Parcheggio sotterraneo sotto il grattacielo INA: condomini in protesta

I condomini: “a rischio la stabilità dell’edificio”

PALERMO – Il complesso più alto della città denominato “grattacielo Ina” è, da circa un mese, interessato dai lavori per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo che avrà luogo proprio sotto di esso.

I condomini non ci stanno ed è partita subito la polemica. Il Comune, senza avvertire gli abitanti dello stabile, ha lasciato alla società proprietaria dell’immobile il consenso per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo nell’area dell’edificio progettato nel 1954 dall’ingegnere Carlo Broggi, ricadente nella zona A2 del Tessuto urbano storico.

L’inizio dei lavori è già in corso da oltre un mese e l’amministratore del condominio ha subito convocato un’assemblea per ulteriori chiarimenti, ma senza ottenere alcuna risposta.

I residenti della zona sostengono che parte del progetto ricada sul suolo pubblico. Inoltre, nel piano di lottizzazione dell’area risalente al 1948, vi è una superficie molto più estesa rispetto a quella occupata dal grattacielo e il Comune si sarebbe riservato la proprietà del sottosuolo e dei portici.

A metà dicembre i condomini hanno scritto alla sovrintendenza, chiedendo se fosse stata informata del progetto. Gli uffici hanno risposto sostenendo che un’istanza era pervenuta nel 2012 e la richiesta di una documentazione integrativa era rimasta con il punto interrogativo. Invece nel marzo del 2016 il genio Civile diede l’autorizzazione all’istanza.

I condomini temono che i lavori possano compromettere la stabilità dell’edificio e per questo motivo vogliono più chiarimenti da parte delle istituzioni.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.