Reddito di cittadinanza, niente convocazioni domani in Sicilia: non c’è lavoro da offrire

I 64 centri per l’impiego della Sicilia hanno in tutto solo 200 offerte di lavoro ma i beneficiari sono 162 mila

Inizia con il freno a mano tirato la ricerca del lavoro per i beneficiari del reddito di cittadinanza siciliani.

In Sicilia dovrebbe partire la seconda fase del provvedimento voluto dal Movimento 5 Stelle che prevede la convocazione per la stipula di un Patto per il lavoro ovvero il percorso che sulla carta dovrebbe dare un’occupazione a chi riceve l’assegno. Il condizionale è d’obbligo perché la Sicilia è ancora impreparata. A mancare è, infatti, principalmente il lavoro. I Centri per l’impiego non hanno offerte. Anzi, a onore del vero ne hanno 200. Peccato però che i percettori di reddito idonei al lavoro nell’Isola sono oltre 162 mila.

Così mentre Anpal Servizi, l’agenzia del ministero del Lavoro che gestisce il reddito di cittadinanza, lancia in tutta Italia la fase due del provvedimento che domani vedrà partire le convocazioni, l’Isola è ancora all’anno zero e il lavoro è un miraggio.

Nemmeno i Navigator sarebbero ancora pronti a “trovare” il lavoro. Non sono ancora state ordinate nemmeno le scrivanie sulle quali lavoreranno.

Nella giornata di mercoledì a Palermo si terrà una riunione preliminare dei responsabili dei Centri per l’impiego al fine di programmare le attività iniziali rivolte ai beneficiari del Reddito di cittadinanza anche se le convocazioni dovevano partire da domani.

“I 399 navigator — scandisce l’assessore regionale Scavone — saranno inseriti gradualmente in accordo con i responsabili dei centri per l’impiego e solo a partire dal 9 settembre”.

Le convocazioni serviranno per un primo colloquio, cui seguirà la definizione del “Patto per il lavoro” vero e proprio e infine la ricerca del posto. Chi riceve — già da aprile — l’assegno dovrebbe infatti essere avviato al lavoro: la prima offerta può essere rifiutata solo se il contratto offerto dista oltre 100 chilometri, la seconda se si trova a più di 250 e la terza in nessun caso.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.