Assistenza igienico-sanitaria nelle scuole, Cigno: “Garante dei Disabili e Coordinamento H esclusi dalla questione”

"In campagna elettorale si parlava di coinvolgimento dei cittadini, e invece si rifiutano gli incontri ed i confronti"

MONREALE – Maggiore partecipazione nelle questioni che riguardano i disabili. È quanto chiede all’amministrazione comunale Biagio Cigno, Presidente dell’Associazione “Liberi di Lavorare” e rappresentante dell’Associazione “Meravigliosamente”, che raggruppa tra i propri iscritti i familiari di soggetti adulti con disagio psichico grave.

In questo giorni uno dei temi bollenti che l’amministrazione sta affrontando è quello dell’assistenza igienico-sanitaria nelle scuole, da quando una sentenza della CGA ne ha assegnato la competenza direttamente alle scuole.

“A maggio scorso il sottoscritto – scrive Cigno al sindaco -, il Garante dei Disabili al Comune di Monreale Dott. Salvatore Porrovecchio e Mariolina Munna, Presidente Regionale del Coordinamento H per i diritti delle persone con disabilità, hanno evidenziato una problematica grave che avrebbe avuto ripercussioni all’inizio del nuovo anno scolastico e mi riferisco al problema dell’assistenza igienico sanitaria dei soggetti portatori di handicap nelle scuole del nostro territorio.

Scevri dall’essere super esperti della materia, ma nel nostro piccolo campo e per l’attività che svolgiamo credo che possiamo dare qualche piccolo suggerimento e contributo al fine di evitare che dall’altra parte si affronti la problematica con superficialità, sufficienza e con la presunzione che chi dirige ha sempre le soluzioni, magari trincerandosi dietro disposizioni superiori e lavandosene così le mani”.

Secondo Cigno il percorso politico avviato dall’amministrazione Arcidiacono non starebbe adottando quella filosofia sbandierata in campagna elettorale basata sulla coinvolgimento dei cittadini: “Sig. Sindaco, questa Amministrazione ed i movimenti che la sostengono, e non mi stancherò mai di ripeterlo, nella campagna elettorale che hanno portato alla sua elezione, hanno sempre puntato il dito sulla partecipazione e sul coinvolgimento dei cittadini. Ma tra il dire ed il fare c’è un oceano immenso.

A volte si rifiutano gli incontri ed i confronti preferendo mettere la testa nella sabbia e scaricando ad altri responsabilità che sono pur proprie.

In data odierna (ieri per chi legge, ndr) si è svolto un incontro in Sala Rossa con gli operatori scolastici e funzionari dell’Ufficio tecnico di Monreale, annunciando in anteprima che si sarebbe parlato della questione igienico-sanitaria dei disabili nelle scuole ed invece, cosa anch’essa lodevole ed importante, si è discusso esclusivamente dell’adeguamento delle misure anti Covid da adottare nelle scuole demandando la problematica dei disabili a risposte che devono arrivare dalla regione.

Una questione di metodo e di merito: cosa nuoceva alla riunione di circa 20 partecipanti se avessero partecipato anche il Garante dei Disabili e il Presidente del Coordinamento Regionale H. 

Io mi sarei messo volentieri da parte essendo degnamente e compiutamente rappresentato da questi due ultimi soggetti”.

Cigno ricorda al sindaco come l’ 8 luglio il Presidente del Coordinamento H gli avesse inviato una lettera richiedendo un tavolo tecnico ove potersi confrontare nel merito, “al di là delle decisioni e soluzioni che verrebbero prese”.

“La problematica – continua Cigno – non investe solamente la condizione dei disabili ma il futuro di circa 40 famiglie che con il loro scarso stipendio danno un contributo non indifferente all’economia cittadina e la mancanza di prospettive certe aumenterà il disagio sociale, cosa di cui Monreale non può in questo momento permettersi. Un tavolo tecnico allargato agli operatori sindacali del settore può individuare soluzioni alternative a quelle fin d’adesso praticate.

Il grado di interesse di una Amministrazione che vuole definirsi civile verso i propri cittadini si valuta anche e soprattutto con l’attenzione e l’interesse che mostra verso coloro che più degli altri necessitano attenzione”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.