Monreale, la chiamata dal centro per l’impiego non arriva, ma loro si attivano e puliscono la città

Percepiscono il reddito di cittadinanza, e se lo voglio guadagnare: “Non vogliono attendere con le mani in mano”

MONREALE – A distanza di una settimana sono tornati per le strade di Monreale. Sono i volontari del gruppo  di Palermo “Basta Volerlo”. Usufruiscono del reddito di cittadinanza, ma non vogliono stare con le mani non mano in attesa di un’occupazione che tarda ad arrivare. E così l’occupazione se la sono cercata. Da giugno hanno fondato l’associazione e da allora sono attivi sul territorio di Palermo, capitanati dal Presidente Davide Grasso, con la collaborazione della Dott.ssa Maria Giovanna Pastorelli, psicologa e psicoterapeuta. “Dopo avere lavorato su Palermo, abbiamo pensato di spostarci anche su Monreale. Non c’è stata un richiesta da parte del comune di Monreale, è stata una nostra iniziativa”.

Il più giovane ha 25 anni, il meno giovane 62. Sono una quarantina, di cui 5 donne.

E così, anche oggi, armati di sacchetti, rastrelli, guanti, hanno ripreso la pulizia di diverse strade della città di Monreale, coordinati dall’impiegato comunale, Ninni Di Salvo e dal volontario Piero Faraci. Se la scorsa settimana si era attivati nelle aree intorno al Duomo, oggi si sono spostati verso strade meno centrali.

Piazza Canale e la sua fontana, un lungo tratto di via Venero, via Kennedy ed il cortile della scuola Veneziano, sono stati al centro dell’intervento, svolto sotto il plauso delle tante persone che li hanno ringraziati per la loro iniziativa. In tanti hanno voluto offrire loro un caffè o un cornetto, dell’acqua, ma soprattutto tanti sorrisi e strette di mano. E molti, in senso di ringraziamento, si sono scattati insieme un selfie, come la dirigente dell’istituto Veneziano Novelli, la prof.ssa Moneti, ben lieta di aprirgli i cancelli della scuola.

Continueranno giovedì il lavoro cominciato oggi, ed in programma hanno viale Europa, le gradinate di Via Torres ed ancora alcuni tratti di via Venero.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.