Oggi è 26/08/2019

Cronaca

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Sergio Damiani è stato definito il Nuovo Papa

Pubblicato il 11 giugno 2018

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia – Sezione territoriale di Palermo, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata.

L’operazione costituisce la naturale prosecuzione delle precedenti indagini dei Carabinieri denominate “Quattropuntozero” e“Montereale”, relative al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia mafiosa di Monreale e all’esito delle quali, tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto molti esponenti apicali del medesimo sodalizio.

In particolare, sono stati raggiunti dall’odierno provvedimento restrittivo:

  1. DAMIANI Sergio, classe 1970, panettiere, ritenuto reggente della famiglia di Monreale e già riconosciuto uomo d’onore della medesima famiglia mafiosa (lo stesso era infatti nipote del defunto DAMIANI Settimo, capo dell’organizzazione mafiosa monrealese prima dell’avvento dello storico boss BALSANO Giuseppe);
  2. LUPO Salvatore, classe 1988, già reggente della famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado lo scorso 24 aprile alla pena di 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso;
  3. SPINA Girolamo, classe 1966, personaggio di spicco della famiglia mafiosa di San Giuseppe Jatorecentemente condannato in primo grado alla pena di 9 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  4. BILLETTA Salvatore, classe 1969, appartenente alla famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado alla pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  5. ALAMIA Antonino, classe 1964, cassiere del mandamento mafioso di San Giuseppe Jatocondannato in primo grado alla pena di 12 anni di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  6. SCIORTINO Antonino, classe 1960, muratore.

Le complesse indagini hanno consentito di:

–     documentare la riorganizzazione territoriale di cosa nostra, avvenuta nell’arco di pochi mesi, dopo l’esecuzione delle operazioni anzidetti, consentendo, in particolare, di individuare i vertici ed i nuovi assetti della storica famiglia mafiosa di Monreale;

–     confermare come la famiglia mafiosa di Monreale costituisca una delle articolazioni più rilevanti del mandamento di San Giuseppe Jato, anche in considerazione della posizione strategica attesa la vicinanza alla città di Palermo e alle altre famiglie mafiose della provincia palermitana;

–     comprendere con modalità oggettive e documentate come si sia verificata nel tempo all’interno dell’organizzazione mafiosa del mandamento di San Giuseppe Jato – e della famiglia di Monreale in particolare – una rapida evoluzione degli equilibri associativi;

–     delineare l’organigramma della famiglia mafiosa di Monreale;

–     ricostruire due vicende estorsive ai danni di imprenditori del settore edile;

–     accertare l’esistenza di una vera e propria cassa gestita dal mandamento di San Giuseppe Jato, al cui interno periodicamente confluivano le risorse illecitamente acquisite dagli indagati, derivanti prevalentemente dalle estorsioni praticate su larga scala nel territorio di Monreale.

Più in dettaglio, l’indagine dei Carabinieri ha permesso di acquisire numerosi elementi indiziari a carico di Sergio DAMIANI, attualmente detenuto (per effetto della condanna definitiva a 11 anni di reclusione per associazione mafiosa a seguito dell’arresto nell’ambito dell’operazione “Nuovo Mandamento”), che tuttavia era stato già individuato quale reggente della famiglia di Monreale non appena scarcerato.

La sua designazione nel senso è riemersa nel corso di un’intercettazione ambientale tra BRUSCIA Alberto ed il cognato LUPO Salvatore i quali, discutendo del ruolo di reggente assegnato qualche giorno prima proprio a quest’ultimo dai vertici del mandamento di San Giuseppe Jato, si mostravano comunque consapevoli che tale incarico sarebbe prima o poi cessato con la nomina di una persona di più elevato spessore mafioso, che peraltro gli stessi individuavano nell’uomo d’onore DAMIANI Sergio (Lupo: Nuovo Papa… nuovo Papa a chi mettono? ….. Non hanno nessuno, forse non lo hai capito. L’unico PAPA che poteva essere con loro sai chi era? SERGIO!).

Inoltre, le attività tecniche condotte dai Carabinieri di Monreale hanno riscontrato come il subentro del DAMIANI nella reggenza della famiglia monrealese sarebbe stato particolarmente gradito a BRUNO Ignazio, deputato a sostituire AGRIGENTO Gregorio alla reggenza del mandamento della valle dello Jato anche per il rapporto di lunga e duratura amicizia che lo aveva legato all’esponente della famiglia monrealese.

Dalle indagini è emerso anche il ruolo di tutto rilievo assunto da SCIORTINO Antonino che, per la sua caratura criminale (già comprovata da una pregressa detenzione nel febbraio del 2002 per fatti di criminalità organizzata di stampo mafioso), è stato materialmente “affiliato” alla famiglia di Monreale con l’avallo dei vertici mandamentali di San Giuseppe Jato, manifestato con una formale autorizzazione da parte di SPINA Girolamo.

Peraltro, all’interno del nuovo assetto di potere determinato nella famiglia mafiosa di Monreale, era stato riservato un ruolo di primissimo piano, oltre che al citato  SCIORTINO Antonino, anche a BILLETTA Salvatore; gli stessi, nelle intenzioni dei vertici della consorteria, avrebbero dovuto interessarsi, in particolare, dell’individuazione delle attività edilizie da assoggettare al pagamento delle estorsioni per garantire gli introiti nelle casse del mandamento e assicurare il controllo del tessuto economico e sociale sul territorio; in tale contesto, numerose conversazioni intercettate hanno confermato come tutte le condotte illecite poste in essere dai vertici della famiglia mafiosa di Monreale e dai loro sodali erano finalizzate al reperimento di risorse da far confluire nelle casse del mandamento di San Giuseppe Jato, gestite in prima persona da ALAMIA Antonino.

In definitiva, l’aspetto più particolare emerso nel corso delle investigazioni è rappresentato, da un lato, dal potere di rigenerazione che la famiglia mafiosa di Monreale ha dimostrato al proprio interno e, dall’altro, dal persistente ricorso alle attività estorsive ai danni di attività commerciali per garantire il sostentamento della consorteria; infatti, sono state documentate richieste estorsive nei confronti di due imprenditori edili locali costretti a versare cospicue somme di denaro per ogni nuovo appartamento da loro realizzato, nonché ad affidare a ditte “gradite” al sodalizio i lavori per la realizzazione degli impianti elettrici e idraulici negli immobili in costruzione.

È evidente, dunque, come il racket delle estorsioni continui a costituire per le famiglie mafiose uno strumento di accumulazione illecita di risorse e, nel contempo, un’attività funzionale al concreto esercizio del potere per il controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione.

VEDI INTERVISTA AL COLONNELLO DE SIMONE

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • L’utilizzo aggressivo della parola nei media come strumento di persuasione del debole

    Cronaca

    Soffrire di insonnia ciclica credo non sia per nessuno una passeggiata di salute. Per quanto mi riguarda le notti parzialmente insonni che trascorro inerme, stesa sul letto, immersa nell'oscurità, rappresentano la mia personale "croce e delizia". Croce perché la mancanza di sonno acuisce una mia g..

    Continua a Leggere

  • San Giuseppe Jato, rissa tra due donne. Ferita una delle due al volto

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Una lite a San Giuseppe Jato in via Anime Sante. La rissa tra due donne per motivi che sono al centro delle indagini dei carabinieri.

    Una delle due ha preso una pistola a pallini e ha sparato. Una donna è st..

    Continua a Leggere

  • Non accetta la fine del rapporto, minaccia l’ex fidanzata. Arrestato 18enne a Monreale

    Cronaca

    MONREALE- La Polizia di Stato ha tratto in arresto un 18enne palermitano dell’Albergheria, poiché responsabile del reato di atti persecutori nei confronti di una coetanea, sua ex fidanzata. I poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico sono intervenuti c..

    Continua a Leggere

  • L’Italia non è un paese per giovani

    Cronaca

    L’Italia non è un paese per giovani. Continua la crescita, in termini assoluti e relativi, della popolazione anziana. Al 1° gennaio 2019 gli over 65enni sono 13,8 milioni (il 22,8% della popolazione), i giovani fino a 14 anni sono circa 8 milioni (il 13,2%), gli individui in età attiva ..

    Continua a Leggere

  • Il rogo all’isola ecologica di San Giuseppe Jato e il delicato settore dei rifiuti

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Venerdì un rogo si è propagato all'interno dell'area ecologica di contrada Traversa a San Giuseppe Jato. L'incendio, partito da alcune sterpaglie nelle vicinanze, si è allargato fino a dentro l'area in cui viene gestito il ..

    Continua a Leggere

  • Alturestival 2019 arriva a Monreale: stasera al Castellaccio concerto del pianista Diego Spitaleri

    Cronaca

    MONREALE - Tante le attività in programma questa estate nella cittadina normanna, e tra queste anche l'Alturestival 2019, festival organizzato dal Club Alpino Siciliano, dall'associazione culturale Formedonda e da Le Due Sicilie srl. Gli appuntamenti di quest..

    Continua a Leggere

  • Altofonte, trovato morto Salvatore Polizzano

    Cronaca

    ALTOFONTE - Un uomo ieri è stato trovato morto in casa ad Altofonte (Pa) in via Veronica. A chiedere l'intervento dei carabinieri e del 118 è stato il fratello. I sanitari del 118 hanno provato a rianimarlo, ma senza successo. Salvatore Polizza..

    Continua a Leggere

  • Tiziana Cannavò, dai banchi del liceo classico Basile di Monreale alla dirigenza di un istituto superiore

    Cronaca

    MONREALE - Frequentava i banchi del Liceo Classico E. Basile di Monreale, oggi è alla guida di un istituto scolastico. Un lungo salto per la Professoressa Tiziana Cannavò, docente di italiano e latino presso il lic..


  • Monreale, grande successo per il concerto (gratuito) di Daria Biancardi

    Cronaca

    [gallery ids="115389,115390,115391,115392,115393,115394"] MONREALE - Tanti applausi, grande partecipazione, ma anche molta sorpresa per la prima parte del cartellone estivo di spettacoli organizzato dall’amministrazione comu..


  • Appiccava un incendio a Grisì, arrestato monrealese di 46 anni

    Cronaca

    GRISÌ (Monreale): Arrestato monrealese di 46 dai Carabinieri. Avrebbe appiccato un incendio incontrollato su un terreno ricoperto da sterpaglie che interessava un’area di circa 100 mq nel centro abitato di Grisì. L’indagine è stata avviata..


  • Fioccano le multe ai locali in provincia di Palermo: discoteche abusive e somministrazione di cibo e alcolici senza autorizzazione

    Cronaca

    PALERMO - Nell'ultima settimana la polizia di stato ha effettuato controlli amministrativi estremamente scrupolosi in numerosi locali della provincia palermitana in cui, durante l'estate, si riversano numerosi vacanzieri metropolitani. Requisiti di sicurezza, igi..


  • Monreale, casa distrutta dal fuoco a monte Caputo: il comune mette in sicurezza l’immobile sottostante

    Cronaca

    MONREALE - Sono iniziati i lavori propedeutici al recupero dell'immobile danneggiato dal tremendo incendio dello scorso mese, come rende noto il sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono con un post sul suo profilo Facebook.


  • Altofonte, tenta di uccidere un uomo, i Carabinieri arrestano un 40enne

    Cronaca

    ALTOFONTE – Tutto nasce da una banale lite fra due bambini, un papà li rimprovera ma all’altro padre questa cosa non sta bene ed allora decide di vendicare l’onore del figlio, di soli 11 anni. Ecco il motivo che ha portato G.a., di 40 anni..


  • Rimini, al meeting di Comunione e Liberazione il Concerto Multimediale “Domus Dei et Ianua Coeli” sotto la regia di Alessandro Spinnato, ispirato ai mosaici del Duomo di Monreale

    Cronaca

    [gallery ids="115301,115302,115303,115304,115305,115306,115307,115308,115309,115310,115311,115312,115313,115314,115315,115316,115317,115318,115319,115320"] RIMINI - Si è tenuto ieri sera, all’interno della sala Neri, nel corso del Meeting d..


  • Grotta di Monreale: le riprese esclusive dell’interno. Ecco la storia centenaria delle spedizioni esplorative (VIDEO)

    Cronaca

    MONREALE - È ormai risaputo che sotto Monreale, e per la precisione sotto la piramide a vetri di piazza Vittorio Emanuele, è presente una profonda grotta che ha recentemente attirato l'attenzione dell'amministrazione e della Proloco, interessate a renderla visi..


  • Stasera Daria Biancardi in concerto in piazza Guglielmo

    Cronaca

    MONREALE - Dopo Castelbuono, Cefalù, Giardinello, Castellammare del Golfo Daria Biancardi farà tappa a Monreale. La cantante si esibirà in piazza Guglielmo II sabato 24 agosto alle ore 21. L'artista è nota per le partecipazioni ai talent “All Together Now” e “The V..


  • Monreale, Emanuele Giardi non dormirà più in una panchina, partita la macchina della solidarietà

    Cronaca

    MONREALE - Anche questa volta la città di Monreale fa quadrato nei confronti di una persona sfortunata. Dopo la recente carovana di solidarietà sviluppatasi in pochi giorni nei confronti della famiglia Gerardi/Macaluso che ha perso la casa di M..


  • Neo Dirigenti Scolastici a Partinico, Borgetto, Bisacquino e San Giuseppe

    Cronaca

    MONREALE - È stato pubblicato oggi il decreto con cui il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico ha individuato le istituzioni scolastiche cui sono stati destinati i nuovi dirigenti scolastici a partire del prossimo anno scolastico 201..