Il Manifesto d’intenti per la sottoscrizione del contratto di fiume dell’Oreto sarà presentato ad Altofonte il 10 settembre

Sembra che, finalmente, gli obiettivi prefissati per il fiume Oreto si stiano avvicinando

ALTOFONTE – È nuovamente al centro dell’attenzione il fiume Oreto, protagonista del “Contratto di fiume di costa dell’Oreto”, progetto immaginato già da tempo e che, pian piano, sembra avvicinarsi agli obiettivi prefissati.

Diverse associazioni, produttori agricoli, docenti, membri del mondo universitario e cittadini hanno sottoscritto il Manifesto d’intenti Un fiume in “comune”: l’Oreto e la sua valle, avviando così un comitato promotore che porti all’attivazione di un processo partecipativo che conduca alla sottoscrizione del “Contratto di fiume e di costa dell’Oreto”.

Detto così, in realtà, l’obiettivo sembra tutt’altro che vicino. Da anni, ormai, si parla di progetti e iniziative per il rispetto dell’ambiente e la valorizzazione del fiume Oreto, con tanto di fondi FAI. Tuttavia ancora si parla di attivare un processo partecipativo che conduca, possibilmente, alla sottoscrizione del contratto.

I tre comuni di Altofonte, Palermo e Monreale, nei quali ricade il bacino fluviale, hanno fissato delle iniziative con la finalità di allargare la partecipazione e attivare strategie politiche condivise e partecipate, con l’obiettivo di giungere al Contratto di fiume dell’Oreto.

Il primo incontro si svolgerà ad Altofonte martedì 10 settembre, dalle ore 17 alle ore 19, e sarà presentato pubblicamente il Manifesto d’intenti. Tutti coloro che, in forma organizzata o da singoli cittadini, voglio contribuire alla salvaguardia del fiume Oreto e della sua valle, sono invitati a partecipare.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.