Oggi è 18/01/2019

Chiesa

A pranzo con Papa Francesco, l’intervista a Don Innocenzo Bellante

Non è interessante sapere come questo sia avvenuto, piuttosto comunicare perché il Papa l’abbia voluto.

Pubblicato il 23 maggio 2016

A pranzo con Papa Francesco, l’intervista a Don Innocenzo Bellante

L’intervista

Monreale, 23 maggio – Non capita tutti i giorni ricevere l’invito a pranzo con il Papa. Eppure. in sei sacerdoti ci siamo trovati a parlare a tavola per più di tre ore con il Papa: Mons. Gaglio, Mons. Cannella, P. D’Aleo, P. Campisi, il sottoscritto e P. Elisèe. Non è interessante sapere come questo sia avvenuto, piuttosto comunicare perché il Papa l’abbia voluto. È un uomo di Dio molto attento alla vita delle periferie, alla vita dei sacerdoti anziani, alle difficoltà della vita ministeriale, alle incrostature della vita di relazione pastorale. Papa Bergoglio si è soffermato sulle difficoltà riscontrate all’interno della Chiesa nel trasmettere il messaggio evangelico, e ci ha manifestato la sua preoccupazione riguardo al rischio che anche la Chiesa come tutte le istituzioni possano divenire terreno fertile per interessi personali, potere, carriera, privilegi’.

D: Non sembra però che il Papa abbia messo da parte quei vescovi che tradiscono il proprio mandato.

Intanto non dimentichiamo, e Francesco lo ricorda con forza, che tanti vescovi e pastori danno la vita in molte parti del mondo: basta pensare ai martiri moderni della Siria, dell’Africa, del Pakistan. Non c’è dubbio, tuttavia, che c’è un rischio concreto di ‘mondanizzazione’ della stessa Chiesa. Il Papa invita tutti ad una verifica delle scelte storicamente operate. Propone soluzioni man mano che si presentano le circostanze e le difficoltà. ln una logica ecclesiale deve prevalere il principio di carità, e l’invito a rivedere certi stili di vita non facilmente identificabili come cristiani. L’orizzonte della Misericordia che sta segnando, il suo Pontificato include un’attenzione più critica, anche negli uomini di Chiesa, a tutto ciò che sa di casta, di indifferenza, di lontananza dall’uomo di oggi con i suoi problemi. Chi lo accusa di “buonismo”, non si accorge che il Papa è misericordioso ma molto determinato: ricordiamo che ha portato in carcere un vescovo pedofilo.

D: Perché Papa Francesco sente la necessità di ascoltare un sacerdote?

Nell’istituzione, soprattutto ecclesiale, spesso la comunicazione rischia di diventare piramidale, e proprio questa modalità produce meccanismi di povertà culturale, di esclusione, di selettività, di competizione. L’istituzione genera sé stessa e capisce soltanto sé stessa: diventa, come si usa dire, autoreferenziale. Certo, le istituzioni nascono per salvaguardare la vita comune principalmente e garantire l’ordinamento, ma quando diventano estremamente rigide, burocratiche, apparati di potere, le persone ‘servono’ soltanto come cinghie di trasmissione passiva. Così, la ‘cosa pubblica’ non appartiene più alla base, non viene più sentita come propria dai singoli. La disaffezione è un fenomeno che si va diffondendo e riguarda tutti gli ambiti del vivere associato.

Credo che il Papa voglia incoraggiare le periferie a farsi sentire perché sa che ci sono risorse non raccontate dagli uomini delle istituzioni e non rappresentate da esse. Papa Francesco è molto attento alle tante sofferenze e soprattutto al clima di indifferenza che sta investendo tutto il mondo, ma soprattutto la stanca civiltà occidentale. Si sta impegnando nell’ascolto dei “miseri” di ogni genere e credo che con le sue scelte voglia trasmettere il dovere e la gioia di essere presenti accanto a chi soffre: “miseri cor dare’: dare il cuore ai poveri. Era del resto lo stile di Gesù che era “venuto per i peccatori e gli esclusi”. Tenta di coinvolgere tutti e, come Papa, soprattutto i sacerdoti che lavorano in prima linea, nelle Parrocchie, in quegli ambiti che lui chiama ospedali da campo perché si recuperi la dignità dell’essere umano. Un’operazione rivoluzionaria che in un certo senso originale, infatti, le rivoluzioni partono dal basso. La sua, invece, riceve impulso dall’alto. ln questo momento si avverte una straordinaria saldatura tra il vertice massimo e il popolo, e talvolta si registrano voci di non velata critica nella fascia intermedia. Il Papa, qualcuno ha scritto, si trova isolato, ma con l’abbraccio e il plauso della gente. I critici addebitano questo feeling popolare e mondiale al ‘buonismo’ del Papa, ma non si accorgono che questo Pontefice, più degli altri, ha saputo dare voce all’uomo perché la vera ‘gloria di Dio è I ‘uomo vivente” come scrisse S. lreneo. Certamente non mancano le scimmiottature populistiche dei gesti geniali di Francesco, ma queste sono patetiche e ridicole perché gettano solo fumo negli occhi.

D: Cos’altro lo contraddistingue?

Questo Papa in maniera netta attacca le ipocrisie di chi costruisce le armi e poi fa la carità con il profitto delle vendite delle stesse armi. Sta richiamando tutti perché singoli e comunità maturino una coscienza responsabile e lo fa con stile e semplicità in tutte le sedi, compresi i Parlamenti. La gente rimane suggestionata, apprezza il gesto, si pone domande, ma tra il gesto propositivo del Papa e il cambiamento di mentalità c’è ancora una distanza enorme. I modelli di comportamento prima di affermarsi hanno bisogno di un lungo periodo di tempo e di interiorizzazione. C’è anche da considerare una variabile diffusa e composita, fatta di paura e individualismo. L’interesse, il particulare, è una forma di difesa contro tutto e tutti e la solidarietà è considerata una ingenuità. Da quando sono caduti i muri e non ci sono contrapposizioni ideologico-politiche, sono emerse tutte queste forme di paure e si vorrebbero riesumare contrapposizioni di carattere religioso. L’uomo, a volte, per definirsi, ha bisogno di avere nemici. È come essere in mare aperto e non sapere dov’è la strada. Chi non è stato educato ad avere una coscienza responsabile ha bisogno di avere regole certe e confezionate che garantiscano la tranquillità minacciata.

D: Un Papa Bergoglio è più scomodo per un laico o per chi si professa credente?

Per tutti e due. C’è un peccato storico, ancora da scontare. Il laico spesso si è definito in contrapposizione al cristiano, il cristiano si è definito in contrapposizione al laico e un po’ meno sul Vangelo. Questo Papa sta abbattendo tutti gli steccati. Va ad incontrare i Valdesi, i fratelli ortodossi, corre ad incontrare Fidel Castro. Prima di essere ‘diversi’ siamo uomini e fratelli.

D: Lo faceva anche Papa Wojtyla.

La novità è che Francesco non è il Papa di Roma che parla agli altri, ma uno tra tanti che parla ad un fratello, e questo assume una forza dirompente, straordinaria. Non è un Papa che ha qualcosa da imporre, ma è un Papa che ha qualcuno da incontrare, e si pone sullo stesso piano della ricerca. Mi viene in mente uno degli ultimi libri di Martini che parlava della ‘saggezza’ che si raggiunge quando l’uomo diventa ‘mendicante’. Forse non viviamo per dare agli altri ma per accogliere quello che ogni uomo porta nel profondo del cuore e che è paura, rabbia, desiderio di amore, voglia di vivere….

D: Il Papa è stato eletto da quella classe cardinalizia che lui oggi vuole riformare.

Credo che se ci fosse oggi un Conclave i Cardinali sceglierebbero ancora Bergoglio: credo cioè che la maggioranza dei cardinali abbia capito che la Chiesa in questo momento storico non può fare se non scelte come quelle di Bergoglio. Non si tratta delle modalità esteriori e accattivanti ma di indirizzi sostanziali. Quelli della mia generazione hanno apprezzato negli anni del Concilio una figura come quella di Martini, in parte fotocopia di quella di Papa Bergoglio. Ricordo che il Vescovo di Milano aveva riproposto il ritorno al Vangelo e di ‘ripartire da Dio’: in questa luce chiedeva alla sua Chiesa di interrogarsi sui fallimenti dei matrimoni, sulla problematica inerente alla omosessualità… Martini ha incontrato ostacoli e ncomprensioni all’interno della Chiesa stessa: era amatissimo ma era anche emarginato, proprio perché proponeva la necessità di interrogarsi sulla evangelicità di alcune risposte. E soprattutto, Martini aveva contribuito ad allargare il dialogo con i non credenti, proprio per recuperare quei valori umani che appartengono tanto al cristiano che al non-cristiano. Aveva aperto nuove strade di dialogo che oggi sono irrinunciabili. Non si può tornare indietro. La ricchezza originaria del Cristianesimo sta nel fatto che Dio diventa uomo, cioè parla da uomo, ma anche nella possibilità per l’uomo di parlare la lingua di Dio, che è relazione e amore.

D: La Chiesa italiana è pronta ad accogliere i cambiamenti proposti da papa Bergoglio?

Penso che ancora ci sia molto cammino da fare. Vedo, purtroppo, che le chiese fanno fatica ad organizzarsi come centri di formazione e spesso privilegiano le forme facili di devozione. La Chiesa dovrebbe essere un luogo di formazione critica, e deve favorire l’incontro con il Sacro che ‘pone la sua tenda’ nell’uomo.

All’interno della vostra parrocchia come vi confrontate con il messaggio di Bergoglio, ad es. quello relativo all’accoglienza?

Sono qui da poco tempo, da ottobre. A Monreale non c’è molta presenza di extracomunitari. Mi sono reso conto che qui, come altrove, ci sono molte forme di vecchie e nuove povertà, e non solo economica. Ho iniziato una visita ai residenti delle case popolari. Vorrei evitare una carità assistenzialistica perché scatena meccanismi deleteri. Ci sono quelli che pretendono e quelli che approfittano, e ci sono quelli che avrebbero bisogno ma dignitosamente rimangono in silenzio. Chi fa parte di un cammino di fede consapevole deve essere attento ai veri poveri. Così spero che ognuno si prenderà cura settimanalmente di una famiglia. Saremo noi a recarci presso una famiglia senza che sia questa a venire a chiedere. L’operatore cristiano deve essere il mediatore tra le potenzialità della parrocchia e i bisogni della gente. Certamente accanto a queste povertà ‘materiali” esistono altre ‘povertà’ spirituali dalle solitudini alla perdita di speranza.

D: Lei, al suo insediamento, non ha trovato in parrocchia una confraternita devota a S. Teresa. Pensa di istituirla?

No, non credo sia necessaria. Proprio la spiritualità teresiana invita a lavorare perché in parrocchia si attivino momenti e occasione di formazione e di preghiera. L’azione non può fare a meno della contemplazione. Ad ottobre avvieremo una scuola di Cristianesimo, rivolta a tutti. Da ottobre a dicembre, una volta al mese, raccoglieremo testimonianze significative e concrete sulla Misericordia nel mondo di oggi.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Meteo, da sabato finisce la tregua. Bufera di pioggia in arrivo

    Chiesa

    Monreale, 18 gennaio 2019 - Preparatevi ad un lungo e persistente periodo freddo e perturbato. Si tratterà di più giorni con temperature sotto media per quasi tutta la Sicilia. Gennaio ricorda a tutti che è il mese invernale per eccellenza. Da sabato finisce la tregua anticiclonica, piogg..

    Continua a Leggere

  • Blitz nel circo Sandra Orfei, sequestrata una tigre. Aveva il microchip di un altro animale

    Chiesa

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Oggi I Carabinieri del Centro Anticrimine Natura di Palermo, a seguito di un controllo amministrativo presso una struttura circense, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, V.C. classe 1974, gestore del circo presente in città, poiché deteneva un esemplare di panth..

    Continua a Leggere

  • Collegio di Maria, arrivano i ringraziamenti ma manca il nome del sindaco. “Le stufe sono state prese dalla Dirigente”

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2019 -Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in Redazione da parte di un gruppo di mamme che si sono battute affinché i figli potessero avere quello che una scuola normale offre. I genitori delle classi IV e V F dell'istituto Pietro Novelli chiedevano all'amministrazione u..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Cantieri di lavoro. Chi verrà chiamato (All’interno la graduatoria definitiva)

    Chiesa

    Monreale, 17 gennaio 2019 - È stata pubblicata la graduatoria (CLICCA QUI PER LEGGERLA) definitiva dei soggetti che verranno occupati nei cantieri di lavoro per il Comune di Monreale.

    Continua a Leggere

  • Centri per l’impiego, 4mila posti di lavoro disponibili

    Chiesa

    La Legge di Bilancio 2019 autorizza le Regioni ad assumere ben 4Mila unità di personale nei propri uffici che si occupano delle politiche attive per l’occupazione. Questo incremento dell’..

    Continua a Leggere

  • Ecco tutti i vantaggi dei servizi di carrozzeria online

    Chiesa

    17 gennaio 2019 - Avete appena subìto un danno alla carrozzeria della vostra auto e non sapete cosa fare? La vostra officina di fiducia è chiusa, oppure è semplicemente lontana anni luce dal luogo in cui state patendo il problema di cui sopra? Ebbene, questo è l'articolo che fa al ..

    Continua a Leggere

  • Roccamena, emergenza loculi. Il sindaco procede alle estumulazioni anche di loculi con concessioni a 99 anni. Le opposizioni “Mancanza di progettualità e lungimiranza”

    Chiesa

    Roccamena, 17 gennaio 2019 - “Ampliamento del cimitero comunale e sistemazione dell’esistente”. È uno dei punti programmatici con il quale il sindaco Ciaccio nel 2014 aveva vinto le amministrative del comune di Roccamena, alla guida della lista "Noi per Roccamena”. In paese quello della ..

    Continua a Leggere

  • Assolto perché il fatto non sussiste. Il sindaco Capizzi scagionato dall’accusa di omissione di atti d’ufficio (I DETTAGLI)

    Chiesa

    Palermo, 17 gennaio 2019 – Si è conclusa positivamente per il primo cittadino di Monreale, Piero Capizzi, una vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto assieme al suo predecessore, Filippo Di Matteo. Per Capizzi, difeso dall’avvocato Giuseppe Botta che aveva scelto il ..

    Continua a Leggere

  • Finanziaria regionale. Salta l’accordo in Commissione Bilancio. Fava: “Spettacolo imbarazzante per il Governo”

    Chiesa

    Palermo, 17 gennaio 2019 - Si fa sempre più concreta la possibilità che venga autorizzato un altro mese di bilancio provvisorio. In commissione bilancio infatti non si trova l'accordo sul collegato e l'aula viene rinviata addirittura a data da destinarsi. I deputati riceveranno la convocazione al ..

    Continua a Leggere

  • Forestali senza stipendio, presidio Flai-Cgil sotto l’UST. Pisa: “Siamo stanchi delle false promesse del Governo regionale”

    Chiesa

    Palermo, 16 gennaio 2019 - Nonostante le rassicurazioni i pagamenti e gli adeguamenti contrattuali non sono arrivati nè entro l'anno nè entro il 16 gennaio. Per problemi finanziari la Regione non ha pagato gli stipendi agli operai forestali della provincia di Palermo. Oggi sotto la sede dell'Uffic..

    Continua a Leggere

  • Centro per l’Impiego, domani torna operativo lo sportello

    Chiesa

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da domani mattina sarà operativo l'ufficio per l’impiego di Monreale. Nella sede di via Venero verranno offerti i servizi di accoglienza, orientamento e consulenza, incontro domanda e offerta placement, inserimento lavoratori disabili e categorie protette, promozione t..

    Continua a Leggere

  • San Cipirello, tragedia sfiorata: crollati i solai di una palazzina

    Chiesa

    San Cipirello, 16 gennaio 2019 - Crollo la scorsa notte in una palazzina a San Cipirello. Il peso di un grosso recipiente d’acqua ha fatto collassare i solai di una costruzione a due piani dove c’è una sartoria. Il crollo è avvenuto nella notte e in quel momento non c’era nessuno. I ..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Strisce blu: da oggi pagamento anche tramite l’App di Poste Italiane

    Chiesa

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Da oggi anche i cittadini di Monreale potranno pagare la sosta sulle strisce blu in maniera più veloce. È stato abilitato il pagamento dei ticket per la sosta oraria sulla piattaforma di PostePay+. Sarà sufficiente scaricare dal proprio smartphone l’App Postepay, cli..

    Continua a Leggere

  • Centro di raccolta di Fiumelato. Contenitori tra il fango? A breve sarà un lontano ricordo

    Chiesa

    [gallery ids="89150,89151,89152,89153,89154,89155,89156,89157"] Monreale, 16 gennaio 2019 - Da quando è stato istituito il centro di raccolta dei rifiuti differenziati all’ex Casello di Fiumelato per servire una parte della zona periferica di Monreale, tante sono state le lamentele dei residen..

    Continua a Leggere

  • Monreale. Salme in attesa nel deposito del cimitero. Vittorino: “A breve procediamo con la tumulazione”

    Chiesa

    Monreale, 16 gennaio 2019 - Sulle condizioni in cui versa il cimitero monrealese abbiamo più volte scritto. Come in diverse occasioni alcuni cittadini hanno deciso di armarsi di attrezzi e buona volontà per ripulire e dare decoro al luogo. Mimmo Vittorino, neo assessore con delega ai servizi cimit..

    Continua a Leggere

  • Quartiere Carmine, tentato furto di rame. Staccata la grondaia della chiesa

    Chiesa

    [gallery ids="89086,89085,89084"] Monreale, 15 gennaio 2019 -I ladri sono riusciti solo a staccare la grondaia ma non l'hanno portata via. Ancora una volta per pochi euro nel cuore della città avviene una manomissione ad un impianto pubblico. Un tentato furto di rame è avvenuto nel weekend all'..

    Continua a Leggere

  • L’assessore Potenza incontra i dirigenti scolastici. Stilato il calendario delle iniziative

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2019 - Si è svolto stamane in Sala Rossa un primo incontro, promosso dall’assessore alla Pubblica Istruzione Serena Potenza, con i Dirigenti Scolastici degli istituti monrealesi, che ha avuto come obiettivo la programmazione di alcune iniziative sulla legalità, ..

    Continua a Leggere

  • Monreale, previsto taglio alla retta degli asili nido. Il Comune riceve un contributo dalla regione

    Chiesa

    Monreale, 15 gennaio 2019 - In arrivo un contributo di € 75.373,20 per il comune di Monreale. A beneficiarne saranno le famiglie con bambini iscritti agli asili nido. Il contributo, previsto dall’Avviso approvato dalla Regione Siciliana, è infatti finalizzato a sostenere la spesa per la gestion..

    Continua a Leggere

  • Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com