Reddito di emergenza per le famiglie in difficoltà. Chi può richiederlo?

Il sostegno prevede un valore mensile tra i 400 e gli 800 euro

Arriva il sostegno alle famiglie con un ISEE inferiore a 15.000 euro

Il decreto Rilancio da 55 miliardi di euro appena varato dal Governo è ricco di misure che mirano ad aiutare gli italiani nel rilanciare l’economia, messa in ginocchio dall’emergenza coronavirus.

L’attesissimo reddito di emergenza prevede un sostegno economico per le famiglie che non ne percepiscono già alcuno con un ISEE inferiore a 15.000 euro. La domanda per il reddito di emergenza è da inoltrare entro giugno 2020.

Per sostenere le famiglie più bisognose il decreto prevede l’erogazione del cosiddetto reddito di emergenza con un valore mensile tra i 400 e gli 800 euro, erogabile per due mesi con domanda all’Inps entro giugno. Spetterà alle famiglie con patrimonio mobiliare sotto i 10mila euro, fino ad un massimo di 20mila euro in base al nucleo familiare e con Isee inferiore a 15mila euro. La domanda all’Istituto di Previdenza potrà essere invitata anche attraverso Caf e patronati, utilizzando il modulo che verrà pubblicato nei prossimi giorni sul sito dell’Inps. Oltre ai requisiti legati all’Isee, per ottenere questo sussidio è necessario essere residenti in Italia.“

Il Reddito di emergenza è un sussidio pensato per venire incontro a quelle famiglie che si trovano in condizioni disagiate e che non abbiano potuto fruire degli altri ammortizzatori sociali, bonus e indennità previsti per far fronte all’emergenza COVID-19, o altre forme di sostegno al reddito. Pertanto sono esclusi dal REm anche:

  • i titolari di pensione diretta o indiretta (ad esclusione dell’invalidità);
  • i lavoratori dipendenti con retribuzione lorda superiore all’importo del REm;
  • i percettori del Reddito di Cittadinanza;
  • i detenuti;
  • chi è ricoverato in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.