Oggi è 19/01/2018

Editoriali

Rogo vicino le scuole. La negligenza del comune. Adesso le dimissioni dei responsabili politici

Nella vasta area assegnata al comune dal 1998 hanno preso fuoco anche rifiuti speciali

Pubblicato il 17 giugno 2016

Rogo vicino le scuole. La negligenza del comune. Adesso le dimissioni dei responsabili politici

Monreale, 16 giugno – Sono due le immagini della giornata di ieri che sicuramente mi rimarranno per sempre impresse, indelebilmente scolpite nella memoria. La prima è quella dei piccoli scolari degli asili “Il Girasole” e “Fantasilandia”. Bambini di 3,4,5 anni con i loro volti impauriti, gli occhi disorientati, stretti attorno alle loro maestre intente a rassicurarli. L’altra è quella del Comandante della Stazione dei Carabinieri di Monreale, il maresciallo Gianluca De Venuto. Il suo volto provato dalla fatica e dai fumi che ha inalato, intento a portare quanti più bambini possibile al sicuro, fuori dalle aule, completamente inzuppato dell’acqua gettatagli addosso per abbassarne la temperatura, mentre viene caricato, con la maschera dell’ossigeno, nell’ambulanza che lo porterà al Pronto Soccorso. Due soli fotogrammi bastano a descrivere il dramma che si è presentato ieri mattina, sulla circonvallazione di Monreale, all’altezza del ristorante la Fattoria. Un tratto della strada invaso da un denso fumo nero, fiamme altissime spinte dal forte vento di scirocco, un via vai di persone che cercano di apportare il loro aiuto arginando l’avanzare delle fiamme con l’utilizzo di tubi dell’acqua in attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco. Ed ancora i bambini impauriti che vengono portati via dalle maestre, dagli agenti, da comuni cittadini, e caricati sugli scuolabus per essere portati in salvo, presso la caserma dei Carabinieri o, come quelli dell’istituto il Girasole, presso l’ospedale Ingrassia per effettuare il controllo della saturazione dell’ossigeno nel sangue, a causa dell’eccessivo fumo respirato. Le maestre che, per cercare di sedare lo spavento dei piccoli, provano a sopprimere il proprio sgomento e sugli scuolabus intonano canzoncine. A monte della circonvallazione, su via Strada Ferrata, le case evacuate, i residenti per strada, la protezione civile intenta a spegnere le fiamme.

In tarda mattinata l’enorme rogo è stato spento, le maestre sono rientrate a casa, e così pure le mamme con i loro bambini che difficilmente torneranno con serenità nelle loro aule. Il ricordo delle fiamme rimarrà cicatrizzato nella loro mente.

Oggi è il momento della riflessione. Quali le cause, quali le responsabilità? Nei social network impazzano gli strali contro gli autori materiali dell’incendio ma anche le accuse contro l’amministrazione rea di non avere provveduto a tenere pulito il vasto appezzamento di terreno dal quale si sono diramate le fiamme fino a lambire scuole e abitazioni. Un terreno affidato già dal 1998 dalla Regione Siciliana al Comune di Monreale. Lo stesso comune che poche settimane fa aveva emesso l’ordinanza che obbliga i cittadini a tenere puliti i loro terreni per evitare il divamparsi di incendi. Una beffa.

Il sindaco Piero Capizzi, nelle sue dichiarazioni, si è limitato a rallegrarsi perché il peggio è stato evitato, oltre a ringraziare i Carabinieri per il loro tempestivo intervento. Troppo poco, non basta. La giornata di ieri ha dimostrato una totale incompetenza da parte della macchina comunale nella prevenzione degli incendi. Eppure le segnalazioni sul pericoloso abbandono dei terreni appartenenti al demanio comunale giungono innumerevoli da tanto tempo al sindaco e agli uffici competenti.

Di fronte allo scenario di terrore di ieri mattina bisogna che emergano le personali responsabilità. Gli organi inquirenti e la magistratura faranno il loro corso per scovare ed incastrare, si spera, i delinquenti che hanno appiccato l’incendio, ma i cittadini vogliono e devono conoscere i nomi di chi non ha adempiuto ad un proprio preciso compito, e ha messo a rischio decine di vite. Vogliono e devono conoscere se si tratta di incompetenza, di negligenza, di imperizia. Ma di fronte a fatti del genere, in un paese normale, si assisterebbe anche alle immediate dimissioni dei responsabili politici che hanno dimostrato di non essere stati in grado di gestire efficacemente la macchina comunale, né di avviare una campagna di prevenzione contro un fenomeno che regolarmente si ripresenta ogni anno, e che quindi farebbero bene a lasciare il posto a chi più competente. Sindaco e assessore al ramo vengano a riferire in consiglio comunale o ad una assemblea cittadina per fornire le dovute spiegazioni, e per consegnare una “testa”, la propria o di chi è stato il vero responsabile.

La “pulizia” dell’area, regalata dalle fiamme, ha inoltre portato alla luce la presenza di una vasta discarica abusiva, con una grande quantità di rifiuti speciali. Tanti pannelli di ethernit, già di per sé pericolosi, bruciando hanno disperso nell’aria migliaia di piccole particelle di amianto con tutto il loro carico cancerogeno. La diossina si è sprigionata dalla plastica e dagli pneumatici ancora fumanti.

Sindaco, non possiamo risvegliarci oggi come se nulla fosse successo.

Vogliamo sapere chi pagherà per il trauma subito da tutti questi bambini. Chi pagherà per la vita degli agenti messa seriamente a rischio.

Vogliamo inoltre conoscere quali provvedimenti finalmente verranno presi per mettere in sicurezza le altre aree verdi comunali. Sono tante ed abbandonate. E che non si tratti di semplici proclami.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • A Palermo è boom di multe Ztl: piovono i ricorsi

    Editoriali

    Palermo, 18 Gennaio 2018 - "La Ztl è un valore aggiunto della Città. Gli obiettivi principali della misura sono stati centrati: l'inquinamento è diminuito e la mobilità è migliorata. Palermo è attraversata da un flusso di circa 980 mila auto al giorno; ci sono 370 mila vetture immatricola..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, in un negozio sequestrati 200 chili di pesce

    Editoriali

    San Cipirello, 18 gennaio 2018 - Pesce in cattivo stato di conservazione e prodotti scaduti. Gli uomini della Capitaneria di Porto, agenti del commissariato e finanzieri di Partinico, e i veterinari dell’Asp hanno denunciato e multato il titolare di un esercizio commerciale a San Cipirello. Ele..

    Continua a Leggere

  • Monreale, investito un ragazzino in bici. Necessario il 118

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2018 – Attimi di paura a Monreale dove un bambino è stato investito da un’auto. L’incidente è avvenuto nei pressi di piazzetta Matteotti, meglio conosciuta come piazza Arancio. Un'automobile, secondo i primi racconti dei testimoni, avrebbe urtato contro il ragazzino di ..

    Continua a Leggere

  • Biagio Conte sta male, interromperà la protesta: “Ognuno adotti un povero, un disoccupato, un senza casa, un disabile, un immigrato, un nucleo familiare”

    Editoriali

    Palermo, 18 Gennaio 2018 - "Continuerò questo momento di preghiera, digiuno e opere fino alla giornata di venerdì dopo la quale aspettando quello che il Signore mi indicherà cercherò di attenzionare fratello corpo sostenendolo con dei liquidi, delle vitamine, degli zuccheri e delle proteine..

    Continua a Leggere

  • Monreale, è «Capizzi Quater». Paola Naimi e Alessandro Zingales nuovi assessori

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2018 – Ci siamo, la squadra del «Capizzi Quater» è stata definita.  Dopo circa un mese di vuoto istituzionale la giunta del comune di Monreale sarebbe nuovamente al completo. Nella rosa degli assessori comunali entrano Paola Naimi e Alessandro Zingales anche se ancora ..

    Continua a Leggere

  • Nuova emergenza, stop a rifiuti a Motta S. Anastasia. I 50 sindaci invocano l’aiuto del Prefetto

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2018 - Scatta una nuova emergenza rifiuti in cinquanta comuni delle province di Palermo e Trapani tra cui anche Monreale, Altofonte, Roccamena, San Cipirello, San Giuseppe Jato, Corleone, Bisacquino. Da oggi è inibito il loro conferimento nella discarica di Motta Santa Anastasi..

    Continua a Leggere

  • Villaciambra, i residenti contro il conferimento selvaggio dei rifiuti. «Siete incivili, vergogna»

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2018 – «Bene la raccolta differenziata ma servono più controlli sul conferimento selvaggio dei rifiuti», è la protesta dei residenti di Villaciambra, frazione di Monreale. I cittadini, quelli che hanno iniziato a seguire il calendario della raccolta differenziata, fanno se..

    Continua a Leggere

  • Monreale, il vicesindaco è «a tempo indeterminato». #Oltre: «Resta incompletezza istituzionale»

    Editoriali

    Monreale, 18 gennaio 2018 - Monreale ha un vice sindaco a tempo indeterminato. Il 29 dicembre il sindaco, con una determinazione, ha nominato Giuseppe Cangemi. Questa volta la nomina sembra essere definitiva e Cangemi, che è anche assessore, potrà rappresentare il primo cittadino, in caso di una s..

    Continua a Leggere

  • Servizio civile: 1830 posti in palio

    Editoriali


  • Donna strangolata davanti alla figlia, fermati due incensurati rumeni

    Editoriali

    Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Termini Imerese e della Stazione Carabinieri di Cerda hanno eseguito due provvedimenti di Fermo, emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese, nei confronti di due giovani romeni i..

    Continua a Leggere

  • Monreale, al via il Capizzi quater. Paola Naimi potrebbe a breve entrare in giunta

    Editoriali

    Monreale, 17 gennaio 2018 - Potrebbe nascere già domani il Capizzi quater. La città di Monreale, lo ricordiamo, è da prima di Natale priva dell’organo di governo, in seguito al passo indietro deciso dal Partito Democratico che ha ritirato i suoi due assessori, Nadia Battaglia e..

    Continua a Leggere

  • Reportage sui neomelodici e minacce a Meridionews. La solidarietà dell’Ordine dei Giornalisti

    Editoriali

    "L'Ordine dei giornalisti di Sicilia è vicino ai colleghi della testata online Meridionews di Catania, oggetto di violenti attacchi dopo la pubblicazione di un servizio sui cantanti neomelodici etnei". Lo dice l'Ordine in una nota. "


  • Alunni senza mensa scolastica. Il Comune di Partinico sospende il servizio

    Editoriali

    Partinico, 17 Gennaio 2018 - Non inizia nel migliore dei modi l’anno scolastico per le scuole di Partinico che hanno a disposizione il servizio mensa. Il Comune dal primo Gennaio ha sospeso il servizio di refezione per cinque istituti scolastici, la causa sarebbe legata alla manca..


  • “La dura memoria della Shoah”, il 25 gennaio la presentazione del libro a Casa Cultra

    Editoriali

    Monreale, 17 Gennaio 2018 - Un approccio nuovo alla storia della Shoah, costruito con anni di studi specifici e di esperienza didattica dedicata all’argomento. Un testo per le scuole, pensato per studenti e docenti, ma anche per tutti gli appassionati di Storia. Nonostante rappres..


  • Monreale, tragico incidente domestico. Una donna cade dalle scale e muore

    Editoriali

    Monreale, 17 gennaio 2018 - Sale le scale di casa, cade e muore. È accaduto a Monreale nel pomeriggio dello scorso 13 gennaio. La vittima è una signora monrealese, M. A. di 74 anni. La tragedia si è consumata in via Baronio Manfredi, all’interno della sua residenza. La signora, secondo quant..


  • Ruba l’insegna di Corleone, nei guai un turista tedesco. «Innamorato della città»

    Editoriali

    Corleone, 17 gennaio 2018 - Stava smontando l'insegna che riporta il nome della città di Corleone per portarlo a casa come souvenir. Ad essere stato colto con le mani nel sacco è stato un turista tedesco che, armato di di cacciavite, ha deciso di rubare la targa con la grossa scritta «Corleone»...


  • Via Esterna San Nicola in frana, intervengono i Vigili del Fuoco /FOTO

    Editoriali

    [gallery ids="49180,49181,49187,49188,49189,49190,49191,49192"] Monreale, 17 gennaio 2017 – Ancora nessun provvedimento è stato preso nei confronti di via Esterna San Nicola dove più di


  • Monreale, irregolarità nella depurazione delle acque. L’allarme di Legambiente

    Editoriali

    Monreale, 17 gennaio 2018- Sono 324 le irregolarità nella depurazione delle acque siciliane e 228 su 390 Comuni non depurano come si dovrebbe o non hanno ancora reti fognarie. L’allarme è stato lanciato da Legambiente Sicilia che ha studiato i dati pubblicati sul Portale dell’Acqua


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
    Acquapark Monreale