Giornata della Memoria, gli alunni del Basile incontrano la scrittrice Elita Romano

Dialogo tra l’autrice e i ragazzi che hanno precedentemente letto e analizzato il libro “Nata ad Auschwitz”

MONREALE – Si è tenuto oggi nel liceo Basile-D’Aleo l’incontro tra gli alunni delle classi VC L.S, VA, IVA e IIA L.C. e la scrittrice agrigentina Elita Romano, autrice del romanzo “Nata ad Auschwitz”. L’incontro, organizzato in vista della Giornata della Memoria, è stato impostato sul dialogo tra l’autrice e i ragazzi , che hanno precedentemente letto e analizzato il libro.

L’incontro è stato anche un’occasione per uno scambio di pareri e idee sul tema dell’Olocausto e del
genocidio di milioni di ebrei, avvenuto in concomitanza del secondo conflitto mondiale. Il libro presentato –
edito nel 2018 dalla casa editrice Torri del Vento – tratta della sofferenza di una ragazza francese che in
poche ore ha scoperto di essere stata adottata e di essere nata nel campo di concentramento di Auschwitz.
Una storia romanzata, utilizzata sicuramente come espediente narrativo per trattare temi importanti. Argomenti seri
come le ingiustizie subite nei lager, la ferocia nazista, le sofferenze degli internati, l’orrore provato dai
soldati Alleati che nel gennaio del ’45 entrarono nei lager scoprendo i crimini contro l’umanità commessi
da Adolf Hitler e dal suo corpo paramilitare (SS) nel decennio tra il 1935 ed il 1945.

La scrittrice ha presentato la sua opera leggendo alcuni tratti salienti. Raccontando ai ragazzi il background, il retroscena del libro, le scelte stilistiche che ha compiuto, l’iter di studio e approfondimento sull’argomento della
Shoah, la caratterizzazione comportamentale dei principali personaggi protagonisti. L’autrice inoltre, dopo
esser stata sommersa da curiose domande da parte degli alunni, è stata affiancata dalla professoressa Rosy
Cicatello che ha introdotto una interessante discussione sulla scrittura come mezzo di liberazione e sul
fenomeno del nazismo, arricchita da alcune digressioni di carattere socio-storico –filosofico.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.