Maturità, assegnati al Liceo E. Basile i presidenti di commissione d’esami

Gli esami inizieranno il prossimo 17 giugno, gli studenti saranno tutti ammessi

La prova orale si svolgerà in presenza davanti a una commissione composta da sei membri interni e un Presidente esterno

Online i nominativi dei Presidenti che prenderanno parte alla maturità 2020, l’elenco è stato pubblicato dal MIUR. Il Ministero dell’Istruzione ha provveduto ad emanare le ordinanze per lo svolgimento degli esami di maturità dopo un anno segnato dalla didattica a distanza per l’emergenza Covid.

Nel Liceo Classico E. Basile e nel Liceo Artistico D’Aleo presidente della commissione: Maria Silvana Provenzano, proveniente dal LS Santi Savarino C/Da Turrisi S.N. Mentre al Liceo Scientifico E. Basile: Maurizio Padovano, provenienterrr dall’I.I.S. G. D’Alessandro Via S. Ignazio Di Loyola

A capo delle commissioni degli esami di maturità anche docenti universitari e ricercatori a tempo determinato, quest’anno. Lo ha deciso qualche giorno fa il ministero dell’Istruzione che ha emanato un provvedimento per completare le 13mila commissioni degli esami di stato ai tempi di coronavirus. La carenza di docenti disposti a sobbarcarsi la guida del sestetto di professori interni che esaminerà quasi 500mila studenti delle scuole statali e paritarie era già emersa un mese fa, quando alla scadenza del 6 maggio risultavano scoperte circa 2mila commissioni: il 15% circa. Dopo un mese, e a due settimana scarse dagli esami, la carenza si è ridotta al 9%, quasi mille e 200 poltrone.

Gli studenti sono tutti ammessi all’esame di maturità e nel caso di insufficienze, possono recuperarle nel corso del colloquio, ma ci sono due eccezioni che comunque nulla hanno a che fare col coronavirus. Lo studente non viene ammesso se il consiglio di classe non ha elementi per valutare lo studente perché nel primo periodo didattico, quindi prima dell’emergenza Covid-19 non ha frequentato, e serve comunque l’unanimità del consiglio di classe. Niente esami anche se lo studente ha ricevuto provvedimenti disciplinari gravi. Esclusi questi due casi lo studente viene ammesso.

Gli esami inizieranno il prossimo 17 giugno, alle 8,30: nessuna prova scritta, solo una orale che durerà massimo un’ora. Una prova speciale e diversa, quest’anno, per i 480 mila maturandi, che da marzo sono alle prese con le lezioni online. I crediti e il voto finale si baseranno sul percorso realmente fatto dagli studenti e per dare il giusto peso al percorso scolastico, il credito del triennio finale è stato rivisto: potrà valere fino a 60 punti, anziché 40, come prima dell’emergenza. Al colloquio orale si potranno conseguire fino a 40 punti e il voto massimo finale possibile resta, infatti, 100/100. Si potrà ottenere la lode.

La prova orale si svolgerà in presenza davanti a una commissione composta da sei membri interni e un Presidente esterno. Ciascun candidato discuterà, in apertura di colloquio, un elaborato sulle discipline di indirizzo, trattando un argomento concordato assegnato dai docenti di quelle discipline a ogni studente prima del 1° giugno. Seguirà la discussione di un breve testo trattato durante l’ultimo anno nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana. Saranno poi analizzati materiali, coerenti con il percorso fatto, assegnati dalla commissione. In chiusura, saranno esposte le esperienze svolte nell’ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento e accertate le conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione” secondo quanto effettivamente svolto dalla classe.

 

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.