Villa e antivilla comunale tra cancelli chiusi, parco giochi distrutto e poca sicurezza

I monrealesi lamentano da mesi la mancata manutenzione del piccolo parco giochi presente all'interno dell'antivilla

La pandemia del Covid19 ci ha costretto a restare a casa a lungo e con l’arrivo della bella stagione sono tanti i monrealesi che si spostano nelle seconde case per trascorrere la villeggiatura. Chi resta nelle città, può fare passeggiate in strade più libere da auto e pedoni e godersi gli spazi pubblici e i giardini. Ma forse non a Monreale dove di aree verdi ce ne sono davvero poche e quelle che ci sono restano chiuse e senza attenzioni.

È il caso della Villa e dell’Antivilla di Monreale, unici spazi in cui è possibile far trascorrere ai bambini monrealesi qualche momento di libertà, lontani dalle auto e dai pericoli della strada. Peccato che anche qui le cose non vanno proprio bene. Da mesi, infatti, i monrealesi lamentano la mancata manutenzione del piccolo parco giochi presente all’interno dell’antivilla. I giochi messi a disposizione per i piccoli fruitori del parco, infatti, sono stati vandalizzati e nulla ancora è stato fatto per il loro ripristino e messa in sicurezza.

Ed è anche proprio il problema sicurezza che viene fuori sostando qualche attimo in Antivilla. Qui piccole bande di ragazzini fanno incursioni con la bicicletta mettendo a repentaglio la sicurezza dei più piccoli. L’accesso alle biciclette all’interno dell’unico polmone verde monrealese è ad oggi vietato ma, a causa della mancanza di controlli, sono diversi gli ingressi di biciclette – spesso anche scooter elettrici – non autorizzate.

L’assenza di controllo per mancanza di personale è uno dei problemi che rischiano di fare diventare i due spazi terra di nessuno. Ma il problema non si pone per il Belvedere che non ha più riaperto i cancelli da quando è stata dichiarata l’emergenza sanitaria. Ad oggi la Villa resta off limits ai monrealesi e ai visitatori – pochi – che arrivano a Monreale.

Dal 2011 la villa è stata colpita da un grave fenomeno di crollo e una parte di essa è stata transennata. Nei giorni scorsi il Governo regionale ha annunciato lo stanziamento di ingenti somme per il ripristino dei luoghi. I lavori potrebbero partire nel mese di luglio. Il progetto, che consentirà di riaprire integralmente al pubblico la Villa comunale di Monreale, è stato completato dall’Ufficio speciale per la progettazione di Palazzo Orleans, la Struttura creata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.