Oggi è 14/12/2019

Cronaca

Palermo, sgominata la famiglia mafiosa di Roccella, Sperone e Corso dei Mille

Stefano e Michele Marino a capo dell’organizzazione mafiosa

Pubblicato il 19 novembre 2019

Palermo, sgominata la famiglia mafiosa di Roccella, Sperone e Corso dei Mille

È stato inferto un duro colpo al mandamento mafioso di Brancaccio questa notte, con l’arresto di 9 soggetti, tutti uomini, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, auto riciclaggio, danneggiamento fraudolento di beni assicurati ed altro.

Si tratta di:

  1. MARINO Stefano, nato a Palermo il 18.06.1972;
  2. MARINO Michele, nato a Palermo il 06.11.1968;
  3. GIUSTINIANI Nicolò, nato a Palermo il 20.02.1981;
  4. FICAROTTA Ignazio, nato a Palermo il 24.02.1986;
  5. COSTA Raffaele, nato a Palermo il 17.06.1965;
  6. GIORDANO Sebastiano, nato a Palermo il 25.10.1961;
  7. DI PAOLA Pietro, nato a Palermo il 23.08.1990;
  8. MANGANO Angelo, nato a Palermo il 08.05.1979;
  9. CHIAPPARA Antonino, nato a Palermo il 10.09.1966.

Secondo gli inquirenti al vertice dell’organizzazione ci sarebbero i fratelli Michele e Stefano Marino, pregiudicati mafiosi ed elementi di spicco, rispettivamente, della famiglia di Corso dei Mille e di quella della Roccella. 

Arrestati mafiosi del mandamento di Brancaccio

Arrestati mafiosi del mandamento di Brancaccio

Publiée par FiloDiretto Monreale sur Mardi 19 novembre 2019

I Marino avevano il controllo di una vasta porzione di territorio nella zona dello Sperone, area periferica del quartiere palermitano di Brancaccio, tanto da essere interpellati da alcuni malviventi intenzionati a compiere una rapina a mano armata in danno di un corriere. Ai Marino era anche demandata la delicata gestione del denaro devoluto al mantenimento dei familiari dei detenuti.

Nella loro “competenza” anche le numerose ed assai redditizie piazze di spaccio della zona. Centinaia di migliaia di euro l’incasso stimato per l’organizzazione criminale.

L’indagine condotta dalla Questura di Palermo ha permesso di ricostruire l’organigramma dell’organizzazione criminale. Tra i collaboratori più fidati dei Marino figurano Nicolò Giustiniani, Antonino Chiappara, Ignazio Ficarotta, Di Paola, Giordano, Costa e Mangano, che si occupavano anche della verifica del “lavoro” e degli incassi dei pusher. Il sistema era capillare ed efficiente.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Palermo e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno anche consentito di far luce sugli interessi di cosa nostra nel lucroso mercato delle truffe assicurative.

In quest’ottica, già nei mesi di agosto 2018 e aprile 2019, la Squadra Mobile aveva eseguito due provvedimenti cautelari urgenti, disposti dai magistrati palermitani, nei confronti di numerosi soggetti specializzati nella simulazione di incidenti stradali con lesioni gravissime procurate alle vittime compiacenti e, conseguenti, lauti risarcimenti versati dalle compagnie di assicurazione.

 Tra i fermati a seguito di quelle attività, figurano Massimiliano Vultaggio e Michele Caltabellotta, soggetti in stretto contatto con i Marino, che hanno beneficiato della “copertura” mafiosa per accrescere il loro volume di affari nell’affollatissimo settore delle frodi assicurative.

 I fratelli Marino assumevano il controllo delle pratiche assicurative, talvolta estorcendole con metodo mafioso, ne delegavano la gestione a Vultaggio e Caltabellotta e, ad avvenuta liquidazione del danno, incassavano diverse centinaia di migliaia di euro di risarcimento.

Come già ricostruito nel corso di quelle indagini, il meccanismo fraudolento era assai efficiente ed aveva alla base soggetti senza scrupoli, cosiddetti “spaccaossa”, che, con metodi rozzi e grossolani, cagionavano fratture gravissime alle vittime consenzienti fino a procurarne, in un caso, la morte.

Proprio in queste fasi emergeva l’aspetto più cinico e crudele del sodalizio criminale; le vittime, infatti, erano scelte e “reclutate” nei contesti cittadini di maggior degrado e povertà prediligendo presone in difficoltà o, in taluni casi, tossicodipendenti; disperati, insomma, disposti a subire dolorosissime fratture in cambio del pagamento immediato di poche centinaia di euro e della promessa di conseguire, successivamente, parte del risarcimento.

In realtà, nient’altro veniva poi pagato alle vittime, spesso danneggiate in modo permanente, e, dedotte le “spese” di poche migliaia di euro da destinare agli “spaccaossa” e agli altri partecipi della messa in scena, la gran parte del denaro contribuiva ad alimentare la cassa della famiglia mafiosa.

Sono stati, altresì, posti sotto sequestro una villa ed alcuni veicoli, per un valore di 300.000 euro circa, nella disponibilità di Nicolò Giustiniani.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Disastro a Palermo, danni dopo il forte vento di Santa Lucia: più di 120 interventi dei vigili del fuoco (VIDEO)

    Cronaca

    https://www.facebook.com/FiloDirettoweb/videos/1354975538007882/ PALERMO - I palermitani questa notte hanno dovuto fare i conti con un vero e proprio Fortunale, ovvero, quando i venti, secondo la scala Beaufort, raggiungono la ve..

    Continua a Leggere

  • San Martino isolata da Monreale. Strada a rischio caduta massi

    Cronaca

    MONREALE - La strada è a rischio caduta massi ed è stata interdetta al traffico. Si tratta della provinciale che collega Monreale con San Martino delle Scale. Le piogge e il vento di questa notte hanno causato piccole frane, ma un grosso masso ..

    Continua a Leggere

  • Furto di energia elettrica in rivendita di bombole, arrestato negoziante in Corso Calatafimi

    Cronaca

    I carabinieri della stazione di Mezzo Monreale durante un servizio di controllo del territorio hanno arrestato B.M., 49enne palermitano, titolare di un’attività commerciale in corso Calatafimi per il reato di furto di energia elettrica. I militari, durante l’accertamento nel locale adibito a..

    Continua a Leggere

  • A Casa Cultura martedì 17 dicembre si ricorda Camilleri

    Cronaca

    MONREALE - A Casa Cultura Santa Caterina si ricorda e racconta il grande autore siciliano con la proiezione del video “Andrea Camilleri, racconto del figlio cambiato”, realizzato a Porto Empedocle paese del grande scrittore, da un’idea del ..

    Continua a Leggere

  • Raffiche paurose, grosso ramo ostruisce la scalinata di via Torres

    Cronaca

    [gallery ids="128331,128330,128329,128328,128352,128351,128350,128349,128348,128347,128346,128344,128343,128345,128342,128341,128340,128339,128338"] Il vento in alcune zone ha soffiato anche a 96 km/h. Un paurosa tempesta è quella che si è abbattuta

    Continua a Leggere

  • Palermo, Calenda presenta “Azione”: un movimento di centro sinistra che guarda ai delusi di Forza Italia

    Cronaca

    [gallery ids="128321,128320,128319,128318,128317"] PALERMO - Ai Magneti Cowork di Palermo l’ex ministro Carlo Calenda ieri ha presentato “Azione”, il suo nuovo movimento di ispirazione liberale socialdemocratica.  In una sa..

    Continua a Leggere

  • Notte d’inferno nel Monrealese: chiusa la SP57, case isolate e blackout (FOTO)

    Cronaca

    [gallery ids="128312,128308,128313,128309,128310,128311,128314"] Notte infernale a Monreale e in tutto il comprensorio a causa delle forti raffiche di Maestrale, che continua a soffiare. Questa mattina si contano i danni e si interviene sulle aree maggiormente colpite. Una delle zone del ..

    Continua a Leggere

  • Forte vento a Monreale, alberi sulla Circonvallazione e sulla Sp57

    Cronaca

    Notte di intenso lavoro a Monreale a causa del forte vento di Maestrale che imperversa in tutta la provincia di Palermo. Un albero è stato sradicato dal forte vento ed è finito sulla circonvallazione di Monreale, rendendo difficoltosa la circolazione.

    Continua a Leggere

  • Paura a Palermo per il forte vento, gazebo divelti alberi sradicati: domani giardini e ville chiusi

    Cronaca

    PALERMO - Paura tra i cittadini di tutta la provincia di Palermo per il forte vento che in queste ore sta colpendo la città. ”Le verande si muovono per le forti raffiche come se il vento le volesse portar via”. Come previsto il Maestrale sta colpendo in queste ore il palermitano e sopra..

    Continua a Leggere

  • Non fa più il parcheggiatore abusivo, adesso ha il reddito di cittadinanza

    Cronaca

    Nell'ultimo periodo si è parlato spesso di denunce di lavoratori in nero, truffe e persone che, pur prendendo il reddito di cittadinanza, frodano lo Stato. Fortunatamente ci sono anche cittadini che, grazie al sussidio del Cinquestelle, hanno potuto riacquistare la propria dignità abbandonand..

    Continua a Leggere

  • Questione rifiuti, la Mirto disponibile al passaggio dei lavoratori alla New System Services

    Cronaca

    La Mirto apre al passaggio dei lavoratori alla New System Services applicando quanto previsto dal Contratto Collettivo. E' quanto ha comunicato a Filodiretto.  "La Mirto ha riscontrato le richieste trasmesse da alcuni dipendenti (informando di ciò anche il Comune, i sindacati rappresentativ..

    Continua a Leggere

  • Forti venti freddi in arrivo, allerta gialla su Palermo fino a domani

    Cronaca

    PALERMO - Il nuovo vortice depressionario, approdato sull’Italia questo pomeriggio, sta completando la sua formazione arrivando all’apice del suo sviluppo questa notte, quando si intensificheranno i venti di Maestrale che soffieranno su tutta l’Isola. Le raffi..

    Continua a Leggere

  • “Operazione Santa Claus”, il cortometraggio prodotto dalla Polizia di Stato

    Cronaca

    A pochi giorni dalla pubblicazione, si é già aggiudicato il premio per l'idea più creativa nella 12esima edizione Festival "Corto Corto Mon Amour". Si tratta dell'"Operazione Santa Claus", il cortometraggio girato nei locali dell'XI Reparto Mobile nella caserma Lungaro a Palermo. Il corto..

    Continua a Leggere

  • In dono 32 alberi a Monreale per ridare “ossigeno al mondo”

    Cronaca

    Si è svolto in questi giorni un convegno sulla figura di Don Luigi Sturzo a cento anni dall'appello ai liberi e forti. Un appello (forse più un monito) ancora vivo a non mollare e ad impegnarsi nel servizio che si è scelto di svolgere: ''Energie, che debbono comporsi a nuclei vitali che potranno ..

    Continua a Leggere

  • A Corleone il Premio Cultura 2019, domani la cerimonia nell’ex Monastero SS. Salvatore

    Cronaca

    CORLEONE- Si svolgerà a Corleone la prima edizione del Premio Cultura 2019, organizzato dalle associazioni "Corleone antica" e "Archeoclub di Corleone", con la partecipazione di Rosanna Paternostro e Angelo Vintaloro e con il Patrocinio del Comu..

    Continua a Leggere

  • Monreale, stretta sulle sale gioco, il sindaco riduce gli orari di apertura, da ora distanti almeno 500 metri da scuole e luoghi di culto

    Cronaca

    MONREALE - 19.695.000,68 € finiti nelle sale gioco nel 2018 nella sola città di Monreale. È questo il drammatico dato emerso nel rapporto annuale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Un dato che allarmante sul fenomeno della ludopatia, che ha spinto il sindaco di Monreale, Albe..

    Continua a Leggere

  • Monreale, padre e figlio parcheggiatori abusivi, condannati alla sorveglianza speciale per due anni

    Cronaca

    MONREALE - Nonostante fossero stati sottoposti al cosiddetto “Daspo Urbano”, avevano continuato ad esercitare l'illecita attività di posteggiatori. Ed in più sono stati accusati di avere creato danni agli automobilisti con azioni moleste, a..

    Continua a Leggere

  • Negozio per animali abusivo in Corso Calatafimi, sequestrato

    Cronaca

    I Carabinieri di Mezzo Monreale nell’ambito di un servizio di controllo del territorio con l’ausilio della Polizia Municipale di Palermo hanno deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria i titolari di due attività commerciali in corso Calatafimi. In particolare le due attività..

    Continua a Leggere