Rivoluzione viabilità, “Monreale come Cefalù? Non manca solo il mare”: i commercianti del centro storico chiedono un tavolo tecnico

Il nuovo piano: chiusura delle piazze, inversione del senso di marcia in via Roma, nel tratto da piazza Vittorio Emanuele a piazza Matteotti

I commercianti: “Siamo al secondo lockdown. Per noi la vendita al minuto è vitale”

MONREALE – “Monreale come Cefalù? Non manca solo il mare”, uno sorta di slogan utilizzato da ventiquattro commercianti del centro storico per avanzare il loro disappunto sulla rivoluzione del traffico, sull’introduzione della Ztl e sulla riduzione dei parcheggi vicino le aree del centro storico. “Siamo come Cefalù o Taormina, qualche amministratore dice, non avendo contezza degli standard organizzativi della nostra città. Nel tentativo di imitarle vengono prese decisioni inopportune e rischiose per la vita economica dei commercianti”. A scriverlo nella lettera indirizzata al sindaco e alla giunta comunale sono i titolari degli esercizi commerciali.

“Servono servizi utili alla creazione di un’offerta turistica – si legge nella lettera – più sicurezza specialmente nelle ore notturne”. Chiedono all’amministrazione di partecipare alle scelte politiche come avveniva in passato e l’istituzione di un tavolo tecnico.

“Per noi la vendita al minuto è vitale”, tra le richieste avanzate i commercianti c’è quella di non cambiare il senso di marcia di via Roma. L’ipotesi del nuovo piano, secondo gli esercenti, appesantirebbe le vie Aldo Moro, via della Repubblica, via Arcivescovado e via Cappuccini. Infatti, nella rivoluzione della viabilità, si prevede, oltre la chiusura delle piazze principali, l’inversione del senso di marcia in via Roma, in via Arcivescovado e in via Antonio Veneziano. In pratica, in base al nuovo piano, l’automobilista che da Palermo arriva in piazza potrà girare per via D’Acquisto e poi seguire via Arcivescovado e via Cappuccini per giungere al parcheggio. Una soluzione che andrebbe incontro all’esigenza del visitatore o del turista. Chi vorrà raggiungere l’altra parte del paese, provenendo dalla piazza, potrà seguire pure questo percorso o in alternativa andare per via Antonio Veneziano (zona Pozzillo). Anche se l’ingresso privilegiato alla città, in questo caso, è da via Aldo Moro o da piazzale Florio. Altra rivoluzione riguarderà l’inversione del senso di marcia in via Roma, nel tratto da piazza Vittorio Emanuele a piazza Matteotti. In pratica chi proviene da via degli Agonizzanti potrà proseguire per Salita Sant’Antonio e poi per via Veneziano, oppure girare a destra per via Roma e proseguire dritto per piazza Vittorio Emanuele.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.