Coronavirus, la Rap non raccoglie la differenziata

Le preoccupazioni manifestate dai dipendenti hanno causato dei rallentamenti nella raccolta

PALERMO – Gli operatori della Rap in queste settimane, a causa della psicosi da Coronavirus, non hanno raccolto né i rifiuti né la differenziata porta a porta.

I cittadini si sono ritrovati sotto casa cumuli di immondizia. Le operazioni di raccolta dei rifiuti sono in corso, spiega la Rap, e tutto tornerà alla normalità domani.

La non raccolta, spiega l’azienda, è stata causata dalla preoccupazione dei netturbini che hanno chiesto più mascherine e interventi di sanificazione dei locali di lavoro. I dirigenti hanno provveduto e la protesta è rientrata, ma restano alcune zone dove ancora l’immondizia non è stata raccolta. Parliamo della via Cluverio, Libertà bassa, via Emerico Amari e le zone attorno al tribunale.

In queste strade, promette l’azienda, saranno recuperati tutti gli arretrati a partire da questo pomeriggio. Le difficoltà sono legate anche al fatto che c’è un calendario di raccolta suddiviso per frazioni che va rispettato.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.