Estate monrealese: (solo) 17.000 € per una rassegna con tanti eventi

Contributi privati, ma soprattutto quelli pubblici provenienti dalla regione siciliana, hanno consentito l’organizzazione di una lunga serie di eventi

MONREALE – Circa 17.000 €. È questo il costo complessivo sostenuto dall’amministrazione comunale, guidata da Alberto Arcidiacono, per l’estate monrealese. Un cartellone ricco e interessante, frutto dell’impegno di tutta la giunta comunale, con spettacoli a volte anche di alto valore artistico, che ha interessato il mese di luglio e che si protrarrà per tutto settembre.

Una serie di eventi che hanno avuto il merito di attrarre tanti visitatori, e non soltanto in piazza Guglielmo II, così da giovare ad un bacino più ampio di attività commerciali.

La rassegna, pur se a volte penalizzata dalle condizioni meteorologiche che hanno comportato l’annullamento o il rinvio di alcuni spettacoli, è ancora in corso. Alcune iniziative sono al loro primo esordio, come lo “Street Food”, il “Food e Feast”, altre invece sono giunte già alla terza edizione come “I  LOVE MONREALE”,  o alla nona, come la gara canora “Una voce per Marcello”. Ma tutte saranno  certamente in grado di riempire le vie e le piazze della città di monrealesi e di tanti visitatori.

Concerti, cabaret, serate danzanti, sfilate di moda, street food, teatro, letture di poesie e presentazioni di libri. Il tutto realizzato con circa 17.000 €, una cifra decisamente modesta per coprire le spese dei vari eventi, ma che è stata sufficiente grazie alla disponibilità mostrata dai vari artisti, che in alcuni casi si sono resi disponibili a ridurre all’osso il loro cachet, mentre in altri hanno accettato di esibirsi gratuitamente, chiedendo al comune di coprire soltanto le spese vive (SIAE, fonico, impianto voci e luci).
Avendo soltanto 200 € in bilancio a disposizione degli spettacoli, l’amministrazione comunale ha fatto ricorso ai contributi pubblici e a quelli privati. Se alcune aziende hanno sponsorizzato gli eventi elargendo in totale circa 5.000 €, stavolta è la regione siciliana ad avere svolto la parte del leone. Dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali (mantenuto ad interim dal presidente delle regione siciliana Nello Musumeci) sono giunti 10.000 €, mentre dalla Presidenza della Regione Siciliana sono arrivati 1.500 €.

Un’attenzione e una disponibilità certamente favorita dal buon sangue che scorre tra l’amministrazione comunale e quella regionale (la candidatura di Alberto Arcidiacono è stata sostenuta da Diventerà Bellissima, il Movimento del Presidente Musumeci) e dalla posizione di rilievo che il Presidente del Consiglio Comunale di Monreale, Marco Intravaia, detiene a Palazzo D’Orleans. Intravaia è infatti a capo della segreteria particolare del Presidente della Regione Siciliana. 

Un occhio di riguardo che potrebbe giovare al comune certamente in altre occasioni e su altre questioni non risolte. Tra queste il finanziamento della ristrutturazione del muro pericolante della villa comunale. Se è vero che si è persa la speranza per il contributo di 50.000 € inserito nel collegato alla finanziaria, voci di palazzo spiegano che la partita non è chiusa e che un congruo ed esaustivo finanziamento per la ricostruzione della parte crollata del Belvedere potrebbe giungere dai fondi per il dissesto idrogeologico.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.