Condoni edilizi in attesa, i Comuni potranno affidare le pratiche ai Liberi professionisti

Vittorino: “L’amministrazione si attivi per dar seguito e chiudere le pratiche mediante la creazione di un elenco di tecnici esterni”

MONREALE – Per smaltire le richieste di condono edilizio giacenti, i Comuni della Sicilia potranno affidare le pratiche ai liberi professionisti. Lo prevede la delibera 383/2019 della Regione Siciliana. La Giunta regionale ha approvato la deliberazione avente a oggetto “Definizione domande di condono edilizio – Atto di Indirizzo”, finalizzato alla definizione di tutte le pratiche di Condono Edilizio presentate ai Comuni dell’Isola a oggi, non definite con l’emissione di apposito provvedimento.

Mimmo Vittorino – Popolari per Monreale

“Chiedo all’amministratore – dichiara Mimmo Vittorino, consigliere dei Popolari per Monreale -di attivarsi sin da subito per dare seguito in modo da chiudere tutte le pratiche e allo stesso tempo dare la possibilità, mediante la creazione di un elenco di tecnici, di dare all’esterno il servizio, naturalmente collaborando con i nostri funzionari”.

 

 

 

Per una celere definizione delle pratiche di sanatoria edilizia ancora pendenti, che la Regione Siciliana vorrebbe chiudere entro il triennio 2020/2022, i Comuni – si legge – possono avvalersi di liberi professionisti o di strutture di consulenza e servizi, anche mediante il ricorso a convenzioni con altri Comuni.
 
I professionisti svolgeranno l’attività istruttoria, accerteranno le condizioni di ammissibilità o meno alla sanatoria e formuleranno una proposta di parere motivato da sottoporre al competente ufficio comunale. Sarà quest’ultimo a chiudere il procedimento con il rilascio o il diniego del titolo abilitativo in sanatoria.

In Sicilia, in tutto, sono state presentate circa 769mila pratiche di sanatoria, al 2016 risultano 365mila domande di condono edilizio ancora da definire.

Vittorino presenterà al prossimo consiglio comunale un ordine del giorno sull’argomento, per impegnare l’amministrazione ad attivarsi

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.