Oggi è 16/06/2019

Cronaca

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Sergio Damiani è stato definito il Nuovo Papa

Pubblicato il 11 giugno 2018

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia – Sezione territoriale di Palermo, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata.

L’operazione costituisce la naturale prosecuzione delle precedenti indagini dei Carabinieri denominate “Quattropuntozero” e“Montereale”, relative al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia mafiosa di Monreale e all’esito delle quali, tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto molti esponenti apicali del medesimo sodalizio.

In particolare, sono stati raggiunti dall’odierno provvedimento restrittivo:

  1. DAMIANI Sergio, classe 1970, panettiere, ritenuto reggente della famiglia di Monreale e già riconosciuto uomo d’onore della medesima famiglia mafiosa (lo stesso era infatti nipote del defunto DAMIANI Settimo, capo dell’organizzazione mafiosa monrealese prima dell’avvento dello storico boss BALSANO Giuseppe);
  2. LUPO Salvatore, classe 1988, già reggente della famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado lo scorso 24 aprile alla pena di 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso;
  3. SPINA Girolamo, classe 1966, personaggio di spicco della famiglia mafiosa di San Giuseppe Jatorecentemente condannato in primo grado alla pena di 9 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  4. BILLETTA Salvatore, classe 1969, appartenente alla famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado alla pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  5. ALAMIA Antonino, classe 1964, cassiere del mandamento mafioso di San Giuseppe Jatocondannato in primo grado alla pena di 12 anni di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  6. SCIORTINO Antonino, classe 1960, muratore.

Le complesse indagini hanno consentito di:

–     documentare la riorganizzazione territoriale di cosa nostra, avvenuta nell’arco di pochi mesi, dopo l’esecuzione delle operazioni anzidetti, consentendo, in particolare, di individuare i vertici ed i nuovi assetti della storica famiglia mafiosa di Monreale;

–     confermare come la famiglia mafiosa di Monreale costituisca una delle articolazioni più rilevanti del mandamento di San Giuseppe Jato, anche in considerazione della posizione strategica attesa la vicinanza alla città di Palermo e alle altre famiglie mafiose della provincia palermitana;

–     comprendere con modalità oggettive e documentate come si sia verificata nel tempo all’interno dell’organizzazione mafiosa del mandamento di San Giuseppe Jato – e della famiglia di Monreale in particolare – una rapida evoluzione degli equilibri associativi;

–     delineare l’organigramma della famiglia mafiosa di Monreale;

–     ricostruire due vicende estorsive ai danni di imprenditori del settore edile;

–     accertare l’esistenza di una vera e propria cassa gestita dal mandamento di San Giuseppe Jato, al cui interno periodicamente confluivano le risorse illecitamente acquisite dagli indagati, derivanti prevalentemente dalle estorsioni praticate su larga scala nel territorio di Monreale.

Più in dettaglio, l’indagine dei Carabinieri ha permesso di acquisire numerosi elementi indiziari a carico di Sergio DAMIANI, attualmente detenuto (per effetto della condanna definitiva a 11 anni di reclusione per associazione mafiosa a seguito dell’arresto nell’ambito dell’operazione “Nuovo Mandamento”), che tuttavia era stato già individuato quale reggente della famiglia di Monreale non appena scarcerato.

La sua designazione nel senso è riemersa nel corso di un’intercettazione ambientale tra BRUSCIA Alberto ed il cognato LUPO Salvatore i quali, discutendo del ruolo di reggente assegnato qualche giorno prima proprio a quest’ultimo dai vertici del mandamento di San Giuseppe Jato, si mostravano comunque consapevoli che tale incarico sarebbe prima o poi cessato con la nomina di una persona di più elevato spessore mafioso, che peraltro gli stessi individuavano nell’uomo d’onore DAMIANI Sergio (Lupo: Nuovo Papa… nuovo Papa a chi mettono? ….. Non hanno nessuno, forse non lo hai capito. L’unico PAPA che poteva essere con loro sai chi era? SERGIO!).

Inoltre, le attività tecniche condotte dai Carabinieri di Monreale hanno riscontrato come il subentro del DAMIANI nella reggenza della famiglia monrealese sarebbe stato particolarmente gradito a BRUNO Ignazio, deputato a sostituire AGRIGENTO Gregorio alla reggenza del mandamento della valle dello Jato anche per il rapporto di lunga e duratura amicizia che lo aveva legato all’esponente della famiglia monrealese.

Dalle indagini è emerso anche il ruolo di tutto rilievo assunto da SCIORTINO Antonino che, per la sua caratura criminale (già comprovata da una pregressa detenzione nel febbraio del 2002 per fatti di criminalità organizzata di stampo mafioso), è stato materialmente “affiliato” alla famiglia di Monreale con l’avallo dei vertici mandamentali di San Giuseppe Jato, manifestato con una formale autorizzazione da parte di SPINA Girolamo.

Peraltro, all’interno del nuovo assetto di potere determinato nella famiglia mafiosa di Monreale, era stato riservato un ruolo di primissimo piano, oltre che al citato  SCIORTINO Antonino, anche a BILLETTA Salvatore; gli stessi, nelle intenzioni dei vertici della consorteria, avrebbero dovuto interessarsi, in particolare, dell’individuazione delle attività edilizie da assoggettare al pagamento delle estorsioni per garantire gli introiti nelle casse del mandamento e assicurare il controllo del tessuto economico e sociale sul territorio; in tale contesto, numerose conversazioni intercettate hanno confermato come tutte le condotte illecite poste in essere dai vertici della famiglia mafiosa di Monreale e dai loro sodali erano finalizzate al reperimento di risorse da far confluire nelle casse del mandamento di San Giuseppe Jato, gestite in prima persona da ALAMIA Antonino.

In definitiva, l’aspetto più particolare emerso nel corso delle investigazioni è rappresentato, da un lato, dal potere di rigenerazione che la famiglia mafiosa di Monreale ha dimostrato al proprio interno e, dall’altro, dal persistente ricorso alle attività estorsive ai danni di attività commerciali per garantire il sostentamento della consorteria; infatti, sono state documentate richieste estorsive nei confronti di due imprenditori edili locali costretti a versare cospicue somme di denaro per ogni nuovo appartamento da loro realizzato, nonché ad affidare a ditte “gradite” al sodalizio i lavori per la realizzazione degli impianti elettrici e idraulici negli immobili in costruzione.

È evidente, dunque, come il racket delle estorsioni continui a costituire per le famiglie mafiose uno strumento di accumulazione illecita di risorse e, nel contempo, un’attività funzionale al concreto esercizio del potere per il controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione.

VEDI INTERVISTA AL COLONNELLO DE SIMONE

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Cantieri Culturali della Zisa: Saggio della Solidarietà organizzato dall’Associazione DONNATTIVA (FOTO)

    Cronaca

    [gallery ids="106960,106961,106962,106963,106964,106965,106966,106967"] MONREALE - Una grande serata ha coronato il sogno di tantissimi ballerini che si sono esibiti ieri sera nello spettacolo di Danza ai Cantieri Culturali della Zisa. Il Sagg..

    Continua a Leggere

  • Monreale, caduta massi in via regione siciliana

    Cronaca

    [gallery ids="106950,106951,106952,106953,106954,106955"] MONREALE - Nessun danno stato riportato da cose o persone, ma c’è voluto poco. Questa mattina dei massi si sono staccati dal costone che fiancheggia via regione siciliana, all’alte..

    Continua a Leggere

  • Laboratori, giochi e integrazione: torna il progetto “Tempo d’estate” presso l’ICS Veneziano di Aquino

    Cronaca

    [gallery ids="106925,106926,106927,106928"]

    MONREALE - Partirà il 17 giugno il progetto “Tempo d’estate, integrazione junior” promosso dall’associazione Con.vi.vi l’autismo, un programma che vuole consentire ai bambini p..

    Continua a Leggere

  • Monreale, al via la settimana dello sport. Basket, scherma, ginnastica ritmica, pallavolo, scacchi, corsa

    Cronaca

    MONREALE - Basket, scherma, ginnastica ritmica, pallavolo, scacchi, corsa. Ed ancora cheerleading Acrobatico, performance cheer, tenni. È la "settimana dello sport" che prenderà il via lunedì 17 a Monr..

    Continua a Leggere

  • Morto ammazzato a San Cipirello. Trovato esanime dal fratello il 41enne Nunzio Agnello

    Cronaca

    SAN CIPIRELLO - È stato trovato esanime questa mattina, sul marciapiede di fronte la sua abitazione, Nunzio Agnello, 42 anni. Sul posto i carabinieri della compagnia di Monreale e gli esperti della scientifica. Il corpo presenta numerosi segni di percosse, le..

    Continua a Leggere

  • Forestali. Orari di lavoro modificati e posti vacanti: la Sifus alza la voce all’ispettorato

    Cronaca

    PALERMO - Ieri mattina, presso l’ispettorato dipartimentale antincendio della forestale, i dipendenti del servizio antincendio si sono autoconvocati per ricevere risposte concrete rispetto diverse problematiche che da tempo si trovano costretti ad affrontare, senza r..

    Continua a Leggere

  • L’eredità di Paolo Giambruno a familiari ed ex soci, lo conferma la Corte d’appello

    Cronaca

    MONREALE - Nessuno stop cautelare alla restituzione dei beni agli eredi ed ai soci di Paolo Giambruno, monrealese, ex presidente dell’Ordine dei medici veterinari, nonché ex direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Asp, deceduto l’anno scorso. La Corte d’appello rigetta la richiest..

    Continua a Leggere

  • Incendio in via Santa Liberata, le fiamme rasentano le abitazioni (VIDEO)

    Cronaca

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2019/06/video-incendio-case-popolari.mp4"][/video] [gallery ids="106891,106892,106893"] MONREALE - È divampato questa sera un incendio nei terreni adiacenti le case ..

    Continua a Leggere

  • Rosario Marfia, 81 anni, trovato morto carbonizzato nelle campagne del Monrealese

    Cronaca

    MONREALE – Si chiama Rosario Marfia l’81enne trovato morto carbonizzato questo pomeriggio nelle campagne di Monreale. L’anziano pare stesse bruciando delle sterpaglie in un canneto quando, forse a causa di un malore, sarebbe stato avvolto dalle fiamme. La tragedia si è consumata in contrada M..

    Continua a Leggere

  • Monreale, brucia sterpaglie e muore: 81enne senza vita in contrada Miccini

    Cronaca

    Un uomo è morto questo pomeriggio a Monreale. E' stato trovato dopo che i familiari avevano lanciato l'allarme. L'uomo di 81 anni non era rientrato a casa. Lo hanno trovato senza vita in contrada Vicinale Manca Miccini in territorio di Monreale. Sono intervenuti i vigili del fuoco, i forestal..

    Continua a Leggere

  • Salvo Campanella con un esoscheletro sul circuito del «Trofeo Città di Monreale»

    Cronaca

    MONREALE - Domenica 23 giugno si correrà a Monreale il trofeo «Città di Monreale», intitolato per il terzo anno di fila a Michele Guzzo, scomparso all’età di 48 anni nel 2015. Era un fiero atleta sostenitore dell’associazione sportiva monrealese Marathon Monreale che è promotrice dell..

    Continua a Leggere

  • A Chiusa Sclafani la sagra delle ciliegie, una tradizione lunga 50 anni

    Cronaca

    CHIUSA SCLAFANI - Torna la 50° Edizione della tradizionale Sagra delle Ciliegie a Chiusa Sclafani. La manifestazione, che segna l’arrivo della bella stagione, celebra il prodotto di pregio del luogo, denominato il paese delle ciliegie. L'event..

    Continua a Leggere

  • Allerta caldo, fino a domenica punte di 40 gradi

    Cronaca

    MONREALE - Punte di 40 gradi previste per le prossime ore. Si preannuncia una nottata caldissima in Sicilia. Le minime non scenderanno sotto i 26°, l'aria sarà infuocata. Solo da domenica sera una lieve diminuzione. L’Anticiclone sub tropi..

    Continua a Leggere

  • Si schianta e rimane schiacciato dal tram, ricoverato d’urgenza a Villa Sofia

    Cronaca

    È rimasto intrappolato sotto il tram dopo lo schianto, tanto che per liberarlo è stato necessario sollevarlo con l’ausilio dei vigili del fuoco. Si tratta di un ragazzo, vittima di uno scontro tra il tram di Palermo e il suo scooter. L'incidente stradale è avvenuto nel corso della tarda mat..

    Continua a Leggere

  • Palermo, lavori AMAP: mercoledì prossimo i quartieri di Mezzomonreale all’asciutto

    Cronaca

    PALERMO - Mercoledì prossimo sarà una giornata difficile per i residenti di Villagrazia alta, corso Calatafimi alta, Pagliarelli, Borgo Molara, Boccadifalco, Borgo Nuovo e C.E.P.: l'AMAP ha dato notizia che, dalle ore 0:00 alle ore 20:00 del 19/06/2019, l'appro..

    Continua a Leggere

  • Alluvione del 2018, in arrivo un miliardo e 700 milioni per le aziende agricole siciliane

    Cronaca

    MONREALE - Un miliardo e 700 milioni per riparare i danni alle aziende agricole della Sicilia colpite dagli eventi calamitosi dell’autunno del 2018. Una declaratoria che darà respiro alle realtà danneggiat..

    Continua a Leggere

  • Partinico. Violenze alla compagna anche durante la gravidanza. Uomo arrestato per stalking

    Cronaca

    PARTINICO - Questa mattina la polizia di stato ha arrestato il 37enne P.F., residente in provincia di Palermo ritenuto responsabile di reiterate condotte violente, maltrattamenti e atti persecutori nei confronti della compagna; le violenze erano..

    Continua a Leggere

  • Report sull’abusivismo: Monreale al 4° posto nella provincia, più di 200 abusi. 1 mq ad abitante

    Cronaca

    MONREALE - È stato recentemente pubblicato, sul sito del dipartimento regionale all’Urbanistica, il report contenente i dati sugli immobili abusivi costruiti in Sicilia dal 2009 al 2017. I numeri riportati non fa..

    Continua a Leggere