Oggi è 20/09/2018

Cronaca

Cosa Nostra si riorganizza. Operazione Grande Passo 4, in 12 in manette VIDEO & FOTO

dalle prime luci del 27 settembre i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Corleone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa..

Pubblicato il 27 settembre 2016

Cosa Nostra si riorganizza. Operazione Grande Passo 4, in 12 in manette VIDEO & FOTO

dalle prime luci del 27 settembre i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Corleone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Palermo Anfuso, su richiesta della Procura Distrettuale diretta dal dott. Francesco Lo Voi, a conclusione di articolate indagini coordinate dal Procuratore aggiunto dott. Leonardo Agueci e dai sostituti dott. Sergio Demontis, dott.ssa Caterina Malagoli e dott. Gaspare Spedale, nei confronti di 12 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso, estorsione, tentata estorsione e danneggiamento, delitti aggravati dalla finalità di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa.

L’operazione è la naturale prosecuzione delle precedenti tre fasi dell’indagine “Grande Passo” relative al mandamento mafioso di Corleone, con le quali, tra il settembre del 2014 e il novembre del 2015, furono tratti in arresto molti esponenti apicali del citato sodalizio, gettando, tra l’altro, le basi per l’accesso ispettivo al Comune di Corleone e per il successivo scioglimento dell’Ente per infiltrazioni mafiose.

Nell’ambito di tale contesto di indagine, nel marzo 2014, a seguito della scarcerazione, dopo otto anni di reclusione, di GARIFFO Carmelo, nipote di Bernardo PROVENZANO, venivano riavviate le attività d’intercettazione all’interno dell’ufficio in uso ad Antonino DI MARCO, custode del campo sportivo di Corleone, vicino ai vertici corleonesi di Cosa nostra. Partendo da tale attività di ascolto, le complesse indagini nel tempo sviluppate e condensate nelle operazioni convenzionalmente denominate “Grande Passo[1], “Grande Passo 2[2] e “Grande Passo 3”[3], hanno permesso, tra l’altro di:

–       individuare il vertice del mandamento mafioso di Corleone in LO BUE Rosario Salvatore, appartenente all’area di fede provenzaniana;

–       identificare i reggenti delle famiglie mafiose di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano, rispettivamente, in PELLITTERI Vincenzo e MASARACCHIA Pietro Paolo,

–       delineare il ruolo di DI MARCO Antonino quale supervisore delle attività della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano;

–       accertare la responsabilità conferita a POLLICHINO Pietro quale responsabile della gestione del territorio di Contessa Entellina, sottoposto all’influenza della famiglia di Chiusa Sclafani.

Quest’ultima tranche dell’indagine ha consentito di integrare ulteriormente gli elementi acquisiti:

–       documentando, a seguito delle precedenti operazioni di polizia, la riorganizzazione territoriale dello storico mandamento di Corleone e delle citate famiglie ricadenti nell’area dell’Alto Belice, con l’individuazione dei vertici e dei nuovi assetti;

–       confermando l’aspra contrapposizione tra le diverse consorterie presenti sul territorio;

–       ricostruendo nove episodi estorsivi in danno di commercianti ed imprenditori operanti nel settore edilizio, vittime di numerosi atti intimidatori.

L’ordinanza di custodia cautelare, che compendia il quadro probatorio complessivamente raccolto, ha interessato:

–       Carmelo GARIFFO, nipote di Bernardo PROVENZANO;

–       Leoluca LO BUE (allevatore), figlio di Rosario Salvatore LO BUE, già a capo del mandamento mafioso di Corleone;

–       Antonino DI MARCO, già tratto in arresto nel settembre del 2014 nel corso dell’operazione “Grande Passo” e condannato in primo grado lo scorso febbraio a 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso ed altro;

–       Vincenzo PELLITTERI, già tratto in arresto nel novembre del 2015 nel corso dell’operazione “Grande Passo 3”;

–       MASARACCHIA Pietro Paolo, già tratto in arresto nel settembre del 2014 nel corso dell’operazione “Grande Passo” e condannato in primo grado lo scorso febbraio a 11 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso,nonché FILIPPELLO Vito Biagio (operaio forestale stagionale), nuovo reggente della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano a seguito dell’arresto di MASARACCHIA;

–       Bernardo SAPORITO (allevatore), Francesco SCIANNI (cantoniere) e Vincenzo COSCINO (operaio forestale stagionale), ritenuti organici alla famiglia mafiosa di Corleone;

–       Francesco GERACI, 45enne, e Francesco GERACI, 49enne, entrambi imprenditori agricoli, rispettivamente nipote e figlio dell’anziano capo famiglia Gaspare GERACI, deceduto lo scorso 5 dicembre 2015, nonché VACCARO Pietro (allevatore), tutti appartenenti alla famiglia mafiosa di Chiusa Sclafani.

Contestualmente è stata applicata la misura di sicurezza provvisoria della libertà vigilata per anni 2 nei confronti di GEBBIA Gaspare e del figlio Pietro mandanti di un progetto omicidiario in danno di un bracciante agricolo di Chiusa Sclafani.

 

LE ESTORSIONI

Quest’ultima fase dell’indagine ha consentito di acclarare come i vertici delle famiglie di Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani pianificassero le attività delittuose da porre in essere sul territorio sotto la supervisione e con l’autorizzazione del capo mandamento corleonese.

In particolare, nel corso dell’attività è stato possibile accertare una lunga serie di estorsioni consumate e tentate ai danni, per lo più, di ditte impegnate nell’esecuzione di lavori pubblici. L’elemento di novità rispetto al passato è rappresentato dalla caduta del muro di omertà di imprenditori e commercianti, che – stanchi di sottostare ad imposizioni e minacce di ogni genere – hanno iniziato a collaborare.

In tale contesto, è emblematica la vicenda che ha interessato, nel luglio del 2014, un imprenditore della provincia di Palermo, aggiudicatario dell’appalto dei lavori di manutenzione di abbeveratoi rurali nel comune di Palazzo Adriano, il quale denunciava l’incendio di due mezzi da lavoro.

Il contenuto della denuncia è stato suffragato dalle attività tecniche telefoniche e ambientali, in parte riportate nel video allegato, che hanno consentito di appurare i ruoli degli indagati nella vicenda estorsiva e, più in generale, in seno all’organizzazione mafiosa.

Il dato emerso con ricorrenza nel corso delle indagini, per tutte le vicende estorsive, è l’insistente e pressante azione degli indagati per la riscossione della “messa a posto”, come documentato dalle intercettazioni.

 

IL PROGETTO OMICIDIARIO IN DANNO DI UN BRACCIANTE AGRICOLO DI CHIUSA SCLAFANI

Nel medesimo contesto investigativo sono stati altresì raccolti elementi comprovanti il ruolo di GEBBIA Gaspare (coltivatore) e del figlio Pietro quali istigatori e mandanti di un progetto omicidiario in danno di un bracciante agricolo di Chiusa Sclafani. Le indagini hanno permesso di documentare tutte le fasi di pianificazione del progetto omicidiario e di individuare il movente.

L’omicidio non ha trovato alcuna concreta attuazione, venendo sventato grazie all’intervento degli inquirenti che sottoponevano a fermo di indiziato di delitto, il 23 settembre del 2014, Pietro Paolo MASARACCHIA, ed il 20 novembre 2015, PELLITTERI Vincenzo, rinvenendo in quella occasione, all’interno del suo ovile di Chiusa Sclafani, le armi da fuoco, dallo stesso illegalmente detenute, che dovevano essere utilizzate per la commissione del delitto.

Nei confronti dei mandanti, alla cui identificazione si è giunti nel corso di quest’ultimo sviluppo di indagine, è stata applicata della misura di sicurezza della libertà vigilata.

 

CONCLUSIONI

È evidente, come rilevato durante tutto lo sviluppo dell’attività investigativa, che il racket delle estorsioni, oltre ad essere uno strumento di accumulazione illecita di risorse, costituisce un’attività funzionale al concreto esercizio del potere mafioso e al controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione. Un modus operandi che produce, di converso, uno stato di sudditanza da parte delle vittime o, diversamente, una sorta di rapporto solidaristico con i membri del gruppo criminale.

In conclusione, le indagini hanno ancora una volta documentato l’andamento pressoché costante della pressione mafiosa sul tessuto produttivo nell’entroterra della provincia palermitana, che ha ingenerato un clima di paura e un muro di omertà, per la prima volta incrinato dalla collaborazione spontanea di imprenditori locali.

È evidente come i rilevanti risultati conseguiti, proprio poiché contestualizzati in un’area fortemente condizionata dalla criminalità organizzata e per la vastissima diffusione del fenomeno delle estorsioni, non potrà che infondere ulteriormente fiducia nell’operato della Magistratura e dei Carabinieri.

ELENCO:

–         Gariffo Carmelo, nato a Corleone (Pa) l’11 agosto 1958, ivi residente;

–         Vaccaro Pietro, nato a Chiusa Sclafani (Pa) il 25 novembre 1961, ivi residente;

–         Coscino Vincenzo, nato a Chiusa Sclafani il 26 febbraio 1971, ivi residente;

–         Saporito Bernardo, nato a Corleone il 22 aprile 1970, ivi residente;

–         Di Marco Antonino, nato a Corleone il 29 settembre 1956, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale Pagliarelli di palermo;

–         Lo Bue Leoluca, nato a Corleone il 29 maggio 1979, ivi residente;

–         Pellitteri Vincenzo, nato a Chiusa Sclafani il 26 aprile 1952, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale di Nuoro;

–         Scianni Francesco Paolo, nato a Corleone il 30 gennaio 1951, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale Pagliarelli di Palermo;

–         Filippello Vito Biagio, nato a Palazzo Adriano (Pa) il 27 maggio 1958, ivi residente;

–         Masaracchia Pietro Paolo, nato a Palazzo Adriano il 15 marzo 1950, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale di Prato;

–         Geraci Francesco, nato a Palermo il 9 marzo 1966, residente a Chiusa Sclafani;

–         Geraci Francesco, nato a Palermo il 29 marzo 1971, residente a Chiusa Sclafani;

 

Medesimo contesto sono stati sottoposti alla misura di sicurezza provvisoria  della libertà vigilata:

–         Gebbia Gaspare, nato a Chiusa Sclafani il 20 novembre 1941, ivi residente;

–         Gebbia Pietro, nato a Palazzo Adriano (Pa) il 7 novembre 1984, residente a Chiusa Sclafani.

Ricevi tutte le news
Coscino Vincenzo


Potrebbero interessarti anche:

  • Vandalismo nel corso del musical su padre Puglisi. Amara sorpresa per decine di spettatori

    Cronaca

    Palermo, 20 settembre 2018 - Dopo il musical dedicato a Padre Pino Puglisi gli spettatori trovano l’automobile vandalizzata. È accaduto nel corso della serata di ieri, (19 settembre ndr), in viale del Fante, nei pressi del Teatro di Verdura.

    Decine di auto parchegg..

    Continua a Leggere

  • Monreale, piazze vuote e negozi chiusi di giorno, caos e posteggiatori abusivi la sera

    Cronaca

    Monreale, 20 settembre 2018 - “Siamo passati dalla solitudine di piazze vuote e negozi chiusi di giorno al caos automobilistico delle ore serali con tanto di posteggiatore abusivo che armato di fischietto accompagna gli automobilisti a posteggiare davanti il Duomo..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Scrutatori e presidenti di seggio elettorale, possibile presentare le domande per l’iscrizione all’albo

    Cronaca

    Monreale, 20 settembre 2018 – E’ in corso di aggiornamento l’Albo unico del comune di Monreale in cui sono incluse le persone idonee all’Ufficio di scrutatore e presidente di seggio elettorale. Per il ruolo di scrutatore basta essere elettore del comune di Monreale ed essere in possesso d..

    Continua a Leggere

  • Forza Italia: “Premio di risultato al segretario generale per noi è illegittimo”

    Cronaca

    Monreale, 20 settembre 2018 - La notizia, pubblicata ieri, del riconoscimento del premio di risultato relativo al 2016 da liquidare al Segretario Generale del comune di Monreale, la dott.ssa Domenica Ficano, ha sollevato alcune critiche tra i banchi dell'opposizione. Ad inviare una nota in redazione..

    Continua a Leggere

  • Sospesa la caccia in Sicilia, ambientalisti vincono il ricorso

    Cronaca

    Con un’articolata ordinanza il TAR Palermo ha accolto totalmente il ricorso presentato da Legambiente Sicilia, LIPU e WWF, con il patrocinio degli avvocati Antonella Bonanno e Nicola Giudice del Foro di Palermo, contro il calendario venatorio 2018/2019 emanato ad agosto da..


  • Roccamena tra i rifiuti. Il sindaco Ciaccio: “Solleverò dall’incarico il dirigente dell’ufficio tecnico. Bisogna fare la gara”

    Cronaca

    Roccamena, 19 settembre 2018 - Da ieri a Roccamena non si raccolgono più i rifiuti. Cumuli di spazzatura e cassonetti sovraccarichi fanno bella mostra di sé negli angoli delle strade. Chi può li deposita nei propri garage. La società addetta alla raccolta e allo smalt..


  • Il “Sette e Mezzo” a Palermo, ieri l’incontro-dibattito a Casa Cultura Santa Caterina

    Cronaca

    [gallery ids="76777,76776,76775,76774,76773,76772,76771,76770,76769"] Monreale , 19 settembre 2018 - Quattro giornate, tra mostre e documenti storici, in ricordo dell’insurrezione del “Sette e Mezzo”. Questa la proposta del Centro Studi Zabùt, in collaborazione con la Fondazione Ign..


  • Nominata consulente del sindaco, l’Ing Dora Ferreri si occuperà di elettrotecnica

    Cronaca

    Monreale, 19 settembre 2018 - A fianco del primo cittadino ci sarà un nuovo esperto, si tratta dell'Ing Dora Ferreri alla quale è stato conferito l‘incarico di consulente del sindaco, a titolo gratuito, per occuparsi delle attività connesse all'elettrotecnica. Il rapporto durerà fino alla..


  • Drammatico incidente in via Paruta, tanta paura per un automobilista (FOTO)

    Cronaca

    Salvo per miracolo dopo un terribile scontro sul palo. È successo in via Paruta nella zona di Corso Calatafimi (Foto Gabriele Visocaro). Il conducente nonostante l’impatto e l’auto distrutta è salvo. Una notte piena di incidenti è stata quella trascorsa. Uno dei più gravi in corso C..


  • “Dipinti su Vetro”, inaugurata la mostra di Francesca Guicciardi

    Cronaca

    Monreale, 19 settembre 2018 - Una esposizione di “Dipinti su Vetro” dell’artista e collezionista Francesca Guicciardi, è stata presentata ieri dal sindaco Piero Capizzi e dall’assessore alla cultura Giuseppe Cangemi negli splendidi spazi della sezione di Arte Antica del Comples..


  • Monreale. In arrivo premio di risultato 2016 per il segretario generale. Per il sindaco Capizzi conseguito il 100% degli obiettivi

    Cronaca

    Monreale, 19 settembre 2018 - Come era successo per l’anno 2015, il sindaco Piero Capizzi ha assegnato al segretario generale, la dott.ssa Domenica Ficano, una valutazione con punteggio massimo sull’operato svolto nel corso del 2016. Questo, dopo che l’Organismo Intern..


  • Monreale. Amministrative 2019: “Da parte i personalismi. Avanti con un progetto di centro sinistra”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo Monreale, 18 settembre 2018 - "Le elezioni amministrative del maggio prossimo richiedono la costruzione di un progetto credibile ed autorevole per governare al meglio durante i prossimi cinque anni Monreale.  Il rispetto e l'attenzione per una società de..


  • Il top della civiltà: sacchetti lanciati per aria a due passi da Casa Cultura

    Cronaca

    Monreale, 18 settembre 2018 - L'inciviltà avrà un limite? Ormai se lo stanno chiedono in tanti. Quando sembra che s..


  • Maltempo, ci aspettano tre giornate temporalesche

    Cronaca

    Monreale, 18 settembre 2018 - Niente di bello ci aspetta per i prossimi giorni, purtroppo pagheremo il caldo delle prime settimane di settembre. Dal pomeriggio di oggi inizieranno i primi temporali. La giornata peggiore sarà quella di mercoledì.  Già dalla notte e un po’ per tutta la gi..


  • Si butta dal Suv rubato a folle velocità: arrestato il giovane

    Cronaca

    I carabinieri hanno arrestato S.C. di 19 anni per furto aggravato d’auto dopo un rocambolesco inseguimento per le vie di Palermo. Il giovane del quartiere Falsomiele attorno alle 4 stava percorrendo viale Regione Siciliana a bordo Mitsubishi Pajero.


  • Incidente sulla Circonvallazione di Monreale, scontro tra due auto

    Cronaca

    Monreale, 18 settembre 2018 - Nel primo pomeriggio di oggi si è verificato un incidente tra due auto sulla Circonvallazione di Monreale. A scontrarsi una Fiat Punto e una Mazda, l'incidente è avvenuto poco prima delle 14, all'altezza dell'incrocio con piazzale Florio. Fortunatamente nessun ferito...


  • Monreale, serra di marijuana trovata in un appartamento. Arrestato un 46 enne

    Cronaca

    Monreale, 18 settembre 2018 - Una serra di 17 piante di marijuana, di altezza media di circa 70 cm., dotata di un impianto di illuminazione termica. Ma anche 100 grammi di marijuana già essiccata e una quindicina di infiorescenze e due fucili. Uno semiautomatico con il colpo in canna occulta..


  • Come si differenzia? Giovedì a Pioppo un’assemblea cittadina con amministrazione e operatori

    Cronaca

    Monreale, 18 settembre 2018 - Dove mettere i piatti rotti? E la busta del latte con anima in alluminio o la scatola del tonno sporca di olio? La carta della cioccolata? E le buste della posta, con la finestrella in plastica? Quando si può consegnare l’indifferenziato, e qual è l..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com