Oggi è 27/03/2019

Cronaca

Villa Sofia e la Coop. Sintesi: la storia del processo e la sentenza finale

Assolti anche i direttori amministrativo e sanitario Carlo Sitzia e Salvatore Requirez

Pubblicato il 24 novembre 2016

Villa Sofia e la Coop. Sintesi: la storia del processo e la sentenza finale

Monreale, 24 novembre 2016 – Con sentenza emessa questo pomeriggio il Tribunale di Palermo ha dichiarato di non doversi procedere “per ostacoli di precedente giudicato” nei confronti di Carlo Sitzia, Salvatore Requirez, Aurelia Di Benedetto e Sandro Russo, ed ha inoltre assolto Giuseppe Intravaia perché il fatto non sussiste. Il giudice, dopo quattro ore di camera di consiglio, ha così posto fine ad una lunga vicenda, cominciata il 6 giugno 2012, quando gli imputati Requirez, Sitzia, Di Benedetto e Russo erano stati chiamati in giudizio, in seguito ad una denuncia presentata da Antonino Frisina, sindacalista del comparto sanità della CGIL, che lamentava presunte irregolarità nella convenzione stipulata tra l’azienda ospedaliera Villa Sofia – CTO e la Cooperativa “Sintesi”.

15109450_10207735498001893_5466300798886995855_nRusso e Di Benedetto, oggi consiglieri comunali del Partito Democratico nel comune di Monreale, erano stati accusati dal Pubblico Ministero per avere somministrato fraudolentemente prestazioni lavorative all’azienda ospedaliera Villa Sofia CTO, mascherandole per rapporti di “tirocinio formativo”, in qualità di Presidenti del CDA della “Sintesi Cooperativa Sociale”, Russo fino al 20/03/2007 e Di Benedetto dal 20/03/2007. In pratica avrebbero fatto assumere persone utilizzando il meccanismo del tirocinio, eludendo i criteri di evidenza pubblica.

Entrando nello specifico, la Di Benedetto, sosteneva l’accusa, non avrebbe rispettato le norme in materia di diritto del lavoro. Non avrebbe versato in tutto o in parte i contributi e i premi obbligatori previsti dalle leggi sulla previdenza e assistenza, omettendo di presentare la denuncia obbligatoria (modello dm/10), dal mese di aprile 2007 sino ad aprile 2008.

Russo era stato invece chiamato a rispondere per avere somministrato lavoro all’Azienda Ospedaliera “Villa Sofia” – CTO”, con la finalità, sosteneva il PM, di eludere norme inderogabili di legge o di contratto collettivo applicato al somministratore. In pratica i tirocinanti, soci della Sintesi, avrebbero dovuto conseguire l’attestato di “qualificazione per i servizi di sanificazione ambientale e domestico alberghiero in ambito ospedaliero”, ed invece di fatto venivano utilizzati per sopperire alle carenze di personale nello specifico settore all’interno dell’ospedale Villa Sofia, che così si sottraeva all’obbligo di sostenere gli effettivi costi del personale (retribuito con modalità difformi dal CCNL) e di osservare le disposizioni in materia di assicurazioni sociali obbligatorie, omettendo di versare i relativi importi.

L’inchiesta aveva quindi coinvolto anche Sitzia e Requirez, rispettivamente direttore amministrativo e direttore sanitario di Villa Sofia, chiamati a rispondere dello stesso reato in quanto utilizzatori dell’attività lavorativa somministrata in frode di legge.

Il 30 settembre 2013 il giudice assolveva gli imputati, specificando come i reati fossero ormai prescritti, essendo decorsi più di cinque anni dalla data della delibera dell’Azienda ospedaliera, risalente al 2007, di accoglimento della richiesta di convenzione per il corso di tirocinio. Ciò nonostante, il giudice motivava l’assoluzione spiegando come le risultanze probatorie non consentivano di giungere ad una sentenza di condanna degli imputati. Non si poteva dimostrare infatti che i tirocini mascheravano veri e propri rapporti di somministrazione di manodopera retribuita.

Successivamente alla sentenza del 2013 i quattro imputati sono stati sottoposti nuovamente a processo, per gli stessi fatti, ma qualificati in materia diversa. L’imputazione, da violazione della normativa in materia di lavoro, era stata riqualificata in peculato. E nel nuovo procedimento era stato chiamato in giudizio anche Giuseppe Intravaia, in qualità di tutor della cooperativa, imputato per violenza privata.

Nel pomeriggio è arrivata per tutti gli imputati l’assoluzione piena.

Carlo Sitzia e Salvatore Requirez sono stati difesi dall’avv. Marcello Montalbano: “Abbiamo invocato una sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo, recepita dalla Corte Costituzionale, che riconosce il principio del “ne bis in idem”. Gli imputati non potevano essere nuovamente giudicati per i fatti per i quali erano stati già assolti dal Giudice Monocratico Erika Di Carlo nel 2013. Il Tribunale ci ha dato ragione”.

La difesa di Di Benedetto, Russo e Intravaia è stata condotta dall’avv. Piero Capizzi:

“La preclusione del precedente giudicato – spiega Capizzi – è stata considerata prioritaria rispetto al merito. Quindi per i quattro imputati già giudicati per gli stessi fatti, quantunque qualificati in altra maniera, i giudici hanno ritenuto di non dovere procedere”. Non si può entrare più nel merito.

Intravaia, che nel primo processo non c’era, è stato assolto perché il fatto non sussiste. “Questo dimostra che il peculato non c’è stato, diversamente avrebbero dovuto assolverlo o per non avere commesso il fatto, sul presupposto che il fatto c’era, o perché il fatto non costituisce reato, cioè non c’era l’intenzionalità a commettere il reato. Ritengo che sia stata fatta giustizia. Si è chiusa una vicenda particolarmente sofferta da parte degli imputati, nella consapevolezza di avere sempre operato nel rispetto delle regole della legge”.

Giunta la notizia dell’assoluzione arrivano, per i consiglieri, le congratulazioni dei compagni di partito.

Il capogruppo Ignazio Davì: “Personalmente e da capogruppo del Partito Democratico apprendo con  grande soddisfazione della piena assoluzione dei colleghi consiglieri Sandro Russo e Aurelia Di Benedetto. Assoluzione che fuga ogni nube e consente agli stessi di partecipare alla vita politica di questo comune con la stessa serenità e con lo stesso entusiasmo che Sandro e Aurelia hanno profuso da sempre”.

Antonio Rubino, responsabile regionale organizzazione del PD: “L’assoluzione dei consiglieri del PD Sandro Russo e Aurelia Di Benedetto è una bella notizia per il PD di Monreale che mostra ancora una volta la trasparenza della sua classe dirigente. Si tratta di una notizia che mi riempie di gioia per il rapporto personale oltre che politico che mi lega ad entrambi. Auguro a Sandro e Aurelia di proseguire nel migliore dei modi il loro lavoro, da oggi certamente più sereno”.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Poste Italiane assume portalettere e consulenti

    Cronaca

    Chi vuole lavorare a Poste Italiane periodicamente può visitare la pagina del sito del Gruppo dedicata alle nuove assunzioni e al reclutamento delle figure professionali. Quali sono le posizioni aperte per il mese di marzo..


  • Palermo, corruzione elettorale. Gli ex deputati regionali Nino Dina e Franco Mineo condannati a 8 mesi

    Cronaca

    Palermo, 26 marzo 2018 - 8 mesi per l’ex deputato regionale dell’UDC Nino Dina, uguale condanna per Franco Mineo, ex parlamentare di Grande Sud. La sentenza, emessa dalla quinta sezione del Tribunale di Palermo, riguarda anche altri 20 imputati coinvolti nell’inchiesta denominata “Agorà..


  • Ecco gli autori degli incendi che nel luglio 2017 distruggevano Piano Geli e zone limitrofe. Due anni dopo la giustizia fa il suo corso

    Cronaca

    Monreale, 26 marzo 2019 - Sono stati individuati ed arrestati oggi i responsabili degli incendi appiccati nel luglio 2017 nel territorio di Monreale: si tratta di Pietro e Angelo Cannarozzo, colpevoli anche di aver rubato parti di guard rail, rame e una telecamera installata dalla polizia. Gli in..


  • Monreale. Vuoi diventare scrutatore di seggio elettorale? All’interno il modulo per la domanda

    Cronaca

    Monreale, 26 marzo 2019 - Sarà possibile presentare domanda di iscrizione per essere inseriti nell’elenco delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale. La domanda va inoltrata tra il 4 e il 9 aprile 2019 alla Commissione elettorale del comune di Monreale. Tra i requ..


  • Altofonte, esami e visite gratuite domenica in piazza

    Cronaca

    Altofonte, 25 marzo 2019 - Visite ed esami gratuiti in piazza Falcone e Borsellino. I camper dell'Asp faranno tappa domenica 31 marzo ad Altofonte.  È l'iniziativa "Asp in piazza", organizzata dall'Asp su richiesta dell'assessore alla Sanità Anna Lisa Marfia. Un vero e proprio villagg..


  • “Che mi interessa se si bruciano le case? Non è casa mia”. In manette Pietro e Angelo Cannarozzo (VIDEO)

    Cronaca

    https://www.youtube.com/watch?v=L08ON5lmlYo&feature=youtu.be

    San Martino delle Scale, 26 marzo 2019 - Scattano le manette per Pietro e Angelo Cannarozzo, padre e figlio, colpevoli di aver appiccato l’incendio che nel luglio 2017 ha messo in pericolo l’area di ..


  • “dottore Orlando lei è un cornuto, è una vita che glielo volevo dire”. Rischia tre anni di carcere per oltraggio al sindaco di Palermo

    Cronaca

    Palermo, 26 marzo 2019 - Diede del cornuto al sindaco Orlando, ora rischia tre anni di carcere per aver oltraggiato un pubblico ufficiale. Si tratta di Fabio Picco Di Maria, 32enne palermitano, protagonista del video che era diventato virale sui Social e che è stato visualizzato su miglia..


  • Arrestati gli incendiari che diedero fuoco a Piano Geli nel 2017. Macchiarella (Monreale Bene Comune): “Serve caserma dei Vigili del Fuoco a Monreale”

    Cronaca

    Monreale, 26 marzo 2019 - Dopo gli arresti di questa mattina, emessi nei confronti di Pietro e Angelo Cannarozzo, colpevoli di furto pluriaggravato, peculato e di aver appiccato gli incendi che nel luglio 2017 hanno quasi distrutto l’area di Piano Geli, il Movimento ..


  • Iscrizioni asilo comunale 2019/2020 dal 25 marzo fino al 17 maggio. Modulo nell’articolo

    Cronaca

    Monreale, 26 marzo 2019 - Si sono aperte ieri le iscrizioni all'asilo nido comunale relative all'anno 2019/2020, e l'ultimo giorno utile sarà il 17 maggio. È possibile iscrivere i bambini direttamente presso i locali dell'asilo nido Giaccone, via Venero 112, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13..


  • San Martino delle Scale. Angelo e Pietro Cannarozzo arrestati per incendio e furto

    Cronaca

    San Martino delle Scale (Monreale), 26 marzo 2019 - Furto pluriaggravato in continuazione e in concorso, peculato e incendio boschivo. Con questa accusa questa mattina sono state arrestate due persone dai carabinieri di Monreale. Si tratta di padre e figlio, Pietro Cannarozzo, sessantaduenne, pal..


  • Una passeggiata con … Giuseppe Romanotto. Dal passaggio alla Lega a come rilanciare il paese, “ma mai con Capizzi”

    Cronaca

    [embed]https://www.youtube.com/watch?v=C-AH53ImRr8&feature=youtu.be[/embed] Monreale, 26 marzo 2019 - Prima con il sindaco Di Matteo, poi all’opposizione di Capizzi, quindi il passaggio alla Lega, “ma non per acquisire una nuova verginità”. Giuseppe Romanotto spiega in un’intervista ..


  • Randagismo. Romanotto (Lega): “Creare un canile e un cimitero per gli animali”

    Cronaca

    Monreale, 26 marzo 2019 - “Basta passeggiare per le vie del centro urbano e delle campagne del nostro territorio, per imbattersi in branchi di cani randagi che, purtroppo, trovano a volte l’atroce morte dell’avvelenamento. Quello del randagismo è un tema che sta a cuore alla Lega di Monrea..


  • Padre Giuseppe Turco festeggia 50 anni di sacerdozio. Una missione iniziata nel ’69 che ancora continua

    Cronaca

    Monreale, 25 marzo 2019 - Toccante e partecipata la celebrazione della santa messa, tenutasi oggi nella chiesa dei Padri Agostiniani alla Rocca, in occasione del 50° anniversario di sacerdozio di Padre Giuseppe Turco presso la Parrocchia di Santa Maria La Reale.


  • Torna l’inverno per 48 ore: pioggia, freddo e vento

    Cronaca

    Monreale, 25 marzo 2019 - Volevate la primavera? Ecco invece ritornare, per 48 ore, l'inverno. Le emissioni mattutine dei centri di calcolo confermano le nostre proiezioni. Da martedì sera prevista pioggia, freddo, vento e neve oltre i 1000 metri.


  • Strapapà e StraPalermo, Salvo Campanella taglia il traguardo insieme al figlio

    Cronaca

    Palermo, 25 marzo 2019 - StraPalermo e StraPapà da record, oltre 15 mila "invadono" il centro. Attraversando il grande arco posizionato in via Cavour, i bambini sono partiti mano nella mano con i propri genitori. Tra i partecipanti anche un atleta senior come Ciccio De Trovato, 86 anni. Han..


  • Valorizzazione del Castellaccio: inserito in una rete di itinerari escursionistici

    Cronaca

    Monreale, 25 marzo 2019 - Monreale verrà inserita in una rete di itinerari escursionistici, dove sono presenti i castelli medievali della Sicilia.

    Il sindaco Piero Capizzi, al fine di valorizzare il Castellaccio di Monreale o Castello di San Benedetto, che si erge sul..


  • Il figlio di Franco Franchi presenta il suo libro a Casa Cultura

    Cronaca

    Monreale, 25 marzo 2019 - Previsto per domani, alle ore 10,00, nei locali di Casa Cultura Santa Caterina la presentazi..


  • Si accascia e viene salvato dal sindaco, ora è fuori pericolo

    Cronaca

    Palermo, 25 marzo 2019 - È ufficialmente fuori pericolo il massaggiatore che ieri ha rischiato la vita a causa di un arresto cardiocircolat..


  • Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Pubblicità elettorale
    Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com