Monreale, sorpreso con 500 grammi di hashish: condannato a 4 mesi un uomo di 43 anni

Il PM aveva chiesto 2 anni, sospesa la pena, accolta la tesi di sostanza stupefacente con ridotto principio attivo e di modica quantità

I difensori del monrealese hanno chiesto il giudizio abbreviato

MONREALE – Era stato fermato per un controllo dai Carabinieri della Compagnia di Palermo San Lorenzo mentre si trovava alla guida della propria autovettura.

G.P., di anni 43, residente a Monreale, aveva insospettito con il suo comportamento i militari che avevano deciso di perquisire l’autovettura. Sotto il sedile posteriore della Mercedes venivano rinvenuti 5 panetti per un importo complessivo di 500 grammi di stupefacente del tipo hashish.

G.P. aveva motivato la detenzione della sostanza stupefacente in quanto versava in precarie condizioni economiche. Intanto, l’azienda presso la quale prestava servizio aveva disposto la sospensione del rapporto di lavoro. Sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, il Giudice disponeva il Giudizio immediato.

I difensori di G.P., l’Avv. Salvino Caputo e la dr.ssa Giada Caputo, hanno chiesto il giudizio abbreviato da celebrarsi davanti il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Palermo. Il Giudice ha accettato la richiesta e ha accolto la tesi difensiva, in base alla quale la sostanza stupefacente avrebbe avuto un ridotto principio attivo. È stata quindi integrata la fattispecie di modica quantità.

Il Pubblico Ministero aveva chiesto una condanna ad anni 2 di reclusione. Al termine della camera di consiglio G.P. è stato condannato alla pena di 4 mesi di reclusione. La pena sospesa ed è stata disposta la revoca degli arresti domiciliari.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.