Oggi è 22/07/2019

Cronaca

La tigre in fuga. Filodiretto entra dentro il circo per ricostruire la vicenda e documentare come vivono gli animali

Animali in buono stato e gabbie pulite, e il domatore lamenta: “Due ragazzi hanno aperto la gabbia. Li abbiamo visti”

Pubblicato il 30 gennaio 2017

La tigre in fuga. Filodiretto entra dentro il circo per ricostruire la vicenda e documentare come vivono gli animali

Monreale, 30 gennaio 2017 – “Il recinto era chiuso. Sono stati due ragazzi ad aprire la gabbia per poi fuggire. Li abbiamo visti”.

Così si difende Mario Saly, il proprietario del “Circo di Svezia” assurto agli onori delle cronache nazionali e internazionali per la fuga di Oscar, la tigre siberiana di 5 anni che sabato mattina ha seminato il terrore a Monreale, girovagando libera per la circonvallazione.

Il gestore del circo, anche domatore, ci ha aperto i cancelli per mostrarci come sia stato possibile che l’animale sia potuto fuggire dal recinto, ma anche per lasciarci documentare lo stato in cui vengono tenuti gli animali. Infatti ha ricevuto diversi attacchi dagli ambientalisti, oltre ad alcune denunce per maltrattamento di animali.

Secondo la sua ricostruzione, intorno alle 08,30/09,00 di sabato, una sua collaboratrice ha sentito strani rumori provenire dall’interno del tendone. Accorsa dentro, ha potuto vedere due ragazzi, vestiti di nero ed incappucciati, scappare dal tendone, e contemporaneamente la tigre bianca fuggire dalla parte opposta. Quindi, dato l’allarme, con i colleghi si è data a rincorrere l’animale. La cronaca delle ore successive e l’esito della fuga dell’animale sono storia ormai nota.

All’interno del circo il domatore ci spiega come sia stato possibile aprire la porta del recinto. “Di mattina, prima che cominci lo spettacolo, il recinto all’interno del tendone è completamente al buio. I due ragazzi, intrufolatisi, non si saranno accorti della presenza delle due tigri all’interno del recinto e l’avranno aperto”. Ci mostra come questa operazione sia possibile semplicemente agendo sul chiavistello. Il recinto è collegato tramite un tunnel alle gabbie delle due tigri e del leone. “Probabilmente i ragazzi si saranno accorti della presenza delle tigri e sono scappati via, lasciando aperta la porta, che la tigre siberiana avrà spinto con tutta semplicità, riuscendo a scappare”.

Il proprietario non si spiega se si sia trattato di una bravata di due ragazzi o se l’azione sia riconducibile a pesanti critiche ricevute giorni prima da un gruppo di animalisti.

“Abbiamo massimo rispetto delle condizioni dei nostri animali, come certificato anche dall’ASL che è venuta a fare i controlli e ci ha chiesto soltanto di allargare il recinto dove teniamo i lama e gli asini”.

Ci permettono di continuare la visita, non preannunciata, all’interno dell’area che contiene i recinti dei dromedari, dei lama, degli asini, dei cavalli, ma anche di visionare le gabbie delle due tigri, una siberiana e Beatrice, una femmina di Sumatra, e del leone. Gli spazi sembrano puliti, gli animali in ottimo stato.

Il domatore, visibilmente irritato per la cattiva pubblicità che ha investito il suo circo, spiega che gli animali sono nati in cattività, ragion per cui difficilmente la tigre sarebbe stata pericolosa per le persone: “Fuggendo dal tendone, la tigre è passata vicino i recinto che accoglievano tutti gli altri animali, non li ha aggrediti, non si è curata di loro”.

Il circo è operativo. Non ha mai interrotto gli spettacoli. Sabato pomeriggio ha avuto pochissimi visitatori, ma già ieri mattina decine e decine di famiglie si sono presentate per conoscere la tigre siberiana divenuta celebre ben oltre i confini monrealesi.

Ricevi tutte le news

Il video è protetto da copyright e non è divulgabile ad uso professioniale se non espressamente autorizzati



Potrebbero interessarti anche:

  • Giuseppe, il ragazzo dagli occhi di mare: domani l’ultimo saluto a Santa Teresa

    Cronaca

    MONREALE - Domani nella Chiesa di Santa Teresa alle 15.30 familiari, parenti e i tanti amici di Giuseppe si riuniranno per dare l'ultimo saluto al ragazzo dagli occhi del mare. Quello stesso mare che se lo è portato via. Giuseppe se ne è andato cadendo dalla scogliera di Macari, frazione di San Vi..

    Continua a Leggere

  • Partinico, maxi coltivazione di marijuana: arrestati padre e figlio con pollice verde

    Cronaca

    PARTINICO - Il padre e il figlio hanno costruito una serra di marijuana che avrebbe fruttato almeno 100mila euro. La scoperta è stata fatta dai carabinieri di Partinico in contrada Tammì. Erano 112 le piante coltivate nel terreno di famiglia. Come riporta il Giornale di Sicilia, a finire in man..

    Continua a Leggere

  • «Monrealexit», verso il referendum per dire addio al comune di Monreale

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Continua l’operazione «Monrealexit» delle contrade monrealesi vicine al comune di San Giuseppe Jato. Il progetto prevede che 180 cittadini monrealesi, ma solo nella carta, passino sotto l’egida del Comune di San Giuseppe..

    Continua a Leggere

  • Un murale per Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia guarda il mare di Trappeto

    Cronaca

    TRAPPETO - Il volto del Gandhi siciliano rivive a Trappeto in un grande murale realizzato davanti al mare del paese in provincia di Palermo. L’immagine di

    Continua a Leggere

  • Ha pagato il pizzo per diciassette anni. Libero grazie all’associazione Addiopizzo l’imprenditore di Altofonte Giovanni Sala

    Cronaca

    ALTOFONTE - La Corte d'Appello ha confermato ieri le condanne in primo grado con rito abbreviato ai tre presunti taglieggiatori che da diciassette anni costringevano Giovanni Sala, proprietario di una cava ad Altofonte, a pagare il pizzo: si tratta del boss Salvatore Raccuglia, condannato a 17 anni ..

    Continua a Leggere

  • La nuova rubrica «Leggi le Leggi», Decreto crescita 2019: novità fiscali, imprese e terzo settore

    Cronaca

    Leggi, decreti, sentenze, circolari e delibere. Com’è difficile districarsi nell’infinito mondo della burocrazia italiana! Da oggi Filodiretto apre una nuova rubrica, curata da Massimiliano Lo Biondo, che cercherà di spiegare e descrivere alcune delle più importanti leggi e dei più significa..

    Continua a Leggere

  • Riorganizzazione macchina comunale, Giacopelli: Situazione difficile, ma non bisogna “appagnarsi”

    Cronaca

    MONREALE - In questi giorni, uno dei temi su cui maggiormente si discute è senza dubbio quello che riguarda la riorganizzazione della cosiddetta “macchina amministrativa” del Comune. Sull’argomento interviene il segretario aziendale della Cisl-Funzi..

    Continua a Leggere

  • Dissesto finanziario, Russo: “La Ficano è complice insieme a Capizzi, lo dice la Corte dei Conti”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Segretario Aziendale Cgil Monreale, Silvio Russo. 

    In riferimento all’articolo dell’ex sindaco di Monreale Avv. Capizzi pubblicato ieri dalla testata giornal..

    Continua a Leggere

  • Contro “l’inverno dello spirito”. Riflessioni su Andrea Camilleri

    Cronaca

    Riflessioni su Andrea Camilleri Scrivere su Andrea Camilleri? Pallido tentativo, certamente banale, incompleto, riduttivo “riddiculu". Ci si può limitare a scrivere un aspetto della sua vita, uno dei tanti geniali pensieri, quello che magari più di tutti gli altri ha aiutato la vita di ciascu..

    Continua a Leggere

  • Monreale a lutto per Giuseppe Morello, aveva una vita davanti

    Cronaca

    MONREALE - Dolore e lacrime a Monreale per la morte di Giuseppe Morello. Un ragazzo che si trovava nel pieno della sua giovinezza. Aveva appena 20 anni Giuseppe e la comunità di Monreale è sotto choc per la sua scomparsa.

    Una giornata al mare con gli amici si è t..

    Continua a Leggere

  • Il boss di San Giuseppe Jato è malato, prosciolto dal processo Nuovo Mandamento

    Cronaca

    SAN GIUSEPPE JATO - Il boss mafioso di San Giuseppe Jato sta troppo male per sostenere il processo e la Corte d'appello lo proscioglie e ordina la sua scarcerazione. Gregorio Agrigento ha così ottenuto la libertà grazie a delle perizie che hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di ..

    Continua a Leggere

  • Giuseppe Morello, 20enne monrealese precipitato da oltre 10 metri sugli scogli a Macari. Indagini aperte

    Cronaca

    SAN VITO LO CAPO - Una giovane vita stroncata quella di Giuseppe Morello, 20enne monrealese morto ie..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a San Vito, muore il monrealese Giuseppe Morello

    Cronaca

    Il 20enne Giuseppe Morello, residente a Monreale, ha perso la vita cadendo dalla scogliera Bue Marino, a Macari. Giuseppe si trovava insieme ad amici quando è caduto sbattendo la testa sugli scogli.

    Sono ancora da determinare le dinamiche che, nella notte scorsa, hanno por..


  • Volti invecchiati e pieni di rughe. Spopola FaceApp ma dietro c’è la Russia

    Cronaca

    Volti invecchiati, pieni di rughe e chiome rigorosamente bianche. In questi giorni la news feed di Facebook è stata inondata di volti con 20-40 anni in più. Spopola FaceApp tra decine di vip e milioni di persone comuni.  L'applicazione trasforma il vo..

    Continua a Leggere

  • Bonus Sud, gli incentivi per chi assume giovani

    Cronaca

    L’INPS ha dato il via libera alle domande per l’ottenimento degli sgravi fiscali del Bonus Sud per le nuove assunzioni.

    L’istituto ha pubblicato la circolare con le istruzioni che servono ai datori di lavoro per utilizzare l’esonero per le assunzioni, anche ..

    Continua a Leggere

  • Capizzi: “Arcidiacono riferisca in consiglio comunale sulla sua idea di organizzazione del comune”

    Cronaca

    MONREALE - “Da ex sindaco posso condividere il punto di vista del mio successore che ha scelto un segretario di sua fiducia, ma da consigliere comunale mi chiedo quale sia l’organizzazione comunale che il sindaco Arcidiacono intende mettere i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, dall’Amat 2 milioni di euro: la Cassazione regala un «tesoretto»

    Cronaca

    MONREALE - Il comune di Monreale non doveva pagare 2 milioni di euro all'Amat perchè non vi era alcun contratto che lo specificasse. E' questa, in estrema sintesi, la decisione della Cassazione, una buona notizia per le casse del comune di Monre..

    Continua a Leggere

  • Piantagione di marijuana in un seminterrato a Villagrazia, arrestato il 54enne Giuseppe Marsalone

    Cronaca

    PALERMO - I carabinieri della stazione di Villagrazia di Palermo hanno tratto in arresto Giuseppe Marsalone, 54enne palermitano accusato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. Durante il servizio di contrasto al mercato degli stupefacen..

    Continua a Leggere