Oggi è 19/12/2018

Cronaca

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Sergio Damiani è stato definito il Nuovo Papa

Pubblicato il 11 giugno 2018

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia – Sezione territoriale di Palermo, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata.

L’operazione costituisce la naturale prosecuzione delle precedenti indagini dei Carabinieri denominate “Quattropuntozero” e“Montereale”, relative al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia mafiosa di Monreale e all’esito delle quali, tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto molti esponenti apicali del medesimo sodalizio.

In particolare, sono stati raggiunti dall’odierno provvedimento restrittivo:

  1. DAMIANI Sergio, classe 1970, panettiere, ritenuto reggente della famiglia di Monreale e già riconosciuto uomo d’onore della medesima famiglia mafiosa (lo stesso era infatti nipote del defunto DAMIANI Settimo, capo dell’organizzazione mafiosa monrealese prima dell’avvento dello storico boss BALSANO Giuseppe);
  2. LUPO Salvatore, classe 1988, già reggente della famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado lo scorso 24 aprile alla pena di 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso;
  3. SPINA Girolamo, classe 1966, personaggio di spicco della famiglia mafiosa di San Giuseppe Jatorecentemente condannato in primo grado alla pena di 9 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  4. BILLETTA Salvatore, classe 1969, appartenente alla famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado alla pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  5. ALAMIA Antonino, classe 1964, cassiere del mandamento mafioso di San Giuseppe Jatocondannato in primo grado alla pena di 12 anni di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  6. SCIORTINO Antonino, classe 1960, muratore.

Le complesse indagini hanno consentito di:

–     documentare la riorganizzazione territoriale di cosa nostra, avvenuta nell’arco di pochi mesi, dopo l’esecuzione delle operazioni anzidetti, consentendo, in particolare, di individuare i vertici ed i nuovi assetti della storica famiglia mafiosa di Monreale;

–     confermare come la famiglia mafiosa di Monreale costituisca una delle articolazioni più rilevanti del mandamento di San Giuseppe Jato, anche in considerazione della posizione strategica attesa la vicinanza alla città di Palermo e alle altre famiglie mafiose della provincia palermitana;

–     comprendere con modalità oggettive e documentate come si sia verificata nel tempo all’interno dell’organizzazione mafiosa del mandamento di San Giuseppe Jato – e della famiglia di Monreale in particolare – una rapida evoluzione degli equilibri associativi;

–     delineare l’organigramma della famiglia mafiosa di Monreale;

–     ricostruire due vicende estorsive ai danni di imprenditori del settore edile;

–     accertare l’esistenza di una vera e propria cassa gestita dal mandamento di San Giuseppe Jato, al cui interno periodicamente confluivano le risorse illecitamente acquisite dagli indagati, derivanti prevalentemente dalle estorsioni praticate su larga scala nel territorio di Monreale.

Più in dettaglio, l’indagine dei Carabinieri ha permesso di acquisire numerosi elementi indiziari a carico di Sergio DAMIANI, attualmente detenuto (per effetto della condanna definitiva a 11 anni di reclusione per associazione mafiosa a seguito dell’arresto nell’ambito dell’operazione “Nuovo Mandamento”), che tuttavia era stato già individuato quale reggente della famiglia di Monreale non appena scarcerato.

La sua designazione nel senso è riemersa nel corso di un’intercettazione ambientale tra BRUSCIA Alberto ed il cognato LUPO Salvatore i quali, discutendo del ruolo di reggente assegnato qualche giorno prima proprio a quest’ultimo dai vertici del mandamento di San Giuseppe Jato, si mostravano comunque consapevoli che tale incarico sarebbe prima o poi cessato con la nomina di una persona di più elevato spessore mafioso, che peraltro gli stessi individuavano nell’uomo d’onore DAMIANI Sergio (Lupo: Nuovo Papa… nuovo Papa a chi mettono? ….. Non hanno nessuno, forse non lo hai capito. L’unico PAPA che poteva essere con loro sai chi era? SERGIO!).

Inoltre, le attività tecniche condotte dai Carabinieri di Monreale hanno riscontrato come il subentro del DAMIANI nella reggenza della famiglia monrealese sarebbe stato particolarmente gradito a BRUNO Ignazio, deputato a sostituire AGRIGENTO Gregorio alla reggenza del mandamento della valle dello Jato anche per il rapporto di lunga e duratura amicizia che lo aveva legato all’esponente della famiglia monrealese.

Dalle indagini è emerso anche il ruolo di tutto rilievo assunto da SCIORTINO Antonino che, per la sua caratura criminale (già comprovata da una pregressa detenzione nel febbraio del 2002 per fatti di criminalità organizzata di stampo mafioso), è stato materialmente “affiliato” alla famiglia di Monreale con l’avallo dei vertici mandamentali di San Giuseppe Jato, manifestato con una formale autorizzazione da parte di SPINA Girolamo.

Peraltro, all’interno del nuovo assetto di potere determinato nella famiglia mafiosa di Monreale, era stato riservato un ruolo di primissimo piano, oltre che al citato  SCIORTINO Antonino, anche a BILLETTA Salvatore; gli stessi, nelle intenzioni dei vertici della consorteria, avrebbero dovuto interessarsi, in particolare, dell’individuazione delle attività edilizie da assoggettare al pagamento delle estorsioni per garantire gli introiti nelle casse del mandamento e assicurare il controllo del tessuto economico e sociale sul territorio; in tale contesto, numerose conversazioni intercettate hanno confermato come tutte le condotte illecite poste in essere dai vertici della famiglia mafiosa di Monreale e dai loro sodali erano finalizzate al reperimento di risorse da far confluire nelle casse del mandamento di San Giuseppe Jato, gestite in prima persona da ALAMIA Antonino.

In definitiva, l’aspetto più particolare emerso nel corso delle investigazioni è rappresentato, da un lato, dal potere di rigenerazione che la famiglia mafiosa di Monreale ha dimostrato al proprio interno e, dall’altro, dal persistente ricorso alle attività estorsive ai danni di attività commerciali per garantire il sostentamento della consorteria; infatti, sono state documentate richieste estorsive nei confronti di due imprenditori edili locali costretti a versare cospicue somme di denaro per ogni nuovo appartamento da loro realizzato, nonché ad affidare a ditte “gradite” al sodalizio i lavori per la realizzazione degli impianti elettrici e idraulici negli immobili in costruzione.

È evidente, dunque, come il racket delle estorsioni continui a costituire per le famiglie mafiose uno strumento di accumulazione illecita di risorse e, nel contempo, un’attività funzionale al concreto esercizio del potere per il controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione.

VEDI INTERVISTA AL COLONNELLO DE SIMONE

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • SRR Palermo Ovest: eletto il nuovo CDA. Tubiolo da Commissario diventa Presidente

    Cronaca

    Monreale, 19 dicembre 2018 - Natale Tubiolo da commissario straordinario è diventato presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ente. È questa in estrema sintesi la conclusione a cui si è giunti ieri pomeriggio nel corso dell’assemblea dei soci della SRR Palermo Ovest. Ma è anche emers..

    Continua a Leggere

  • Il video di Natale dell’ospedale dei bambini dedicato al dottor Liotta

    Cronaca

    [embed]https://youtu.be/m-YrYW38rS0[/embed] Palermo, 19 dicembre 2018 -Babbo Natale sta male, arriva al Pronto soccorso, presto fibrillatori in mano e i medici fanno il possibile per rianimarlo. Quando sembra non esserci più speranza però l'uomo si sveglia. Scoppia la festa nella sala di rianim..

    Continua a Leggere

  • Statue sacre al posto dei rifiuti. L’idea sembra funzionare

    Cronaca

    Monreale, 19 dicembre 2018 - Nei giorni scorsi alcuni cittadini hanno posizionato al bivio Caculla una statua della Madonna fornita da padre Elisee, parroco della Chiesa di Fiumelato. Un cittadino ha anche donato un rosario che è stato aggiunto all'immagine sacra. Si è conclusa questa prima fase c..

    Continua a Leggere

  • Approvati dal consiglio comunale i cantieri di lavoro

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - A distanza di un mese, dopo quattro consigli comunali chiusi per assenza di numero legale, oggi è arrivata la ratifica del punto all'ordine del giorno che prevede l'avvio dei cantieri di lavoro. Previsti interventi per rendere più fruibile una strada comunale, via..

    Continua a Leggere

  • Numerose case svaligiate a Monreale. Presa di mira dai ladri via Regione Siciliana

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Case di villeggiatura svaligiate, danneggiamenti, intrusioni notturne e talvolta anche alla luce del sole. E' allarme furti nelle periferie di Monreale. In questi giorni ad essere prese di mira da alcuni furfanti sono le villette che si trovano nelle contrade del mo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Per 9 precari del comune dal primo gennaio contratto a tempo indeterminato

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - È stata approvata questa mattina la graduatoria che permetterà a 9 dipendenti del comune di Monreale, assunti a tempo determinato e parziale, di passare entro il 31 dicembre ad un contratto a tempo indeterminato e parziale. Sono state 27 le domande pervenite al comu..

    Continua a Leggere

  • Serena Potenza è il nuovo assessore. Si ricostituisce la giunta

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - È Serena Potenza, 40 anni, palermitana, il nuovo assessore comunale alla Pubblica Istruzione, ai Beni culturali, alla Trasparenza e alla Comunicazione. 

    Laureata in Scienze Politiche, indirizzo in Relazioni e Politiche Internaziona..

    Continua a Leggere

  • “Domus Dei et Ianua Coeli”, giovedì alle 10:30 la conferenza stampa presso la Sala Rossa

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - In vista del concerto che, come detto in un altro articolo, si terrà giovedì 20 dicembr..

    Continua a Leggere

  • Intervento sugli alloggi di Aquino. Caputo: “Le parole valgono zero. Servono atti concreti”. Monreale Bene Comune: “Cosa c’entra Salvino Caputo con questi lavori?”

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Questa mattina sono già al lavoro gli operai inviati dallo Iacp di Palermo per risolvere il problema legato alla mancata erogazione idrica all'interno degli immobili. 

    Continua a Leggere

  • “Un dolce di solidarietà”, domenica vendita di beneficenza al Collegio di Maria

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Domenica dalle 9 le Confraternite del SS. Crocifisso e di San Castrense, come ormai consuetudine, danno vita alla VIII edizione della fiera del dolce con il titolo..


  • Nell’ospedale Ingrassia “Ti curo leggendo”: un’iniziativa per pazienti e familiari

    Cronaca

    Monreale, 18 dicembre 2018 - Dal 17 al 21 dicembre verrà allestita una piccola biblioteca in Ospedale attraverso la donazione di un libro. Un percorso di umanizzazione intrapreso dal Presidio Ospedaliero “Ingrassia” di Palermo, si chiama “Ti curo leggendo”. La consegna dei..

    Continua a Leggere

  • Pubblicato il “calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico”, ma Monreale non è in lista

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - È stato reso pubblico il decreto, rilasciato dall'Assessorato Regionale al Turismo, con cui vengono calendarizzati gli eventi "di grande richiamo turistico". Si tratta di eventi eccellenti che vanno dalle feste di carnevale fino alle rappresentazioni classiche. Le ma..

    Continua a Leggere

  • Famiglie bisognose, mercoledì la distribuzione delle derrate alimentari in contrada Grotte- Favara

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Nella sede dell’associazione “Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) nella villa confiscata alla mafia in contrada Grotte Favara verranno distribuite delle derrate alimentari a favore delle famiglie bisognose del territorio comunale.  L..

    Continua a Leggere

  • Il coro della scuola P. Novelli si esibisce per gli anziani della casa di riposo Benedetto Balsamo

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina i bambini del coro della Direzione Didattica Pietro N..

    Continua a Leggere

  • Era conosciuto come Aldo il pittore. Accanto al corpo del clochard vegliava il suo gatto

    Cronaca

    Palermo, 17 dicembre 2018 - Aid Abdellah, conosciuto come Aldo, è il nome dell’uomo 56enne di origine musulmana che è stato freddato mentre dormiva sotto i portici di piazzale Ungheria. Il clochard è stato trovato agonizzante con una profonda ferita alla testa intorno alle 7,30. A lanciare l’..

    Continua a Leggere

  • Aquino, case popolari di nuovo senza acqua. Inutile l’intervento dei giorni scorsi

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Siamo di nuovo alle prese con le case popolari di via Santa Liberata..

    Continua a Leggere

  • Corsa contro il tempo. SOS cuccioli cercano casa

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Questa mattina tre cuccioli sono stati trovati all'interno di una sc..

    Continua a Leggere

  • La Parrocchia di San Giuseppe al Malpasso inaugura il suo presepe

    Cronaca

    Monreale, 17 dicembre 2018 - Tra i tanti presepi che in questo periodo abbelliscono chiese e luoghi..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com