era entrato al Palazzo di Giustizia armato e con falso tesserino della Finanza, oggi sequestrati beni per 300.000 euro

Sequestrati a Giovan Battista Calabria un appartamento, un magazzino, un posto auto esclusivo scoperto

PALERMO – Aveva provato ad entrare nel palazzo di giustizia armato e con tesserino farlo. Il fatto era avvenuto nel luglio 2019, quando Giovan Battista Calabria, 51 anni, era stato arrestato. I Carabinieri l’avevano trovato in possesso di una pistola con matricola abrasa e con tesserino di riconoscimento e placca metallica della Guardia di Finanza falsificati.

In seguito all’arresto era state fatte delle indagini patrimoniali che avevano permesso di dimostrare come i beni nella disponibilità di Giovan Battista Calabria fossero in realtà il frutto delle sue attività illecite svolte negli anni. Il quadro a quel punto si era fatto così più chiaro. Secondo gli inquirenti Calabria viveva abitualmente, anche in parte, con i proventi di attività delittuose.

Il Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione -, su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo, ha emesso un provvedimento di sequestro di beni siti nella zona di Santa Maria di Gesù di Palermo:

  • un appartamento;
  • un magazzino;
  • un posto auto esclusivo scoperto.

Il valore complessivo dei beni è di circa 300.000 euro.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.