D’Alcamo: “Di Matteo trova i soldi solo per i legali del suo studio”

0
Araba Fenice desk

Il consigliere Santo D’Alcamo assegna una pagella insufficiente al sindaco Di Matteo, imputandogli l’incapacità di avere risolto le problematiche del territorio monrealese.

E giù un lungo elenco: “Giacalone che è ancora oggi un luogo meraviglioso dal punto di vista naturalistico, invece di essere custodita è completamente invasa dai rifiuti, tutta la SP 20 è ostruita dai rifiuti che invadono la carreggiata e non consentono nemmeno la regolare circolazione, per non parlare dell’inquinamento ambientale che ne deriva. Il sindaco ha risanato i conti? E allora come mai i servizi ai bambini disabili non sono coperti per tutto l’orario scolastico? Come mai gli abbonamenti agli studenti non vengono dati? Come mai non c’è il servizio mensa nelle scuole? Come mai non si trovano i soldi per la manutenzione minima per le scuole? Come mai la scuola materna di Pioppo è ancora chiusa? Però si ha il coraggio di fare annunci di 50 posti di lavoro al complesso Guglielmo II, offendendo la dignità dei disoccupati, senza nemmeno essere in grado di far partire i cantieri di servizio.”

D’Alcamo imputa al primo cittadino anche “l’ESOSO AUMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI. Ricordo che il buon lavoro del Sindaco ha generato un debito con l’ATO di oltre 10 Milioni di EURO, proprio secondo l’alchimia con la quale sono stati fatti i bilanci.”

Infine, il consigliere, residente a Pioppo, segnala che “da giorni, dopo gli annunci di intervento sull’illuminazione pubblica SEMU COMPLETAMENTE O SCURU O CHIUPPU”

Ma la critica più pesante, che rischia di assumere un significato che vada oltre quello più squisitamente politico, riguarda le attribuzioni di incarichi legali ad avvocati dello studio dello stesso Di Matteo, “e per questo i soldi ci sono sempre. Più di 400 mila euro all’anno che in 5 anni fanno più di 2 Milioni di euro”.

D’Alcamo, che ha aderito al progetto politico del candidato sindaco della coalizione di centro sinistra Capizzi, chiede al sindaco di indire una conferenza stampa e di accettare un confronto pubblico, così da dare ai cittadini le opportune spiegazioni.

Ricevi tutte le news
Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com