Oggi è 19/11/2018

Cronaca

Incendi in Sicilia: un esposto del Si.F.U.S. chiama in causa gli assessori Cracolici e Croce

Un atto d’accusa contro il Governo dove, tra le altre cose, si parla – sembra incredibile – di operai della Forestale mandati a spegnere gli incendi senza i “necessari dispositivi di sicurezza”  

Pubblicato il 9 agosto 2017

Incendi in Sicilia: un esposto del Si.F.U.S. chiama in causa gli assessori Cracolici e Croce

Chi sono i responsabili degli incendi che hanno ridotto in cenere tantissime aree verdi della Sicilia? Il SI.F.U.S., sigla che sta per Sindacato Forestali Uniti per la Stabilizzazione passa al contrattacco e presenta un esposto alle Procure di tutt’e nove i capoluoghi di provincia dell’Isola. Un atto d’accusa contro il Governo dove, tra le altre cose, si parla – sembra incredibile – di operai della Forestale mandati a spegnere gli incendi senza i “necessari dispositivi di sicurezza”  

Palermo, 9 agosto 2017 – E’ un atto d’accusa pesante, quello presentato dal segretario generale delSi.F.U.S. (Sindacato Forestali Uniti per la StabilizzazioneMaurizio Grosso. Tema: gli incendi che in questi giorni hanno incenerito tante aree verdi della Sicilia. In un esposto presentato ai Tribunali di tutti i capoluoghi dell’Isola (alle Procure della Repubblica presso il Tribunale di Catania, Palermo,
Messina, Agrigento, Enna, Caltanissetta, Trapani, Ragusa, Siracusa), i vertici di tale organizzazione sindacale chiamano in causa il Governo della Regione e, in particolare, l’assessore all’Agricoltura,Antonello Cracolici, e l’assessore al Territorio e Ambiente, Maurizio Croce.

Premesso, si legge nell’esposto:

– che il Legislatore ha istituito il comparto agroforestale in Sicilia perché si occupasse sia dei lavori di manutenzione ordinaria del patrimonio boschivo e forestale, sia della sua difesa contro gli incendi;

– che affinché questa attività possa raggiungere le finalità e gli obiettivi sopra menzionati, è necessario che il Governo regionale e, specificatamente, l’Assessorato all’Agricoltura e Foreste, attivi una seria programmazione degli interventi che, in ogni caso, devono tenere conto del rispetto del ciclo biologico della natura;

– che qualora ciò non si registrasse, per ovvie ragioni (assenza di interventi di manutenzione del sottobosco e soprattutto, assenza della pulizia dei viali parafuoco), comprometterebbe la ‘campagna antincendio’ che deve essere attivata dall’Assessorato Territorio ed Ambiente, al massimo, entro il 15 giugno di ogni anno, e realizzata dagli addetti allo spegnimento incendi”.

A questo arrivano le verità che il Governo regionale ha fino ad oggi tenuto nascoste.

L’assessorato all’Agricoltura “da parecchi anni non esegue i lavori di manutenzione ordinaria secondo un piano di programmazione degli interventi legato alle esigenze dei boschi, ma interviene secondo le disponibilità di cassa”. Cosa, questa, che “ha determinato, nel 2014, un incremento degli incendi del 700% rispetto al 2013; nel 2015, il primato di Regione più incendiata d’Italia e nel 2016, il secondo posto nella classifica degli incendi secondo i dati ministeriali”.

Un passaggio che lascia di stucco riguarda la “registrazione dei lavori della Commissione Territorio ed Ambiente dell’Ars, del 28 giugno scorso”. Si parla “della Dirigente del Settore Sviluppo e Territorio, Ing. Di Trapani”, che avrebbe sminuito “la necessità delle opere di manutenzione preventiva legate alla pulizia dei viali parafuoco”; lavori “che pertanto, per l’anno in corso, al massimo, potranno raggiungere il 40% di essi”.

Nell’esposto si legge che “la campagna antincendio, pur iniziando il 15 giugno in alcune province, è diventata attiva, sostanzialmente, in tutte le province, verso il 20-23 giugno, ma con parecchie squadre di pronto intervento incomplete, tant’è che in data odierna si sta facendo ancora ricognizione per rimpinguarle con i 78isti riservisti provenienti dal settore manutenzione”.

Questo passaggio merita una breve digressione. Quest’anno la Regione, a metà giugno, ha disposto l’avvio al lavoro di circa 10 mila operai presi dai 151isti (operai che svolgono 151 giornate lavorative all’anno) e 101isti (operai che svolgono 101 giornate lavorative all’anno). sono stati sacrificati i 78isti (operai che svolgono 78 giornate lavorative all’anno), avviati al lavoro in numero molto esiguo.

Visto quello che è successo la Regione ha deciso di far lavorare una parte dei 78isti. Ci volevano gli incendi?

Altra accusa pesante, perché riguarda la funzionalità del Servizio antincendio e, soprattutto, la sicurezza nel lavoro:

I mezzi utilizzati dagli addetti antincendio, almeno per il 30%, necessitano di manutenzione ordinaria e spesso sono rimasti senza assicurazione e senza carburante. I lavoratori, dal canto loro, indossano tute vetuste e, spesso e volentieri, sono sprovvisti dei necessari dispositivi di sicurezza”.

Si spedisce il personale per spegnere gli incendi senza i “necessari dispositivi di sicurezza”?

A questo punto il ‘siluro’:

“Sono stati realizzati pochissimi lavori nel sottobosco (zappettatura, pulizia del sottobosco, dei sentieri, delle cunette, spalcatura, diradamento, muretti a secco, recinzioni). Dopo questi avviamenti, i successivi interventi di manutenzione, attraverso i 151isti e i 101isti, sono avvenuti intorno al 20 giugno. Ciò dimostra, se ce ne fosse di bisogno, come nei nostri boschi ad oggi, la pulizia dei viali parafuoco sia ancora allo stato embrionale”.

In pratica, quest’anno le opere di prevenzione degli incendi sono “ancora allo stato embrionale”: ce ne sono poche: e i risultati si sono visti.

“Con l’innalzarsi delle temperature – si legge nell’esposto – la presenza ingombrante di erbacce nei boschi sta determinando un vero e proprio disastro ambientale come dimostrano gli incendi che hanno investito il nostro patrimonio boschivo nel Ragusano (pineta di Chiaramonte in primis), nel Catanese (sull’Etna e nel Calatino), nel Messinese (attorno Messina e nella zona di Patti), nel Siracusano (Pantalica, Cava Grande, ecc), nell’Agrigentino, nel Palermitano, nel Nisseno, nel Trapanese, nell’Ennese”.

Insomma, fuoco e danni in tutta la Sicilia.

“Tutto ciò premesso – scrive Maurizio Grosso – il sottoscritto chiede che l’intestata Procura della Repubblica Voglia accertare e valutare se nei fatti, atti e comportamenti sopra riportati siano rinvenibili fattispecie penalmente rilevanti nei confronti dell’Assessore all’Agricoltura e Foreste pro tempore, On. Antonello Cracolici e dell’Assessore al Territorio ed Ambiente, pro tempore, Dott. Maurizio Croce. Con espressa riserva di costituirsi parte civile nell’eventuale successivo procedimento penale”.

Il segretario generale del Sindacato Forestali Uniti per la Stabilizzazione “chiede inoltre, ai sensi dell’art.406, comma 3 c.p.p, di essere informato dell’eventuale richiesta di proroga delle indagini preliminari, nonché ai sensi dell’art. 408, comma 2 c.p.p, circa la eventuale richiesta di archiviazione. Chiede infine, ai sensi dell’art 355 c.p.p. che vengano comunicati le iscrizioni previste dai primi due commi del medesimo articolo”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Riaperto il bando Sport e Periferie, Guzzo e Giuliano: “Siamo disposti a impiegare tecnici a titolo gratuito per presentare il progetto”

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 - Con la Legge di Bilancio 2018 viene riaperto il bando "Sport e Periferie", con il quale viene data la possibilità a Pubbliche amministrazioni, istituzione scolastiche di ogni ordine e grado anche comunali ed enti no profit di realizzare, rigenerare o completare gli impi..

    Continua a Leggere

  • Eternit, bonificate via Pezzingoli, via Linea Ferrata e Strazzasiti. A breve l’intervento anche nelle frazioni

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 -È stato spruzzato e poi imballato l'amianto presente in via Pezzingoli, Linea ferrata e Strazzasiti. Nei giorni a seguire verrà ritirato dalla ditta specializzata incaricata dal Comune di Monreale, i lavori sono stati seguiti dal tecnico comunale. Successivamente l'inte..

    Continua a Leggere

  • M5S. Costantini: “Il Movimento 5 Stelle può avere un solo candidato sindaco, e sono io”

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 - “Il Movimento 5 Stelle può avere un solo candidato sindaco, e sono io”. Su questo aspetto Fabio Costantini, consigliere comunale del movimento di Di Maio, vuole sgombrare ogni dubbio e fare chiarezza. Nella corsa per le prossime amm..

    Continua a Leggere

  • Temporali al Sud, a rischio le zone Meridionali colpite dall’alluvione di Novembre

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 -Attualmente siamo interessati da un forte flusso di correnti meridionali. Dalla tarda nottata e con l'arrivo del fronte perturbato avremo un drastico calo delle temperature, a Corleone scenderanno anche di 7/8 gradi, e sarò  molto probabile la formazione di man..

    Continua a Leggere

  • Liceo D’Aleo, problemi d’infiltrazioni d’acqua. Capizzi: “Nessun pericolo di cedimenti strutturali o di inagibilità”

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 -"Ho avuto questa mattina un incontro con le mamme all'istituto D’Aleo. Loro hanno anche chiamato i Vigili del Fuoco che non hanno riscontrato pericoli di cedimenti strutturali o di inagibilità. Già dal pomeriggio di oggi la Provincia si sta attivando per risolvere il ..

    Continua a Leggere

  • Rendiconto di Gestione 2017. Il consigliere Giorgio Rincione va in soccorso della maggioranza

    Cronaca

    Monreale, 19 novembre 2018 - È stata approvata questa mattina in consiglio comunale la relazione dei revisori dei conti sul rendiconto di gestione 2017. Con 11 voti favorevoli e 10 astenuti è passato il documento che aveva tenuto con il fiato sospeso diversi dipendenti comunali. Solo vener..

    Continua a Leggere

  • Pioggia di soldi per impianti di videosorveglianza. 400.000 € a San Giuseppe, 250.000 a San Cipirello, 273.000 a Piana degli Albanesi. Finanziati anche Camporeale, Partinico, Roccamena, Corleone. Monreale assente (L’elenco completo)

    Cronaca

    Palermo, 19 novembre 2018 - Una pioggia di soldi arriverà ai comuni dal Ministero dell’Interno per finanziare l’installazione di sistemi di videosorveglianza nell’ambito dei “Patti per l’attuazione della sicurezza urbana”. Il decreto è stato firmato il..

    Continua a Leggere

  • Roccamena. L’ing. Fiorentino replica al sindaco Ciaccio: “Il capo UTC non può essere revocato né sostituito con reclutamento fiduciario”

    Cronaca

    Roccamena, 19 novembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota inviata dall'ing. Salvatore Fiorentino in relazione all’articolo pubblicato su questa testata ieri, 18 novembre 2018, riguardante il Comune di Roccamena, dal titolo:

    Continua a Leggere

  • Vittoria schiacciante per il Monreale contro il Finale. Comincia a prendere corpo l’impronta di Sorrentino

    Cronaca

    Monreale, 18 novembre 2018 - Ieri la prima trasferta per l'Atletico Monreale, e non tardano ad arrivare i primi tre punti ai danni del Finale a Pollina. I ragazzi rossoblu di mister Davide Sorrentino hanno piegato una squadra tosta con una doppietta di Ferraro, una di Lo Giudice e i goal di Costanti..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, il sindaco nomina esperto a 1.800 € al mese. L’opposizione insorge: “Ennesimo spreco”. Ciaccio difende la sua scelta: “Il comune risparmia”

    Cronaca

    Roccamena, 18 novembre 2018 - Il 7 novembre il sindaco del comune di Roccamena, Tommaso Ciaccio, ha nominato un consulente in qualità di “esperto del Sindaco”, in materia di protezione civile, ambiente e servizio idrico integrato. Si tratta del dott. Onofrio Maurizio Todaro, che come si legge d..

    Continua a Leggere

  • Il Mosaico, ancora nessuna coalizione ma tanti interlocutori. “Buon dialogo con Monreale Bene Comune, ma rimangono ancora le distanze”

    Cronaca

    Monreale, 17 novembre 2018 - Si è tenuto oggi pomeriggio, alle 17.30 presso i locali del Collegio di Maria, l'Assemblea degli iscritti e dei simpatizzanti de "Il Mosaico". Il Movimento, presentato il

    Continua a Leggere

  • “I Beni Culturali Ecclesiastici Tutela e protezione tra presente e futuro”, se ne parlerà martedì nel Palazzo Arcivescovile di Monreale

    Cronaca

    Martedì 27 novembre, alle ore 9.00, presso il Palazzo Arcivescovile di Monreale, si svolgerà il convegno su “Beni culturali ecclesiastici: tutela e protezione tra presente e futuro", organizzato dall'Arcidiocesi di Monreale con il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Palermo. Il fine è quello ..

    Continua a Leggere

  • Caputo: “Project Financing con privati e istituti bancari per creare un parcheggio multipiano in contrada Cirba”

    Cronaca

    Monreale, 17 novembre 2018 -  Un parcheggio multipiano a valle di contrada Cirba attraverso un sistema di Project Financing coinvolgendo imprenditori privati e istituti bancari nella sua costruzione e gestione. È questa la proposta av..

    Continua a Leggere

  • Assistenza igienico-sanitaria disabili, dalla Regione oltre sei milioni di nuove risorse

    Cronaca

    Palermo, 17 novembre 2018 - L’assessore regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali Mariella Ippolito ha provveduto a reperire somme aggiuntive per 6 milioni e quattrocentoseimila euro, per dare un ulteriore contributo alle Città Metropolitane ed ai Liberi Consorzi di Comuni per l’assis..

    Continua a Leggere

  • Elezioni a Corleone, Saporito sceglie la sua squadra di assessori e vicesindaco

    Cronaca

    Corleone, 17 novembre 2018 - Il candidato Sindaco Salvatore Saporito scioglie le riserve indicando come assessori la dottoressa Francesca Benigno, psicologa, e Mario Orlando, animatore dello sport corleonese. Il dottor Giuseppe Crapisi e l’imprenditore Antonio Navarra erano già stati designati al..

    Continua a Leggere

  • Scatta l’arresto a Partinico, trovati 25 grammi di cocaina in un deposito

    Cronaca

    Partinico, 17 novembre 2018 - È stato arrestato questa mattina Giuseppe Pellitteri, di anni 61, con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Presso un deposito del Pellitteri sono stati trovati 25 grammi di cocaina suddivisi in 25 dosi e 10 grammi non confezionati e 70 eu..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Commemorazione del Carabiniere Rosario Pietro Giaccone, ucciso dalla mafia

    Cronaca

    Monreale, 17 novembre 2018 - Si è svolta oggi, presso il cimitero di Monreale, la cerimonia di commemorazione dell'omicidio del Car. Aus. – in congedo – Rosario Pietro Giaccone, Medaglia d’oro al valor civile. L'omicidio era avvenuto il 17 novembre 1986 ad opera della mafia per rappresagli..

    Continua a Leggere

  • Aquino, negozi allagati. L’edicolante: 2000 € di danni. La rabbia degli esercenti FOTO E VIDEO

    Cronaca

    [gallery ids="83112,83098,83091,83088,83087,83085,83083,83073,83069,83067,83065,83068"] Monreale, 17 novembre 2018 - Aquino conta i danni causati dal forte temporale di questa notte. La frazione monrealese è tra le aree più colpite dalle forti acque che sono entrate nei locali della piazza. Dan..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com