Lavoratori ASU verso la stabilizzazione, finisce l’incubo del precariato

Davì: “Sarà possibile definire il percorso che porrà fine ad una stagione di precariato per sette lavoratori”

MONREALE – La giunta Arcidiacono ha deliberato questa mattina l’atto di indirizzo riguardante l’avvio del processo di stabilizzazione dei soggetti impegnati al comune di Monreale nello svolgimento di attività socialmente utili (ASU).

“A seguito dell’adozione di questo provvedimento – spiega l’assessore al personale Ignazio Davì – sarà finalmente possibile definire il percorso che porrà fine ad una stagione di precariato che per sette lavoratori si protrae oramai da un ventennio. Abbiamo ritenuto doveroso prevedere per i medesimi l’assunzione a tempo indeterminato con contratto part-time a 24 ore settimanali, e non a 18 per come era stato in precedenza stabilito, per fare in modo che non vengano a determinarsi situazioni di disparità rispetto agli ex contrattisti che sono già stati stabilizzati”.

Il programma assunzionale sarà attuato attraverso l’immissione in ruolo in categoria C di cinque lavoratori diplomati, mentre per i due laureati (un architetto ed una psicologa) l’inserimento in organico avverrà in categoria D. Una volta definito il piano di fuoriuscita dal precariato degli ASU sarà trasmesso al Dipartimento regionale del lavoro ed inserito nella programmazione triennale del fabbisogno di personale.

“Esprimiamo una valutazione senz’altro positiva sul provvedimento adottato dall’amministrazione – dichiara il segretario aziendale della Cisl-Funziona Pubblica, Nicolo Giacopelli – e rendiamo merito all’impegno assunto e portato avanti sia dal sindaco Arcidiacono che dall’assessore Davì, i quali hanno dimostrato di avere a cuore la sorte di questi lavoratori che da troppo tempo vivono in un nebuloso limbo di precarietà e di incertezza”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.