Palermo, scendono in piazza gli operatori delle sale gioco, scommesse e bingo

Gli organizzatori: “Noi vogliamo lavorare il nostro gioco è legale"

PALERMO – Gli operatori del gioco di tutta la Sicilia scendono di nuovo in piazza. È prevista, infatti, per il prossimo venerdì 29 maggio la manifestazione nel capoluogo siciliano, contro la mancata riapertura delle sale scommesse, sale giochi e bingo dopo l’emergenza sanitaria.

L’appuntamento è in piazza Indipendenza, a partire dalle ore 10,00, davanti la sede della Regione Sicilia. Sul manifesto dell’iniziativa, un uomo con la testa coperta da un cappuccio e il viso completamente nascosto nell’ombra e lo slogan “Lasciati senza volto”. “Noi vogliamo lavorare – dice Ivan, uno degli organizzatori – il nostro gioco è legale. Per la manifestazione, che sarà pacifica, abbiamo invitato tantissimi operatori del settore, gestori scommesse, corner, bingo, giochi, slot e vlt e ovviamente i dipendenti. Questa battaglia riguarda anche loro, alcuni dei quali non hanno ancora ricevuto neppure la cassa integrazione. Vorremmo capire perché il governo continua ad avere questo astio nei nostri confronti, chiediamo di tornare a lavoro e avere la nostra dignità, siamo un comparto importante. Rappresentiamo una industria che ha un gettito erariale decisamente sostanzioso, abbiamo 400mila addetti in tutta Italia, non possono dimenticarsi di noi. Vogliamo solo essere ricordati, siamo un settore che progredisce, crea occupazione e dà la possibilità a tante famiglie di andare avanti. Proveremo ad incontrare il governatore Musumeci o chi per lui per parlare e sensibilizzare la politica, che non può continuare ad ignorarci”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.