..

    Continua a Leggere

  • Raccolta differenziata, la Regione premia con 2 milioni Giardinello, Giuliana, Montelepre e Pollina

    Cronaca

    Monreale, 7 dicembre 2018 - Due milioni di euro andranno per i Comuni siciliani virtuosi, in tema di rifiuti solidi urbani, che nel corso del 2017 hanno superato il 65 per cento della raccolta differenziata. In provincia di Palermo spiccano Giardinello, Giuliana, Montelepre e Pollina. La Region..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Lacrime e dolore al funerale di Saverio La Mantia

    Cronaca

     

    Continua a Leggere

  • Giacalone , acqua non potabile. Il comune ne vieta l’utilizzo

    Cronaca

     Monreale, 7 dicembre 2018 - Dal controllo di routine sulla potabilità delle acque immesse nelle reti idriche comunali, è emerso il superamento dei parametri imposti da legge. Questa mattina è stata l’AMAP di Palermo a darne comunicazione al co..

    Continua a Leggere

  • CUPOLA 2.0. Continuano gli arresti

    Cronaca

    Palermo, 7 dicembre 2018 - Continua l'operazione "CUPOLA 2.0", condotta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo. Questa notte i Carabinieri della Stazione di Misilmeri hanno rintracciato e arrestato Francesco Giusto Mangiapane. Il Mangiapane, di anni 42, nato a Ciminna (Pa) e ..

    Continua a Leggere

  • Via Esterna San Nicola, la frana ha distrutto il muro laterale. Martedì sopralluogo dei tecnici

    Cronaca

    [gallery ids="85386,85387,85388,85389"] Monreale, 7 dicembre 2018 - Martedì prossimo i tecnici dell'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata svolgeranno un sopralluogo in via Esterna San Nicola. Il tratto stradale i..

    Continua a Leggere

  • Monreale Città del Mosaico. Sì, ma quale?

    Cronaca

    Monreale, 7 dicembre 2018 - Dal 2015, come forse non tutti sanno, Monreale è stata fregiata del titolo di Città del Mosaico. E a ben vedere! Considerando gli illustri esempi di mosaico che è possibile ammirare naso all’insù dentro il Duomo, sarebbe strano forse n..

    Continua a Leggere

  • Famiglie bisognose, Asfa Sicilia distribuisce derrate alimentari

    Cronaca

    Il sindaco di Monreale Piero Capizzi e l’assessore Comunale Alessandro Zingales, questa mattina hanno incontrato nella sede dell’associazione “Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) situata in una villa confiscata alla mafia in contrada Grotte Favara, il cavalier..

    Continua a Leggere

  • Marcia della Pace e Festa dei Popoli a Balestrate

    Cronaca

    Monreale, 6 dicembre 2018 - Quest'anno la Marcia della Pace e Festa dei Popoli, si svolgerà a Balestrate, Sabato 29 Dicembre alle ore 16.30. Su indicazione di Mons. Arcivescovo Pennisi la comunità è chiamata alla riflessione sul tema della 52a Giornata Mondiale..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com