Basile-D’Aleo, didattica a distanza a pieno ritmo in tutti gli ambiti disciplinari e laboratoriali

L’utilizzo della G Suite for Education consente di comunicare e gestire contenuti e risorse digitali con grande semplicità ed efficacia

Nell’IISS Basile-D’Aleo di Monreale forte è la motivazione al cambiamento da parte di tutto il personale della scuola coinvolto ed entusiasta, aperto e disponibile nei confronti di un significativo rinnovamento del proprio modo di lavorare pur di mantenere vive, anche se virtualmente, le dinamiche scolastiche.

In questo clima di rinnovamento gioca un ruolo fondamentale l’utilizzo della G Suite for Education fortemente sostenuta dalla DS Giannino Concetta che da sempre ha caldeggiato e stimolato tutto il personale della scuola ad aprirsi alle nuove tecnologie ed all’innovazione a 360 gradi.

Grazie all’intervento celere e competente del Responsabile della Privacy Ruvolo Davide e dell’Animatore digitale Nicolosi Carmelo con il suo team, e grazie anche alla collaborazione della Segreteria didattica, si è attivata la piattaforma integrata G Suite for Education che consente di comunicare e di gestire contenuti e risorse digitali con grande semplicità ed efficacia. Il setting ideale in ambito educativo al quale ci si rivolge è quello del lavoro collaborativo supportato dalle tecnologie digitali e dalla Rete.

Con la G Suite è più semplice far gestire a più mani un singolo documento in modo sicuro e immediato. In più, è possibile usufruire di una lunga serie di servizi aggiuntivi sviluppati da Google o da altri. 

Il nucleo centrale della G Suite per l’attività didattica a distanza è costituito dalle seguenti apps:

– Google Classroom;

– Gmail;

– Drive;

– Calendar;

– Documenti;

– Fogli di lavoro;

– Presentazioni;

– Hangouts Meet

– Moduli;

– Sites.

Quest’ambiente di lavoro risulta familiare sia al personale della scuola che agli studenti, infatti molti di loro utilizzano già le applicazioni Google per scelta personale. Sicuramente ritrovare interfacce gradite e familiari nel contesto scolastico agevola enormemente lo svolgimento della didattica a distanza. 

In ultimo ma non meno importante è la caratteristica fondamentale della G Suite di assecondare e semplificare il lavoro collaborativo.

Così nell’IISS Basile D’Aleo di Monreale la didattica a distanza procede a pieno ritmo investendo tutti gli ambiti disciplinari e laboratoriali per dare continuità non solo in termini cognitivi ma soprattutto affettivi ed emotivi. 

Ecco che seppur virtualmente, sono allestiti ambienti familiari in cui i ragazzi si sentono sicuri “avendo a loro fianco” non solo i propri professori ma altre figure altrettanto importanti quali i tecnici di laboratorio, il personale ATA, l’animatore digitale, il DS, che rappresentano la loro quotidianità.  Si rivivono esperienze di cooperazione, laboratoriali in cui l’alunno è protagonista, parte attiva nella costruzione del sapere. 

Si promuove una didattica laboratoriale con l’obiettivo di superare l’idea dell’insegnamento esclusivamente trasmissivo e accogliere e potenziare la metodologia del “fare lezione” e del “learningbydoing”.

Uno degli ambienti virtuali più accattivanti si rivela così il laboratorio scientifico di fisica, chimica, biologia, scienze della Terra e informatica. Infatti, all’IISS Basile-D’Aleo tramite la piattaforma Scuolab di Protom Group, è anche possibile gestire attività didattiche laboratoriali a distanza in cui vengono riprodotte in maniera fedele alcune delle leggi della fisica che regolano la realtà, esperimenti e reazioni chimiche con risultati verosimili ed in totale sicurezza, in cui i contenuti animati ed interattivi realizzati in 3D si accompagnano a informazioni descrittive. Inoltre nel laboratorio di informatica virtuale grazie all’emulatore della calcolatrice grafica Casio FXCG50 le classi quinte si preparano alla seconda prova di matematica e fisica per i licei scientifici potenziando le proprie competenze per affrontare con maggiore sicurezza gli esami di maturità.

La didattica a distanza sta così accelerando il processo di conversione del vecchio metodo di insegnamento, ad un’esperienza moderna di apprendimento, interattiva e coinvolgente che offre la possibilità di sperimentare nuove modalità di apprendimento e di relazione tra gli studenti, creando così nuove comunità d’apprendimento e favorendo una didattica inclusiva in cui anche gli alunni BES sono stimolati alla partecipazione proattiva alle attività di gruppo.

*Arianna Norcia, docente di matematica e fisica al liceo scientifico M. D’Aleo

1 Commento
  1. Luca scrive

    Mi chiedo se tutte queste piattaforme servano solo a caricare compiti. I ragazzi stanno facendo grandi sforzi. Perchè tutti gli insegnanti non utilizzano le piattaforme per fare lezioni in videoconferenza rispettando l’orario di lavoro? Perchè non usano la videoconferenza per interrogare i ragazzi? Ci saranno pure tante piattaforme, ma il servizio didattico non è costante. Non basta caricare video presi da youtube o lezioni registrate. Dov’è l’interazione alunno-docente? Se un ragazzo non capisce qualcosa a chi deve chiedere all’assistente di Google, Cortana?

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.