Monreale sul tetto del mondo, il 3 ottobre la prima tappa del Giro d’Italia

Monreale è riuscita a "vincere" la battaglia, metaforicamente parlando, con i due Capoluoghi Palermo e Catania

Tre ottobre 2020. Una data da segnare negli annali della storia monrealese. Non solo perchè a Monreale prenderà il via il Giro d’Italia 2020, rinviato a Causa del Covid, ma perchè Monreale è riuscita a “vincere” la battaglia, metaforicamente parlando, con i due Capoluoghi Palermo e Catania. Se nelle scorse settimane il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, aveva annunciato la partenza del Giro dalla sua Palermo, dopo qualche ora era arrivata la smentita, piccata, dell’assessore regionale allo Sport Manlio Messina. “La prima tappa si farà a Catania”. Era questa l’ipotesi che si ventilava ma Monreale, e l’amministrazione, in silenzio, ha assistito sorniona alla polemica fino a questa mattina. È la stampa nazionale a confermare che sarà Monreale il palcoscenico scelto dall’amministrazione regionale e dalla Rcs, la società che organizza il Giro, ad ospitare la prima tappa.

In attesa della nuova presentazione, prevista tra pochi giorni, sono già noti i dettagli della grande partenza che, il 3 ottobre, sostituirà quella in origine programmata a Budapest, in Ungheria. Il Giro inizierà da Monreale con una cronometro individuale di 15 chilometri che prenderà il via davanti al Duomo e si concluderà nel cuore di Palermo. Poi Alcamo-Valle dei Tampli, Enna-Etna e Catania-Villafranca Tirrena. La nuova grande partenza 2020 è stata resa possibile dalla disponibilità della Regione Sicilia che avrebbe dovuto ospitarla nel 2021 ma ha accettato di subentrare all’Ungheria che potrebbe tornare il prossimo anno, terminata l’emergenza Covid.

Oggi però Monreale si ritrova sul tetto del grande ciclismo. Gioia e la soddisfazione hanno espresso il sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono e il presidente del Consiglio Marco Intravaia. “Un momento storico e irripetibile per la nostra città – il loro commento -. Un evento unico che trasformerà Monreale in palcoscenico nazionale ed internazionale. Il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore allo Sport Manlio Messina hanno voluto con decisione che il Giro partisse da Monreale, d’intesa con Rcs. Una scelta consapevole del Governo regionale nei confronti del quale la città è grata. Un’attenzione e una sensibilità continue – hanno concluso Arcidiacono e Intravaia – per il nostro territorio che in questa circostanza unica ci regalerà un appuntamento con la storia. Saltata la partenza all’estero, il Governo ha valutato che la scelta migliore per promuovere l’avvio del Giro fosse Monreale, vetrina naturale del fascino siciliano. Un evento eccezionale che avrà ricadute eccezionali sulla capacità attrattiva del territorio dal punto di vista turistico”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.