Rapinano una sala da gioco, arrestati i palermitani Vittorio La Barbera e Antonino Leto

Il cassiere della sala, vittima della rapina, è finito ai domiciliari per favoreggiamento

PALERMO – Oggi la polizia di stato ha arrestato i due giovani palermitani Vittorio La Barbera e Antonino Leto, rispettivamente 21 e 23 anni, autori di una rapina a una sala da gioco di via Messina Marine. Il GIP del tribunale di Palermo ha emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere.

Sono stati disposti gli arresti domiciliari al 36enne M.N., cassiere dello stesso esercizio di scommesse, che dovrà rispondere di favoreggiamento personale. Il 28 gennaio del 2019 i due malviventi sono entrati armati di pistola all’interno della sala e sono riusciti a trafugare circa 3.000.00 euro.

È stato possibile risalire all’identità dei due malviventi attraverso le immagini delle telecamere. I due giovani erano già noti agli agenti di polizia, che hanno confrontati gli indumenti che i due utilizzavano per coprirsi il viso durante la rapina con alcune foto trovate sui profili social degli stessi ragazzi. Gli stessi abiti sono stati sequestrati a seguito di perquisizione domiciliare.

Il cassiere, che a precisa domanda degli agenti aveva dichiarato di non conoscere i due rapinatori e di non essere in grado di riconoscerli, è stato successivamente smentito ed è stato acclarato che egli conosceva i due malviventi e ha quindi ostacolato le indagini di polizia.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.