“Settimana di Musica Sacra”, Intravaia: “Nel 2020 avrà un richiamo nazionale e internazionale”

Dal 2 al 6 ottobre 61esima edizione a Monreale. L’obiettivo: riportarla agli antichi splendori e trasformarla in un festival

MONREALE – Si articolerà in cinque concerti, a partire da mercoledì 2 ottobre torna: la “Settimana di Musica sacra di Monreale”. Il programma è stato presentato questa mattina al Politeama di Palermo. Il Duomo come sempre sarà il luogo che ospiterà la manifestazione, soltanto l’ultimo concerto per organo si svolgerà alla Collegiata.

Giunta alla 61esima edizione, dal 2 al 6 ottobre, Monreale ospiterà l’importantissima rassegna dedicata alla musica sacra. I concerti saranno eseguiti dall’Orchestra Sinfonica Siciliana, accompagnata dal coro del Teatro Massimo o dal coro Lirico Mediterraneo. Si esibiranno le cantanti Serena Vitale, soprano, Lorena Scarlata, contralto, l’organista Alberto Pavoni.

Alla presentazione di oggi erano presenti, il presidente e il vicepresidente della Foss, Stefano Santoro e Marco Intravaia, che è anche presidente del Consiglio comunale di Monreale, il sovrintendente Antonio Marcellino, il direttore Artistico Panni, il capo della segreteria dell’assessorato regionale a Turismo Raul Russo, l’assessore al Turismo del comune di Monreale Geppino Pupella.

Torna alla gloria del passato, ma soprattutto si lavora per il 2020 a un programma internazionale che ha anche l’obiettivo di rilanciare il turismo. “Sono orgoglioso da monrealese e vice presidente Foss – dichiara Marco Intravaia – di avere riportato Monreale alla centralità dell’evento. Il nostro obiettivo – spiega – è riportarlo agli antichi splendori e trasformarlo un festival. L’anno prossimo avrà un richiamo nazionale e internazionale”. “È stato uno scempio – afferma Stefano Santoro – trascurare questo appuntamento. Un concerto si svolge in Collegiata per le cattive condizioni dell’organo della cattedrale”.

Il concerto d’apertura sarà diretto dal Maestro Ciro Visco, che eseguirà la Messa in re maggiore di Dvorak, op. 86 per coro e orchestra. Un vasto repertorio che permetterà agli ospiti di apprezzare anche brani di Vivaldi, Bach, Liszt, Rossini, Pergolesi, Dukas. Chiuderà la rassegna la Symphonie funèbre et triomphale di Berlioz, un omaggio al compositore francese a 150 anni dalla morte, eseguita dall’Orchestra di fiati e percussioni della OSS.

IL PROGRAMMA

Mercoledì 2 ottobre ore 21,00 – Duomo di Monreale – Concerto d’apertura

Orchestra Sinfonica Siciliana & Coro Teatro Massimo

Ciro Visco direttore

Dvorak Messa in re maggiore, op. 86 per coro e orchestra

Giovedì 3 ottobre ore 21,00 – Chiesa SS. Crocifisso alla Collegiata

Concerto per organo

Alberto Pavoni organista

Vivaldi – Bach Concerto in la minore (BWV 593)

Bach Fantasia sul corale “Wachet auf, ruft uns die Stimme” (BWV 645)

Toccata e Fuga in fa maggiore (BWV 540)

Bach – Pavoni Aria dalla Suite in re maggiore (BWV 1068)

Liszt Fantasia “Ad nos, ad salutarem undam”, sopra un tema di Meyerbeer dall’opera “Il Profeta”

Venerdì 4 ottobre ore 21,00 – Duomo di Monreale

Coro Lirico Mediterraneo

Alessandra Pipitone direttore

Rossini Petite Messe Solennelle per 4 soli, coro misto, 2 pianoforti e armonium

Sabato 5 ottobre ore 21,00 – Duomo di Monreale

Orchestra d’archi della OSS

Livio Florulli direttore

Serena Vitale soprano, Lorena Scarlata contralto

Pergolesi Salve Regina per contralto, archi e continuo

Stabat Mater per soprano, contralto, archi e continuo

Domenica 6 ottobre ore 21,00 – Duomo di Monreale

Orchestra di fiati e percussioni della OSS

Carlo Boccadoro direttore

Gabrieli Sonata Pian e forte per ottoni

Copland Fanfare for a Common Man per timpani, grancassa e ottoni

Dukas Fanfare pour précéder la Péri

Berlioz Symphonie funèbre et triomphale per fiati, percussioni e trombone obbligato – Versione a parti reali di Marcello Panni (prima esecuzione in Italia, a chiusura del 150° anno della morte)

 

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.