Ogni anno un cittadino palermitano spreca più di 110 ore in mezzo al traffico

Palermo all’83esimo posto nella classifica sulla congestione urbana, Roma al secondo posto

Ogni anno un cittadino palermitano spreca più di 110 ore in mezzo al traffico. Lo afferma uno studio condotto dal Global Traffic Scorecard di Inrix, che ha analizzato i trend della mobilità e della congestione urbana in 200 città di 38 nazioni.

Il dato colloca la città di Palermo alla posizione numero 83, dato lievemente rassicurante se si guarda solo Roma che si trova al secondo posto in classifica con il numero di ore perse nel traffico pari a 254. Al terzo posto risulta la città di Dublino (246), Parigi (237) e Londra con 227 ore.

Insomma Palermo risulta tra le città meno trafficate del mondo essendo all’83esimo posto in classifica, ma il cittadino perde sempre 110 ore in mezzo al traffico e questo comporta non soltanto i ritardi per chi va al lavoro con la propria auto, ma anche per chi effettua trasferimenti per situazioni di emergenza.

Ricordiamo che a Palermo le zone più congestionate in media ogni giorno sono: Piazza Indipendenza, Viale Strasburgo, Viale Lazio, Via Pitrè, Via Roma (No Ztl), Via Cavour e qualche volta anche il viale regione siciliana, una strada che dovrebbe fungere da scorrimento per chi proviene dall’autostrada A29 con l’obiettivo di raggiungere l’A19.

Queste strade ultimamente sono entrate nel mirino dell’amministrazione comunale per attuare dei lavori mirati al decongestionamento del traffico, per esempio in viale regione sarebbero partiti i lavori per il rifacimento del manto stradale, la realizzazione della terza corsia, più l’inserimento di un marciapiedi per la sosta di emergenza.

Per quanto riguarda Piazza Indipendenza se ne è parlato nei mesi scorsi quando è stato presentato un progetto per riqualificare l’area favorendo un corretto flusso del traffico.

Forse Palermo si trova in questa posizione anche grazie alla ZTL che ha drasticamente interrotto l’enorme flusso di autoveicoli che prima transitavano all’interno di tutto il centro storico. Oggi solo i residenti possono acquistare il pass per entrare nell’area e i non residenti potranno acquistare solo un pass giornaliero. Sarà questo “forse” il motivo che avrà fatto dimezzare il traffico in città.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.