Oggi è 17/01/2018

Cronaca

Villa Sofia e la Coop. Sintesi: la storia del processo e la sentenza finale

Assolti anche i direttori amministrativo e sanitario Carlo Sitzia e Salvatore Requirez

Pubblicato il 24 novembre 2016

Villa Sofia e la Coop. Sintesi: la storia del processo e la sentenza finale

Monreale, 24 novembre 2016 – Con sentenza emessa questo pomeriggio il Tribunale di Palermo ha dichiarato di non doversi procedere “per ostacoli di precedente giudicato” nei confronti di Carlo Sitzia, Salvatore Requirez, Aurelia Di Benedetto e Sandro Russo, ed ha inoltre assolto Giuseppe Intravaia perché il fatto non sussiste. Il giudice, dopo quattro ore di camera di consiglio, ha così posto fine ad una lunga vicenda, cominciata il 6 giugno 2012, quando gli imputati Requirez, Sitzia, Di Benedetto e Russo erano stati chiamati in giudizio, in seguito ad una denuncia presentata da Antonino Frisina, sindacalista del comparto sanità della CGIL, che lamentava presunte irregolarità nella convenzione stipulata tra l’azienda ospedaliera Villa Sofia – CTO e la Cooperativa “Sintesi”.

15109450_10207735498001893_5466300798886995855_nRusso e Di Benedetto, oggi consiglieri comunali del Partito Democratico nel comune di Monreale, erano stati accusati dal Pubblico Ministero per avere somministrato fraudolentemente prestazioni lavorative all’azienda ospedaliera Villa Sofia CTO, mascherandole per rapporti di “tirocinio formativo”, in qualità di Presidenti del CDA della “Sintesi Cooperativa Sociale”, Russo fino al 20/03/2007 e Di Benedetto dal 20/03/2007. In pratica avrebbero fatto assumere persone utilizzando il meccanismo del tirocinio, eludendo i criteri di evidenza pubblica.

Entrando nello specifico, la Di Benedetto, sosteneva l’accusa, non avrebbe rispettato le norme in materia di diritto del lavoro. Non avrebbe versato in tutto o in parte i contributi e i premi obbligatori previsti dalle leggi sulla previdenza e assistenza, omettendo di presentare la denuncia obbligatoria (modello dm/10), dal mese di aprile 2007 sino ad aprile 2008.

Russo era stato invece chiamato a rispondere per avere somministrato lavoro all’Azienda Ospedaliera “Villa Sofia” – CTO”, con la finalità, sosteneva il PM, di eludere norme inderogabili di legge o di contratto collettivo applicato al somministratore. In pratica i tirocinanti, soci della Sintesi, avrebbero dovuto conseguire l’attestato di “qualificazione per i servizi di sanificazione ambientale e domestico alberghiero in ambito ospedaliero”, ed invece di fatto venivano utilizzati per sopperire alle carenze di personale nello specifico settore all’interno dell’ospedale Villa Sofia, che così si sottraeva all’obbligo di sostenere gli effettivi costi del personale (retribuito con modalità difformi dal CCNL) e di osservare le disposizioni in materia di assicurazioni sociali obbligatorie, omettendo di versare i relativi importi.

L’inchiesta aveva quindi coinvolto anche Sitzia e Requirez, rispettivamente direttore amministrativo e direttore sanitario di Villa Sofia, chiamati a rispondere dello stesso reato in quanto utilizzatori dell’attività lavorativa somministrata in frode di legge.

Il 30 settembre 2013 il giudice assolveva gli imputati, specificando come i reati fossero ormai prescritti, essendo decorsi più di cinque anni dalla data della delibera dell’Azienda ospedaliera, risalente al 2007, di accoglimento della richiesta di convenzione per il corso di tirocinio. Ciò nonostante, il giudice motivava l’assoluzione spiegando come le risultanze probatorie non consentivano di giungere ad una sentenza di condanna degli imputati. Non si poteva dimostrare infatti che i tirocini mascheravano veri e propri rapporti di somministrazione di manodopera retribuita.

Successivamente alla sentenza del 2013 i quattro imputati sono stati sottoposti nuovamente a processo, per gli stessi fatti, ma qualificati in materia diversa. L’imputazione, da violazione della normativa in materia di lavoro, era stata riqualificata in peculato. E nel nuovo procedimento era stato chiamato in giudizio anche Giuseppe Intravaia, in qualità di tutor della cooperativa, imputato per violenza privata.

Nel pomeriggio è arrivata per tutti gli imputati l’assoluzione piena.

Carlo Sitzia e Salvatore Requirez sono stati difesi dall’avv. Marcello Montalbano: “Abbiamo invocato una sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo, recepita dalla Corte Costituzionale, che riconosce il principio del “ne bis in idem”. Gli imputati non potevano essere nuovamente giudicati per i fatti per i quali erano stati già assolti dal Giudice Monocratico Erika Di Carlo nel 2013. Il Tribunale ci ha dato ragione”.

La difesa di Di Benedetto, Russo e Intravaia è stata condotta dall’avv. Piero Capizzi:

“La preclusione del precedente giudicato – spiega Capizzi – è stata considerata prioritaria rispetto al merito. Quindi per i quattro imputati già giudicati per gli stessi fatti, quantunque qualificati in altra maniera, i giudici hanno ritenuto di non dovere procedere”. Non si può entrare più nel merito.

Intravaia, che nel primo processo non c’era, è stato assolto perché il fatto non sussiste. “Questo dimostra che il peculato non c’è stato, diversamente avrebbero dovuto assolverlo o per non avere commesso il fatto, sul presupposto che il fatto c’era, o perché il fatto non costituisce reato, cioè non c’era l’intenzionalità a commettere il reato. Ritengo che sia stata fatta giustizia. Si è chiusa una vicenda particolarmente sofferta da parte degli imputati, nella consapevolezza di avere sempre operato nel rispetto delle regole della legge”.

Giunta la notizia dell’assoluzione arrivano, per i consiglieri, le congratulazioni dei compagni di partito.

Il capogruppo Ignazio Davì: “Personalmente e da capogruppo del Partito Democratico apprendo con  grande soddisfazione della piena assoluzione dei colleghi consiglieri Sandro Russo e Aurelia Di Benedetto. Assoluzione che fuga ogni nube e consente agli stessi di partecipare alla vita politica di questo comune con la stessa serenità e con lo stesso entusiasmo che Sandro e Aurelia hanno profuso da sempre”.

Antonio Rubino, responsabile regionale organizzazione del PD: “L’assoluzione dei consiglieri del PD Sandro Russo e Aurelia Di Benedetto è una bella notizia per il PD di Monreale che mostra ancora una volta la trasparenza della sua classe dirigente. Si tratta di una notizia che mi riempie di gioia per il rapporto personale oltre che politico che mi lega ad entrambi. Auguro a Sandro e Aurelia di proseguire nel migliore dei modi il loro lavoro, da oggi certamente più sereno”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, il Prof. Roberto Amato il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 -Il Prof. Roberto Maria Amato è il nuovo consulente per l’Ambiente e Lavori Pubblici del Comune di Monreale, funzionario della Regione Siciliana con alle spalle una lunga esperienza lavorativa all'interno dell'ente. Nella Sala Rossa di città, alla presenza del sindaco P..

    Continua a Leggere

  • 750° anniversario dedicazione Cattedrale Monreale: il 27 gennaio una Giornata di Studi

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - In occasione del 750° anniversario della Dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale, sabato 27 gennaio si terrà una Giornata di Studi presso il palazzo Arcivescovile della cittadina normanna. All'incontro formativo prenderà parte l’a..

    Continua a Leggere

  • Istituto Guglielmo II, aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2018-2019

    Cronaca

    Monreale, 16 Gennaio 2018 - Prendono il via oggi le iscrizione per l'anno scolastico 2018-2019 nell'istituto comprensivo "Guglielmo II". Durante il periodo delle iscrizioni, che si conclude il 6 febbraio, sarà possibile visitare la struttura e chiedere chiarimenti ai docenti.  ..

    Continua a Leggere

  • Partinico, incidente mortale sulla SS 113. Perde la vita una donna di 95 anni

    Cronaca

    Partinico, 16 gennaio 2018 - Un'anziana di 95 anni è morta questa mattina in seguito ad un incidente stradale che si è verificato sulla SS113 nei pressi di Partinico.  Una Fiat Brava guidata da Filippo Bologna, 65 anni, uomo conosciuto del posto e che in passato è anche stato sindaco..

    Continua a Leggere

  • Monreale. «No bomba ecologica nella discarica di Zabìa». Capizzi: «Lo confermano le analisi»

    Cronaca

    Monreale, 16 gennaio 2018 - «Le analisi e i rapporti di prova effettuati dall’ARPA Sicilia lo hanno pienamente confermato e certificato: l’ex discarica comunale sita in contrada Zabìa non contiene affatto rifiuti pericolosi e non è stata riscontrata nella zona alcuna presenza di materiali o s..

    Continua a Leggere

  • Caos-rifiuti, Musumeci incontra 50 sindaci. Capizzi: «Monreale porta meno rifiuti in discarica»

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Oggi a Palazzo D'Orleans erano presenti quasi tutti i 50 sindaci dei comuni che trasportano i rifiuti in provincia di Catania. Si va verso un'autorizzazione in deroga a tutte le leggi per consentire alla sesta vasca di Bellolampo, la discarica di Palermo, di ricevere rifi..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belìce: “Monreale non esiste più, è stata distrutta”. Le testimonianze dei monrealesi

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - "Monreale non esiste più, Monreale è stata distrutta". Era questa la notizia che si diffuse a Palermo in quel lontano 1968, quando nella notte fra il 14 e il 15 Gennaio avvenne uno dei più gravi terremoti italiani del Secondo dopoguerra che interessò la valle del Beli..

    Continua a Leggere

  • Ryanair rivoluziona le regole per il bagaglio a mano

    Cronaca

    Scatta la rivoluzione dei bagagli a mano su Ryanair, si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Siamo lieti di lanciar..

    Continua a Leggere

  • Al via l’Open week nella scuola Morvillo: organizzati laboratori, mostre e attività didattiche

    Cronaca

    Monreale, 15 Gennaio 2018 - Si è aperto oggi e si concluderà venerdì 19 Gennaio l’open week che, come ormai da t..

    Continua a Leggere

  • Una cena per 700 poveri del centro di Biagio Conte. Tra gli chef il monrealese Nicola Venturella

    Cronaca

    Palermo, 15 gennail 2018 - Una cena la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte. A organizzarla è lo chef e pasticcere di Partinico Massimo Giambelluca che ha chiamato a ..

    Continua a Leggere

  • «Cacciatori di storie bellissime». A Monreale i Percorsi Virtuosi di So.Svi.Le. e Maghweb

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - All’interno di Villa Savoia le testimonianze di chi ha puntato sulla bellezza, molto spesso nascosta, del territorio siciliano. Dai Sicani, fino alla Via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, la Sicilia può offrire ancora innumerevoli spunti per convincere i rag..

    Continua a Leggere

  • Monreale a sostegno di Biagio Conte. Padre Elisée incontra il frate laico

    Cronaca

    Palermo, 15 gennaio 2018 - Tanta è ancora la gente che vive per strada che non ha un tetto, un lavoro, una dignità e sopravvive ai margini della società. Sono gli invisibili, non solo clochard,  costretti a dormire nelle auto o per le vie di Palermo sono anche le famiglie sfrattate, i padri ..

    Continua a Leggere

  • Terremoto del Belice, il racconto di Biagio Cigno: «A Camporeale c’era un silenzio surreale».

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Nella memoria di un diciottenne, dopo cinquantanni, le date magari non si ricordano ma sensazioni, umori, odori, suoni, a volte a fronte di avvenimenti epocali, restano impressi come fossero accaduti ieri. A quel tempo abitavo a Palermo e di notte fui svegliato dalla..

    Continua a Leggere

  • Monrealexit. La giunta jatina attiva per il riordino: «Serve fronte comune»

    Cronaca

    San Giuseppe Jato, 15 gennaio 2017 - I monrealesi che vogliono diventare cittadini di San Giuseppe Jato sono circa 160, tutti residenti nelle borgate di Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito. Pagano le tasse alla città normanna ma usufruiscono dei servizi della città a Valle dello Jato


  • Romanotto (Credici Monreale): “Debiti azzerati? Solo a dicembre deliberato ricorso a Fondo di Riserva per 50.000 €”

    Cronaca

    Monreale, 15 gennaio 2018 - Azzeramento dei debiti del comune. Un’operazione di risanamento dei conti dell’ente portata come fiore all’occhiello della sua gestione amministrativa dal sindaco di Monreale, Piero Capizzi, e da lui sbandierato in tutti i consessi ..


  • Discipline in lingua straniera, laboratori, buone prassi innovative. É l’Open Day del Pietro Novelli

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Anche quest'anno la D.D. "P. Novelli" apre le sue porte alle famiglie, ai bambini, al territorio per far conoscere i dettagli della sua organizzazione didattica: attività laboratoriali curriculari, buone prassi innovative, sperimentazioni inclusive.


  • Monreale. Sfratto al Circolo Italia. Burgio: “Posizione del Sindaco denigratoria e offensiva”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Claudio Burgio è il commissario pro tempore dell’associazione culturale “Circolo Italia”, che ha ricevuto dal comune l’ordinanza di sfratto dai locali di Piazza Vittorio Emanuele 2,4 e 6. Al circolo culturale viene richiesto anche il pagamento di €24.734,35 pi..


  • Quadrante: “Il PD responsabile, abbiamo consentito l’approvazione del “Salva Napoli”. Gestione del Sindaco approssimativa”

    Cronaca

    Monreale, 14 gennaio 2018 - Sull'adesione alla procedura di salvataggio dal dissesto finanziario (cosiddetto "Salva Napoli") da parte del comune di Monreale, portata in aula venerdì scorso, il PD si è astenuto, con la sola eccezione del consigliere Ignazio Davì che, divergendo dalla posizione del..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale