Da Monreale a Mosca, l’arcivescovo Michele Pennisi in Russia per riavvicinare cattolici e ortodossi

Pennisi accompagnato da Don Nicola Gaglio, per attuare la “geopolitica della misericordia” voluta da Papa Francesco

MOSCA L’arcivescovo di Monreale, monsignor Michele Pennisi, e il parroco del duomo, don Nicola Gaglio, hanno accolto l’invito di monsignor Paolo Pezzi, amministratore apostolico della Russia europea dei latini, per una serie di incontri ecumenici e culturali. 

Ad accoglierli nei giorni scorsi Jean Francois Thiry, direttore del Centro culturale, e Giovanna Parravicini di Russia Cristiana. Dopo una celebrazione della messa nella cappella dell’arcivescovo, è seguita la visita alle chiese del Cremlino. Successivamente, al monastero ortodosso Vysokopetrovskij, l’incontro-lezione sui mosaici del duomo di Monreale con un gruppo di iconografi; quindi la visita del monastero sotto la guida del superiore, padre Petr Eremeev. 

A seguire, si é svolto l’incontro-lezione e la presentazione del libro-calendario sul duomo di Monreale in russo, “Domus Aurea”, al Centro Culturale. Presente anche padre Aleksej Uminskij, in passato ospite del Laboratorio di arti sacre a Monreale. 

A seguire, la visita al Museo Rublev, con la sua collezione di icone. Alle 19, la messa in cattedrale nel XX anniversario della riconsacrazione della cattedrale metropolitana cattolica dell’Immacolata Concezione.

Questa mattina si svolgerà la messa nella cappella dell’arcivescovo e la visita della Galleria Tret’jakov, cui seguirà l’udienza e l’incontro ecumenico con il metropolita Hilarion Alfev, presidente del Dipartimento delle relazioni esterne del Patriarcato di Mosca. Concluderà il viaggio, riferisce il Sir, la lezione sui mosaici di Monreale, con particolare attenzione ai problemi di storia e conservazione, al Centro di Restauro scientifico “I. Grabar”.

Il viaggio a Mosca dell’arcivescovo Pennisi attua la “geopolitica della misericordia” di Papa Francesco per riavvicinare cattolici e ortodossi. Sulla scia di uno storico abbraccio che merita di essere approfondito.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.