Oggi è 14/12/2019

Cultura

La scuola e la società, i valori impartiti si scontrano contro la cupa realtà

“Levatemelo da qua”, quando l’odio razzista non risparmia neppure i bambini

Pubblicato il 18 novembre 2019

La scuola e la società, i valori impartiti si scontrano contro la cupa realtà

La scuola pubblica è sicuramente il cuore pulsante della nostra società. Essa riflette, per chi la sa comprendere, l’immagine di ogni contesto sociale presente nella nostra realtà e nel nostro tempo. Una comunità in divenire che dovrebbe fondarsi su variegati aspetti, tutti profondamente educativi: le prime relazioni, il senso di appartenenza, il rispetto dell’altro, l’equità nelle opportunità. 

Compito degli insegnanti è quello di far comprendere ai propri alunni quei valori necessari per stare insieme nel modo più corretto, cercando di costruire un bagaglio di princìpi giusti e comportamenti rispettosi, come antidoto contro certe brutture di talune situazioni in cui ci si imbatte quotidianamente.

A scuola come in famiglia gli adulti educano in modo più efficace, allorquando sanno diventare essi stessi testimoni credibili dei valori che intendono trasmettere. 

Ed è per questo che determinati problemi che la comunità educante tende, nel suo microcosmo, ad ovattare, possono emergere prepotentemente, allorquando tale microcosmo si interfaccia casualmente col macrocosmo-società. 

La scuola che si immerge nel mondo reale, magari per un tempo limitato, in un giorno qualsiasi, può riservare anche spiacevoli e impreviste sorprese. 

Può capitare, infatti, che per consolidare e contestualizzare i contenuti teorici, una classe faccia esperienza diretta sul territorio. Può capitare che un gruppo di maestri/e decida di accompagnare i propri alunni in uscite didattiche, appositamente progettate per esplorare, tutt’insieme, le caratteristiche fisiche, artistiche e culturali della propria città. Può capitare che si decida di servirsi dei mezzi pubblici, altro elemento che potenzia ulteriormente lo spirito di classe, ovvero quella condivisione che educa a essere persone e non singoli individui, anche attraverso  quell’entusiasmo trascinante che fa pensare a ogni bambino: “eccoci qui, tutt’insieme in un autobus, pronti a scoprire il mondo…che felicità!!!”.

Può capitare che in quell’autobus ci sia gente frettolosa e persa nei propri pensieri, tanto da non badare neppure alla presenza dei bambini. Può capitare, invece, di incontrare gente che sorride a quel gruppo eterogeneo, perché, diciamo la verità, una classe di bambini delle elementari a zonzo, capitanati da maestri/e suscita sempre un po’ di tenerezza. 

Quello che non si ipotizza neppure lontanamente di trovarci dentro quell’autobus urbano è l’odio più cupo e profondo, espresso nell’arco temporale di una normale, breve corsa. 

L’odio che si materializza all’improvviso spiazzando certezze consolidate insieme alla consapevolezza di come riuscire a fronteggiare, nel modo più adeguato, tanta barbarie senza coinvolgere i bambini…senza far notare loro quanto spregevoli possano essere i grandi. 

Genova…un mattino di una giornata qualunque: una scolaresca entra all’interno di bus di linea accompagnata da maestre attente e professionali.

Le maestre si affrettano a sistemare i bambini nei posti disponibili. Un bimbo nero con disabilità, zitto e tranquillo, viene fatto accomodare accanto a una signora.

Le maestre professionali e attente moltiplicano i loro occhi per tenere tutti i piccoli sotto controllo: nessuno deve perdersi, nessuno deve incorrere in situazioni spiacevoli. Non capiscono lo scatto spazientito proveniente da quella donna seduta accanto al bambino zitto, zitto e nero accompagnato da un borbottìo: “e poi non pagano neppure il biglietto”. È un lampo e comprendono immediatamente la lama odiosa che vuole colpire, offendere, annientare persino un bambino con disabilità, zitto, tranquillo e nero. Vorrebbero inveire contro quell’involucro inutile celato da sembianze umane, ma le maestre attente e professionali hanno una classe da proteggere e si limitano a dire: “qui tutti i bimbi hanno pagato… nessuno escluso”. 

“Levatemelo da qua” é l’incipit che apre il varco  all’abisso….Cosa fare? Non si può lasciare perdere, non si può far disperdere nel silenzio quell’atrocità. 

“Il bambino non si muove, si sposti lei piuttosto” rispondono secche le maestre, “si sposti lei”.

La signora (per modo di dire) si accomoda accanto a un’altra bambina della scolaresca, questa volta bianca…si siede e le sorride. Le maestre attente e professionali non possono permettere che quella marea di odio puro investa dei piccoli inermi e increduli, fanno alzare la piccola alunna e rintuzziscono il tiro: “signora lei merita di restare sola…guardi che il mondo non è solo suo”. Ecco il capolinea: scende la signora incupita da quell’oscurità fatta di pregiudizi, ignoranza e cattiveria. Scende e mormora alle maestre una frase sibillina quasi a suggellare la superiorità di un pensiero sempre più diffuso: “non mi avete fatto paura” è l’ultimo monito che lascia a quelle maestre, a quei bambini… al nostro futuro. 

La “signora” non si è sentita impaurita dalla civiltà e dal buon seno, a noi, invece, fa orrore questa melma pervasiva che, giorno dopo giorno, ormai non risparmia più nessuno… neppure i bambini.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Disastro a Palermo, danni dopo il forte vento di Santa Lucia: più di 120 interventi dei vigili del fuoco (VIDEO)

    Cultura

    https://www.facebook.com/FiloDirettoweb/videos/1354975538007882/ PALERMO - I palermitani questa notte hanno dovuto fare i conti con un vero e proprio Fortunale, ovvero, quando i venti, secondo la scala Beaufort, raggiungono la ve..

    Continua a Leggere

  • San Martino isolata da Monreale. Strada a rischio caduta massi

    Cultura

    MONREALE - La strada è a rischio caduta massi ed è stata interdetta al traffico. Si tratta della provinciale che collega Monreale con San Martino delle Scale. Le piogge e il vento di questa notte hanno causato piccole frane, ma un grosso masso ..

    Continua a Leggere

  • Furto di energia elettrica in rivendita di bombole, arrestato negoziante in Corso Calatafimi

    Cultura

    I carabinieri della stazione di Mezzo Monreale durante un servizio di controllo del territorio hanno arrestato B.M., 49enne palermitano, titolare di un’attività commerciale in corso Calatafimi per il reato di furto di energia elettrica. I militari, durante l’accertamento nel locale adibito a..

    Continua a Leggere

  • A Casa Cultura martedì 17 dicembre si ricorda Camilleri

    Cultura

    MONREALE - A Casa Cultura Santa Caterina si ricorda e racconta il grande autore siciliano con la proiezione del video “Andrea Camilleri, racconto del figlio cambiato”, realizzato a Porto Empedocle paese del grande scrittore, da un’idea del ..

    Continua a Leggere

  • Raffiche paurose, grosso ramo ostruisce la scalinata di via Torres

    Cultura

    [gallery ids="128331,128330,128329,128328,128352,128351,128350,128349,128348,128347,128346,128344,128343,128345,128342,128341,128340,128339,128338"] Il vento in alcune zone ha soffiato anche a 96 km/h. Un paurosa tempesta è quella che si è abbattuta

    Continua a Leggere

  • Palermo, Calenda presenta “Azione”: un movimento di centro sinistra che guarda ai delusi di Forza Italia

    Cultura

    [gallery ids="128321,128320,128319,128318,128317"] PALERMO - Ai Magneti Cowork di Palermo l’ex ministro Carlo Calenda ieri ha presentato “Azione”, il suo nuovo movimento di ispirazione liberale socialdemocratica.  In una sa..

    Continua a Leggere

  • Notte d’inferno nel Monrealese: chiusa la SP57, case isolate e blackout (FOTO)

    Cultura

    [gallery ids="128312,128308,128313,128309,128310,128311,128314"] Notte infernale a Monreale e in tutto il comprensorio a causa delle forti raffiche di Maestrale, che continua a soffiare. Questa mattina si contano i danni e si interviene sulle aree maggiormente colpite. Una delle zone del ..

    Continua a Leggere

  • Forte vento a Monreale, alberi sulla Circonvallazione e sulla Sp57

    Cultura

    Notte di intenso lavoro a Monreale a causa del forte vento di Maestrale che imperversa in tutta la provincia di Palermo. Un albero è stato sradicato dal forte vento ed è finito sulla circonvallazione di Monreale, rendendo difficoltosa la circolazione.

    Continua a Leggere

  • Paura a Palermo per il forte vento, gazebo divelti alberi sradicati: domani giardini e ville chiusi

    Cultura

    PALERMO - Paura tra i cittadini di tutta la provincia di Palermo per il forte vento che in queste ore sta colpendo la città. ”Le verande si muovono per le forti raffiche come se il vento le volesse portar via”. Come previsto il Maestrale sta colpendo in queste ore il palermitano e sopra..

    Continua a Leggere

  • Non fa più il parcheggiatore abusivo, adesso ha il reddito di cittadinanza

    Cultura

    Nell'ultimo periodo si è parlato spesso di denunce di lavoratori in nero, truffe e persone che, pur prendendo il reddito di cittadinanza, frodano lo Stato. Fortunatamente ci sono anche cittadini che, grazie al sussidio del Cinquestelle, hanno potuto riacquistare la propria dignità abbandonand..

    Continua a Leggere

  • Questione rifiuti, la Mirto disponibile al passaggio dei lavoratori alla New System Services

    Cultura

    La Mirto apre al passaggio dei lavoratori alla New System Services applicando quanto previsto dal Contratto Collettivo. E' quanto ha comunicato a Filodiretto.  "La Mirto ha riscontrato le richieste trasmesse da alcuni dipendenti (informando di ciò anche il Comune, i sindacati rappresentativ..

    Continua a Leggere

  • Forti venti freddi in arrivo, allerta gialla su Palermo fino a domani

    Cultura

    PALERMO - Il nuovo vortice depressionario, approdato sull’Italia questo pomeriggio, sta completando la sua formazione arrivando all’apice del suo sviluppo questa notte, quando si intensificheranno i venti di Maestrale che soffieranno su tutta l’Isola. Le raffi..

    Continua a Leggere

  • “Operazione Santa Claus”, il cortometraggio prodotto dalla Polizia di Stato

    Cultura

    A pochi giorni dalla pubblicazione, si é già aggiudicato il premio per l'idea più creativa nella 12esima edizione Festival "Corto Corto Mon Amour". Si tratta dell'"Operazione Santa Claus", il cortometraggio girato nei locali dell'XI Reparto Mobile nella caserma Lungaro a Palermo. Il corto..

    Continua a Leggere

  • In dono 32 alberi a Monreale per ridare “ossigeno al mondo”

    Cultura

    Si è svolto in questi giorni un convegno sulla figura di Don Luigi Sturzo a cento anni dall'appello ai liberi e forti. Un appello (forse più un monito) ancora vivo a non mollare e ad impegnarsi nel servizio che si è scelto di svolgere: ''Energie, che debbono comporsi a nuclei vitali che potranno ..

    Continua a Leggere

  • A Corleone il Premio Cultura 2019, domani la cerimonia nell’ex Monastero SS. Salvatore

    Cultura

    CORLEONE- Si svolgerà a Corleone la prima edizione del Premio Cultura 2019, organizzato dalle associazioni "Corleone antica" e "Archeoclub di Corleone", con la partecipazione di Rosanna Paternostro e Angelo Vintaloro e con il Patrocinio del Comu..

    Continua a Leggere

  • Monreale, stretta sulle sale gioco, il sindaco riduce gli orari di apertura, da ora distanti almeno 500 metri da scuole e luoghi di culto

    Cultura

    MONREALE - 19.695.000,68 € finiti nelle sale gioco nel 2018 nella sola città di Monreale. È questo il drammatico dato emerso nel rapporto annuale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Un dato che allarmante sul fenomeno della ludopatia, che ha spinto il sindaco di Monreale, Albe..

    Continua a Leggere

  • Monreale, padre e figlio parcheggiatori abusivi, condannati alla sorveglianza speciale per due anni

    Cultura

    MONREALE - Nonostante fossero stati sottoposti al cosiddetto “Daspo Urbano”, avevano continuato ad esercitare l'illecita attività di posteggiatori. Ed in più sono stati accusati di avere creato danni agli automobilisti con azioni moleste, a..

    Continua a Leggere

  • Negozio per animali abusivo in Corso Calatafimi, sequestrato

    Cultura

    I Carabinieri di Mezzo Monreale nell’ambito di un servizio di controllo del territorio con l’ausilio della Polizia Municipale di Palermo hanno deferito in stato di libertà all’autorità giudiziaria i titolari di due attività commerciali in corso Calatafimi. In particolare le due attività..

    Continua a Leggere