Consegnati i premi DonnAttiva, un tributo alle eccellenze al femminile distintesi nel costruire una società migliore

Villa Malfitano ha fatto da cornice alla manifestazione giunta alla XII edizione

PALERMOSi è tenuta ieri sera, nello splendido scenario di Villa Malfitano, la XII edizione del premio ”DonnAtttiva”, organizzato dall’omonima associazione monrealese, finalizzato a dare risalto alle eccellenze al femminile che si sono distinte nella società. 

Premio Donnattiva 2020

Publiée par FiloDiretto Monreale sur Mardi 7 juillet 2020

La manifestazione, programmata come ogni anno per l’8 marzo e poi spostata causa Covid a ieri, 7 luglio, non ha tradito le aspettative.

La giornalista Ina Modica

La presidente dell’associazione DonnAttiva, la giornalista Ina Modica, anche quest’anno ha selezionato donne che si sono distinte nel loro lavoro, dallo spettacolo alla medicina, dall’imprenditoria alla scuola, in attività legate al contrasto contro varie forme di violenza e illegalità, contribuendo in modi differenti alla crescita di una società più sana, sorretta da basi valoriali solide.

 

 

 

La conduttrice Giada Adelfio

Undici le donne premiate con le targhe in ceramica, realizzate dalla socia Maria Grazia Bonsignore (Le ceramiche di Elisa Messina). Ma, per la prima volta nella storia di DonnAttiva, l’associazione ha voluto premiare anche due uomini. Conferite anche delle menzioni alle testate giornalistiche monrealesi, alla psicologa Alessandra Palma e alla Violinista e Direttore d’Orchestra Marta Pasquini (con oggetti in ceramica realizzati dal maestro Nicolo Giuliano).

La serata è stata mirabilmente condotta da Giada Adelfio, che ha chiamato a percorrere la scalinata del fantastico palazzo liberty donne e uomini che hanno trasmesso ai presenti l’amore e l’importanza del loro lavoro, rivolto alla società, alle parti più deboli, ai giovani. 

Ad aprire la serata il premio a Catena Fiorello, volto noto dello spettacolo, ma non sono mancate figure che, pur lontane dai riflettori, forniscono un fondamentale contributo allo sviluppo del territorio, non solo siciliano.

Il premio è stato un’opportunità per ripercorrere diversi temi attuali. La violenza sulle donne, che secondo le statistiche, nel periodo del lokdown, è aumentata nelle abitazioni italiane, il dilagare tra i giovani delle nuove forme di sostanze stupefacenti e l’importanza della prevenzione, la formazione scolastica, elemento centrale per una crescita equilibrata delle nuove generazioni e per il contrasto a comportamenti devianti, la responsabilità sociale propria dell’informazione. E ancora l’identità di genere come risorsa, il volontariato e la cittadinanza attiva, l’etica nel lavoro e la riscoperta delle solide tradizioni familiari compatibili con l’innovazione tecnologica quale volano di sviluppo per l’intero territorio e co-fautore del benessere sociale, il teatro quale strumento per avvicinare i giovani verso una forma di crescita consapevole e come laboratorio di esperienze di vita.

Ina Modica, nel corso del suo intervento, ha sottolineato che il premio DonnAttiva, espressione del lavoro svolto dalle socie, è finalizzato a creare una rete tra donne al fine di promuovere la cooperazione, lo scambio di esperienze e la valorizzazione delle singole competenze.

Nel corso della serata sono stati chiamati a consegnare i premi donne e uomini delle istituzioni.

Un riconoscimento speciale è stato anche dato al comune di Monreale. Al sindaco Alberto Arcidiacono è stata consegnata la Pigna Rosa, realizzata dai fratelli Ferraro (Fornace di Bisanzio). La Pigna rosa rappresenta il giro d’Italia,  la cui prima tappa quest’anno si terrà a Monreale.

Ed ecco l’elenco dei premiati: Catena Fiorello, Francesca Cacciola, Beatrice Casamassa, Daniela Crimi, Giusy Fabio, Giulia Giuffrè, Nadia Lo Bosco, Vania Pistolozzi, Agostina Porcaro, Roberto Puglisi, Margherita Rizza, Fabio Venturella e Pamela Villoresi. Menzioni per Alessandra Palma e Marta Pasquini.

(Il reportage fotografico è di Giuseppe Giurintano)

 

1 Commento
  1. Ghino di Tacco scrive

    noto con piacere che la manifestazione è stata organizzata nel pieno rispetto del protocollo anti covid-19 tutti portavano la mascherina e tutti mantenevano il distanziamento benissimo
    meglio di così non si può fare

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.