Oggi è 13/11/2019

Cultura

Lorenzo Salamone, da operaio a imprenditore a giornalista, una testimonianza vivente del ‘900 monrealese

88 anni, il giornalismo, la guerra, la sua città: “Ho vissuto appieno la vita perché ho sempre voluto conoscere e fare nuove esperienze”

Pubblicato il 6 novembre 2019

Lorenzo Salamone, da operaio a imprenditore a giornalista, una testimonianza vivente del ‘900 monrealese

Il Signor Lorenzo Salamone è un tipo silenzioso, elegante e composto, un vero gentleman d’altri tempi. Frequenta il circolo “Cultura Italia”, nella piazza del paese, dove lo possiamo trovare mentre legge un giornale o una rivista.

Accurato osservatore, ancora a 88 anni suonati, capta tutto ciò che d’importante e significativo esiste nella nostra meravigliosa terra, in particolar modo nello scenario folcloristico e, per certi versi, anche teatrale che solo la cittadina di Monreale può offrirci coi suoi profumi, i suoi colori, i suoi monumenti ultracentenari. Come si diceva una volta: “se vai e torni da Palermo devi necessariamente conoscere anche Monreale altrimenti ignorante eri e ignorante rimarrai – Chi va a Palermo e non va a Monreale parte “sceccu” e ritorna maiale…”

Lorenzo Salamone, che io affettuosamente ho definito “Dottore” (anche se lui con grande umiltà, conscio di non avere mai conseguito la laurea in giornalismo, si guarda bene da accettare tale titolo), rappresenta una pietra miliare del giornalismo locale. Ho voluto intervistarlo per rivivere, attraverso la sua figura, gli aneddoti cardine che hanno caratterizzato l’Italia e, nella fattispecie, la Sicilia tra il primo e il secondo dopoguerra: un paese rurale che poi si appresterà ad adattarsi all’epoca del consumismo e, quindi, del boom economico sulle macerie di quello che rimase dell’epoca post fascista.

D: Da quando effettivamente pratica questa lodevole professione e soprattutto quali sono stati gli input che già fin da piccolo lo hanno spinto a scegliere di fare il divulgatore delle storie di cronaca, ma che lo hanno portato anche a diventare lei stesso un bagaglio storico,”oserei dire patrimonio” per Monreale e Palermo?

R: Io da giovane facevo ben altro mestiere. Ultimati gli studi liceali, nel 1948 mi arruolai in marina.  Essendo stato sempre un uomo dallo spirito libero decisi di cambiare completamente lavoro inoltrando, nel 1954, la richiesta al cantiere navale di Palermo come operaio. Mentre vi lavoravo, da macchinista, tra un lavoro ed un altro, osservavo, in un luogo nelle vicinanze, come si effettuava la torrefazione del caffè. Realizzai che in fondo a Monreale non esisteva un luogo dove artigianalmente veniva prodotto il caffè e decisi di diventare imprenditore aprendo una torrefazione nel paese che poi, in tempi più recenti, divenne anche un emporio. 

Mentre lavoravo cominciavo a scrutare in modo diverso tutto quello che mi circondava, affinando il mio spirito d’osservazione, praticando la clientela che andava e veniva dal mio negozio. Fu così che iniziai a collaborare col giornale “Lampo”, una testata sportiva palermitana; ero un corrispondente, telefonavamo e trasmettevamo la cronaca della partita la sera stessa, e i giornali riportavano i risultati della schedina (all’epoca non esisteva né fax né internet). Poi passai al Giornale di Sicilia, occupandomi di piccole notizie sul territorio. Per esempio, ricordo i miei primi articoli incentrati sullo sfatare la tesi riguardo l’autocombustione della foresta di S. Martino delle Scale (anni ’50). Negli anni novanta compii cinquant’anni di giornalismo e venni premiato con una targa commemorativa, dall’allora Sindaco di Monreale Gullo e dal neo Direttore del Giornale di Sicilia Pepe.

D: Ha un ricordo particolare del periodo della seconda guerra mondiale, considerando il fatto che lei lo visse in prima persona ?

R: Io sono nato il 10 Giugno del 1931.

Quando compii nove anni, Mussolini, come regalo di compleanno, entrò in guerra. La guerra è una cosa brutta e ricordo i bombardamenti a Palermo. 

I Francesi avevano delle falle nel colpire punti strategici. Con gli americani invece le cose cambiarono. Sorvolando i cieli, a 10.000 metri di altezza, erano irraggiungibili dalla contraerea. Bombardavano case, chiese. A Monreale tantissimi sfollati, alloggiati sotto il portico del Duomo, o nella galleria ferroviaria incompiuta (la tratta Monreale/Corleone) che fungerà da ricovero.

L’arrivo degli americani a Monreale

 

La folla saluta gli americani

D: Perché Monreale rimase incolume dai bombardamenti?

R: Perché non c’era motivo…intanto l’Arcivescovo di Monreale, Mons. Eugenio Ernesto Filippi, collaborava sottobanco con le forze alleate e ne facilitò lo sbarco in Sicilia. E poi era risaputo che c’era un ufficiale, un certo “Paoletti”, che fu proprio ospitato in questo circolo dove, sotto false spoglie di turista, per confondersi tra la popolazione. Quando giunsero gli americani a Monreale si spogliò degli abiti in borghese svelandosi per quello che era, “un soldato americano”.

L’Arcivescovo di Monreale Mons. Eugenio Ernesto Filippi

L’ufficiale Paoletti dopo che son giunti gli alleati

Il soldato americano in incognito

D: Quale messaggio vuole dare a chi la leggerà fra qualche giorno?

R: Ho da poco compiuto 60 anni di matrimonio, ho vissuto appieno la vita perché ho sempre voluto conoscere e fare nuove esperienze, un approccio che ho applicato al giornalismo. Questo per me è il nettare della vita, di ciascuno di noi come uomini. Invito i giovani a coltivare sempre degli interessi, specialmente legati alla nostra cultura, e a divulgare l’amore per la cosa pubblica che poi in definitiva è casa nostra, il nostro territorio, le nostre origini.

Il ricovero oggi

La galleria Monreale Corleone, incompiuta, poi divenuta ricovero

Gli sfollati

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Monreale: “Dateci l’acqua, vogliamo pagarla, non ci penalizzate per i pochi coinquilini morosi”

    Cultura

    MONREALE - “L’erogazione dell’acqua ci è stata ridotta al minimo”. “Spesso la pressione è talmente bassa che non arriva in casa”. “Non possiamo rimanere senza acqua per colpa di alcuni condòmini morosi”. “I miei genitori sono..

    Continua a Leggere

  • E’ il nostro oro verde, domenica la Sagra dell’Olio del Parco ad Altofonte

    Cultura

    La sagra dell’Olio del Parco ad Altofonte domenica 17 novembre 2019. In programma degustazioni delle tradizionali "vastedde" con l’olio, visite guidate ai frantoi del territorio e mercatini artigianali. Un evento realizzato grazie alla Pro Loco di Altofonte e il comune. Altofonte è una citta..

    Continua a Leggere

  • I Giardini Normanni, tra ryad, agdal, Genoardo

    Cultura

    MONREALE - Si terrà questa mattina, nell’aula consiliare di Monreale, alle ore 10,30, una tavola rotonda sul tema dei “Giardini Normanni”. Tra storia e attualità, un viaggio alla ricerca di quanto rimane dei parchi che caratterizzavano..

    Continua a Leggere

  • Condoni edilizi in attesa, i Comuni potranno affidare le pratiche ai Liberi professionisti

    Cultura

    MONREALE - Per smaltire le richieste di condono edilizio giacenti, i Comuni della Sicilia potranno affidare le pratiche ai liberi professionisti. Lo prevede la delibera 383/2019 della Regione Siciliana. La Giunta regionale ha approvato ..

    Continua a Leggere

  • Furto all’Università di Palermo, sangue ovunque, indaga la Polizia

    Cultura

    PALERMO - 


  • Bufera sul Commissariato di Partinico: 12 indagati tra poliziotti, vigilantes e civili (I NOMI)

    Cultura

    PARTINICO - E' bufera al Commissariato di Partinico dove risultano indagati 6 poliziotti, assieme ad altre tre persone e tre guardie giurate. Le accuse variano da porto d’armi concessi in cambio di denaro, refurtiva trafugata, denunce fatte ritirare e aggiustate, irregolarità persino in un a..


  • Monreale, la chiamata dal centro per l’impiego non arriva, ma loro si attivano e puliscono la città

    Cultura

    [gallery ids="123827,123828,123829,123830,123831,123832,123833,123834,123835,123836,123837,123838,123839,123840,123841,123842,123843,123844,123845,123846,123847,123848,123849"] MONREALE - A distanza di una settimana sono tornati per le strade ..


  • I giochi e le scommesse della mafia, scatta il sequestro a imprenditore di Partinico

    Cultura

    La Polizia di Stato ha eseguito un sequestro un’impresa individuale con sede in Partinico, attiva nel settore della ristorazione, di un’autovettura di lusso e di 6 rapporti finanziari, per un valore complessivo di circa 400 mila euro. Il provvedimento è stato eseguito dagli agenti della..


  • PalerMobilità, la nuova app per acquistare i biglietti di bus, tram e strisce blu

    Cultura

    PALERMO - Dopo vari tentativi, poi falliti nel corso degli anni, l’Amat e il comune di Palermo ci riprovano creando una nuova app che permetterà di acquistare i biglietti dei bus, dei tram e i biglietti per i parcheggi a pagamento. Tutto qu..


  • Rally: l’equipaggio Ferreri/Polizzi si aggiudica il titolo italiano assoluto TRZ del primo raggruppamento

    Cultura

    [gallery ids="123683,123684,123685,123686,123687,123688,123689,123690,123691,123692,123693"] Chieri (Torino) - Ancora un importante titolo per l'equipaggio Ferreri/Polizzi della scuderia rally PS Start di Partinico. La coppia formata dal pilota monrealese Francesco Ferreri e dal navigatore nis..


  • Trofeo Costa Gaia Conad CUP, Monreale premierà le squadre di serie A: Roma, Parma, Sampdoria e Genoa

    Cultura

    PALERMO - Comincia a dicembre il 33esimo Torneo di Calcio Giovanile Costa Gaia Conad CUP 2019/2020. Tra le società partecipanti anche squadre professioniste di serie A come Roma, Parma, Sampdoria e Genoa.


  • Il porticciolo Bandita dagli anni d’oro a terra di nessuno. I volontari lo ripuliscono

    Cultura

    [gallery ids="123643,123642,123641,123640,123639,123638,123637,123636,123627,123626,123621,123619,123617,123625,123623"] PALERMO - Il porticciolo Bandita un tempo, negli antichi anni dell’epoca Liberty palermitana, a cavallo tra il peri..


  • Maltempo, domani allerta arancione. Scuole chiuse in alcuni comuni

    Cultura

    PALERMO - Continua l’onda di maltempo sulla Sicilia. Per la giornata di domani, martedì 12 novembre, le scuole di ogni ordine e grado di alcuni comuni rimarranno chiuse. Il maltempo delle prossime ore sarà molto più pesante di quello di o..


  • Monreale, ok della giunta per la stabilizzazione di 7 lavoratori Asu

    Cultura

    MONREALE - “Una iniziativa assolutamente lodevole”: così il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, definisce l’approvazione da parte della giunta Arcidiacono dell’atto deliberativo che riguarda l’avvio del processo di stabiliz..


  • Il Bar Mirto una storia lunga quasi 80 anni

    Cultura

    [gallery ids="123570,123571,123572,123573,123575,123576,123577,123578,123579,123580,123581,123669,123670,123671,123672"] MONREALE - Il Bar Mirto è considerato un'istituzione dalla gente monrealese, soprattutto da chi ha avuto modo di conoscer..


  • Uragano Mediterraneo sulla Sicilia? Allerta arancione su Palermo

    Cultura

    Cresce l’allerta maltempo sulla Sicilia e su Palermo, dove da oggi pomeriggio la luminosità è drasticamente diminuita a causa dell’intensificarsi della nuvolosità che sta portando violente precipitazioni e temporali su molte zone del palermitano.


  • Strage di Nassiriya, Monreale ricorda il Vice Brigadiere Domenico Intravaia

    Cultura

    [gallery ids="123591,123592,123590,123589"] Era il 12 novembre 2003, l’esercito italiano era impegnato a Nassiriya nella missione di pace “Antica Babilonia”, quando un camion imbottito di esplosivo con un autista kamikaze si fece esplodere all’ingresso del campo militare italiano. Se foss..


  • Nasce “Il Mosaico” 2.0: “Avanti con gli impegni presi con gli elettori per il bene della città”

    Cultura

    Il movimento “Il Mosaico”, che attualmente sostiene il sindaco di Monreale Arcidiacono, si riorganizza e fonda le basi per diventare una forza di governo della città più strutturata e incisiva. Una sorta di Mosaico 2.0 è nato ieri nella seconda conferenza organizzativa del movimento che si è..