Oggi è 24/04/2018

Cronaca

Cosa Nostra si riorganizza. Operazione Grande Passo 4, in 12 in manette VIDEO & FOTO

dalle prime luci del 27 settembre i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Corleone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa..

Pubblicato il 27 settembre 2016

Cosa Nostra si riorganizza. Operazione Grande Passo 4, in 12 in manette VIDEO & FOTO

dalle prime luci del 27 settembre i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Corleone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Palermo Anfuso, su richiesta della Procura Distrettuale diretta dal dott. Francesco Lo Voi, a conclusione di articolate indagini coordinate dal Procuratore aggiunto dott. Leonardo Agueci e dai sostituti dott. Sergio Demontis, dott.ssa Caterina Malagoli e dott. Gaspare Spedale, nei confronti di 12 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso, estorsione, tentata estorsione e danneggiamento, delitti aggravati dalla finalità di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa.

L’operazione è la naturale prosecuzione delle precedenti tre fasi dell’indagine “Grande Passo” relative al mandamento mafioso di Corleone, con le quali, tra il settembre del 2014 e il novembre del 2015, furono tratti in arresto molti esponenti apicali del citato sodalizio, gettando, tra l’altro, le basi per l’accesso ispettivo al Comune di Corleone e per il successivo scioglimento dell’Ente per infiltrazioni mafiose.

Nell’ambito di tale contesto di indagine, nel marzo 2014, a seguito della scarcerazione, dopo otto anni di reclusione, di GARIFFO Carmelo, nipote di Bernardo PROVENZANO, venivano riavviate le attività d’intercettazione all’interno dell’ufficio in uso ad Antonino DI MARCO, custode del campo sportivo di Corleone, vicino ai vertici corleonesi di Cosa nostra. Partendo da tale attività di ascolto, le complesse indagini nel tempo sviluppate e condensate nelle operazioni convenzionalmente denominate “Grande Passo[1], “Grande Passo 2[2] e “Grande Passo 3”[3], hanno permesso, tra l’altro di:

–       individuare il vertice del mandamento mafioso di Corleone in LO BUE Rosario Salvatore, appartenente all’area di fede provenzaniana;

–       identificare i reggenti delle famiglie mafiose di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano, rispettivamente, in PELLITTERI Vincenzo e MASARACCHIA Pietro Paolo,

–       delineare il ruolo di DI MARCO Antonino quale supervisore delle attività della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano;

–       accertare la responsabilità conferita a POLLICHINO Pietro quale responsabile della gestione del territorio di Contessa Entellina, sottoposto all’influenza della famiglia di Chiusa Sclafani.

Quest’ultima tranche dell’indagine ha consentito di integrare ulteriormente gli elementi acquisiti:

–       documentando, a seguito delle precedenti operazioni di polizia, la riorganizzazione territoriale dello storico mandamento di Corleone e delle citate famiglie ricadenti nell’area dell’Alto Belice, con l’individuazione dei vertici e dei nuovi assetti;

–       confermando l’aspra contrapposizione tra le diverse consorterie presenti sul territorio;

–       ricostruendo nove episodi estorsivi in danno di commercianti ed imprenditori operanti nel settore edilizio, vittime di numerosi atti intimidatori.

L’ordinanza di custodia cautelare, che compendia il quadro probatorio complessivamente raccolto, ha interessato:

–       Carmelo GARIFFO, nipote di Bernardo PROVENZANO;

–       Leoluca LO BUE (allevatore), figlio di Rosario Salvatore LO BUE, già a capo del mandamento mafioso di Corleone;

–       Antonino DI MARCO, già tratto in arresto nel settembre del 2014 nel corso dell’operazione “Grande Passo” e condannato in primo grado lo scorso febbraio a 12 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso ed altro;

–       Vincenzo PELLITTERI, già tratto in arresto nel novembre del 2015 nel corso dell’operazione “Grande Passo 3”;

–       MASARACCHIA Pietro Paolo, già tratto in arresto nel settembre del 2014 nel corso dell’operazione “Grande Passo” e condannato in primo grado lo scorso febbraio a 11 anni di reclusione per associazione di tipo mafioso,nonché FILIPPELLO Vito Biagio (operaio forestale stagionale), nuovo reggente della famiglia mafiosa di Palazzo Adriano a seguito dell’arresto di MASARACCHIA;

–       Bernardo SAPORITO (allevatore), Francesco SCIANNI (cantoniere) e Vincenzo COSCINO (operaio forestale stagionale), ritenuti organici alla famiglia mafiosa di Corleone;

–       Francesco GERACI, 45enne, e Francesco GERACI, 49enne, entrambi imprenditori agricoli, rispettivamente nipote e figlio dell’anziano capo famiglia Gaspare GERACI, deceduto lo scorso 5 dicembre 2015, nonché VACCARO Pietro (allevatore), tutti appartenenti alla famiglia mafiosa di Chiusa Sclafani.

Contestualmente è stata applicata la misura di sicurezza provvisoria della libertà vigilata per anni 2 nei confronti di GEBBIA Gaspare e del figlio Pietro mandanti di un progetto omicidiario in danno di un bracciante agricolo di Chiusa Sclafani.

 

LE ESTORSIONI

Quest’ultima fase dell’indagine ha consentito di acclarare come i vertici delle famiglie di Palazzo Adriano e Chiusa Sclafani pianificassero le attività delittuose da porre in essere sul territorio sotto la supervisione e con l’autorizzazione del capo mandamento corleonese.

In particolare, nel corso dell’attività è stato possibile accertare una lunga serie di estorsioni consumate e tentate ai danni, per lo più, di ditte impegnate nell’esecuzione di lavori pubblici. L’elemento di novità rispetto al passato è rappresentato dalla caduta del muro di omertà di imprenditori e commercianti, che – stanchi di sottostare ad imposizioni e minacce di ogni genere – hanno iniziato a collaborare.

In tale contesto, è emblematica la vicenda che ha interessato, nel luglio del 2014, un imprenditore della provincia di Palermo, aggiudicatario dell’appalto dei lavori di manutenzione di abbeveratoi rurali nel comune di Palazzo Adriano, il quale denunciava l’incendio di due mezzi da lavoro.

Il contenuto della denuncia è stato suffragato dalle attività tecniche telefoniche e ambientali, in parte riportate nel video allegato, che hanno consentito di appurare i ruoli degli indagati nella vicenda estorsiva e, più in generale, in seno all’organizzazione mafiosa.

Il dato emerso con ricorrenza nel corso delle indagini, per tutte le vicende estorsive, è l’insistente e pressante azione degli indagati per la riscossione della “messa a posto”, come documentato dalle intercettazioni.

 

IL PROGETTO OMICIDIARIO IN DANNO DI UN BRACCIANTE AGRICOLO DI CHIUSA SCLAFANI

Nel medesimo contesto investigativo sono stati altresì raccolti elementi comprovanti il ruolo di GEBBIA Gaspare (coltivatore) e del figlio Pietro quali istigatori e mandanti di un progetto omicidiario in danno di un bracciante agricolo di Chiusa Sclafani. Le indagini hanno permesso di documentare tutte le fasi di pianificazione del progetto omicidiario e di individuare il movente.

L’omicidio non ha trovato alcuna concreta attuazione, venendo sventato grazie all’intervento degli inquirenti che sottoponevano a fermo di indiziato di delitto, il 23 settembre del 2014, Pietro Paolo MASARACCHIA, ed il 20 novembre 2015, PELLITTERI Vincenzo, rinvenendo in quella occasione, all’interno del suo ovile di Chiusa Sclafani, le armi da fuoco, dallo stesso illegalmente detenute, che dovevano essere utilizzate per la commissione del delitto.

Nei confronti dei mandanti, alla cui identificazione si è giunti nel corso di quest’ultimo sviluppo di indagine, è stata applicata della misura di sicurezza della libertà vigilata.

 

CONCLUSIONI

È evidente, come rilevato durante tutto lo sviluppo dell’attività investigativa, che il racket delle estorsioni, oltre ad essere uno strumento di accumulazione illecita di risorse, costituisce un’attività funzionale al concreto esercizio del potere mafioso e al controllo del territorio secondo la logica dell’intimidazione e della sopraffazione. Un modus operandi che produce, di converso, uno stato di sudditanza da parte delle vittime o, diversamente, una sorta di rapporto solidaristico con i membri del gruppo criminale.

In conclusione, le indagini hanno ancora una volta documentato l’andamento pressoché costante della pressione mafiosa sul tessuto produttivo nell’entroterra della provincia palermitana, che ha ingenerato un clima di paura e un muro di omertà, per la prima volta incrinato dalla collaborazione spontanea di imprenditori locali.

È evidente come i rilevanti risultati conseguiti, proprio poiché contestualizzati in un’area fortemente condizionata dalla criminalità organizzata e per la vastissima diffusione del fenomeno delle estorsioni, non potrà che infondere ulteriormente fiducia nell’operato della Magistratura e dei Carabinieri.

ELENCO:

–         Gariffo Carmelo, nato a Corleone (Pa) l’11 agosto 1958, ivi residente;

–         Vaccaro Pietro, nato a Chiusa Sclafani (Pa) il 25 novembre 1961, ivi residente;

–         Coscino Vincenzo, nato a Chiusa Sclafani il 26 febbraio 1971, ivi residente;

–         Saporito Bernardo, nato a Corleone il 22 aprile 1970, ivi residente;

–         Di Marco Antonino, nato a Corleone il 29 settembre 1956, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale Pagliarelli di palermo;

–         Lo Bue Leoluca, nato a Corleone il 29 maggio 1979, ivi residente;

–         Pellitteri Vincenzo, nato a Chiusa Sclafani il 26 aprile 1952, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale di Nuoro;

–         Scianni Francesco Paolo, nato a Corleone il 30 gennaio 1951, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale Pagliarelli di Palermo;

–         Filippello Vito Biagio, nato a Palazzo Adriano (Pa) il 27 maggio 1958, ivi residente;

–         Masaracchia Pietro Paolo, nato a Palazzo Adriano il 15 marzo 1950, ivi residente, in atto detenuto presso la casa circondariale di Prato;

–         Geraci Francesco, nato a Palermo il 9 marzo 1966, residente a Chiusa Sclafani;

–         Geraci Francesco, nato a Palermo il 29 marzo 1971, residente a Chiusa Sclafani;

 

Medesimo contesto sono stati sottoposti alla misura di sicurezza provvisoria  della libertà vigilata:

–         Gebbia Gaspare, nato a Chiusa Sclafani il 20 novembre 1941, ivi residente;

–         Gebbia Pietro, nato a Palazzo Adriano (Pa) il 7 novembre 1984, residente a Chiusa Sclafani.

Ricevi tutte le news
Coscino Vincenzo


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale, dalla periferia alla città: erba alta e incuria

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - Erba non tagliata, erbacce alte fino a un metro e mezzo, vegetazione incolta e degrado diffuso. Questa è la situazione che si presenta sia alle porte di Monreale che nei quartieri del centro storico. Manutenzione dei marciapiedi, delle strade e sfalcio d'erba as..

    Continua a Leggere

  • Belmonte Mezzagno. Reintegrati al comune due geometri sospesi in seguito all’operazione Perseo

    Cronaca

    Belmonte Mezzagno, 24 aprile 2018 - I giudici del Tar Lazio hanno accolto il ricorso presentato da due geometri del Comune di Belmonte Mezzagno che erano stati rimossi dopo le ispezioni prefettizie su possibili infiltrazioni mafiose degli organi elettivi. Nel 2008, nel corso dell’operazione dei..

    Continua a Leggere

  • Autismo, l’acqua può sviluppare la fiducia in sé stessi

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 -Nell’aula Sarina Ingrassia, le settimane scorse si sono svolti una serie di incontri tra ..

    Continua a Leggere

  • Mafia di San Giuseppe Jato e Monreale. Condanne per oltre 2 secoli di carcere I NOMI e FOTO

    Cronaca

    [gallery ids="59992,59993,59994,59995,59996,59997,59999,60000,60001,60002,60003,60004,60005,60006,60007,60008,60009,60010,60011,60012,60013,60014,60015,60016,60017,60018,60019,60020,60021"] Palermo, 24 aprile 2018 - Il giudice Ferdinando Sestito del Tribunale ordinario di Palermo – sezione del ..

    Continua a Leggere

  • Grisì, un uomo impatta con due autovetture. Arrestato dai Carabinieri

    Cronaca

    Grisì, 24 aprile 2018 - Nella serata di lunedì 23 aprile, i militari della Stazione di Grisì (PA) hanno tratto in arresto un uomo, colto in flagranza del reato di danneggiamento aggravato di autovetture. L’uomo, alla guida della propria autovettura, andava ad impattare contro due autove..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, 76enne esce per comprare il pane e scompare

    Cronaca

    San Cipirello, 24 aprile 2018 - Da domenica 22 aprile non si hanno più notizie del 76enne Giuseppe De Luca. Era uscito di casa, San Cipirello, per raggiungere Piana degli Albanesi. Lì avrebbe dovuto comprare il pane, fare una passeggiata per il paese e passare al circolo ricreativo, ma dell'anzian..

    Continua a Leggere

  • Monreale. La donna nel corso dei secoli, attraverso il ritratto di Rosalia Novelli, la Virdimura e Mariannina Coffa

    Cronaca

    “La donna e l’intelligenza: una sfida lungo i secoli”. È questo il tema dell’incontro che si terrà sabato 28 aprile, alle ore 17,30, presso la Biblioteca Santa Maria La Nuova (sezione Fondo antico), nel complesso Guglielmo II. L’incontro sarà l’occasione per presentare il libro di Rit..

    Continua a Leggere

  • Villa comunale, un pool di esperti volontari per il ripristino dell’area in frana

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - Stamattina si è svolto un sopralluogo tecnico all'interno della Villa comunale di Monreale finalizzato alla sua riapertura integrale. Il Giardino delle delizie monrealese, dal marzo 2011, a seguito del crollo di una porzione di muro della balconata del Belvedere, era stat..

    Continua a Leggere

  • Colpo al clan mafioso di Monreale, sequestrati i beni a Vincenzo Madonia

    Cronaca

    Palermo, 24 aprile 2018 - La sezione Misure di Prevenzione della Procura di Palermo ha deciso il sequestro di alcuni beni riconducibili a Vincenzo Madonia, uomo d’onore monrealese, ex parrucchiere, arrestato nel 2008 e condannato nell’ambito dell’operazione antimafia Perseo, che bloccò il ten..

    Continua a Leggere

  • Monreale, sindaco senza maggioranza solida. Va sotto in consiglio comunale

    Cronaca

    Monreale, 24 aprile 2018 - La maggioranza non ha i numeri in consiglio comunale e non riesce ad approvare il regolamento per la gestione della galleria civica. Al momento della votazione una cospicua schiera di consiglieri di minoranza, nel corso della seduta di ieri, ha abbandonato l’aula non con..

    Continua a Leggere

  • Partirà con anticipo la campagna antincendio in Sicilia

    Cronaca

    Palermo, 23 aprile 2018 - Quest’anno saranno 15 i mezzi aerei a disposizione in Sicilia per fronteggiare gli incendi nella stagione estiva; nove sono messi a disposizione dal Dipartimento nazionale della Protezione civile, quattro dei quali finanziati dalla Regione siciliana in convenzione con for..

    Continua a Leggere

  • Furto all’ospedale Cervello, rubati quattro computer per la ricerca (FOTO)

    Cronaca

    Palermo, 23 aprile 2018 - Ancora furti all’ospedale Cervello. La scorsa notte sono stati presi di mira dai ladri quattro computer in uffici e laboratori, utili al funzionamento di importanti macchinari per la diagnosi e la ricerca contro le leucemie e i linfomi.&n..

    Continua a Leggere

  • In vigore l’Edilizia libera 2018: 58 gli interventi che non necessitano più di autorizzazione

    Cronaca

    Una bella notizia per chi vorrebbe eseguire dei lavori di manutenzione, di installazione di impianti o semplicemente vuole ristrutturare la propria abitazione. È entrato in vigore il decreto del 22 marzo che contiene il glossario dell’edilizia libera. Il documento contiene l’elenco di tutte le ..

    Continua a Leggere

  • “Era un giardino meraviglioso: piante esotiche, alberi di banano, maestosi ficus e una vasca con calle e pesci rossi”. Il racconto di Maria, nipote del custode della Villa

    Cronaca

    Monreale, 23 aprile 2018 - In questo ultimo periodo la redazione di FiloDiretto Junior, insieme ai compagni delle classi I F e I E della scuola media di Aquino, ci siamo occupati di ricostruire la storia della villa Belvedere di Monreale. Le ultime vicende riguardanti i due ficus della villa ci hann..

    Continua a Leggere

  • Tragedia a Palermo, un ragazzo di 18 anni si lancia dal nono piano

    Cronaca

    Palermo, 23 aprile 2018 - Un'altra tragedia della disperazione a Palermo che provoca un grande dolore in parenti e amici. Un ragazzo di 18 anni è morto dopo essersi lanciato dal nono piano di un palazzo. La tragedia si è consumata nel rione Sperone di Palermo.   Ad avvertire la polizi..

    Continua a Leggere

  • La Confraternita SS. Crocifisso e l’impegno verso i giovani. Valentino Mirto: “Abbiamo solo una stanza dove riusciamo a fare tanto”

    Cronaca

    [caption id="attachment_59736" align="alignright" width="300"] Foto Massimo Palmigiano[/caption] M..

    Continua a Leggere

  • Contro il bullismo necessaria una didattica formale, severa, o è la credibilità dell’insegnante la chiave educativa?

    Cronaca

    Monreale, 22 aprile 2018 - La scuola pubblica è stata sempre connotata, per la sua imprescindibile valenza formativa, tra quelle Istituzioni costantemente nell'occhio del ciclone, in quanto "trave maestra" di ogni struttura sociale che, malgrado i secoli, i rivolgimenti sociali, l'evoluzione antrop..

    Continua a Leggere

  • Palermo vs Avellino  3-0. I rosanero tornano a correre

    Cronaca

    Stadio Renzo Barbera (Palermo), 22 aprile 2018 - Il Palermo fa di necessità virtù, e in una situazione di emergenza, con l’infermeria affollata e alcune squalifiche di peso, riesce ad ottenere una vittoria  importante e convincente imponendosi per tre reti a zero, contro un Avellino &n..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com