Oggi è 18/06/2018

Cronaca

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Sergio Damiani è stato definito il Nuovo Papa

Pubblicato il 11 giugno 2018

Monreale, blitz antimafia. I particolari e il VIDEO degli arresti

Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia – Sezione territoriale di Palermo, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata.

L’operazione costituisce la naturale prosecuzione delle precedenti indagini dei Carabinieri denominate “Quattropuntozero” e“Montereale”, relative al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato e alla famiglia mafiosa di Monreale e all’esito delle quali, tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto molti esponenti apicali del medesimo sodalizio.

In particolare, sono stati raggiunti dall’odierno provvedimento restrittivo:

  1. DAMIANI Sergio, classe 1970, panettiere, ritenuto reggente della famiglia di Monreale e già riconosciuto uomo d’onore della medesima famiglia mafiosa (lo stesso era infatti nipote del defunto DAMIANI Settimo, capo dell’organizzazione mafiosa monrealese prima dell’avvento dello storico boss BALSANO Giuseppe);
  2. LUPO Salvatore, classe 1988, già reggente della famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado lo scorso 24 aprile alla pena di 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso;
  3. SPINA Girolamo, classe 1966, personaggio di spicco della famiglia mafiosa di San Giuseppe Jatorecentemente condannato in primo grado alla pena di 9 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  4. BILLETTA Salvatore, classe 1969, appartenente alla famiglia mafiosa di Monreale, condannato in primo grado alla pena di 8 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  5. ALAMIA Antonino, classe 1964, cassiere del mandamento mafioso di San Giuseppe Jatocondannato in primo grado alla pena di 12 anni di reclusione per associazione mafiosa e altro;
  6. SCIORTINO Antonino, classe 1960, muratore.

Le complesse indagini hanno consentito di:

–     documentare la riorganizzazione territoriale di cosa nostra, avvenuta nell’arco di pochi mesi, dopo l’esecuzione delle operazioni anzidetti, consentendo, in particolare, di individuare i vertici ed i nuovi assetti della storica famiglia mafiosa di Monreale;

–     confermare come la famiglia mafiosa di Monreale costituisca una delle articolazioni più rilevanti del mandamento di San Giuseppe Jato, anche in considerazione della posizione strategica attesa la vicinanza alla città di Palermo e alle altre famiglie mafiose della provincia palermitana;

–     comprendere con modalità oggettive e documentate come si sia verificata nel tempo all’interno dell’organizzazione mafiosa del mandamento di San Giuseppe Jato – e della famiglia di Monreale in particolare – una rapida evoluzione degli equilibri associativi;

–     delineare l’organigramma della famiglia mafiosa di Monreale;

–     ricostruire due vicende estorsive ai danni di imprenditori del settore edile;

–     accertare l’esistenza di una vera e propria cassa gestita dal mandamento di San Giuseppe Jato, al cui interno periodicamente confluivano le risorse illecitamente acquisite dagli indagati, derivanti prevalentemente dalle estorsioni praticate su larga scala nel territorio di Monreale.

Più in dettaglio, l’indagine dei Carabinieri ha permesso di acquisire numerosi elementi indiziari a carico di Sergio DAMIANI, attualmente detenuto (per effetto della condanna definitiva a 11 anni di reclusione per associazione mafiosa a seguito dell’arresto nell’ambito dell’operazione “Nuovo Mandamento”), che tuttavia era stato già individuato quale reggente della famiglia di Monreale non appena scarcerato.

La sua designazione nel senso è riemersa nel corso di un’intercettazione ambientale tra BRUSCIA Alberto ed il cognato LUPO Salvatore i quali, discutendo del ruolo di reggente assegnato qualche giorno prima proprio a quest’ultimo dai vertici del mandamento di San Giuseppe Jato, si mostravano comunque consapevoli che tale incarico sarebbe prima o poi cessato con la nomina di una persona di più elevato spessore mafioso, che peraltro gli stessi individuavano nell’uomo d’onore DAMIANI Sergio (Lupo: Nuovo Papa… nuovo Papa a chi mettono? ….. Non hanno nessuno, forse non lo hai capito. L’unico PAPA che poteva essere con loro sai chi era? SERGIO!).

Inoltre, le attività tecniche condotte dai Carabinieri di Monreale hanno riscontrato come il subentro del DAMIANI nella reggenza della famiglia monrealese sarebbe stato particolarmente gradito a BRUNO Ignazio, deputato a sostituire AGRIGENTO Gregorio alla reggenza del mandamento della valle dello Jato anche per il rapporto di lunga e duratura amicizia che lo aveva legato all’esponente della famiglia monrealese.

Dalle indagini è emerso anche il ruolo di tutto rilievo assunto da SCIORTINO Antonino che, per la sua caratura criminale (già comprovata da una pregressa detenzione nel febbraio del 2002 per fatti di criminalità organizzata di stampo mafioso), è stato materialmente “affiliato” alla famiglia di Monreale con l’avallo dei vertici mandamentali di San Giuseppe Jato, manifestato con una formale autorizzazione da parte di SPINA Girolamo.

Peraltro, all’interno del nuovo assetto di potere determinato nella famiglia mafiosa di Monreale, era stato riservato un ruolo di primissimo piano, oltre che al citato  SCIORTINO Antonino, anche a BILLETTA Salvatore; gli stessi, nelle intenzioni dei vertici della consorteria, avrebbero dovuto interessarsi, in particolare, dell’individuazione delle attività edilizie da assoggettare al pagamento delle estorsioni per garantire gli introiti nelle casse del mandamento e assicurare il controllo del tessuto economico e sociale sul territorio; in tale contesto, numerose conversazioni intercettate hanno confermato come tutte le condotte illecite poste in essere dai vertici della famiglia mafiosa di Monreale e dai loro sodali erano finalizzate al reperimento di risorse da far confluire nelle casse del mandamento di San Giuseppe Jato, gestite in prima persona da ALAMIA Antonino.

In definitiva, l’aspetto più particolare emerso nel corso delle investigazioni è rappresentato, da un lato, dal potere di rigenerazione che la famiglia mafiosa di Monreale ha dimostrato al proprio interno e, dall’altro, dal persistente ricorso alle attività estorsive ai danni di attività commerciali per garantire il sostentamento della consorteria; infatti, sono state documentate richieste estorsive nei confronti di due imprenditori edili locali costretti a versare cospicue somme di denaro per ogni nuovo appartamento da loro realizzato, nonché ad affidare a ditte “gradite” al sodalizio i lavori per la realizzazione degli impianti elettrici e idraulici negli immobili in costruzione.

È evidente, dunque, come il racket delle estorsioni continui a costituire per le famiglie mafiose uno strumento di accumulazione illecita di risorse e, nel contempo, un’attività funzionale al concreto esercizio del potere per il controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione.

VEDI INTERVISTA AL COLONNELLO DE SIMONE

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Arrivano i RIS. Il cimitero degli orrori chiude a tempo indeterminato

    Cronaca

    Monreale, 17 giugno 2018 - Chiude a tempo indeterminato il cimitero di San Martino delle Scale su cui la Procura della Repubblica di Palermo ha avviato un'inchiesta e iscritto nel registro degli indagati 11 persone, tra cui cinque attualmente sottoposte a misure cautelari. Sono tante le domande a..

    Continua a Leggere

  • Miss Monreale 2018. Le FOTO delle sfilate e della premiazione

    Cronaca

    [gallery ids="67770,67769,67768,67767,67766,67765,67764,67763,67762,67761,67760,67759,67757,67756,67755,67754,67753,67752,67751,67750,67749,67748,67747,67746,67745,67744,67743,67742,67741,67740,67739,67738,67737,67736,67735,67734,67733,67732,67731,67730,67729,67728,67727,67726,67725,67724,67723,6772..

    Continua a Leggere

  • Monreale, “3° Memorial Michele Guzzo”. Al via il 24 giugno. Più di 400 atleti presenti

    Cronaca

    Monreale, 17 giugno 2018 - La prossima domenica, 24 Giugno, col patrocinio gratuito del Comune di Monreale, si svolgerà la IV edizione per le vie di Monreale della corsa su strada, “3° Memorial Michele Guzzo”, in ricordo dell’atleta della ASD Marathon Monreale scomparso prem..

    Continua a Leggere

  • Sofia Badalamenti è Miss Monreale 2018. La fascia di Miss Social a Gabriella Fragasso

    Cronaca

    Monreale, 17 giugno 2018 - Sofia Badalamenti è Miss Monreale 2018. È stata incoronata ieri notte nel corso della seconda edizione “I Love Monreale” da Miss Monreale 2017, Simona Costanzo. Sul palco di piazza Guglielmo II si è tenuto ieri uno spettacolo di buon livello. Alle numerose sfilat..

    Continua a Leggere

  • Alzare la voce paga. L’uso distorto del diritto di parola e di espressione da parte dei politici

    Cronaca

    Monreale, 17 giugno 2018 - L'art. 21 della Costituzione recita così: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa..


  • Il Palermo resta in B. Perde una partita giocata da “Terza Categoria”

    Cronaca

    Il Palermo conferma gli undici dell’andata al Barbera, il Palermo cerca di giocare a calcio ma il Frosinone è teso come una corda di violino e ad ogni contrasto il direttore di gara è costretto a fermare il gioco. Dopo i primi dieci minuti si cominciano a vedere delle trame di gioco. Il Palermo ..

    Continua a Leggere

  • Anche Corleone vieta la presenza di bovini a Ficuzza

    Cronaca

    Corleone,16 giugno 2018 - "Immediato ritiro, da parte dei proprietari, dei bovini inselvatichiti dalle aree boschive della Ficuzza e dalle aree immediatamente boschive". Lo ha deciso la Commissione Straordinaria del Comune di Corleone. Con una ordinanza della Commissione prefettizia è stato disp..

    Continua a Leggere

  • Arrivano 6 elicotteri antincendio in Sicilia. Uno a Boccadifalco

    Cronaca

    Palermo, 16 giugno 2018 - Una flotta di sei elicotteri verrà schierata nei prossimi giorni dalla Regione Siciliana per la campagna antincendio boschivo. E’ andata a buon fine, infatti, la gara europea per il noleggio dei mezzi avviata dal Comando del Corpo forestale nel mese di febbraio. A gestir..

    Continua a Leggere

  • Papa Francesco a Palermo il 15 settembre, il programma completo della visita

    Cronaca

    Palermo, 16 giugno 2018 - È partita la macchina organizzativa in vista della visita di Papa Bergoglio a Palermo. La visita del Pontefice è prevista per il prossimo 15 settembre, per il XXV anniversario del martirio di don Pino Puglisi. L’arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha nominato il ..

    Continua a Leggere

  • Cimitero degli orrori di San Martino. Scarcerati i Messina. Lunedì arrivano i Ris

    Cronaca

    Monreale, 16 giugno 2018 - I Messina escono dal carcere e vanno agli arresti domiciliari. Arriva un colpo di scena nella vicenda che ruota attorno alle raccapriccianti vicende del cimitero degli orrori di San Martino delle Scale. Il Tribunale per il Riesame di Palermo..

    Continua a Leggere

  • Stasera sfilate, musica, spettacolo, comicità. È “I LOVE MONREALE”

    Cronaca

    Monreale, 16 giugno 2018 - Il maltempo ci aveva messo lo zampino. Per evitare di rovinare la kermesse di moda e spettacolo, gli organizzatori di “I LOVE MONREALE” avevano deciso di sospendere la serata di oggi e rimandarla a sabato 23 giugno.  Rimane invece confermata la finale di “Mis..

    Continua a Leggere

  • Coltivava 191 piantine di cannabis. La villetta era stata trasformata in una piantagione (Il VIDEO dell’operazione)

    Cronaca

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=6ayuJQ4ccLo&feature=youtu.be[/embed]   Casteldaccia, 16 giugno 2018 - Sono stati i Carabinieri della Stazione di Palermo Villagrazia, ieri pomeriggio, a scoprire una maxi piantagione a Casteldaccia. Gaetano Di Gregorio, palermitano classe 1991..

    Continua a Leggere

  • Monreale, fondi per inquilini morosi incolpevoli

    Cronaca

    Monreale, 15 giugno 2018 - Pubblicato sul sito del Comune di Monreale il decreto dell'Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità con il quale è stato ripartito il fondo ministeriale destinato agli inquilini morosi incolpevoli relativo all'anno 2017. Reso pubblico anche l'avviso e ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, aperto il bando per assistenza Igienico-personale, Autonomia e Comunicazione

    Cronaca

    Monreale, 16 giugno 2018 -Nel convulso momento sociale che stiamo vivendo, anche i servizi per la disabilità nell'anno scolastico che si sta per concludere hanno evidenziato una sofferenza in alcune scuole nel palermitano, sia per la mancanza di risorse di natura economica sia umana. Il com..


  • Capizzi accoglie don Merola, il prete anticamorra che ha salvato molti bambini dall’illegalitá

    Cronaca

    È stato accolto questo pomeriggio a Monreale, dal sindaco Piero Capizzi e dal presidente del parlamento della legalità internazionale Nicolò Mannino, don Luigi Merola sacerdote anticamorra e fondatore della fondazione A Voce De Creature. Don Luigi Merola da mesi condivide gli ideali e le finalit..


  • Domani il prete anticamorra Luigi Merola a Monreale e San Giuseppe Jato

    Cronaca

    Monreale, 15 giugno 2018 - Doppio appuntamento domani per il prete anticamorra Don Luigi Merola, invitato dallo staff del Parlamento della Legalità Internazionale, a chiudere un intenso anno di attività culturali. Merola domani sarà a San Giuseppe Jato e a Monreale. Don Luigi Merola è quoti..


  • Anticipati i saldi estivi in Sicilia. Dal 1 luglio al 15 settembre caccia all’affare

    Cronaca

    Palermo, 15 giugno 2018 - I saldi estivi in Sicilia si svolgeranno dal 1 luglio al 15 settembre, lo prevede il decreto dell’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, firmato questa mattina. La decisione dell’assessore è arrivata al termine dell’incontro ..


  • Monreale. L’associazione Nati due volte mette in scena «Le disavventure di Pinocchio»

    Cronaca

    Monreale, 15 giugno 2018 - L’attività associative della Nati due volte onlus, non si ferma mai, e dopo la raccolta fondi Natalizia, ci rallegrerà la prossima settimana, mettendo in scena lo spettacolo Le disavventure di Pinocchio. Lo sceneggiato, realizzato con la collaborazione de..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com