Oggi è 17/07/2018

Editoriali

Rogo vicino le scuole. La negligenza del comune. Adesso le dimissioni dei responsabili politici

Nella vasta area assegnata al comune dal 1998 hanno preso fuoco anche rifiuti speciali

Pubblicato il 17 giugno 2016

Rogo vicino le scuole. La negligenza del comune. Adesso le dimissioni dei responsabili politici

Monreale, 16 giugno – Sono due le immagini della giornata di ieri che sicuramente mi rimarranno per sempre impresse, indelebilmente scolpite nella memoria. La prima è quella dei piccoli scolari degli asili “Il Girasole” e “Fantasilandia”. Bambini di 3,4,5 anni con i loro volti impauriti, gli occhi disorientati, stretti attorno alle loro maestre intente a rassicurarli. L’altra è quella del Comandante della Stazione dei Carabinieri di Monreale, il maresciallo Gianluca De Venuto. Il suo volto provato dalla fatica e dai fumi che ha inalato, intento a portare quanti più bambini possibile al sicuro, fuori dalle aule, completamente inzuppato dell’acqua gettatagli addosso per abbassarne la temperatura, mentre viene caricato, con la maschera dell’ossigeno, nell’ambulanza che lo porterà al Pronto Soccorso. Due soli fotogrammi bastano a descrivere il dramma che si è presentato ieri mattina, sulla circonvallazione di Monreale, all’altezza del ristorante la Fattoria. Un tratto della strada invaso da un denso fumo nero, fiamme altissime spinte dal forte vento di scirocco, un via vai di persone che cercano di apportare il loro aiuto arginando l’avanzare delle fiamme con l’utilizzo di tubi dell’acqua in attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco. Ed ancora i bambini impauriti che vengono portati via dalle maestre, dagli agenti, da comuni cittadini, e caricati sugli scuolabus per essere portati in salvo, presso la caserma dei Carabinieri o, come quelli dell’istituto il Girasole, presso l’ospedale Ingrassia per effettuare il controllo della saturazione dell’ossigeno nel sangue, a causa dell’eccessivo fumo respirato. Le maestre che, per cercare di sedare lo spavento dei piccoli, provano a sopprimere il proprio sgomento e sugli scuolabus intonano canzoncine. A monte della circonvallazione, su via Strada Ferrata, le case evacuate, i residenti per strada, la protezione civile intenta a spegnere le fiamme.

In tarda mattinata l’enorme rogo è stato spento, le maestre sono rientrate a casa, e così pure le mamme con i loro bambini che difficilmente torneranno con serenità nelle loro aule. Il ricordo delle fiamme rimarrà cicatrizzato nella loro mente.

Oggi è il momento della riflessione. Quali le cause, quali le responsabilità? Nei social network impazzano gli strali contro gli autori materiali dell’incendio ma anche le accuse contro l’amministrazione rea di non avere provveduto a tenere pulito il vasto appezzamento di terreno dal quale si sono diramate le fiamme fino a lambire scuole e abitazioni. Un terreno affidato già dal 1998 dalla Regione Siciliana al Comune di Monreale. Lo stesso comune che poche settimane fa aveva emesso l’ordinanza che obbliga i cittadini a tenere puliti i loro terreni per evitare il divamparsi di incendi. Una beffa.

Il sindaco Piero Capizzi, nelle sue dichiarazioni, si è limitato a rallegrarsi perché il peggio è stato evitato, oltre a ringraziare i Carabinieri per il loro tempestivo intervento. Troppo poco, non basta. La giornata di ieri ha dimostrato una totale incompetenza da parte della macchina comunale nella prevenzione degli incendi. Eppure le segnalazioni sul pericoloso abbandono dei terreni appartenenti al demanio comunale giungono innumerevoli da tanto tempo al sindaco e agli uffici competenti.

Di fronte allo scenario di terrore di ieri mattina bisogna che emergano le personali responsabilità. Gli organi inquirenti e la magistratura faranno il loro corso per scovare ed incastrare, si spera, i delinquenti che hanno appiccato l’incendio, ma i cittadini vogliono e devono conoscere i nomi di chi non ha adempiuto ad un proprio preciso compito, e ha messo a rischio decine di vite. Vogliono e devono conoscere se si tratta di incompetenza, di negligenza, di imperizia. Ma di fronte a fatti del genere, in un paese normale, si assisterebbe anche alle immediate dimissioni dei responsabili politici che hanno dimostrato di non essere stati in grado di gestire efficacemente la macchina comunale, né di avviare una campagna di prevenzione contro un fenomeno che regolarmente si ripresenta ogni anno, e che quindi farebbero bene a lasciare il posto a chi più competente. Sindaco e assessore al ramo vengano a riferire in consiglio comunale o ad una assemblea cittadina per fornire le dovute spiegazioni, e per consegnare una “testa”, la propria o di chi è stato il vero responsabile.

La “pulizia” dell’area, regalata dalle fiamme, ha inoltre portato alla luce la presenza di una vasta discarica abusiva, con una grande quantità di rifiuti speciali. Tanti pannelli di ethernit, già di per sé pericolosi, bruciando hanno disperso nell’aria migliaia di piccole particelle di amianto con tutto il loro carico cancerogeno. La diossina si è sprigionata dalla plastica e dagli pneumatici ancora fumanti.

Sindaco, non possiamo risvegliarci oggi come se nulla fosse successo.

Vogliamo sapere chi pagherà per il trauma subito da tutti questi bambini. Chi pagherà per la vita degli agenti messa seriamente a rischio.

Vogliamo inoltre conoscere quali provvedimenti finalmente verranno presi per mettere in sicurezza le altre aree verdi comunali. Sono tante ed abbandonate. E che non si tratti di semplici proclami.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • San Giuseppe Jato ricorda la strage di via D’Amelio con una seduta straordinaria di Consiglio comunale

    Editoriali

    San Giuseppe Jato, 17 luglio 2018 - Anche la cittadinanza jatina ricorda l'anniversario della stessa di via D'Amelio. E’ convocato per Giovedì 19 luglio, alle ore 19.00, presso l’Aula Consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, un Consiglio Comunale in sessione Straordinaria in occasione del XX..

    Continua a Leggere

  • Monreale: Ecoincentivi, ispettori ambientali, orari di conferimento più flessibili. I cittadini scrivono una lettera al sindaco

    Editoriali

    Monreale, 17 luglio 2018 - Ancora troppe le difficoltà per conferire nei centri di raccolta, a causa degli orari poco flessibili o per motivi logistici, ma soprattutto per un’informazione sulle modalità di suddivisione dei rifiuti e sul loro conferimento che non ha ancora raggiunto tutta la citt..

    Continua a Leggere

  • Avviso di garanzia per l’arcivescovo Francesco Micciché

    Editoriali

    Monreale, 17 luglio 2018 - Emesso un avviso di garanzia nei confronti dell’ex arcivescovo Francesco Micciché a conclusione delle indagini preliminari condotte dal Pubblico Ministero, la dott.ssa Sara Morri del Tribunale di Trapani. Monsignor Micciché, originario di San Giuseppe Jato e residen..

    Continua a Leggere

  • Operazione antimafia Delirio, fermati gli uomini del dopo Riina. Riciclaggio in bar e scommesse

    Editoriali

    Palermo, 16 luglio 2018 - Operazione antimafia  questa mattina a Palermo. L'arrestato numero uno è Giuseppe Corona, personaggio chiave, finito nel mirino della Dda di Palermo che oggi  ha arrestato 24 persone tra mafiosi, prestanomi ed estortori di diversi clan della città. ..


  • Cumuli di rifiuti accatastati per strada. Emergenza tra via SP20 e Poggio San Francesco

    Editoriali

    Monreale, 16 luglio 2018 - I cassonetti sono scomparsi dalle strade ma ancora i rifiuti stentano a sparire, nonostante sia partita la raccolta differenziata e sono attivi dei centri di raccolta per il conferimento, nelle periferie e lontano da occhi indiscreti c'è chi continua a lasciare i rifiuti ..


  • Caldo africano, ancora poche ore poi ci sarà un calo termico

    Editoriali

    Monreale, 16 luglio 2018 - Tra la tarda sera e la mattina di domani arriverà carico di frescura il Maestrale, quindi si tornerà a temperature normali. Ma il caldo africano è sempre lì. Si attende una nuova visita per il fine settimana. Da valutare intensità e durata. La perturbazione farà a..


  • Monreale. La mostra di Padre Pio si rivela un flop economico. Pochi visitatori. Chiusura anticipata al 31 luglio

    Editoriali

    Monreale, 16 luglio 2018 - Nel business plan era stato stimato un afflusso di ben 7.000.000 (proprio così, sette milioni) di visitatori. Ma i numeri di questo primo mese hanno ribaltato nettamente le stime. E così gli organizzatori della mostra "La Grande luce Padre Pio tra Scienza e Fede”, inau..


  • Operazione antimafia, 28 arresti. Molti sono insospettabili

    Editoriali

    Palermo, 16 luglio 2018 - Maxi operazione antimafia della guardia di finanza. Sono finite in carcere 24 persone e quattro ai domiciliari.

    Tra questi Giuseppe Corona cassiere di un bar di fronte al porto, ma che secondo  le indagini del nucleo specia..


  • Aiutano i più bisognosi, nasce a Monreale una nuova realtà: “La Casa delle gioie”

    Editoriali

    Monreale, 15 luglio 2018 - Si occupano delle famiglie bisognose, sostengono le neo mamme ad organizzare l'arrivo del nascituro. Al momento non hanno una sede ma sperano di allestirla a breve, tra i loro programmi futuri é prevista anche l'apertura di una ludoteca, dove vorrebbero organizzare il dop..


  • Conferisci bottiglie e guadagni, accade a San Cipirello. Presto a Monreale e San Giuseppe Jato

    Editoriali

    San Cipirello, 15 luglio 2018 - A San Cipirello chi ricicla le bottiglie riceverà da oggi buoni spesa da utilizzare nei negozi convenzionati. Questo accada grazie a Legambiente Palermo. Obiettivo del piccolo centro jatino è quello di continuare a incrementare il record di raccolta differenziata, ..


  • Inferno tra Monreale e Altofonte. Pompieri, forestali e Protezione civile a lavoro fino a notte fonda

    Editoriali

    Monreale, 15 luglio 2018 - Ci sono volute diverse ore per domare le fiamme di un vasto incendio che si è sviluppato ieri tra i territori di Monreale e Altofonte. Il rogo, partito da Cozzo Paparina, in contrada Buttafuoco, nei pressi di Poggio San Francesco, è stato segnalato ai centralini dei v..


  • Verifica dei loculi al Cimitero di San Martino. Domani la consegna dei moduli

    Editoriali

    Monreale, 14 luglio 2018 - Continua a rimanere alta l'attenzione sul cimitero degli orrori di San Martino delle Scale.  Da domani alcuni volontari inizieranno a distribuire i moduli per la verifica dei loculi. Il gruppo sarà presente in piazza a San Martino e vicino l’ingresso del paese. ..


  • Corleone, maltrattava i bimbi all’asilo: maestra rinviata a giudizio

    Editoriali

    Corleone, 14 luglio 2018 - Con l'accusa di avere maltrattato i bambini di scuola materna, era stata sospesa dall'esercizio di pubblico ufficio una maestra. L'episodio era accaduto a Corleone dove i Carabinieri hanno hanno eseguito un'ordinanza di misura cautelare della sospensione dall'esercizi..


  • Incendio a Poggio Ridente. Evacuate alcune abitazioni

    Editoriali

    Palermo, 14 luglio 2018 - Intorno alle sette del mattino un Canadair è decollato dall'aeroporto di Trapani per un intervento antincendio su Poggio Ridente. Ancora in corso le operazioni.  L'incendio non è di vaste proporzioni, ma le fiamme lambiscono alcune abitazioni che per questo s..


  • San Cipirello, 18 sindaci vogliono impugnare l’ordinanza di Musumeci sull’avvio della differenziata

    Editoriali

    San Cipirello, 14 luglio 2018 - "Raccolta differenziata sì ma la Regione Siciliana ci metta nelle condizioni di farla, realizzando più impianti di raccolta". È il messaggio che spediscono 18 sindaci della provincia di Palermo al governatore della Sicilia Nello Musumeci dopo che ieri si sono riuni..


  • L’importanza dei tavolini da salotto: perché è importante non sottovalutarli

    Editoriali

    Nella scelta di un tavolino da salotto, sono cinque i principali aspetti che meritano di essere valutati in vista di un acquisto indovinato e soddisfacente: le dotazioni, l'identità cromatica, i materiali, le dimensioni e il design. Tra soluzioni tradizionali e alternative mod..


  • Il Movimento «Il Mosaico» si riempie di tessere. I nomi dei gruppi di lavoro

    Editoriali

    Monreale, 13 luglio 2018 - Si è tenuto martedì 10 luglio, a Chiasso Cavallaro, un primo incontro pubblico del Movimento Il Mosaico in cui gli iscritti e i simpatizzanti hanno avuto ..


  • Piazzale Candido, il centro di raccolta sotto casa ma i rifiuti vengono lasciati per strada

    Editoriali

    Monreale, 13 luglio 2018 - Cumuli di immondizia a due passi dalla postazione mobile di piazzale Candido. Succede a Monreale nelle vicinanze di via Venero, dove questa mattina gli operatori della ditta Mirto hanno trovato una discarica di sacchetti, nonostante il centro d..


  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com