Monreale, il sindaco scrive a Conte “Misure straordinarie per i nuclei familiari più bisognosi”

Arcidiacono:  “Misure contenitive si, ma anche misure di contrasto alla povertà”

MONREALE – Il sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono, ha scritto una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per invitarlo a prendere provvedimenti immediati per le famiglie rimaste senza reddito per l’emergenza Covid 19.

Riportiamo integralmente il testo della lettera:

“Signor Presidente

con la presente intendo condividere con Lei la grave situazione che si è venuta a creare nel nostro territorio a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Come Sindaco di Monreale, mi trovo a gestire un territorio vastissimo con una popolazione che supera i 40 mila abitanti e, proprio in questi giorni di seria criticità, stiamo assistendo a situazioni di gravissima emergenza sociale. Alla drammaticità dell’evento con tutte le sue già innumerevoli complicazioni, si aggiungono le enormi difficoltà che numerose famiglie si stanno trovando ad affrontare a causa dell’epidemia in corso che ha bloccato molte attività lavorative.

Nonostante la solidarietà mostrata da enti religiosi, imprenditori, commercianti e associazioni che hanno donato una notevole quantità di derrate alimentari, stiamo registrando un considerevole peggioramento della situazione. Ed è per questo che rivolgo un sentito, quanto accorato appello alla Sua possibilità di prevedere delle misure straordinarie per i nuclei familiari più bisognosi prima che sia troppo tardi. Solo in questo modo sarà  possibile evitare che la crisi delle attività economiche, indotta dall’epidemia di COVID-19, produca effetti ben più gravi sul nostro tessuto socio- economico. Per molte persone rimanere a casa significa non lavorare e, quindi, questo si traduce nell’impossibilità di “restare a casa”, perché bisogna assicurare alle proprie famiglie almeno l’ordinarietà, ovvero la sussistenza quotidiana.

Noi sindaci, siano in prima linea e  dalle trincee dei nostri territori martoriati chiediamo di indirizzare il Suo pronto intervento sue due linee di azione complementari. Riteniamo necessario prevedere non solo le misure contenitive, per arginare gli effetti negativi che l’emergenza sanitaria internazionale sta producendo, ma soprattutto misure di contrasto alla povertà, fornendo  supporto economico a tutti i cittadini che affrontano seri problemi di liquidità finanziaria.

Puntualmente, infatti, sono le fasce più deboli e fragili delle nostre comunità a dover pagare il  prezzo più alto ed a rischiare di dover negare a se stessi ed ai propri cari il diritto di vivere con dignità il presente, già privo di ogni speranza per il domani.

Da amministratori quali siamo non possiamo permettere che ciò avvenga, in quanto sentiamo forte la responsabilità sociale ed il dovere morale, prima che legale, di prenderci cura di tutti e di ciascuno.

Nell’auspicio  di un suo significativo atto a sostegno delle fasce più deboli, le porgo i miei più distinti saluti”.

1 Commento
  1. Io scrive

    Ci sono famiglie che non possono percepire neanche il reddito di cittadinanza e andava avanti con lavori occasionali che a sua volta lavoravano in nero nelle attività proprio di Monreale
    Perché non potevano metterti in regola “o così o niente” quindi si andava avanti
    È adesso non siamo tutelati…..noi!
    Chi ha la partita Iva si lamenta delle 600 euro però chi assumeva senza nettere in regola tutti muti e accondisciendenti per pagare loro meno tasse!!!

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.