Oggi è 21/09/2019

Cronaca

Nove anni dalla morte di Norman Zarcone, tra la rabbia di un genitore e l’indifferenza delle istituzioni

Il 13 settembre si svolgerà la manifestazione in memoria di Norman, con musica e cultura a piazza Bellini

Pubblicato il 10 settembre 2019

Nove anni dalla morte di Norman Zarcone, tra la rabbia di un genitore e l’indifferenza delle istituzioni

PALERMO – Sono passati nove anni da quel tragico 13 settembre 2010, quando Norman Zarcone, giovane dottorando all’Università degli Studi di Palermo, decise di togliersi la vita lanciandosi dal settimo piano dell’ateneo. Anni di studi e di sacrifici per sentirsi dire che non avrebbe avuto un futuro all’interno dell’università.

È la storia di uno e di tantissimi altri: giovani sacrificati allo studio e alla formazione, giovani a cui per anni è stato detto che nella vita bisogna studiare per raggiungere obiettivi importanti. Giovani che però, alla fine, rimangono spesso nella nebbia del precariato, delle raccomandazioni, della mancanza di meritocrazia. Molto se ne vanno, quasi tutti in realtà.

“Mio figlio è morto nel 2010 – scrive il padre in una lettera -, ma muore anche oggi, muore ogni giorno perché lo Stato, questo Stato nel quale continuo a credere malgrado tutto e nel quale ha creduto anche Norman, troppo spesso divora i propri figli dopo averli demotivati, frustrati e mortificati”. Il padre di Norman non ha mai spesso di lottare, ma ancora oggi è troppo spesso un muro di gomma quello che gli si presenta davanti.

Pubblichiamo per intero la lettera scritta da Claudio Zarcone, padre di Norman:

“Mio figlio è morto” nel 2010, ma muore anche oggi, muore ogni giorno perché lo Stato, questo Stato nel quale continuo a credere malgrado tutto e nel quale ha creduto anche Norman, troppo spesso divora i propri figli dopo averli demotivati, frustrati e mortificati. Troppi silenzi da parte delle istituzioni, troppa ipocrisia di Stato per un omicidio di Stato ogni giorno più evidente.
Sono stanco di rimanere intrappolato nelle logiche imbalsamate di una politica ignava, bugiarda, votata esclusivamente alle copertine. Organizzare la manifestazione annuale in memoria di Norman mi fiacca, mi deprime, mi costa, perché – oltre a ricordare le mani di mio figlio sul pianoforte che suonano l’intro di Firth of Fifth dei Genesis – devo fare i conti con i ricordi, i rimpianti, come quello che non potrò mai vedere mio figlio giocare, suonare con i suoi nipoti. Mi manca l’odore di Norman…
E poi: troppi cavilli inintelligibili, arzigogoli vari messi come vernice dello status quo, troppe promesse non mantenute, troppe parole sprecate a telecamere accese per far passerella.
Sono stanchissimo, sbatto contro l’ipocrisia di incantatori di serpenti. Troppi falsi amici nelle istituzioni, troppi finti e untuosi rivoluzionari mendicano la scena, troppi impostori della libertà di pensiero riconosco fra le vestali dell’ipocrisia istituzionale. Ricorreremo pertanto alla “violenza” della musica di Norman e della memoria (vedi programma). Abbiamo scelto come esergo le parole di De André perché finché avrò vita li cercherò, li stanerò dalla loro latitanza istituzionale, come ha fatto Norman col suo urlo atroce: “Ma finché li cerco io i latitanti sono loro”.
Non ho mai manifestato nessun intento strappalacrime – le lacrime, le emozioni, non sempre sono portatrici di verità – piuttosto ho agito su un registro narrativo che invita alla riflessione sul gesto di discontinuità osato con il linguaggio più atroce e lancinante da Norman: in questo caso sì che potrà definirsi un “linguaggio del corpo” in piena regola.
Il corpo di Norman che per dire, osare, parlare, denunciare, gridare con insolenza (insolenza ha come storia semantica, insolito), dopo aver parlato, ha taciuto per sempre.
Ma se il suo corpo oggi tace, il messaggio espresso con struggimento è invece rimasto ad ammonirci sulle mafioserie  di un sistema che purtroppo gode ancora di troppe coperture politiche, istituzionali; esso stesso espressione di un modo di pensare servile, mafioso e dalle traboccanti compiacenze nei suoi confronti da parte del controllore. Dimodoché, in questo rimando di responsabilità che vanno dal controllato al controllore, si cade nell’effetto matrioska. Il gioco delle responsabilità diviene allora, il gioco delle complicità e dell’omesso controllo nell’incastro che va dal pezzo più grande a quello più piccolo. Chiedo con convinzione e veemenza che i casi di baronaggio vengano giudicati con l’articolo 416 bis del codice penale: “L’associazione è di tipo mafioso quando coloro che ne fanno parte si avvalgono della  forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di  assoggettamento  e di  omertà  che ne deriva…”. Vi invito a leggere la dichiarazione dell’attuale Rettore, una dichiarazione che offende la memoria di Norman, che rende il senso della loro ‘latitanza’ da stanare: “Nel mondo universitario la cooptazione esiste e non può essere considerata necessariamente un male. Mi sembra normale che lo studente che all’interno di quella scuola si è impegnato duramente cerchi il riconoscimento del suo lavoro, un piccolo vantaggio, naturalmente nel pieno rispetto delle leggi” (4 aprile 2018). I concetti di piccolo vantaggio e di rispetto delle leggi sono uno schifosissimo ossimoro, la prova provata che i baroni universitari sono dei ‘demotivatori  istituzionali’ in quella terra di nessuno che è diventata l’università italiana. E fin qui la storia non mi ha mai, purtroppo, smentito (gli ultimi casi di Catania vi dicono niente?). Allora io scrivo. Scriverò col sangue agli occhi. Altri continueranno forse a farlo. Loro – i mestatori istituzionali –  sono forti, potenti, si sentono imbattibili, forse lo sono per complicità di sistema. Ma io scriverò e griderò ancora “mafiosi!”, di più non potrei fare. Poi, se altri grideranno, faremo traballare – almeno questo – le certezze,  le impunità  e la ‘latitanza’ di chi si sente inattaccabile. E non casualmente dall’Italia intera fioccano premi e borse di studio in memoria di Norman, come quella che prenderà il via in Campania nel giorno della morte di mio figlio.

Dopo nove anni dalla morte di Norman Zarcone si terrà una manifestazione per sensibilizzare ulteriormente le istituzioni riguardo il problema della precarietà del lavoro e della poca meritocrazia in Italia. Alle ore 10,00 ci sarà la cerimonia in memoria di Norman, alla presenza del sindaco e delle autorità, presso la rotonda Norman Zarcone, a Brancaccio. Dalle ore 20,00 fino alle 24,00 in piazza Bellini ci saranno concerti e cultura no stop. Comincerà Marco Canzonieri, cui seguirà la proiezione del corto “Come un aquilone” e “Un cielo senza stelle”; successivamente sarà eseguito un reading di poesie scelte, Giovanna Di Marco reciterà passi di Leonardo Sciascia, dopodiché suoneranno i gruppi Agnello, Afasia, il cantautore Enrico Scardina e la Norman Zarcone Rock Orchestra.

Per l’occasione l’associazione campana “Casa di Bacco” ha istituito una borsa di studio per gli studenti iscritti all’Istituto Tecnico Agrario, indirizzo Viticoltura ed Enologia di Guardia Sanframondi, provincia di Benevento. Una piccola ma importante borsa di studio, che vuole premiare quei giovani che hanno lavorato con costanza e dedizione per raggiungere i propri obiettivi.

Ricevi tutte le news


Potrebbero interessarti anche:

  • Vedere la tv dove vuoi: ecco le soluzioni per auto e camper

    Cronaca

    La vacanza in camper è sinonimo di avventura, viaggio, paesaggi visti in corsa, familiarità, divertimento. Il camper ti dà la possibilità di avere una casa mobile, di spostarti come preferisci e di organizzare la vacanza come vuoi. Montagna, mare, città d’arte o tutte queste cose insieme. Per..

    Continua a Leggere

  • Ieri a Monreale la gara ciclistica intitolata a Felice Gimondi e al medico Isidoro Giangreco

    Cronaca

    Una serata di sport ieri sera per le vie di Monreale dove è andata in scena la gara ciclistica intitolata a Felice Gimondi, leggenda del ciclismo italiano. Un’occasione per ricordare anche il medico monrealese Isidoro Giangreco, grande appassionate del mondo delle due ruote, scomparso a causa di ..

    Continua a Leggere

  • I Love Monreale, dopo il red carpet di piazza Vittorio Emanuele folla di gente per I 4 Gusti

    Cronaca

    [gallery ids="118388,118386,118385"] MONREALE - Dopo il red carpet di piazza Vittorio Emanuele, calcato dalle Miss e dai Mister di I Love Monreale che hanno portato in passerella le collezioni autunno inverno made in Italy di alcune delle bout..

    Continua a Leggere

  • Processo PANTA REI: 3 secoli di carcere per 32 mafiosi di Borgo Vecchio, Villabate e Bagheria

    Cronaca

    [gallery ids="118143,118144,118145,118146,118147,118148,118149,118150,118151,118152,118153,118154,118155,118156,118157,118158,118159,118160,118161,118162,118163,118164,118165,118166,118167,118168,118169,118170,118171,118172,118173,118174"] PALERMO - I giudici di Appello hanno emesso un sentenza p..

    Continua a Leggere

  • Milano capitale della moda: Salvo Lo Coco al “Milano Fashion week”

    Cronaca

    [gallery ids="118372,118373"] Sono questi i tre elementi che messi insieme, daranno una delle settimane più importanti dell’anno; la presentazione delle collezioni dei brand più prestigiosi nazionali ed internazionali della primavera-estate 2020. Una settimana,..

    Continua a Leggere

  • Spettacolo, moda e bellezza: piena la piazza vestita a festa per I Love Monreale (LE FOTO DEI MODELLI)

    Cronaca

    [gallery ids="118188,118189,118190,118191,118192,118193,118194,118195,118196,118197,118198,118199,118200,118201,118202,118203,118204,118205,118206,118207,118208,118209,118210,118211,118212,118213,118214,118215,118216,118217,118218,118219,118220,118221,118222,118223,118224,118225,118226,118227,118228..

    Continua a Leggere

  • Monreale, da oggi al Circolo di Cultura Italia la Mostra Pittorica Personale dell’artista Katia Cirrincione

    Cronaca

    MONREALE - Alle ore 18,00 di oggi, presso il Circolo di Cultura Italia a Monreale, il presidente Claudio Burgio e il consigliere comunale Santina Alduina inaugureranno la Mostra Pittorica Personale dell’artista Katia Ci..


  • Scomparsa Mons. Bommarito, Arcidiacono: “Lascia un’eredità indelebile nella formazione umana delle generazioni degli anni ’60

    Cronaca

    Molto cordoglio tra tanti monrealesi per la scomparsa di Mons. Luigi Bommarito, un uomo che ha contribuito alla loro formazione. Il Sindaco Arcidiacono a nome dell’amministrazione Comunale, del Consiglio Comunale e della cittadinanza esprime il proprio cordoglio alla famiglia Bommarito. "Apprez..


  • Ratto in via Roma in pieno giorno, ucciso con una scopa. Panico fra i passanti

    Cronaca

    [video width="640" height="352" mp4="https://www.filodirettomonreale.it/wp-content/uploads/2019/09/ratto1.mp4"][/video] MONREALE - Scompiglio questa mattina in via Roma, a ridosso dell'area pedonale, dove a partire già da ieri sera commercianti e passanti han..


  • Don Gino Bommarito, aperta a Terrasini la camera ardente

    Cronaca

    TERRASINI - Aperta questa mattina la camera ardente presso la chiesa degli Agonizzanti di Terrasini per l’ultimo saluto a Mons. Luigi Bommarito. Per tutta la giornata previsto un lungo afflusso di gente. Di Mons. Bommarito in tanti, tra colo..


  • Monreale. Vuoi diventare scrutatore o presidente di seggio elettorale? Aperti i termini per presentare la domanda

    Cronaca

    MONREALE - Tutti gli elettori ed elettrici del Comune di Monreale, che desiderano l’iscrizione nell’albo unico comunale delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale, dovranno presentare domanda al Sindaco del Comune d..


  • Italia Viva? Silvio Russo: “No, appartengo e rimango nel Pd”. E a Monreale i democratici si riorganizzano

    Cronaca

    MONREALE - C’è chi resta nel PD, c’è chi va via e chi invece è in attesa di capire se seguire Matteo Renzi nel suo nuovo partito Italia Viva. Sono in tutto 30 i deputati e i senatori necessari al rottamatore per formare due gruppi autonomi..


  • Acquedotto Consortile Biviere: il sindaco Arcidiacono nomina Maria Grazia D’Amico componente del CDA

    Cronaca

    MONREALE - Avviato anche a Monreale lo Spoil System. Il sindaco, Alberto Arcidiacono, sta cominciando a mettere mano agli incarichi di sottogoverno. A partire da quelle dei CDA degli enti partecipati dal comune, saranno una qu..


  • A Monreale il Catasto degli incendi e il “Salotto”, OK del consiglio alle due proposte del M5S

    Cronaca

    Catasto degli incendi e "Salotto monrealese", il Consiglio Comunale approva all'unanimità le due proposte presentate dal presidente della Commissione Bilancio, il consigliere del M5s Fabio Costantini.

    Ogni anno, il territori..


  • Ignazio Davì: “La mia un’appartenenza ormai “storica” al Partito Democratico, ma a Monreale impegnato con il Movimento Il Mosaico”

    Cronaca

    Riceviamo e pubblichiamo: Gentilissimo Direttore, in riferimento al Suo articolo "Divorzio in casa Pd. Ma Davì, Giannetto e Russo restano fedeli ai dem" mi preme chiarire la mia posizione per onestà intellettuale e per evitare fraintendimenti in riferimento all'assenza di dichi..


  • È morto monsignor Luigi Bommarito, aveva 93 anni

    Cronaca

    TERRASINI - È morto monsignor Luigi Bommarito, ex Arcivescovo di Catania. Nato l’1 giugno 1926 a Terrasini in provincia di Palermo, aveva 93 anni. Come detto, è stato Arcivescovo di Catania dal 1° giugno 1988 al 7 giugno 2002 quando si ritirò per raggiunti limiti di età tornando nella sua cit..


  • Gli ex amministrativi ATO Pa2 devono essere assunti dalla Srr, la Regione accelera

    Cronaca

    Una raffica di incontri con le Srr per verificare il rispetto della normativa in tema di personale, di gestione del servizio e di impianti. Ora la Regione vuole accelerare nel percorso per l’attivazione delle


  • In piazza Guglielmo lo spettacolo di ballo della scuola World Latin

    Cronaca

    MONREALE - Stasera spettacolo in piazza Guglielmo, dalle 21 in poi gli allievi della scuola di ballo ASD World Latin dei maestri gemelli Mirko e Sharon Cardì, con la collaborazione del maestro di danza classica e moderna Fanara, si esibiranno a ..