Handbike 2020 non si ferma, ma si adegua all’emergenza in corso

Handbike 2020: confermate le tappe nazionali, testimonial d’eccellenza il cantante Federico Martello, vincitore morale di All Together now. 

L’attuale situazione d’emergenza legata al Coronavirus ha insinuato nel mondo dello sport la necessità e spesso anche il desiderio di fermare tutto per “restare a casa” come cita quello che oggi è l’hastag più diffuso in assoluto.

Dopotutto con la sicurezza non si scherza e specie negli sport di squadra dove più persone sono a stretto contatto fra loro la sospensione dei giochi diventa pressoché necessaria.

Diverso però se lo sport in questione è all’aria aperta, se viene fatto individualmente dal partecipante e se tutto viene strutturato e modificato al fine di consentire una gara sicura per tutti. È così che sarà probabilmente per l’Handbike 2020, la corsa nazionale giunta alla sua 11esima edizione fatta per le biciclette a braccia. 

Handbike 2020: confermate le tappe nazionali

Un comunicato dell’11 marzo postato sul sito ufficiale dell’Handbike conferma le sette tappe nazionali nonostante tutto. Anzi, proprio per dimostrare che c’è la speranza che tutta questa brutta situazione italiana si risolverà nel giro di qualche settimana, oltre ad un nuovo logo (quello rosa su sfondo bianco), ci sarà un testimonial d’eccellenza come il cantante Federico Martello, vincitore morale di All Together now. 

Il cantante condivide con gli atleti del Giro una disabilità motoria dalla nascita, che si è aggravata poi qualche anno fa a seguito di un incidente. Per questo è stato scelto come miglior testimonial per l’edizione di quest’anno. Al Giro Handbike 2020, peraltro, manca diverso tempo e quindi prevedere oggi che cosa accadrà non è facile. Certo annullare tutto sarebbe un grande azzardo e un peccato per chi da mesi si allena duramente per questa gara.

L’appuntamento con la manifestazione sportiva paralimpica è fissata quindi a Bergamo il 19 aprile 2020 e qualcuno sta già pensando di scommettere NetBet, o su altre piattaforme del settore, sui soliti nomi dei favoriti di gara. Dopo la tappa del 19 aprile ci saranno: il 7 giugno a Reggio Emilia, il 21 giugno a Messina, il 19 luglio a Roccaraso, il 13 settembre ad Assisi, l’11 ottobre a Fiorenzuola, il 18 ottobre a Montegrotto Terme. Tutte città simbolo dell’Italia a modo proprio: luoghi dove portare una ventata d’umanità che dopo questo periodo si andrà cercando.

Gare di Handbike ai tempi di Coronavirus

Pur con la consapevolezza della situazione attuale, gli organizzatori si sono dimostrati fiduciosi che la situazione migliori nelle prossime settimane e che prendendo tutte le necessarie precauzioni sarà comunque possibile effettuare la corsa. Si garantiranno spazi grandi, un numero di persone ridotto e si metteranno in campo tutti i mezzi a disposizione per fare prevenzione al meglio. L’iniziativa è buona e positiva, ben accolta da chi si sta preparando da moltissimo tempo ormai con tanto impegno.

Le sette tappe nazionali del Giro si svolgeranno con regolarità grazie alla collaborazione con Comitati Locali e organi di dovere che aiuteranno a prendere tutte le misure di sicurezza necessarie, prevedendo una serie di “piani B” per far sì che, in qualche modo alternativo, tutto possa svolgersi normalmente. In caso comunque la situazione non consenta di svolgere le gare in sicurezza, sono già state messe le mani avanti che il programma potrebbe subire qualche cambiamento. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.